Jump to content

F/A-18E Super Hornet


admin
 Share

Recommended Posts

Eh.... è fatto benino ma puoi migliorarlo con pochissimo...

 

raddrizza una gamba del carrello, lima un po' le ruote sotto per dare l'aspetto della pressione sulla pista, e rendilo un po' vivo così:

 

prendi del nero, diluiscilo con un pochino di bianco e grigio, e colora i perni dei pneumatici e le varie "prese" dell'aereo (bocca del cannone, ecc...) nonchè gli scarichi dei missili.

 

Poi sporca un po' gli ugelli di scarico sui contorni.

 

Infine, diluisci ancora con altro bianco per avere un grigio sporco, e utilizzalo per dare un po' di aspetto vissuto all'aereo, vicino al cannone, sulle intersezioni dove si formano i filetti d'aria, attorno agli sportelli. Ma poco poco, giusto in cenno.

 

E poi... impara a usare lo stucco e la limetta !!! Le linee di separazione dell'abitacolo sono troppo evidenti!

 

Infine, un piccolo trucchetto. Se ti procuri della vernice fosforescente, di quelle che si vedono al buio (io usavo una delle Revell) potrai punteggiare il cockpit con la vernice e anche le luci di posizione e quelle per la navigazione in formazione.... quando spegni la luce e lo vedi al buio vedrai che effetto!

 

Ah... e poi dai vita ai missili e ai pod... qualche linea, il sensore in punta...

 

Sono pignolo lo so, ma sono piccoli particolari che rendono l'aereo stupendo!

Link to comment
Share on other sites

Grazie gianni, vedo che te ne intendi anche in questo campo!

 

Tutti i tuoi consigli sono molto utili, e alcuni di questi li ho utilizzati nei modellini seguenti a questo.

 

Per quanto riguarda la questione "invecchiamento", io sin dai primi modelli ho fatto la scelta di riprodurre l'aereo appena uscito di fabbrica.

 

Ma forse ho fatto la scelta sbagliata, perchè con qualche ritocco come quelli che suggerivi tu, il modello prende vita!

 

Quella della vernice fosforescente non la sapevo....carina!

Mi sta venendo voglia di riprendere a costruire, solo che in questo periodo ho veramente poco tempo.

 

Chissà tra qualche mese, e con i vostri consigli... fino ad ora ho fatto sempre tutto da solo.

 

PS: perchè non posti qualche tuo lavoro? Sono curioso!

Link to comment
Share on other sites

Guarda, io avevo costruito circa 40 modelli, di aerei da combattimento dagli anni '50 in poi, compreso uno splendido YF-12, nonchè alcuni elicotteri (AH-1W, AH-64A, CH-46E), alcuni mezzi corazzati e la portaerei Nimitz.

 

Tutto in scala 1/72, tranne ovviamente la Nimitz che era in scala 1/720.

 

Chiaramente anche per me si è verificato che man che costruivo, diventavo più esperto e gli ultimi modelli erano di gran lunga superiori ai primi (negli ultimi tempi ci mettevo oltre un mese per realizzare un modello, contro i tre-quattro giorni dei primi) tanto che i primi li ho disassemblati e rimontati e riverniciati, per adeguarli ai nuovi "standard" !

 

Purtroppo sei anni fa l'intera collezione andò perduta nel corso di un trasloco, assieme a tutti i miei effetti personali e a trent'anni di ricordi.

 

E' una cosa che non auguro a nessuno: ti senti un vuoto dentro che non hai idea, come se qualcuno avesse cancellato tutto il tuo passato.

 

Si salvarono solo 4 modellini: un F-14, un F-15, un F-16 e un F-18, che avevo già personalmente trasferito nella nuova abitazione (erano l'unico oggetto di arredamento in una casa vuota!).

 

Da allora non ho costruito più nulla: solo a pensarci mi viene male.

 

In ogni caso, ho scattato qualche foto a quei quattro pezzi, solo che devi dirmi come postarle.

Edited by Gianni065
Link to comment
Share on other sites

Mi dispiace per quello che ti è accaduto!

Diciamo che in parte ti capisco: anche io infatto ho traslocato e la mia preoccupazione più grande era quella di trasportare con la massima cura i miei modellini! Alcuni non hanno resistito e si sono rotti (alcune parti).

So come ci si sente...

 

Per le foto che hai fatto, mandamele tramite e-mail che le metto nel mio spazio web e ti do l'indirizzo per visualizzarle.

Non so, fai un pacchetto con winzip magari..ed inviale nella mia casella di posta @email.it che dovresti avere.

Sempre se ti va...

Link to comment
Share on other sites

Eccoli qua, i superstiti:

 

F-14_1.jpg

F-14_2.jpg

F-15_1.jpg

F-15_2.jpg

F-16_1.jpg

F-16_2.jpg

F-18_1.jpg

F-18_2.jpg

 

Purtroppo su alcune foto i colori non sono fedelissimi, ciò è dovuto a effetti di riflessione della luce del flash per via delle vernici utilizzate.

 

Infatti su alcuni punti è presente la vernice fosforescente, mentre tutti i modellini sono stati riverniciati, una volta completati e colorati, con una vernice trasparente che serve a proteggerli dalla polvere e a preservare le decal.

 

Sotto il flash, però, riflette in maniera anomala!

Edited by fabiomania87
Link to comment
Share on other sites

Ok ho sistemato il link!

 

Complimenti per i lavori.

In effetti, con i vari effetti "usato" il modello rende di più.

 

Posso chiederti una cosa? Tu che ernice antipolvere usavi per protegerli? IO non l'ho mai usata e vorrei rimediare.

 

--------

Ricordo a tutti che per visualizzare alla grandezza originale le foto ridimensionate come quelle di gianni065, basta cliccare col destro e fare "visualizza immagine" per chi usa mozilla/opera.

 

Per chi usa internet explorer invece clicca sull'immagine col destro--proprietà--copia l'indirizzo dell'immagine e lo incolla nella barra degli indirizzi di un altra pagina!

Link to comment
Share on other sites

Io usavo una vernice trasparente dell' Humbrol, perchè mentre la colorazione la facevo con l'aeropenna, il trasparente lo davo con il pennello.

 

Non sono molto soddisfatto del risultato, però, perchè la vernice Humbrol è molto "pesante" e con il tempo tende a dare una nota giallognola che a occhio nudo non si vede quasi, ma con il flash sì.

 

Inoltre la stesura a pennello è per forza di cose meno uniforme, e questo cambia la riflettività del modello da punto a punto. Anche in questo caso a occhio nudo non si nota, ma sotto il flash le differenze di riflettività si traducono con apparenti chiazze (vedi ad esempio il muso dell' F-15: a occhio nudo quelle chiazze violacee non esistono, sono sfumature del grigio!).

 

Puoi quindi fare qualche prova con altre vernici trasparenti, un po' più liquide, adatte all'uso con l'aeropenna che ti garantisce uniformità assoluta.

 

Il trasparente lo devi usare per forza, altrimenti con il tempo il modello si ingiallisce e si sporca per effetto della polvere, e le decals si disintegrano.

 

Inoltre così tutte le giunture sono meglio nascoste, e irrobustite, e il modello può essere preso in mano senza problemi, anche se le dita toccano le decals.

Link to comment
Share on other sites

Ah, dimenticavo!

 

Di vernici trasparenti ne troverai di due tipi, lucide ed opache.

 

L'effetto è molto diverso, dipende da te e dai tuoi gusti.

 

La vernice lucida dà un effetto bellissimo, e sotto la luce il modello è stupendo, sembra in metallo. Purtroppo è un po' meno realistico dell'opaco.

 

L'opaco è particolarmente adatto alle ambientazioni (aereo a terra sul pezzettino di pista) e per le riprese fotografiche.

 

Un modellino da tenere sulla scrivania dell'ufficio andrebbe fatto in lucido, uno da tenere in una piccola teca va meglio in opaco.

 

Io però ho trovato una soluzione di compromesso: gli aerei anni '50 (quelli in metallo naturale) e quelli coloratissimi degli anni sessanta e settanta, li finivo in lucido.

 

Quelli a sfumature di grigio più moderni li finivo in opaco, come pure i modelli neri.

 

Nel dubbio, sceglievo sempre opaco.

 

E' sempre possibile ripassare il trasparente lucido su un modello già trattato con trasparente opaco, mentre non è sempre vero il contrario.

Link to comment
Share on other sites

Grazie per i preziosi consigli.

 

Io ho sempre usato vernici opache perchè sono più realistiche.

 

Poi ho sempre usato anche i pennelli e mai aeropenna. Che non so nemmeno bene di cosa si tratti. Un'idea la ho, ma non l'ho mai usate.

Ma sono precise? Le rifiniture le fai con quelle?

Link to comment
Share on other sites

Immaginavo che avrebbero fatto una via di mezzo prima o poi!

 

 

L'aeropenna (forse si dice aerografo) è una penna che funziona con una bomboletta di aria compressa e ha un serbatoio in cui metti la vernice (ci sono anche vernici che si avvitano senza bisogno di travasarle).

 

L'efficacia è totale, perchè la verniciatura è uniforme.

 

Richiede un po' di pratica, specialmente per le parti piccole, e consuma un po' di vernice in più (diciamo pure il doppio) ma ne val la pena.

 

Costa pochissimo (che io ricordi).

Link to comment
Share on other sites

Grazie per i complimenti... in effetti quei modelli sono stati costruiti diciamo "a metà" della mia "carriera" di modellista.

 

Infatti i carrelli non sono ben particolareggiati, manca un tocco di "Metal Grey" ai faretti e ai pistoni degli ammortizzatori... prima o poi dovrò farlo!

Link to comment
Share on other sites

...

vedere queste foto mi ha fatto venire voglia di iniziare il Me-109 G/2 (Hermann Graf), che dal suo enorme scatolone mi guarda minaccioso :huh: !

non sono pratico di aeromodellismo, ma c'è da dire che la scala grande (1/24), dovrebbe rendere la costruzione e soprattutto la coloratura del "Gustav" più simile a quella di un veicolo in 1/35, per i quali sono più avvezzo...

Dovrei già aver recuperato documentazione a sufficienza (monografia della Verlinden), comunque se qualcuno di voi ha qualche bella immagine, sito o altro circa il G/2, sarebbe così gentile da inviarmela?

 

 

Grazie e ciao a tutti!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...