Jump to content
easy

F-35 Lightning II - Discussione Ufficiale

Recommended Posts

Una domanda di carattere operativo. Dopo il dispiegamento in Siria delle batterie S-300, Israele dichiarò che avrebbe testato i suoi F-35 eseguendo incursioni con questi nuovi velivoli affiancandoli agli F-16. Non ho mai trovato notizie recenti su come essi abbiano effettivamente performato o anche solo se banalmente siano mai stati davvero utilizzati. Qualche info? I timori in merito alle batterie SAM russe S-300 e soprattutto S-400 sono fondati? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre difficile avere informazioni su cose necessariamente classificate e che vadano al di là di quanto comunicato e cioè che le batterie di S-300 e S-400 in Siria abbiano fatto cilecca, fermo restando che si sono viste immagini di F-35 sulla Siria che manco avevano sbarcato le lenti di Lumberg che ne amplificavano e mascheravano la reale traccia radar. Da capire quindi chi ha visto cosa.

Fatto sta che in questi anni sopra la Siria non hanno volato solo gli F-35 israeliani, ma anche quelli americani e britannici.

https://sofrep.com/news/american-f-35s-overfly-special-operations-bases-in-syria/

Le batterie russe in Siria si dice non ci abbiano comunque capito un tubo, anche se va detto che cercare di tirar giù un F-35 americano o britannico che bambarda dei terroristi non sarebbe un'idea diplomaticamente geniale...

Il fatto che gli USA abbiano comunque sbattuto la porta in faccia alla Turchia escludendola dal programma F-35, probabilmente è un’indiretta conferma del fatto che l’S-400 non sia effettivamente in grado di ostacolare il velivolo, ma che possa essere messo in grado di impensierirlo se si spiega a radar e operatori cosa guardare... E’ un dato di fatto che uno stealth non sia comunque invisibile, ma solo più o meno discreto.  

Share this post


Link to post
Share on other sites

The Pentagon will have to live with limits on F-35’s supersonic flights

Defensenews ha riproposto la questione delle limitazioni al volo supersonico per F-35B e C.

• danni ai piani di coda delle versioni B e C nel volo oltre mach 1.2

E’ una questione già nota facente parte dei 13 difetti di categoria 1 segnalati.

Intorno al 2013 un singolo F-35B e un singolo F-35C sono rientrati da un volo con i piani di coda danneggiati dall’uso prolungato del postbruciatore ad alta quota.

Negli anni successivi si è implementato un rivestimento stealth più resistente e si è cercato di replicare la situazione, pare senza riuscirvi.

Risultato: indicazione ai piloti (non c’è alcuna limitazione software) ad utilizzare con parsimonia il postbruciatore in tali condizioni.

Perché solo sul B e il C? Probabilmente perché il primo ha l’ugello di scarico più corto (per consentire la rotazione verso il basso con sufficiente luce dal terreno) e il secondo i piani di coda più estesi.

La situazione dei problemi di categoria 1 (quelli che possono portare a pericolo serio) sono comunque scesi da 13 a 7.

Oltre al suddetto, dei 13 quelli noti erano:

• Mancata segretezza dei dati ALIS per i clienti stranieri

• Mancanza di parti di ricambio che compromettono la disponibilità operativa.
• Picchi di pressione in cabina che possono causare malori.
• Segnalazioni di malfunzionamenti alle batteria a bassa temperatura
• potenziale danno a entrambi i sistemi idraulici per le versioni B e C in caso di esplosione di un pneumatico.
• Effetto “green glow” negli appontaggi notturni.
• Striature verdi a volte prodotte dalla telecamera notturna.
• Sea search mode del radar troppo ristretto

• Qualche difficoltà di controllo ad angoli di incidenza superiori a 20° per la versioni B e C.

• Cali di potenza in atterraggio verticale nei motori meno recenti degli F-35B.

Partendo dai 13 iniziali, 5 sono stati risolti, 5 mitigati a categoria inferiore e 4 si sono aggiunti.

Ne restano quindi 7.

Il costruttore dice che verranno eliminati o mitigati tutti entro l’anno. Vedremo perché in effetti per alcuni i tempi sembrano più lunghi…Per alcuni sembra più corretto parlare di “entro un anno” più che “entro quest’anno”.

Su Alis si è detto tanto, alla fine lo cambieranno di nome e di fatto (e qui ci vorrà più di una anno) e comunque mi pare che si siano risolti i problemi di “eccessiva loquacità” del sistema.

Il problema oscuro al sistema di controllo ambientale, che ultimamente ha accumunato in varia maniera diversi velivoli americani causando malori ai piloti, pare nell’F-35 fosse ascrivibile a sbalzi di pressurizzazione dovuti a una non corretta compensazione della pressione esterna. La soluzione (un nuovo sistema di regolazione della pressione) c’è, ma va testata e applicata nel 2021 quando il problema si prevede di eliminarlo.

I problemi alla batteria si sono risolti via software e ore il sistema di allarme tiene spenta la lucina molesta se la termocoperta ci mette un pochino troppo a riscaldare la batteria se questa prende freddo quando il portello del carrello anteriore è aperto…

Problemi causati ai sistemi idraulici dalle esplosioni dei pneumatici non si sono più visti dopo il cambio del modello di pneumatici.

I problemi di visione notturna come noto sono nettamente migliorati col nuovo casco Generation III, ma il resto andrà fatto via software entro il 2021.

Alla US Navy sicuramente non va molto giù il fatto che il radar in sea search mode veda al momento in un settore troppo ristretto davanti a se, ma la soluzione prima del 2024 pare non la vedranno manco col binocolo…

Il problema di controllo agli elevati AOA per B e C, pare invece sia stato mitigato via software con indicazioni più intuitive dell’assetto del velivolo che consentono al pilota di evitare certe situazioni.

Quanto ai cali di potenza con clima caldo durante gli atterraggi verticali si è agito con non meglio precisati interventi su procedure e software.

The Pentagon has cut the number of serious F-35 technical flaws in half

Five F-35 issues have been downgraded, but they remain unsolved

 

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

A partire dal LRIP 15 la US Navy richiede il famoso adattatore che consente di applicare due AIM-120 agli attacchi principali delle due stive invece di uno solo.

Il totale interno passa da 4 a 6 nelle versioni A e C.

Si chiede anche l’integrazione in stiva del missile antiradar AARGM-ER e il passaggio a processori Block-4 TR-3.

http://alert5.com/2020/05/04/usn-requests-sidekick-internal-weapons-rack-for-f-35c-to-carry-6-aim-120s/

https://files.nc.gov/deftech/blog/files/FY2021-Navy-UPL-c2.pdf

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una porta fra due generazioni ... 🚪

Quote

Northrop Grumman will test a system that will allow fourth- and fifth-generation fighters to talk to each other, as well as “attritable” aircraft, during the next iteration of the Advanced Battle Management System experiment.
The F-22 and F-35 were designed with stealthy communications gear that allowed them to talk to others of their own fleet, but made them incompatible with each other. 
The Air Force has put several interim communications steps in place to allow them to talk with one another, as well as fourth-gen types.  
The system, being developed under a contract let last October by the Air Force Life Cycle Management Center C3I & Networks Directorate - Northrop would not discuss its terms - is a “modular, open-architecture gateway” that uses both voice and data to allow the aircraft to communicate, the company said in a May 1 press release (*).

... airforcemag.com ... Northrop Working on GatewayONE to Link Fourth-, Fifth-Gen Fighters ...

(*) ... news.northropgrumman.com ... Northrop Grumman to Rapidly Develop Net-centric Gateway ...

Anche qui ... flightglobal.com ... Northrop to prototype communications gateway for fifth-generation fighters ...

🇺🇸

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tanto per cambiare, secondo il GAO, il block 4 è in ritardo e oltre il budget, ma se non altro sta entrando a...rate semestrali con il Auto Ground-Collision Avoidance System appena integrato e altri 7 pacchetti che lo saranno entro il 2020.

Queste lentezze e questi costi, comuni a tanti programmi, dovrebbero far riflettere tutti, anche chi attacca il programma per partito preso, perchè complessità e problemi ormai derivano non tanto dall'aereo in se, ma dall'approccio che nasce dall'intreccio fra requisiti, progettazione e test.

Riprendendo un vecchio adagio, "quello che non c'è non si rompe", è anche vero che quello che non c'è non impegna tempo e soldi per essere messo in pista...

https://www.flightglobal.com/fixed-wing/agile-strategy-fails-to-deliver-as-f-35-upgrade-two-years-late-and-cost-rise-15bn/138345.article

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 22/3/2020 in 16:26 , Flaggy ha scritto:

La parte posteriore delle stive è ora inclusa nella terza sezione, che quindi non è più solo il cassone alare, ma è un bel pezzo di fusoliera comprensivo di parte delle stive al quale vengono fissate le semiali. Ordinate monolitiche avvolgono ora il vano motore e senza soluzione di continuità diventano i longheroni alari interni a cui si imbullonano le semiali. Il tutto consente un risparmio di peso.

 

 

Cattura.jpg

Marietta Team Delivers 500th F-35 Center Wing

LM ha prodotto il suo 500° Center Wing, che in realtà, come detto nel messaggio citato, è la porzione centrale di fusoliera cui vengono applicate le due semiali a creare quel grosso subassieme che viene spesso chiamato “cassone alare”, ma che poi include gran parte del vano motore, delle stive e il vano carrello principale.

Per l'appunto è lo stesso subassieme che viene realizzato a Cameri, o meglio, nel caso del 500° quasi lo stesso, perchè, anche se l'articolo non lo specifica, la sezione nella foto si direbbe appartenere a un F-35C, che credo utilizzi solo sezioni LM.

700x510_emp20-0219_500th_f-35_center_win

2kwzr5tmvqj11.png

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque bisognerebbe conteggiare pure quello andato a fuoco e quindi sarebbero 4 perdite totali, sempre poche, per carità 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nuove diatribe AM vs MM e follia finale di un analista che non si capisce cosa voglia suggerire: 

https://www.startmag.it/innovazione/f-35-come-sfrecciano-le-tensioni-tra-marina-e-aeronautica/

Il tizio citato alla fine dell'articolo fa parte di una qualche inutile " task force " ?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Articolo più polemico di quanto l'annosa diatriba AMI-MM renda lecito, perché è poco credibile mettere più una manciata di F-35 sul Cavour, mentre il Trieste non è una portaerei e li imbarcherà solo in caso di indisponibilità della Cavour, esattamente come succede ora col Garibaldi per gli AV-8B+. Sostanzialmente e saggiamente abbiamo una portaerei e mezza... e non 2.

Quanto all'immancabile Gaiani, che si riduce a sponsorizzare le proposte dei competentissimi 5 Stelle, 90-35=55. Se lasciamo (li lasciamo?) 15 B alla Marina, sai che figata per l'Aeronautica avere solo 40 A e chissà che fantasmagorici e più economici assetti italiani ed europei (interpretiamo utilissimi 346FA e economicissimi EF-2000?).

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

E non si tiene conto che

- navi di quel genere non sono pure portaerei d'attacco ( stile 2a guerra mondiale ) ma devono imbarcare anche una componente di elicotteri antisom e una di elicotteri da trssporto,

- pdertanto l'idea di imbarcare tutta la squadriglia di F35 B su una sola nave è comunque rischiosa ;

- per essere ragionevolmente sicuri di avere una ( piccola ) portaerei sempre operativa bisognerebbe disporre di almeno tre navi di quella classe : una operativa , una in manutenzione , una in addestramento ; guardiamo quello che accade in Francia con la De Gaulle e quello che probabilmente accadrà in Gran  Bretagna con due sole navi .

- personalmente credo che col tempo anche la AM si adatterà a far operare i suoi F35 B anche dalle navi; è un problema culturale. Generali e ammiragli passano , gli aerei restano.

Edited by engine

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh, una terza portaerei per addestramento con 15 aerei anche no...se non altro perché non è che se ne hai due una è  sempre ferma in manutenzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

LM mancherà il bersaglio ... 🎯

Quote

Lockheed Martin will likely miss its production target of 141 examples of the F-35 Lightning II stealth fighter in 2020.
The company’s suppliers are not able to deliver parts on time, a disruption caused by the coronavirus. 
As a result, the number of F-35s produced this year could fall by 18 to 24 units below the 141 aircraft goal, Lockheed said on 19 May (*).
The manufacturer is planning for a three-month production slowdown at its Fort Worth, Texas facility and has reached an agreement with the International Association of Machinists and Aerospace Workers (IAM) to operate under a temporary alternating work schedule for line employees.

... flightglobal.com ... Lockheed Martin F-35 to miss 2020 production target due to coronavirus-caused parts shortage ...

(*) ... news.lockheedmartin.com ... Lockheed Martin Announces Proactive Measures To Mitigate COVID-19 Impacts To F-35 Production ...

🇺🇸

Share this post


Link to post
Share on other sites
20 ore fa, Flaggy ha scritto:

Beh, una terza portaerei per addestramento con 15 aerei anche no...se non altro perché non è che se ne hai due una è  sempre ferma in manutenzione.

Descrivevo uno scenario limite .

Share this post


Link to post
Share on other sites

A proposito di danni riportati in occasione di voli a velocità supersonica ...

Quote

The F-35 pilot who flew the two infamous supersonic missions that inflicted damage to the jet’s stealth coating and tail wants to set the record straight.
When pilots conduct supersonic intercepts or find themselves needing to race away from an enemy during combat, they will be able to take the F-35 to its furthest limits of speed and altitude — most likely without any permanent damage to the aircraft, he told Defense News in an exclusive interview.
Last June, Defense News revealed that the Pentagon had instituted time limits on the number of seconds the F-35B short-takeoff-and-landing variant and the F-35C carrier variant could spend at supersonic speeds.
Those limits were imposed after two separate tests in 2011 where the "B" model incurred “bubbling [and] blistering” of its stealth coating and the "C" model suffered “thermal damage” to the tailboom and horizontal tail, according to documents exclusively obtained by Defense News.

... defensenews.com ... The inside story of two supersonic flights that changed how America operates the F-35 ...

🇺🇸

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti la limitazione nell’uso del postbruciatore in supersonico, considerato che per raggiungere elevate velocità ci vuole tempo e che l’aereo (in particolare la versione C) non brilla proprio in accelerazione supersonica, si traduce di fatto in una limitazione anche nella velocità massima raggiungibile ad alta quota.

Il tutto comporta l’impossibilità di svolgere missioni di intercettazione e fughe con spunti supersonici prolungati.

Il motivo per cui si è deciso di soprassedere e di non usare un materiale più resistente (sinceramente ricordavo si fosse fatto...) risiede nel fatto che le versioni interessate siano proprio la B e la C.

la prima, per gli statunitensi, è soprattutto usata in appoggio alle MEU e come tale è impiegata in particolare in missioni di attacco al suolo.  Altri, come gli italiani, possono usare l'F-35B anche a copertura della flotta, ma non so quanto questo implichi un uso prolungato del postbruciatore, data la relativa ristrettezza della zona da protegge e per la quale oggi ci si fa bastare il subsonico Harrier che, privo di AB, non ha questi problemi, ma ha ben altre limitazioni in combattimento...

L'F-35C invece è essenzialmente un bombardiere per la US Navy, con tutto ciò che ne consegue, fermo restando che entrambi potrebbero teoricamente tenere il postbruciatore accesso in dogfight, finché non resta più una goccia di carburante, visto che il combattimento manovrato per sua natura avviene essenzialmente nel capo alto subsonico.

Per l'F-35A sarebbe un problema più sentito, ma fortunatamente come si è visto non lo riguarda, anche se a Popular Mechanics pare non abbiano capito perchè...

Quote

The Air Force’s -A version will not fly with the restriction, though it is not clear why.

Anche se un'ideuccia noi ce l'avevamo avuta...

Il 25/4/2020 in 13:46 , Flaggy ha scritto:

Perché solo sul B e il C? Probabilmente perché il primo ha l’ugello di scarico più corto (per consentire la rotazione verso il basso con sufficiente luce dal terreno) e il secondo i piani di coda più estesi.

Al di là di queste considerazioni, i danni (a mio avviso contenuti ad una limitata zona della coda altrimenti anche l'A li avrebbe), si sono presentati in due singoli episodi e utilizzando il postbruciatore in supersonico per molto, molto di più di 50 secondi e nonostante questo non erano manco evidenti, tanto che il pilota non se ne accorse controllando il velivolo una volta a terra.

Fosse l'unico velivolo che subisce danni nel tempo usando il postbruciatore: F-15 e B-1B negli USA volano abitualmente senza i delicati petali esterni degli ugelli di scarico, perchè a lungo andare la vibrazioni tremende innescate dai postbruciatori (sempre e non solo in supersonico) tendono a far si che i motori appaiati si danneggino l'un l'altro.

E qui sta il punto: l’interesse principale della limitazione è di preservare il velivolo per lunghi anni di servizio, ma possiamo star certi che, in caso di necessità, un pilota se ne fregherebbe di qualche bolla sul rivestimento se la posta in gioco fosse ben più alta e lascerebbe poi ai tecnici a terra pensare a come rimediare a danni limitati ed episodici che nell’uso pratico al momento non si sono mai presentati.

 

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

F-35 ... l'Italia va avanti ...

Quote

Italy’s defense minister has thrown his weight behind the F-35 program to counter demands from within his coalition government to suspend purchases of the aircraft to help Italy’s coronavirus-stricken economy.
Lorenzo Guerini said he “confirmed that the program would continue,” after calls from Italy’s Five Star party to halt F-35 purchases for a year as Italy seeks cash to help rebound from the virus, which has killed 33,000 in Italy.
In an interview with Italian publication Formiche (*), Guerini said defense spending was often slashed during economic crises, but claimed cuts to Italy’s planned 90-aircraft buy would hurt high-tech jobs and damage an industrial sector which “offers very significant economic returns to our nation.”

... defensenews.com ... Italy defense minister commits to F-35 after calls to suspend program ... 

(*) ... formiche.net ... From China to Middle East, where does Italy stand? Defense minister Guerini answers ...

🇮🇹

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come ti trucco la notizia: 

https://it.sputniknews.com/difesa/202005279128056-e-mancato-poco-f-35-a-malapena-decolla-da-una-portaerei/

e invece

https://video.corriere.it/cronaca/caccia-f-35-sembra-finire-mare-decollo-stazione-navale-spettacolare/aa94d0ea-a028-11ea-8f7d-66830a0d6de9?refresh_ce-cp

Ovviamente , il ciitrullo  grillin / cinquestellino / sinistro   non fa caso al fatto che l'aereo non ha acceso il post-bruciatore .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...