Jump to content
Sign in to follow this  
Dominus

Classe Iowa

Recommended Posts

Come si può vedere dal mio avatar sono un vero appassionato di questo tipo di navi e credo molto nella loro utilità pratica, pochi giorni fa ho ricevuto una newsletter dell'USNFSA (United States' Naval Fire Support Association) che dice che sta per essere portata davanti al congresso una richiesta di finanziamento per i lavori che riporteranno in servizio 2 corazzate di questa classe.

Non posso che plaudere a questa decisione, soprattutto adesso che si pensa alle forze navali in funzione litoral, quindi in supporto alle truppe. Credo che per una MAU il supporto fuoco di una corazzata sia davvero un grande aiuto, poi si conta di trasformare queste navi in vere piattaforme lanciamissili da crociera di superfice, davvero un'unità poderosa.

Come vedete le corazzate riarmate e rimotorizzate nel quadro della marina americana moderna?

 

fire2.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se sono costruite con i materiali giusti, e le armi sono di nuova concezione non vedo perchè non reintegrarle nella marina. E' sicuramente meglio che costruire una nuova nave dal nulla

Share this post


Link to post
Share on other sites

La questione non è se sono buone navi ma se servono. Se facessimo questo discorso sai quante navi potrebbe reintegrare la Navy?

Secondo me un supporto di fuoco pesante abbinato alla possibilità di usare armamento missilistico con uno scafo poderoso possono ancora rendere utili queste navi di ormai 60 anni, soprattutto con le recenti esigenze di piattaforme di supporto a costi non troppo alti, resistenti e multiruolo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

penso che principalmente le rivogliano reintegrare per i loro cannoni da 406mm in fin dei conti per i missili ci pensano DDG e CG

Share this post


Link to post
Share on other sites

150 missili Tomahawk non credo li portassero. Erano 32 se non ricordo male.

 

Queste corazzate sono già state riattivate un paio di volte, e radiate definitivamente una decina di anni orsono.

 

Si tratta di colossi del mare, certamente utilissimi nelle situazioni in cui è richiesto un pesante bombardamento controcosta, ma credo che questa esigenza ormai non esista più.

 

Nè c'è da pensare che qualche decina di lanciatori di tomahawk in più sia un'esigenza così vitale da giustificare i costi di una riattivazione e del mantenimento successivo (queste corazzate hanno un apparato motore da incubo, e assorbono migliaia di marinai di equipaggio), visto che l'USNavy è in grado di lanciare missili da crociera da tutti i suoi sottomarini e unità di superficie.

 

E con i chiari di luna che corrono in ordine alla riduzione delle spese militari, dubito che il Congresso intenda appoggiare una simile richiesta (specialmente ora che c'è da provvedere alle spese per il disastro di New Orleans).

 

Personalmente sono contrario: hanno fatto male a radiarle, negli anni '90, ma ormai è stato fatto ed è assurdo ripensarci ora.

Meglio investire in piattaforme specializzate di nuova progettazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In ogni caso si tratta di rimotorizzarle, le vecchie turbine ad alta pressione sono da buttare. Secondo me, comunque, utilizzare nuove unità verrebbe a costare più che riattivare queste. In ogni caso la Iowa è stata riammessa nel registro navale (dal quale era stata radiata nel 99) nella riserva

Share this post


Link to post
Share on other sites

Probabilmente confondi qualche data.

 

Che io sappia, nel 1999 (e precisamente il 4 gennaio) la Iowa è stata reiscritta nel registro navale, mentre la Wisconsin era stata già reiscritta il 12 febbraio 1998.

 

Pressochè contemporaneamente le altre due gemelle (New Jersey e Missouri) sono state depennate dal medesimo registro (entrambe il 4 gennaio 1999).

 

Quindi , in realtà, la situazione non è mai cambiata: due erano le navi classe Iowa mantenute in riserva, e due sono rimaste, anche se c'è stato uno scambio di posizioni.

 

New Jersey e Missouri sono state adibite a musei storici galleggianti.

 

Tieni conto, peraltro, che la Iowa non è stata mai completamente riparata per i danni subiti nell'esplosione della torre nr. 2 , anche se risulta che i materiali necessari per le riparazioni sono stati stoccati a bordo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fu una brutta vicenda.

 

Durante un'esercitazione, il 19 aprile 1989, si verificò un'esplosione nella torre nr. 2 che uccise 47 marinai.

 

L'USNavy inizialmente attribuì la colpa a uno dei marinai rimasti uccisi, e in pratica disse che l'uomo, gay, aveva provocato l'esplosione per uccidere un suo commilitone di cui era innamorato senza essere ricambiato.

Una specie di omicidio-suicidio.

 

Poi però l'inchiesta tecnica stabilì che si verificarono una serie di errori che portarono alla tragedia (famosa Legge di Murphy): fu usata una polvere di lancio di potenza superiore rispetto a quella prevista per il tipo di proiettile che si stava sparando; il caricamento della polvere in uno dei tre cannoni fu fatto in maniera errata (furono impiegati 5 cartocci di propellente, che però furono inseriti male); lo scorretto inserimento dei cartocci determinò un'imperfetta chiusura della culatta prima dello sparo; il meccanismo di sparo fu azionato nonostante la culatta non fosse ben chiusa; il meccanismo di sparo funzionò regolarmente, nonostante il sistema di sicurezza avrebbe dovuto impedire che esso funzionasse.

 

Come risultato, i gas e le fiamme dell'esplosione (che è potentissima) si riversarono per buona parte all''interno della torretta, dove peraltro erano stipate le cariche di lancio per le salve successive (ogni torretta dispone di ben tre cannoni), che si incendiarono anch'esse generando una seconda esplosione.

 

Le paratie tagliafuoco, per fortuna, tennero bene: se l'esplosione avesse raggiunto il deposito sottostante, la Iowa sarebbe saltata per aria.

 

L'incidente evidenziò che i sistemi di fuoco dei pezzi da 406 mm non erano sicuri al 100 % (in pratica un sistema di tipo meccanico dovrebbe fisicamente impedire che un'arma possa sparare se la culatta non è perfettamente chiusa) e questo giocò un ruolo nella successiva radiazione delle corazzate.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ora, 5 anni dopo l'ultima risposta in questo topic, le corazzate iowa in cosa sono impiegate? andando semplicemente sulla pagina di wikipedia dedicata a questa classe di nave si capisce l'inferno che si è scatenato durante l'esplosione. fra quanti anni queste unità saranno ritirate dal servizio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi sono un po' confuso per la storia del registro navale, che cos'è? se sto andando troppo OT apro un'altra discussione, ma ditemelo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...