Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

Domanda sui targeting pod

Recommended Posts

Dal punto di vista hardware, cosa cambia tra un targeting pod

 

litening_navigation_targeting_pod.jpg

 

E una classica torretta di questo tipo con illuminatore laser?

 

EOST.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dal punto di vista hardware, a parità di qualità delle componenti, non cambia nulla.

 

Dobbiamo presupporre però, che il pod abbia una precisione intrinseca inferiore rispetto a una installazione a torretta.

 

Quest'ultima, infatti, è legata in modo solidale al velivolo, e pertando dovrebbe avere meno fattori di "disturbo" (penso ad accoppiamenti, tolleranze, "giochi" e vibrazioni) rispetto a un pod esterno.

 

D'altro canto, i sistemi moderni sono tutti dotati di hardware e software che provvedono all'autoallineamento e alla stabilizzazione dei sensori, anche in tempo reale, per cui in concreto non c'è nessuna differenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nel caso si usi una torretta come quella che si vede nella seconda foto, dove sono contenute tutte le apparecchiature che vediamo nel cilindro? direttamente a bordo dell'aereo/elicottero?

 

litening-breakdown-lr.jpg

 

Come mai nessuno ha mai pensato sui caccia di installarne una fissa come si fà per gli elicotteri? (F117 a parte che dovrebbe averne 2)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso per non gravare di un peso i caccia multiruolo, e perchè quella boccia deve stare fuori dalla fusoliera, generando molta resistenza.

 

Sull'Intruder c'era, nella versione TRAM, ma era grosso e subsonico, non era tutta questa perdita di prestazioni.

 

Sull'F-35 l' EOTS sarà molto più aerodinamico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un pod scommetto che pesa di più di una soluzione fissa ed è anche più ingombrante! e non dimentichiamo che ruba pure un punto d'attacco!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma l'elettronica scalda, nel caccia ci dovrebbe essere un sistema di scambio del calore.

 

Poi se non usato la boccia e l'avionica sono peso e resistenza gratuite.

 

Pensa a un F-16 che gira in una Fighter Sweep con sta boccia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@ Typhoon: per caso hai preso spunto da qualche parte per aprire questa discussione?

 

No perchè, dai un'occhiata qua.

 

Non la definirei una coincidenza...

 

Te l'avevi aperta ieri sera, mentre il Sig. maxona l'ha aperta stamattina: quindi, a meno che non vi siate ispirati alla stessa fonte, vuol dire che qualcuno ci spia... :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

il fatto che occupa una posizione d'attacco non è un grosso svantaggio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se un aereo è dedicato solo all'attacco al suolo, un sensore di tipo fisso è la soluzione teoricamente migliore, dal punto di vista dell'efficacia, ma certo non dal punto di vista dei costi.

 

Il pod ti consente di avere un numero di sistemi inferiore rispetto al numero degli aerei: se hai 10 aerei fermi mediamente per manutenzione, puoi comprare dieci pod in meno.

 

Inoltre se il pod si guasta, lo mandi in fabbrica. Se si guasta un sistema fisso, devi fermare anche l'aereo. Lo stesso vale se devi aggiornare i sensori o sostituirli del tutto.

 

E' vero che il pod sottrae un punto d'aggancio, ma alcuni aerei sfruttano dei punti creati apposta (F-16, per esempio) e in ogni caso, con l'uso delle armi di precisione, un punto d'aggancio in meno non è una gran perdita.

 

Un altro vantaggio del pod è che può essere installato su qualsiasi aereo, senza richiedere modifiche aerodinamiche. Installare una torretta su un aereo che era stato progettato senza, significa un grosso lavoro di adattamento e riprogettazione.

 

Quanto alla domanda di Typhoon, un pod di solito ha più equipaggiamenti di un sistema fisso.

Il sistema fisso è solitamente perfettamente integrato con i sistemi di alimentazione e raffreddamento interni dell'aereo, mentre il pod è concepito come un aggeggio universale e il più possibile indipendente, per cui dall'aereo, al massimo, può prelevare l'energia l'elettrica ma il resto se lo deve portare appresso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riapro la discussione, postando una domanda: qualcuno potrebbe spiegarmi come distinguere i vari pod "LITENING" tra loro? Suppongo che il pod sia esternamente identico (mentre il derivato RECCELITE si riconosce per il cilindretto che sporge inferiormente...), è però possibile distinguerne la versione in base al produttore?... per esempio, se mi trovo davanti un pod con scritto sulla superficie laterale del fusto "RAFAEL" e subito sotto sotto "ZEISS OPTRONIK", si tratta del "LITENING III" o "II"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...