Jump to content

Signs_of_Life

Membri
  • Content Count

    154
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Signs_of_Life last won the day on September 2 2017

Signs_of_Life had the most liked content!

Community Reputation

16 Normale

About Signs_of_Life

  • Rank
    Capitano

Recent Profile Visitors

457 profile views
  1. @engine Ovviamente. Infatti il mio quesito verteva sulla possibilità di distinguere gli A dai C quando questi ultimi non montano i Fast Packs.
  2. @Flaggy Ti ringrazio per la spiegazione; in effetti ho preso il problema un po' superficialmente. A livello estetico comunque ho sempre preferito l'F-15 monoposto. Una domanda off-topic: esiste un modo per distinguere esteticamente gli F-15A dagli F-15C, se non per i fast packs eventualmente installati su questi ultimi?
  3. Tra l'altro nell'F-15 il canopy monoposto e biposto hanno esattamente gli stessi ingombri se non erro... cambia solo il fatto che il biposto è più "bombato". Sarebbe davvero così complicato uno switch?
  4. Grazie mille, sei stato chiarissimo!
  5. Ammetto di non seguire molto la vicenda dei B-52, ma, anno dopo anno, l'idea che vogliano insistere a tenere in servizio questi dinosauri mi sembra sempre più una farsa.
  6. Una domanda sul radar CAPTOR. Nel corso di una discussione su youtube, nella quale disgraziatamente mi sono andato a imbarcare, un utente ha asserito che questo radar (non è dato sapere a quale versione si riferisse) possiede una modalità "a bassa frequenza" con la quale sarebbe in grado di individuare, e addirittura eseguire il lock on su un F-22 da "oltre 60 km" di distanza. Inutile dire che sono cascato dalle nuvole, in quanto non mi è mai risultato nulla di simile. Per quanto sta alla mia conoscenza, i radar a bassa frequenza, per le loro dimensioni, non sono neppure aviotrasportabili con facilità. Inoltre una portata di 60 km mi sembra un'asserzione fantasiosa. Mi sbaglio? Potete illuminarmi? Inoltre, è possibile inoltre avere un dato sulla potenza di picco dei due radar? Leggevo 20 kW per l'APG-22 e 9 kW per il Captor. Risulta esatto?
  7. Una domanda di carattere operativo. Dopo il dispiegamento in Siria delle batterie S-300, Israele dichiarò che avrebbe testato i suoi F-35 eseguendo incursioni con questi nuovi velivoli affiancandoli agli F-16. Non ho mai trovato notizie recenti su come essi abbiano effettivamente performato o anche solo se banalmente siano mai stati davvero utilizzati. Qualche info? I timori in merito alle batterie SAM russe S-300 e soprattutto S-400 sono fondati?
  8. In effetti somiglia un po' anche al Tigershark.
  9. È così scadente come prestazioni? È un modello che non conosco molto nel dettaglio.
  10. Ho sempre trovato che il JF-17 avesse, perlomeno di profilo, un'estrema somiglianza col Gripen.
  11. Una domanda sul canopy dell'F-35. La configurazione in due pezzi, con montante anteriore, contrapposta al cupolino in pezzo unico dell'F-22, è una soluzione scelta per motivi di costi (più facile - forse - modellare un cupolino in due pezzi che in un pezzo unico) oppure perché, vista la vocazione dell'aereo, più rivolta all'attacco, si presupponeva una vita operativa a quote più basse in cui vi è più probabilità di qualche impatto, per esempio con volatili (per quanto remota possa essere)? È anche curiosa, e inusuale, l'apertura del cupolino con cerniera frontale, anziché posteriore come nella quasi totalità dei velivoli modermi (o laterale come nel Rafale). Mi chiedevo il perché di questa soluzione; forse ha a che fare con una questione di ingombri dovuti al fan dietro l'abitacolo nella versione B.
  12. Chiedo scusa ai moderatori e agli amministratori.
  13. Stavo ripensando alle varie considerazioni che si fanno in merito alle potenzialità, diciamo concettuali, dell'F-35 e mi scuso sin d'ora se quanto vado a esporre è sicuramente una rimasticazione di concetti già espressi cento volte. Per sintetizzare: dell'F-35 si dice che grazie alla furtività, alla sensor fusion, al suo sistema d'arma, sia in grado di far fronte a ogni minaccia semplicemente mettendosi in posizione di vedere per primo l'avversario e colpirlo a distanza prima che possa avvicinarsi per impegnarlo in un ingaggio all'interno del campo visivo. Ormai la sua furtività pare sia pari o migliore dell'F-22 e i sensori non sono da meno. Quindi tutto bene, e io sono a grandi linee d'accordo. Per inciso, io credo che già oggi l'F-35 sia una macchina ben superiore anche all'EFA nel ruolo aria-aria. Ma la battaglia dell'aereo contro i radar è un po' assimilabile allo scontro della corazza contro il cannone. La furtività è una feature che va costantemente adattata e migliorata alla minaccia, e gli avversari non stanno a guardare. Dove voglio andare a parare? Presto detto. Nei proclami in cui si parla di "dogfight superato" o di dottrine operative che prevedano esclusivamente ingaggi a lunga distanza, con l'aereo ridotto quasi a piattaforma di lancio più che a un mezzo con le sue prerogative dinamiche che possano fare la differenza, ci vedo un eco del passato, e in particolare di due aeroplani: l'F-111, che McNamara volle imporre - senza successo - come "tuttofare" per USAF e Marina, e l'F-4 Phantom II, che in Vietnam si trovò in difficoltà duellando contro avversari che si supponeva non avrebbe mai dovuto affrontare in combattimento manovrato grazie alla sua avionica e al suo superiore sistema d'arma. La storia potrebbe ripetersi?
  14. Molto interessante. Non avevo mai avuto occasione di vedere bene nel dettaglio la rotazione dell'ugello principale. Grazie.
×
×
  • Create New...