Jump to content
Sign in to follow this  
Guest intruder

Le armi biologiche sovietiche

Recommended Posts

Guest intruder

Facendo una ricerca sui proiettili avvelenati che sarebbero stati usati da sovietici, ho trovato questa roba, e l'ho copiata integralmente perché mi sembra troppo interessante che adattarla. Non conosco il sito né l'autore, ogni responsabilità per eventuali opinioni piolitiche, è la mia che non ho assolutamente letto per intero il testo, se non qui e là. Ma RID, diversi anni fa, pubblicò un articolo che mi pare fosse qualcosa del genere, farò un'incursione in soffitta per cercarlo appena possibile.

 

http://www.storiain.net/arret/num136/artic1.asp

 

L'uso delle armi "non convenzionali" si perde nella notte dei tempi: l'utilizzo di queste armi ha da sempre appassionato i maestri di guerra fin dagli inizi della nostra storia, quando gli stregoni cercavano di avvelenare il nemico.

 

Studiando la storia delle armi non convenzionali (su questo argomento, mi permetto di rinviare al mio "Le armi non convenzionali: l'uomo verso l'autodistruzione", in Storia in Network, numero 123, gennaio 2007), ci accorgiamo che questa perversione non è stata prerogativa solo di quelli che l'Occidente considera Stati e governanti criminali (dalla Germania di Hitler all'Iraq di Saddam Hussein). Proprio gli Stati Uniti d'America, i paladini della giustizia del nostro tempo, ma anche l'ex Unione Sovietica sono stati i pionieri di programmi d'armamento chimico e biologico: i piani per lo studio, la ricerca e la realizzazione di armi non convenzionali sono stati infatti sovvenzionati e portati avanti da strutture statali. Ovviamente nessuna grossa potenza ha mai rivelato pubblicamente i propri propositi di sviluppare progetti per intraprendere guerre con armi non convenzionali, tanto più che queste sono state messe al bando da opportune convenzioni.

 

Le prime informazioni ufficiali, circa il programma di armamento chimico e biologico dell'Unione Sovietica risalgono al 1993, quando il chimico russo Vil Sultanovic Mirzayanov pubblicò una serie di articoli su esperimenti illegali condotti in URSS durante tutto il periodo della Guerra Fredda. Ovviamente lo scienziato Mirzayanov, che lavorava da ventisei anni presso l'Istituto di Ricerca sulla Chimica Organica e la Tecnologia, non solo perse il lavoro, ma fu imprigionato dalle autorità russe. Le rivelazioni di Mirzayanov divennero ancor più reali nel 1999, quando un altro scienziato russo, Kanatjan Alibekov, già dirigente di una delle "fabbriche" chimiche e biologiche sovietiche, la Biopreparat, scappò in America e pubblicò con il suo nuovo nome di Kenneth Alibek il celebre saggio Biohazard ("Rischio biologico"), denunciando pubblicamente l'attività di ricerca biologica condotta dall'Unione Sovietica.

Il programma militare biologico sovietico ha tuttavia origini ancor più antiche della Guerra Fredda. Risale infatti agli anni immediatamente successivi alla Rivoluzione di Ottobre, quando Mosca decise di sviluppare a fini bellici colture di tifo e di vaiolo.

 

bio1361.jpgbio1362.jpgbio1363.jpg

Alibekov, direttore del Bioapparat. Di fianco, Vektor, a Yekaterinburg (all'epoca URSS: Sverdlovsk)

 

 

 

Tutto cominciò dopo la guerra civile del 1918-1921, quando i vertici militari rivoluzionari, impressionati dall'enorme numero di vittime causate da un'epidemia di tifo, deliberarono di trasformare questa malattia in un'arma. Nel 1928 il Consiglio Militare Rivoluzionario firmò un decreto che autorizzava lo sviluppo e l'utilizzo del tifo come arma non convenzionale. A seguito di questo decreto, il GPU (o piú propriamente OGPU: Ob-edinënnoe Gosudarstvennoe politiceskoe upravlenie, ossia "Amministrazione Politica dello Stato dell'Unione"), antenata del KGB (Komitet Gosudarstvennij Bezopasnosti, vale a dire "Comitato di Sicurezza dello Stato"), diede il compito all'Accademia Militare di Leningrado di studiare e coltivare in laboratorio i microrganismi che causano il tifo usando cavie ed embrioni di polli. Nel 1969, proprio in questa accademia nacque l'Istituto di Ricerca Scientifica di Medicina Militare.

Sempre nel 1928 fu allestito, a trenta chilometri dal villaggio di Perkhushkovo, un centro sulla ricerca e lo sviluppo del vaccino contro il tifo. Nel 1933 questo centro fu convertito in Istituto di Ricerca Scientifica di Microbiologia per scopi bellici. Nel 1942, a seguito dell'avanza dell'esercito nazista, tutti i laboratori di ricerca di Perkhushkovo furono trasferiti presso la città di Vyatka (ora Kirov), a circa millecinquecento chilometri da Mosca. Sotto la direzione dello scienziato Ivan Velikanov, i nuovi laboratori si specializzarono nello sviluppo di tifo, febbre Q (Queensland), tularemia, brucellosi, carbonchio, morva (una malattia debilitante tipica degli equini, adattata in questo caso all'uomo) e peste. Proprio la cittadina di Kirov, nel 1941, fu infettata da alcuni agenti biologici. Non si è mai saputo se fu un incidente o un evento deliberato.

Nel corso degli anni nacquero altri centri: il Centro Ricerche Militari di Tobolsk, in Siberia, specializzato nella ricerca e nella sperimentazione dell'antrace; il laboratorio batteriologico di Pokrovskiy, nella città di Suzdal; il Centro di Virologia di Zagorsk (ora Sergiev Posad); il Centro per i Problemi Tecnici Militari della Difesa Anti-batteriologica di Sverdlovsk (ora Ekaterinburg); il centro sperimentale dell'isola di Solovetsky, nel Mar Bianco, dove furono testati sui prigionieri provenienti dai gulag il tifo, la febbre Q e la morva.

La ricerca scientifica militare per la produzione di armi non convenzionali non si limitò al solo studio di virus dannosi per la persona, ma anche di agenti patogeni capaci di distruggere la produzione agricola e gli animali. Laboratori tristemente famosi per questo scopo sono stati l'Istituto Scientifico per la Protezione Animale, sorto vicino Novosibirsk, in Siberia, e l'Istituto di Ricerca Scientifica Agricola di Gvardeyskiy, in Kazakhstan.

 

Il primo probabile utilizzo di armi non convenzionali da parte dell'Unione Sovietica avvenne nel 1942, sul fronte russo-tedesco, poco prima della battaglia di Stalingrado. Le truppe tedesche iniziarono ad ammalarsi di tularemia, una patologia normalmente trasmessa all'uomo da roditori per via di zanzare e zecche (la forma è in questo caso ulcero-ghiandolare), oppure provocata per via aerea (in questo caso la patologia è polmonare e tifo-simile).

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

La campagna militare tedesca fu costretta ad arrestarsi temporaneamente a causa dell'enorme aumento dei casi di tularemia nella forma polmonare. L'epidemia in seguito si sparse anche in Unione Sovietica, intorno a Stalingrado, causando il contagio di oltre centomila persone.

Un altro evento che coinvolse la popolazione civile avvenne nel 1946, quando la città di Sverdlovsk, a est della catena degli Urali, fu infettata da strani agenti biologici. Anche in questo caso non è dato sapere se fu un atto voluto o un incidente.

Nel 1979 la stessa città di Sverdlovsk fu ancora una volta il centro di una grossa epidemia di antrace. Le stime ufficiali delle autorità sovietiche ammisero il decesso di centocinque civili per carbonchio da inalazione, ma secondo l'ex-direttore e delegato al reparto di Biologia dell'ospedale di Sverdlovsk, Kanatjan Alibekov, le vittime dell'epidemia furono molto superiori. Ovviamente i dati di Alibekov non sono supportati da documentazione, dato che il KGB mise sotto controllo l'ospedale della cittadina, facendo sparire la maggior parte dei rapporti ospedalieri e le annotazioni mediche. Per molti anni la spiegazione ufficiale del governo, ritenuta subito poco credibile, fu che le vittime avevano mangiato inconsapevolmente carne infetta. Solo nel 1992 il presidente russo Eltsin ammise che si era trattato di un incidente, uno spargimento accidentale di spore del carbonchio da un centro di ricerca scientifica della zona. L'incidente di Sverdlovsk aumentò i sospetti occidentali sull'esistenza di un programma segreto sovietico per la produzione di armi biologiche.

 

Il programma sovietico di armamento batteriologico continuò sotto Krusciov. Fu lui ad approvare un progetto scientifico-militare chiamato "Ecologia", destinato a sviluppare potenti virus nocivi non solo all'uomo, ma anche all'agricoltura e agli allevamenti. Tra questi virus fu sviluppata una pericolosa variante dell'afta epizootica, capace di distruggere interi allevamenti di bovini, la febbre suina africana e la psittacosi per l'uccisione dei polli.

Nonostante la sottoscrizione del trattato internazionale di messa al bando delle armi batteriologiche e biologiche, Mosca continuò a lavorare al suo programma. Nel 1973, un anno dopo quella firma, Breznev avviò il "Progetto Enzima". Esso prevedeva la creazione di centri di ricerca scientifica per sviluppare agenti patogeni modificati geneticamente per resistere agli antibiotici e ai vaccini, tra cui tularemia, peste nera, carbonchio, morva, vaiolo, marburg.

Sotto la copertura di un'organizzazione che ufficialmente si occupava di ricerche biotecnologiche per scopi pacifici destinate ai settori medico e agricolo, nacque così la Biopreparat, la più ambiziosa e avanzata installazione di ricerca scientifica militare del mondo di quel periodo. Consisteva di una quarantina di strutture di sviluppo e produzione di armi offensive non convenzionali, inclusi sei impianti di produzione, alcuni laboratori per la ricerca di vaccini e quarantasette laboratori adibiti a test. Al progetto lavoravano tra venticinquemila e trentaduemila persone, militari e civili, di cui oltre novemila erano scienziati.

Biopreparat era all'avanguardia in ogni dettaglio delle nuove armi non convenzionali. Attraverso la manipolazione genetica, produsse nel corso degli anni vari tipi di "supergermi" più efficaci, potenti e pericolosi di quelli naturali.

Si crearono così nuovi ceppi di batteri rendendoli resistenti ad antibiotici e a vaccini, oltre che in grado di sopravvivere più a lungo nell'ambiente esterno a tutte le temperature. In batteri e virus contagiosi s'inserirono geni estranei per permettere la produzione del veleno del cobra o di altre mortali tossine nel corpo di una vittima, oppure per produrre sostanze chimiche in grado di attivare in essa risposte auto-immuni letali. Infine, sempre nei laboratori della Biopreparat, furono creati anche degli organismi "chimerici", vale a dire dei patogeni ibridi e innaturali, ottenuti combinando tra loro vari tipi di germi: ad esempio, nei virus di alcune febbri emorragiche erano stati trasferiti con successo geni dei virus influenzali, al fine di renderli trasmissibili per via aerea e, dunque, in grado di causare milioni di morti. Tra i risultati più eclatanti, un forma estremamente virulenta di encefalite equina venezuelana e una di peste bubbonica resistente a moltissimi antibiotici.

Tra le attività di Biopreparat c'era anche la produzione di Pseudomonas mallei (responsabile della morva, una malattia dei cavalli che può colpire anche l'uomo), utilizzata dai Russi durante la guerra in Afghanistan.

Tra i massimi dirigenti del programma ricordiamo lo scienziato e generale di divisione Vladimir Pasechnik, che nel 1989 fuggì in Inghilterra. Anche il già nominato dottor Kanatjan Alibekov - poi collaboratore del governo statunitense - fu uno dei massimi dirigenti delle strutture della Biopreparat. Suo sottoposto fu lo scienziato russo Serghieij Popov, capo dipartimento di un programma che comprendeva lo sviluppo di armi biologiche geneticamente ingegnerizzate. Popov nel 1993 si trasferì in Virginia iniziando a lavorare per la Hadron Advanced Biosystems (nel 2002 sospettata di coinvolgimento nella questione delle "lettere all'antrace"), per passare alla Southwestern Medical Center dell'Università del Texas e poi, nel 2004, al National Center for Biodefense, dove lo stesso Alibek insegnava.

 

Tra i centri scientifici legati a Biopreparat, i più importanti furono il complesso di Stepnagorsk, nel Kazakhstan, l'Istituto di Ricerca Scientifica Agricola di Gvardeyskiy, sempre in Kazakhstan, il complesso Vector, vicino Sverdlovsk in Siberia, i laboratori dell'isola di Vozrozhdeniye, nel Mare d'Aral.

L'Istituto Scientifico Sperimentale di Stepnogorsk (conosciuto con l'acronimo di SNOPB - Stepnogorskaya Nauchnaya Opytno-Promyshlennaya Baza), ignorato nella sua ubicazione persino a molti scienziati del progetto Biopreparat, era specializzato nello sviluppo dell'antrace.

Nato nel 1982 sulle steppe del Kazakhstan, a quattordici chilometri da Stepnogorsk, l'Istituto Scientifico Sperimentale SNOPB fu dapprima diretto dal Perov, poi, dalla fine del 1983 dal Alibekov.

Il centro scientifico occupava un'area approssimativamente di due chilometri quadrati, aveva un eliporto e venticinque edifici, tra alloggi, magazzini, uffici amministrativi, unità mediche e, ovviamente, laboratori scientifici. L'istituto era anche dotato di vie di fuga sotterranee, utili in caso d'attacco nucleare.

A seguito dell'incidente di Sverdlovsk, nel 1979, i migliori specialisti furono trasferiti proprio nei laboratori di Stepnogorsk, dove, accanto allo sviluppo dell'antrace, si avviarono nuovi progetti biomilitari di difesa (preparazione di vaccini e medicinali ) e d'attacco, tra cui quelli rivolti allo studio della tossina di stafilococco.

L'Istituto Scientifico Sperimentale SNOPB aveva la capacità di produrre circa trecento tonnellate di antrace l'anno. Tuttavia, i laboratori non produssero mai queste quantità.

Mentre l'impero sovietico si stava eclissando, in questa struttura lavoravano circa ottocento persone, tra cui diciassette scienziati e cento ricercatori.

Nel 1992 le autorità del Kazakhstan convertirono l'istituto da ricerca militare a ricerca pacifica. Il nuovo centro ricerche, che si chiamò Biomedpreparat, si specializzò nella produzione di farmaci, tra cui l'insulina.

Anche l'Istituto di Ricerca Scientifica Agricola (NISKHL) di Gvardeyskiy (Gvardeïski), cittadina situata in prossimità della città di Otar, in Kazakhstan, collaborava al programma di armamento biologico sovietico. Creato nel 1958 sotto la direzione del Ministero dell'Agricoltura, a partire dal 1970 questo istituto si dedicò allo studio e sviluppo di agenti batteriologici nocivi per gli animali e le piante. I suoi laboratori erano specializzati nelle cura di malattie esotiche e di virus altamente nocivi alle piante e al bestiame d'allevamento. In piena Guerra Fredda si specializzò anche nello studio e nello sviluppo del virus della peste bovina, del Paramixovirus (virus responsabile della malattia di Newcastle, che colpisce il pollame), dell'agente che provoca il vaiolo caprino, del virus che provoca la cosiddetta "lingua blu" (febbre ovina), del Herpesvirus (virus che provoca la pseudorabbia o malattia di Aujeszky ai suini), del fungo Puccinia che attacca i cereali provocando la ruggine striata. L'intero complesso occupava un'area di diciannove ettari, includeva quindici laboratori, con un vivarium e serre, impiegando quattrocento persone tra scienziati, tecnici e addetti alla vigilanza.

Dissolto l'impero sovietico l'Istituto di Ricerca Scientifica Agricola di Gvardeyskiy ha continuato i suoi studi, ma solo nel campo della ricerca virologica pacifica.

Il complesso Vector era un'unità Biopreparat specializzata principalmente nello studio e nello sviluppo del virus di Marburg (il virus prende il nome dalla città tedesca di Marburg dove fu isolato nel 1967, a seguito di un'epidemia di febbre emorragica verificatasi tra il personale di un laboratorio addetto alle colture cellulari che aveva lavorato con reni di scimmie verdi ugandesi).

In uno dei laboratori di questo grande centro scientifico sovietico nacque il famigerato virus chiamato "Variante U". "U" come Ustinov.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Nikolai Ustinov era un ricercatore del complesso Vector, che a seguito di un incidente morì infettato da uno dei terribili virus che stava studiando. Nell'aprile del 1988, nonostante Ustinov indossasse uno scafandro protettivo simile ad una tuta spaziale, mentre iniettava a dei topi di laboratorio una variante del virus Marburg, si punse un dito con una siringa usata per gli esperimenti. Subito dopo essersi ripulito con una doccia chimica, lo scienziato avvertì il suo superiore, fu quindi messo in quarantena e rinchiuso in un centro biomedico speciale, sigillato da portelloni stagni simili a quelli dei sottomarini. Tutto il personale medico adottò opportuni accorgimenti per non entrare in contatto diretto con lo scienziato infettato. Neanche alla famiglia fu permesso di comunicare o visitare l'ammalato. Un antidoto per il ricercatore arrivò troppo tardi.

Lo scienziato decise di tenere un diario della sua malattia, ma, dopo il quarto giorno di internamento, il virus fece sentire tutti i suoi terribili effetti: forte emicrania, febbre alta, microemorragie interne all'occhio. Negli ultimi giorni di malattia, Ustinov iniziò anche a sudare e vomitare sangue. Tutte le trasfusioni di plasma risultarono inefficaci, perché il paziente subito rigettava il sangue infuso dalla bocca e dal retto. Ustinov morì il 30 aprile del 1988.

Il decorso della sua malattia fu studiato dagli scienziati della Biopreparat, compreso Alibek: nella loro carriera, nessuno aveva mai visto nulla di simile. Il virus modificato di Ustinov era incredibilmente resistente agli antibiotici, procurava effetti devastanti sul corpo umano, risultando straordinariamente più letale di quanto si pensasse. In definitiva si capì subito che il virus poteva divenire l'arma biologica assoluta.

Il prelievo di sangue e organi vitali dal cadavere di Ustinov servì per replicare il virus in laboratorio, che fu chiamato "Variante U". Il nuovo virus confezionato dai laboratori della Biopreparat era così potente che bastavano da una a cinque particelle microscopiche del nuovo ceppo virale per uccidere una scimmia, contro le ottomila spore di carbonchio da utilizzare per ottenere gli stessi esiti.

 

Collegata alla ricerca biomilitare dell'Unione Sovietica è stata l'isola di Vozrozhdeniye (in russo:Vozrozhdenije Ostrov), nel Mare d'Aral, trasformata dapprima in un immenso centro di ricerca e sperimentazione, poi, dopo la dissoluzione dell'URSS, in un enorme cimitero di scorie e armi non convenzionali.

Posta sotto il controllo del Ministero della Difesa già nel 1936, l'isola, a causa della sua collocazione remota e del suo clima inospitale, è stata per lungo tempo uno dei luoghi privilegiati dai sovietici per sbrigarvi questioni segrete. La mancanza di vegetazione, il clima caldo e secco, la presenza di un terreno sabbioso che in estate raggiungeva i 70°C e il vento che spirava quasi sempre in una direzione (verso sud), la rendevano il luogo ideale per condurre test batteriologici, perché questi fattori riducono la diffusione e la sopravvivenza degli organismi patogeni.

Già prima della Seconda Guerra Mondiale l'isola era stata usata come gulag per i kulaki, i piccoli proprietari terrieri eliminati da Stalin. In seguito, nel 1954, fu costruita una prima area-test per armi biologiche, chiamata Aralsk-7. In piena Guerra Fredda l'intera isola fu strutturata per divenire un immenso laboratorio scientifico a cielo aperto.

Nella parte meridionale furono costruiti i laboratori di un centro scientifico militare, mentre in quella settentrionale, a poco più di un chilometro, furono costruite caserme per i militari, case residenziali per gli ufficiali e le loro famiglie, una scuola elementare e una mensa. L'isola si dotò anche di un aeroporto (Barkhan) e un porto marittimo (nella Baia di Udobnaya).

La parte dedicata ai test si trovava a sud, vicino i laboratori scientifici. Era qui che si studiavano i modelli di disseminazione degli agenti biologici sviluppati in tutti i laboratori della Biopreparat. Gli esperimenti furono condotti, oltre che su topi di laboratorio, anche su cavalli, scimmie, pecore e maiali.

Per limitare al massimo i rischi alla popolazione militare e civile presente sull'isola gli esperimenti erano eseguiti solo se il vento soffiava verso sud, lontano quindi dalla zona residenziale. Ovviamente i capricci del tempo non erano messi in conto e spesso accadevano incidenti. Come quello del 1960, quando durante un esperimento il vento cambiò improvvisamente direzione rivolgendosi verso nord, sull'isola di Konstantin. L'intera area abitata fu immediatamente evacuata.

 

Nell'ottobre del 1987 l'Unione Sovietica aveva dichiarato ufficialmente la presenza nel suo territorio di solo cinque laboratori attrezzati per il programma di difesa da una guerra biologica. I cinque laboratori dipendevano dal Ministero della Difesa, precisamente a Leningrado (ora San Pietroburgo), a Kirov, a Sverdlovsk, a Zagorsk e infine ad Aralsk. Ovviamente nessuno aveva mai dichiarato i laboratori appartenenti alla Biopreparat, che lavorarono alacremente alla realizzazione di numerosi progetti scientifici offensivi.

Tra questi nuovi programmi, ricordiamo il cosiddetto "Progetto Bonfire": il tentativo di inoculare una tossina nel batterio della Yersinia pseudotuberculosis con il fine di ottenere i sintomi di entrambi gli agenti.

Tra le rivelazioni del dottor Kanatjan Alibekov vi è anche quella riguardante il successo raggiunto nell'introdurre il gene di una tossina o di un bioregolatore in un microrganismo in grado non solo di riprodurli ma anche di trasportarli facilmente all'interno del corpo umano. Questi esperimenti, tuttavia, non oltrepassarono le porte dei laboratori e non si è a conoscenza di test che ne abbiano verificato la capacità di resistere a mutazioni atmosferiche o di raggiungere l'obiettivo stabilito.

Negli anni 1987-88 il programma batteriologico fu enormemente potenziato: un piano quinquennale fissò gli obiettivi da raggiungere nel campo biomilitare, con particolare enfasi sullo sviluppo del vaiolo per uso bellico. Il programma batteriologico quinquennale sviluppò nuovi agenti tossici chiamati "agenti Novichok" (dal russo "nuovo arrivato"). Le uniche informazioni note sono il loro nome: "Foliant", come il programma per cui furono creati (esistevano altre denominazioni in codice, come A-230 ed A-232).

Alibekov, nelle sue memorie, ha definito quel piano «il più ambizioso programma per lo sviluppo di armi biologiche mai sottoposto alla nostra agenzia», che permise all'URSS di diventare «superpotenza biologica». In quegli anni il Cremlino spese per lo sviluppo di armi di distruzione di massa l'equivalente di centinaia di milioni di dollari di allora all'anno, fino a toccare il miliardo nel 1990.

Nell'ambito del progetto "Foliant" si crearono nuovi agenti nervini più sicuri da maneggiare, arrivando alla creazione delle cosiddette "armi binarie": in pratica, ad essere contenuti nelle armi (bombe, serbatoi, grossi proiettili, ecc.) non sono direttamente i composti tossici, ma i loro precursori chimici, in modo da ricostituire l'agente nervino appena prima dell'uso. Questo perché i precursori sono molto più sicuri da maneggiare, semplificando il trasporto e lo stoccaggio di queste armi. Inoltre i precursori sono molto più stabili degli agenti nervini stessi, allungando di molto la naturale scadenza di queste nuove armi.

 

Accanto allo studio e lo sviluppo di bioarmi per una guerra non convenzionale, in Unione Sovietica si svilupparono nuove armi per operazioni top secret. Specialista di questo progetto fu ovviamente il KGB.

Il Comitato di Sicurezza dello Stato, infatti, sviluppò armi destinate ad eliminare singoli individui nel corso di operazioni speciali. Il centro di ricerca più importante, preposto allo studio e allo sviluppo di "armi silenziose", fu il "Laboratorio 12", a Yasenovo, nei locali del primo direttorato del KGB, responsabile dello spionaggio all'estero.

Il progetto del KGB mirava a sviluppare agenti psicotropi capaci di alterare il comportamento di un individuo, oppure a creare tossine paralizzanti o letali.

Tra gli studi rimasti incompiuti, ricordiamo il tentativo di creare una forma polverizzata di peste da impiegare contro Tito dopo lo strappo con Mosca, oppure il progetto di avvelenamento contro Zviad Gamsakhurdia, presidente indipendentista della Georgia, che stava creando grossi problemi a Mosca. Da questi laboratori uscì probabilmente il veleno che causò la morte del dissidente bulgaro Georgy Markov, ucciso a Londra da un graffio causato da un ombrello avvelenato al ricino.

Nel 1995 Ivan Kivelidi, presidente degli imprenditori russi, morì nel giro di poche ore per una improvvisa e misteriosa malattia. Anche la sua segretaria morì con gli stessi sintomi. Il presidente degli imprenditori russi era noto per la sua crociata anti-corruzione e per le accuse di collusione con la mafia rivolte ad alti funzionari di governo. Non si è saputo se dietro questa morte ci siano stati dei politici corrotti o la mafia russa; quel che è certo è che si sono serviti di qualche ex agente del KGB "disoccupato.

Tra le pericolose eredità della Guerra Fredda sovietica, quella legata agli armamenti biologici resta la più drammatica.

Se sul piano politico l'implosione dell'Impero sovietico ha portato a una mutazione del sistema internazionale - acutizzando le problematiche rimaste allo stato latente durante "l'equilibrio del terrore" e mettendo in risalto il monopolio del potere di una sola potenza - per quanto riguarda la questione delle armi biologiche ciò ha avuto conseguenze catastrofiche.

La prima conseguenza è stata la diaspora di centinaia di scienziati e tecnici sovietici che, impegnati per anni nel programma di armamento biologico, si sono trovati improvvisamente nelle condizioni di offrire la propria esperienza e competenza tecnica a nuovi governi e a organizzazioni terroristiche, un mercato nel quale tali discutibili virtù erano (e sono) molto richieste e apprezzate.

La seconda conseguenza è legata alle materie prime necessarie alla costruzioni delle armi non convenzionali e nascoste dal governo sovietico. Questo problema ha risvolti diversi sia per quanto riguarda l'ordine e la politica internazionale sia per quanto attiene le conseguenze per l'ambiente e la salute dell'uomo.

In altre parole, dopo la dissoluzione dell'URSS alcuni scienziati possono essere passati al soldo di organizzazioni terroristiche o di Stati tradizionalmente bellicosi (non solo quelli che noi Occidentali consideriamo "Stati canaglia", ma anche quelli che consideriamo democratici, tra cui USA e Israele); molti ceppi virali, facilmente trasportabili, potrebbero essere finiti nelle mani sbagliate, così come i microfilm che contengono le "ricette" per fabbricare armi batteriologiche. Altro problema è quello legato ai tanti "cimiteri" di scorie ed armi non convenzionali, che stanno lentamente distruggendo l'ambiente circostante minacciando seriamente la salute dell'uomo.

È questo il problema che i governi dell'Uzbekhstan e del Kazakhstan hanno dovuto affrontare all'indomani della scoperta del "cimitero di Vozrozhdeniye", nel bel mezzo del lago d'Aral.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Se per tutta la Guerra Fredda l'isola di Vozrozhdeniye è stata un grande centro scientifico militare per la produzione di armi non convenzionali, con la fine dell'URSS è diventata il più grande "sarcofago" di spore di antrace e forse di bacilli di morva, di tularemia e di peste, ma anche di virus del vaiolo e di altre malattie emorragiche.

Nel 1988 Mikhail Gorbaciov, mentre sosteneva la sua campagna per la Glasnost e la Perestroika e si occupava di consolidare i legami con l'Occidente, volle far sparire le prove dei sospetti nutriti da Washington riguardo ai programmi sovietici di armamento biologico.

Un lungo treno di ventiquattro vagoni, carico di materiale compromettente, partì da Sverdlovsk nella primavera di quello stesso anno. Gli scienziati dei laboratori che facevano capo alla Biopreparat avevano avuto l'accortezza di depositare tonnellate di antrace in grossi barili d'acciaio inossidabile da duecentocinquanta litri e di ricoprire il tutto con acidi particolari e candeggina, prima di sigillare il pericoloso carico. Tappa finale del pericoloso viaggio fu proprio l'isola di Vozrozhdeniye. Arrivato a destinazione, il terribile carico fu sotterrato in undici grandi pozzi e ricoperto ancora di candeggina. Il governo sovietico sperava che in questo modo i pericolosi batteri perdessero efficacia.

Se durante la Guerra Fredda il Mare d'Aral era considerato il quarto lago del mondo per ampiezza, col passare del tempo esso si è enormemente ridotto di circa il 75%. La causa è da ricercare nell'errata politica di irrigazioni forzate iniziata negli anni Cinquanta del secolo scorso dall'Unione Sovietica. I due principali immissari del mare interno, l'Amudar'ja e il Syrdar'ja, furono infatti deviati per tentare, inutilmente, di rendere coltivabili alcune zone semi-desertiche del Turkmenistan e di altri territori dell'Asia centrale, privando così il Mare d'Aral di milioni di metri cubi di acqua. Con il ritiro delle acque l'isola è passata dai duecento chilometri quadrati iniziali ai circa duemila chilometri quadrati odierni, avvicinandosi pericolosamente alla terraferma.

Il pericolo di una congiunzione con la terraferma è dovuto alla possibilità che le spore di antrace possano venire dissepolte da topi, tartarughe, lucertole o uccelli e quindi diffuse sul continente.

Nel 1995, dopo che Mosca rifiutò di dichiarare cosa fosse stato sperimentato e sepolto sull'isola, il governo uzbeko chiese l'aiuto di Washington. Il 25 maggio di quello stesso anno fu firmato un accordo bilaterale tra Uzbekhstan e USA che prevedeva un aiuto finanziario americano di circa sei milioni di dollari per smantellare e decontaminare le strutture presso il Mare di Aral.

Nell'agosto del 1995 specialisti statunitensi visitarono l'isola di Vozrozhdeniye, confermando che i laboratori scientifici sovietici erano stati effettivamente smantellati. Al contempo rilevarono un alto grado di contaminazione dell'intera area: nonostante i trattamenti subiti con la candeggina per renderle innocue, molte spore dissotterrate erano e sono ancora vive e quindi potenzialmente letali.

A tutt'oggi il "museo degli orrori" sovietico di Vozrozhdenije Ostrov è sempre aperto e piuttosto incustodito. Solo un piccolo lembo di acqua lo separa dalla terraferma.

Dimenticavo. Vozrozhdeniye in lingua russa, significa "isola della Rinascita".

 

 

BIBLIOGRAFIA

L'ultima epidemia: le armi batteriologiche. Dalla peste all'AIDS, di F. Santoianni – Edizioni Cultura della Pace, Firenze, 1991

Biohazard. The Chilling True Story of the Largest Covert Biological Weapons Program in the World. Told from Inside by the Man Who Ran It, di K. Alibek e S. Handelman – Delta, New York, 1999

Bioterrorismo, di A. Bazzi – Laterza, Roma-Bari, 2002

Armageddon supermarket. Le armi di distruzione di massa nella società della paura, di P. Coppola e G. Sturloni – Sironi Editore, Milano, 2003

Killer silenziosi. Virus, batteri e armi proibite, di G. Baldini – Mursia, Milano, 2003

Armi chimiche e biologiche, di E. Croddy – Bollati Boringhieri, Torino, 2004

 

 

 

http://www.storiain.net/arret/num136/artic1.asp

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessantissimo, altro ottimo topic!

 

...

Il virus modificato di Ustinov era incredibilmente resistente agli antibiotici, procurava effetti devastanti sul corpo umano, risultando straordinariamente più letale di quanto si pensasse. In definitiva si capì subito che il virus poteva divenire l'arma biologica assoluta.

I...

 

Solo un piccolo appunto; il virus di Marburg, anche non modificato, non è toccato dagli antibiotici (che non agiscono sui virus) e anche allo stato attuale non esistono cure specifiche.

Su "Germi" (Ed. Longanesi e poi TEA) mi pare si parlasse anche di una versione potenziata di Ebola, sviluppata dai russi, ma l'ho letto anni fa e dovrei ricontrollare.

 

Per quanto riguarda il rischio di dispersione delle spore di antrace sepolte nell'isola di Vozrozhdeniye, a ridurre il rischio di contaminazione dovrebbe esserci la bassa sopravvivenza delle stesse una volta che sono esposte alla luce solare. Almeno si spera...

Edited by lender

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

L'unica cosa che conosco bene, è Yersinia Pestis, nel Colorado, dove ho casa, la peste è endemica fra la popolazione di roditori (cani della prateria et similia), ogni tanto qualche campeggiatore la prende e se la riporta a casa, appena si manifesta la malattia devono mettere in quarantena mezzo mondo, anche se mediamente muoiono meno di 50 persone all'anno, di peste, negli USA, e quasi tutti nelle riserve indiane del sudovest (Arizona, New Mexico e Utah, principalmente).

 

So che i sovietici avevano sviluppato un ceppo di Yersinia che resisteva alle radiazioni nucleari, lo lessi sul RID citato che dovrò andare a cercare, ma altro non so.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29

argomento assolutamente interessante.

 

l'ebola è una delle 5 malattie se non la prima più pericole del mondo.

 

la morte arriva in circa 4-5 giorni con dolori terribili e nelle fasi terminali si ha il disgregamento dei tessuti interni che vengono rigettati dal corpo.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Ebola ammazza troppo in fretta per propagare il virus, senza contare che il virus tende a perdere letalità passando da un ospite (umano) all'altro.

 

http://www.cdc.gov/ncidod/dvrd/spb/mnpages...pages/ebola.htm

 

Per l'impiego bellico è sicuramente più "appetibile" il vaiolo e il colera (quest'ultimo, propagato in Cina dall'Unità 731 dell'Esercito Imperiale Giapponese, fece almeno 200 mila morti in poche settimane, durante la Seconda Guerra Mondiale).

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

Gli americani hanno trovato spore di antrace ancora attive dopo tutte le procedure di decontaminazione effettuate. Direi che i russi hanno creato un ceppo mooolto resistente.

Vi ricordo che l'isola una volta, era una vera isola, mentre oggi, con la crisi idrica che colpisce la zona, è diventata facilmente raggiungibile.

E' monitorata dagli ispettori dell'ONU. Se non ricordo male sono solamente in 2 e sono sulla terra ferma.

Edited by maxtaxi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

A quanto ricordo di aver letto su RID, i sovietici usavano un sistema molto "pratico" per ottenere questi germi: sottoponevano i bacilli a una scarica di radiazioni, e quelli che sopravvivevano venivano poi fatti moltiplicare. Versione riveduta e (s)corretta della selezione naturale della specie, Darwin non credo l'avesse pensata.

Share this post


Link to post
Share on other sites

dei programmi sovietici posso confermare il progetto degli anni 50 di modificare il virus della peste per renderlo resistente agli anti biotici più in uso in occidente (chiaro che un arma battereologica non la usi se tu che la lanci non hai la cura per i tuoi soldati/popolazione) e il progetto fu chiuso muna decina d'anni dopo e il capo dell'unità di ricercatore è ora rifugiato politico in Svezia (storia che imparai guardando Sfera di Andrea Monti uno dei migliori documentari mai visti)

 

quanto a Stalingrado temo sia falso, all'epoca la ricerca battereologica non permetteva tante cose, e di quelle malattie strane molto sono dovute alla malnutrizione e alle condizioni particolari di guerra (Fortezza Stallingrado)

 

per il resto non so...

 

ottimi resoconti intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

Intruder: anche io sò esattamente la stessa cosa.

 

Leviathan: sulla storia di fortezza Stalingrado ho letto un libro su un dottore nazzista che venne portato con l'ultimo aereo per studiare tale strana malattia che colpiva alcuni settori del fronte. Non solo a Stalingrado. E' esatto che è dovuto alla scarsa nutrizione, alla scarsa igiene e alla condizioni estreme associate allo stress della guerra. Ma la domanda che ci poniamo è, come mai un anno dopo ci fu una pandemia che ha quasi bloccato il fronte sud sovietico?

La stessa domanda lo vista su history channel e Sfera, ma anche su La7 un pomeriggio che ero arrivato a casa presto (ripreso da H.C.).

La disinformazione nell'exURSS era la primaria fonte di informazione.

Quindi più si sà e meno si capisce, ma guarda caso tutti gli ex studiosi esuli vivono in case blindate in luoghi super segreti oppure sono super scortati e sorvegliati.

Ciò che mi fa più paura e che qualsiasi mentecatto potrebbe comprare un chilo di roba trafugata da qualche magazzino mal custodito...

Edited by maxtaxi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ebola ammazza troppo in fretta per propagare il virus, senza contare che il virus tende a perdere letalità passando da un ospite (umano) all'altro.

 

Effettivamente le epidemie di Ebola sono sempre state, fortunatamente, piuttosto contenute; sembra che il virus arrivi improvvisamente, colpisca (con percentuali di mortalità molto elevate) e poi ritorni nel nulla (ancora oggi non si sa quale sia il serbatoio di incubazione).

 

Per quanto riguarda il vaiolo, il timore che sia utilizzato come arma biologica è stata la giustificazione addotta da USA e URSS per non distruggere i campioni residui conservati in laboratorio, dopo che la malattia è stata estirpata (almeno ufficialmente) dal globo. Considerato che la vaccinazione non è più in uso da anni, sarebbe una notevole minaccia anche se usato nella sua "versione originale".

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Effettivamente le epidemie di Ebola sono sempre state, fortunatamente, piuttosto contenute; sembra che il virus arrivi improvvisamente, colpisca (con percentuali di mortalità molto elevate) e poi ritorni nel nulla (ancora oggi non si sa quale sia il serbatoio di incubazione).

 

Per quanto riguarda il vaiolo, il timore che sia utilizzato come arma biologica è stata la giustificazione addotta da USA e URSS per non distruggere i campioni residui conservati in laboratorio, dopo che la malattia è stata estirpata (almeno ufficialmente) dal globo. Considerato che la vaccinazione non è più in uso da anni, sarebbe una notevole minaccia anche se usato nella sua "versione originale".

 

 

Esistono diverse varianti della febbre di Ebola, Ebola Sudan ed Ebola Zaire sono le più letali, con mortalità vicine al 90 per cento (una terza variante, Ebola Costa d'Avorio, ha infettato una sola persona che è sopravissuta). Ebola Reston, invece, pur contagiando l'uomo, non ha mai ucciso, mentre stermina, letteralmente, le scimmie.

 

Clicca qui per le statistiche su Ebola

 

 

 

La Tularemia credo anch'io non compaia naturalmente in quelle dimensioni. Soprattutto, non mi pare sia endemica in Russia, è una malattia del Nordamerica (prende il nome dalla contea di Tulare, in California).

 

Ad ogni modo qui trovate qualcosa:

 

 

 

 

 

 

http://www.cdc.gov/ncidod/diseases/submenu...b_tularemia.htm

 

http://www.bt.cdc.gov/agent/tularemia/tula...-abstract.asp#6

 

http://www.msd-italia.it/altre/manuale/sez13/1571257.html

 

 

 

Vaiolo: anni fa lessi da qualche parte che dei biologi australiani avevano mutato non so per quale ragione il virus del vaiolo murino, e provocava il 100 per cento di mortalità fra i topi. Con la moderna bioingegneria a qualcuno potrebbe venire in mente di renderlo adattabile all'uomo...

 

 

http://archiviostorico.corriere.it/2001/se...109231833.shtml

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Andrea29

l'ebola zaire è la più pericolosa mortalita circa nell'85% dei casi e sopratutto è incurabile cioè no0n si ha nessuna cura.

se si riuscisse a rendere più resistente sarebbe l'arma battereologica perfetta.

oggi l'ebola e molto famosa e viene vista come un mostro(lo è infatti)anche da molte persone che non sanno nemmeno cosa sia a causa dei vari film e video giochi che ne parlano es tomb raider

Share this post


Link to post
Share on other sites

diciamo che le condizioni di vita occidentali con l'igiene e la pulizia di ognuno di noi (dagli abiti, alle doccie giornaliere, al fatto che oltre cani gatti e conigli animali non ne tocchiamo ammeno che non vivte in campagna) impediscono pandemie

Share this post


Link to post
Share on other sites

Diciamo più che altro che è la costante attenzione, che passa spesso inosservata, di OMS e degli organismi nazionali deputati al controllo che impedisce che si diffondano pandemie.

L'AIDS ci ha insegnato qualcosa

Share this post


Link to post
Share on other sites
diciamo che le condizioni di vita occidentali con l'igiene e la pulizia di ognuno di noi (dagli abiti, alle doccie giornaliere, al fatto che oltre cani gatti e conigli animali non ne tocchiamo ammeno che non vivte in campagna) impediscono pandemie

 

Diciamo che rendono meno probabile la diffusione di malattie da agenti patogeni che hanno gli animali come vettore o come ospite primario; per contro le condizioni di sovraffollamento dei mezzi di trasporto e la rapidità di spostamento che questi ultimi garantiscono, sono delle condizioni che favoriscono l'insorgere di pandemie, come l'annuale ondata di comune influenza che arriva tutti gli inverni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Poi l'immigrazione da paesi in cui non esistono norme igienico-sanitarie non aiuta. Spesso ad esempio negli ultimi tempi si è risentito parlare di TBC, malattia di cui non si sentiva parlare in Italia da un bel po.

 

http://www.corriere.it/salute/08_ottobre_2...44f02aabc.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder
Poi l'immigrazione da paesi in cui non esistono norme igienico-sanitarie non aiuta. Spesso ad esempio negli ultimi tempi si è risentito parlare di TBC, malattia di cui non si sentiva parlare in Italia da un bel po.

 

http://www.corriere.it/salute/08_ottobre_2...44f02aabc.shtml

 

 

Se è per questo si è tornato a parlare pure di difterite, poliomelite e non cos'altro. Ma devi tener presente anche che molti microrganismi stanno diventando resistenti ai farmaci (colpa dell'abuso di antibiotici che si è fatto in questi ultimi decenni)...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Se è per questo si è tornato a parlare pure di difterite, poliomelite e non cos'altro. Ma devi tener presente anche che molti microrganismi stanno diventando resistenti ai farmaci (colpa dell'abuso di antibiotici che si è fatto in questi ultimi decenni)...
Sono d'accordissimo ma aggiungo ke oltre all'abuso degli antibiotici o comunque dei disinfettanti presenti ormai anche nelle saponette un altro fattore di questa ricomparsa di malattie che sembravano ormai debellate e l'utilizzo non corretto degli antibiotici poiche molta gente smette la terapia appena si sente bene lasciando vivi e sensa "concorrenza" i batteri o i virus piu forti che hanno quindi strada libera per riprodursi ceando ceppi piu forti di quelli originali stessa cs avviene con le saponette ke non hanno di certo disinfettanti potenti distruggendo di nuovo i piu deboli.se succedono queste cose ci dobbiamo mettere una mano sulla coscenza e attuare non dico una direttiva mondiale ma almeno limitarne utilizzi ect.

Ho fatto una piccola ricerca sul virus marburg ma non ho trovato molto sulla variante U se qualcuno potrebbe postare qualche link ne sarei molto lieto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

MARBURG variante U da Ustinov, il primo ricercatore che lo ha isolato nel suo corpo. E' la variante del virus o filovirus marburg creato in laboratorio dai sovietici. AEROBICO

 

edit: leggete: http://www.solosiberia.com/Dossier.pdf

Edited by maxtaxi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest intruder

Infatti, dopo qualche ricerca con google ho trovato questo:

 

http://www.globalsecurity.org/wmd/intro/bio-marburg.htm

 

 

In the 1980s, the Soviet Union experimented with the Marburg virus in aerosol form on monkeys and determined that infection required only a few virions. Ken Alibek (formerly Kanatjan Alikbekov) who secretly immigrated to the United States in 1992 revealed information about Soviet experimentation with the Marburg virus. The former First Deputy Director of Biopreparat, the Soviet biological weapons program, Dr. Alibek reported that Soviet scientists were researching whether Marburg could be loaded into a warhead or a MIRV delivery system. A colleague, Dr. Nikolai Ustinov, died from the virus after accidentally infecting himself while injecting guinea pigs with the Marburg virus for the Soviet biological weapons program. As described by Dr. Alibek, the disease that followed was horrifying and induced hemorrhages throughout Dr. Ustinov's body including from his nose, mouth, and sweat glands. After he died, Dr. Ustinov's journal was covered in his unclotted blood from star-shaped hemorrhages beneath his skin.

 

 

Nikolai Ustinov era un ricercatore del complesso Vector, che a seguito di un incidente morì infettato da uno dei terribili virus che stava studiando. Nell'aprile del 1988, nonostante Ustinov indossasse uno scafandro protettivo simile ad una tuta spaziale, mentre iniettava a dei topi di laboratorio una variante del virus Marburg, si punse un dito con una siringa usata per gli esperimenti. Subito dopo essersi ripulito con una doccia chimica, lo scienziato avvertì il suo superiore, fu quindi messo in quarantena e rinchiuso in un centro biomedico speciale, sigillato da portelloni stagni simili a quelli dei sottomarini. Tutto il personale medico adottò opportuni accorgimenti per non entrare in contatto diretto con lo scienziato infettato. Neanche alla famiglia fu permesso di comunicare o visitare l'ammalato. Un antidoto per il ricercatore arrivò troppo tardi.

Lo scienziato decise di tenere un diario della sua malattia, ma, dopo il quarto giorno di internamento, il virus fece sentire tutti i suoi terribili effetti: forte emicrania, febbre alta, microemorragie interne all'occhio. Negli ultimi giorni di malattia, Ustinov iniziò anche a sudare e vomitare sangue. Tutte le trasfusioni di plasma risultarono inefficaci, perché il paziente subito rigettava il sangue infuso dalla bocca e dal retto. Ustinov morì il 30 aprile del 1988.

Il decorso della sua malattia fu studiato dagli scienziati della Biopreparat, compreso Alibek: nella loro carriera, nessuno aveva mai visto nulla di simile. Il virus modificato di Ustinov era incredibilmente resistente agli antibiotici, procurava effetti devastanti sul corpo umano, risultando straordinariamente più letale di quanto si pensasse. In definitiva si capì subito che il virus poteva divenire l'arma biologica assoluta.

Il prelievo di sangue e organi vitali dal cadavere di Ustinov servì per replicare il virus in laboratorio, che fu chiamato "Variante U". Il nuovo virus confezionato dai laboratori della Biopreparat era così potente che bastavano da una a cinque particelle microscopiche del nuovo ceppo virale per uccidere una scimmia, contro le ottomila spore di carbonchio da utilizzare per ottenere gli stessi esiti.

 

Sta al #3... diavolo, ricordavo qualcosa.

Edited by intruder

Share this post


Link to post
Share on other sites

articolo molto interessante

 

avrei una domanda

 

ora tutti questi virus creati in urss che fine hanno fatto?????

 

 

 

comunque meno male che non si e arrivato all'utilizzo di queste armi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×