YA-6A (YA2F-1)
Designazione usata per i primi otto prototipi e aerei di pre-serie usati per lo sviluppo della variante definitiva A-6A.

A-6A
Prima versione di produzione dell’Intruder, consegnata alla Navy a partire dal 1963, ne furono costruiti 482 esemplari di serie e 6 esemplari di pre-serie. La maggior parte è stata poi convertita in varianti successive.

A-6B
19 cellule modificate dal 1967 al 1970 per lanciare lo AGM-78 Standard ARM (Anti-Radiation Missile) in luogo dello AGM-12 Bullpup, allo scopo di fornire una piattaforma SEAD per la soppressione delle difese nemiche. Cinque aerei andarono persi in azione, il resto venne convertito allo standard A-6E alla fine degli anni settanta.

A-6C
12 cellule di A-6A modificate nel 1970 per l’impiego contro il “Sentiero di Ho Chi Minh” in Vietnam, con migliori capacità d’attacco notturno grazie all’aggiunta di un pod sotto la mezzeria della fusoliera, denominato TRIM (Trails/Roads Interdiction Multi-sensor) in cui sono contenuti un FLIR ed equipaggiamenti TV ad amplificazione di luminosità, un ricevitore Doppler, un dispositivo “Black Crown” per l’identificazione di veicoli. Un esemplare andò perduto in azione, i rimanenti sono stati convertiti allo standard A-6E dopo la guerra.

KA-6D
78 A-6A modificati per l’uso in funzione di aereo-cisterna, dotati di un sistema interno per il rifornimento, integrabile da un pod esterno D-704 nel pilone centrale, e di un TACAN (Tactical Air Navigation). Conserva capacità di attacco diurno, e può essere impiegato come una piattaforma di controllo per il soccorso aereo in mare.

A-6E
Versione avanzata con un radar multimodale migliorato per la navigazione e l’attacco (mappatura, separazione dal terreno, track-while-scan), computer digitale, un sistema automatizzato di attacco e di rilascio dell’armamento. 120 aerei di nuova costruzione e 240 A-6A convertiti nel 1971.

A-6E/TRAM
TRAM significa Target Recognition Attack, Multisensor, ed è un aggiornamento applicato alla flotta di A-6E nel 1979 tramite l’installazione, sotto il muso, di una torretta DSR (Detection and Ranging Set) contenente un sensore FLIR ed un designatore Laser, del CAINS (Carrier Airborne Inertial Navigation System) riconoscibile per l’installazione di un presa d’aria sulla dorsale posteriore, di un sistema d’atterraggio sulle portaerei automatizzato, e la capacità di portare bombe guidate di precisione.

A-6E/SWIP
Aggiornamento nei primi anni novanta degli A-6E, che permette di portare armi a guida di precisione stand-off, come il Maverick, l’Harpoon, lo SLAM, e l’HARM; aggiornamenti successivi aggiungono un HUD per il pilota, un nuovo INS, un nuovo TACAN, GPS, ali in composito e aggiunta di carburante.

A-6F/G
Proposto con due motori F-404, nuovo radar, schermi dell’abitacolo aggiornati, capacità di portare missili aria-aria; cancellato quando la Navy decise lo sviluppo del General Dynamics A-12 avenger II; 5 prototipi costruiti. La versione “G” fu una proposta più economica della Grumman, conservando la maggior parte degli aggiornamenti della precedente tranne i motori, ma fu cancellata anch’essa.

EA-6A Intruder
Versione ECM per la guerra elettronica sviluppata per l’USMC con l’esigenza di  sostituire i più anziani F3D-2Q Skyknight. Primo volo il 26 Aprile 1963, già appare la caratteristica gondola sulla deriva per la suite elettronica di ricezione e sorveglianza AN/ALQ-86, il sistema di disturbo AN-ALQ-41 in banda I e J, il sistema di protezione AN/ALQ-100, integrati dalle gondole di disturbo AN/ALQ-86, oltre ai dispensatori di chaff e dalle gondole per il disturbo delle comunicazioni AN/ALQ-55 ed era in grado di lanciare gli AGM-45 Shrike; 27 costruiti.

EA-6B Prowler
Versione molto più specializzata dell’Intruder, ha la fusoliera allungata per accogliere due operatori ai sistemi, e un sistema più completo di guerra elettronica e per il ruolo SEAD il cui fulcro è costituito dall’apparato AN/ALQ-99 Tactical JammingSystem.
Prodotto in 170 esemplari, (tra le varie versioni STANDARD, EXCAP, ICAP I, ICAP II) entrato in servizio nel 1971 si prevede lo sarà fino al 2006 sostituendo gli EF-111 Raven dell’USAF da quando il DoD scelse il Prowler come piattaforma unica. Ne è prevista la sostituzione con gli EF-18 Growler.


^Top