Jump to content
Sign in to follow this  
dread

Red Storm, Cosa Sarebbe Successo?

Recommended Posts

qualcuno sa niente di AB.212 ASW che ha affondato un sottomarino russo negli anni prima del 1986?

 

(nessuno legge Aeronautica & Difesa?)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ricordo l'articolo di Aeronautica e Difesa, ma conosco gli scritti di Nico Sgarlato e questa storia è una delle tante "leggende" che il buon Nico ha riportato su alcuni articoli un po' "romanzati".

 

Di queste leggende ce ne sono tantissime, i piloti amano raccontarle per impressionare gli ascoltatori... a volte c'è un fondo di verità, a volte, come in questo caso, sono decisamente false.

 

E' capitato spesso, però, che gli elicotteri antisom della MMI siano intervenuti per dare la caccia a qualche SSN troppo curioso che bazzicava nel Golfo di Taranto, e di qui le varie leggende.

 

In ogni caso il buon Nico non me ne vorrà se riporto qui di seguito una sua lettera sull'episodio:

 

Durante il periodo della cosiddetta Guerra Fredda vi sono stato numerosi

episodi che hanno coinvoltoanche mezzi subacquei. Vi è il fondato sospetto

che almeno una parte degli oggetti non identificati di tanto in tanto

segnalati in mare sia stata costituita da sottomarini impegnati in missioni

di spionaggio. In proposito, si ricordano diversi episodi all'interno o in

prossimità del Golfo di Taranto (mi pare di ricordare con tracce sul fondo

marino lasciate da veicoli telecomandati) e ricordo anche un episodio i cui

contorni sfumano in quelli delle "leggende di guerra".

A me fu raccontato come autentico da personale della Stazione Elicotteri di

Luni (La Spezia-Sarzana) della Marina Militare come autentico e ricordo

anche di aver visto una fotografia in cui si vede un sottomarino russo in

emersione, con l'equipaggio sul ponte. Tale sottomarino, a detta di chi mi

ha raccontato l'episodio, si sarebbe "arreso" e consegnato ad unità

italiane. Mi pare di ricordare anche di aver visto la fotografia su una

pubblicazione on italiana, ma per quante ricerche abbia fatto, non l'ho più

ritrovata. Come riferimento mnemonico, posso dire che l'episodio a me fu

raccontato nel 1986 ed io ne trassi uno o due articoletti un po'...

romanzati, nel senso che non disponevo né la data precisa, ne molti

particolari sulla dinamica dei fatti (mi pare che fosse stato coinvolto un

elicotteri AB.212 ASW, con lancio di bombe di profondità BAS) o sul tipo di

sommergibile...

La stessa storia, però, mi è stata raccontata anche altre volte, con piccole

varianti (il sottomarino è stato colpito da una bomba di profondit lanciata

da un elicottero, il sottomarino era già in avaria, l'equipaggio voleva

disertare e così via). Nico Sgarlato

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non ricordo l'articolo di Aeronautica e Difesa,

si tratta proprio del numero di ottobre, il 216

 

a proposito, leggendo l'editoriale,mi pare di aver capito che noi dobbiamo anche badare allo spazio aereo sloveno! è così?

Share this post


Link to post
Share on other sites

e qunto ci pagano?

soprattutto se qualcuno invade sia loro che noi, assai improbabile, possiamo dedicarci solo a noi o abbiamo dei vincoli?

non so se mi sono spiegato

Share this post


Link to post
Share on other sites

All'Italia non la invade nessuno.

 

Chi vuoi che abbia interesse a prendersi un paese con mafia, camorra, n'drangheta, sacra corona unita....

 

B)

 

 

Comunque la copertura aerea degli spazi sloveni, assegnata in ambito NATO, è soltanto una questione formale, una cortesia politica che però ha un grosso significato diplomatico e militare.

 

In quanto paese aderente alla NATO, la Slovenia ha diritto alla protezione del suo territorio, e in questo ambito l'Italia si è offerta di contribuire con la copertura aerea offerta dai propri intercettori.

 

La Slovenia offre in cambio alla NATO le proprie capacità nel settore NBC, capacità che possono tornare utili anche all'Italia in caso di necessità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La Slovenia offre in cambio alla NATO le proprie capacità nel settore NBC, capacità che possono tornare utili anche all'Italia in caso di necessità.

:huh: Ok, non sapevo niente dell'obrello protettivo nei confronti della Slovenia, casco dalle nuvole...

:huh::huh: Ma dov'è che noi prenderemmo lezioni di NBC dalla Slovenia? Scusate la 'gnuranza...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sia la Cecoslovacchia che la Yugoslavia avevano forti capacità nella guerra NBC, con la presenza di battaglioni particolarmente addestrati ed equipaggiati per la ricognizione NBC e la decontaminazione.

 

Erano specialità acquisite nel corso della Guerra Fredda, che sono state conservate dalle forze armate di Slovacchia e di Slovenia, le quali dispongono di reparti specializzati.

 

La NATO, in questo settore, non è mai stata altrettanto equipaggiata.

 

Bisogna infatti tener conto che in caso di scoppio di una terza guerra mondiale, la NATO dava per scontato che avrebbe giocato in difesa, sul proprio territorio.

L'uso di armi NBC avrebbe provocato strage tra i cittadini dell'europa occidentale, e sarebbe stato considerato alla stregua di un vero e proprio attacco nucleare, determinando immediatamente una reazione nucleare contro il territorio dei paesi del Patto di Varsavia.

 

La decontaminazione, inoltre, avrebbe potuto avvalersi delle presenza di strutture civili e sanitarie (Protezione Civile, Ospedali, Vigili del Fuoco).

 

Al contrario i paesi del Patto di Varsavia concepivano un uso aggressivo delle armi NBC, in particolare di quelle chimiche, e pertanto era prevista la possibilità di utilizzare queste armi e poi di sfondare le linee nemiche.

 

Chiaramente i propri reparti corazzati si sarebbero trovati in territorio nemico a dover attraversare i terreni contaminati, di qui la necessità di disporre di unità organiche specializzate e indipendenti (perchè in territorio nemico non ci sarebbe stato alcun ausilio da parte di infrastrutture civili).

 

E va pure considerato che la Yugolavia e la Cecoslovacchia erano tra i paesi più esperti nell'attacco NBC, e pertanto anche quelli più equipaggiati per difendersene.

 

Oggi che la lotta NBC è tornata preponderante per la minaccia posta dalle organizzazioni terroristiche, i reparti specializzati di Slovenia e Slovacchia sono preziosi.

 

Occorre anche considerare che si tratta di attività estremamente rischiose, dove un minimo errore, una disattenzione, il malfunzionamento di un impianto di sovrappressione veicolare, determina una morte certa e atroce.

E' difficile trovare personale motivato a questo genere di interventi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

NBC sta per Nucleare Biologico e Chimico....

Share this post


Link to post
Share on other sites

da quello che avete detto secondo me è tutto guadagnato a coprire la slovenia.

i rischi che la slovenia venga invasa sono residui ( non penso che ci sia un'altra guerra etnica nei balcani per molto tempo) mentre con l'attuale situazione mondiale i rischi di attacchi batteriologici sono molto alti e se veramente il personale NATO non è preparato in riguardo al contrario degli sloveni, dei sacrifici si devono pur fare! ho sbagliato qualcosa? :huh:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando la Slovenia dichiarò l'indipendenza, il governo jugoslavo attaccò la nuova repubblica, la guerra durò 10 giorni e vinse la Slovenia, poco dopo venne fondata l'aviazione.

 

Il 9 giugno 1992 fu istituita l'unità di forza aerea dell'esercito della slovenia, composto da un'unica brigata: la 15^ Brigada Vojaskega Letalstava.

 

É divisa in due gruppi uno ad ala fissa e uno ad ala rotante, opera da due basi :Lubiana-Brnik e Cerlje.

 

Per l'addestramento vengono usati 2 Zlin 142L e Zlin 242L. Invece per gli elicotteristi vengono ustai 3 Bell 206B-3.

 

Un Let 410 è usato per il trasporto e per la fotografia aerea.

 

Non ha caccia e i piloti volano su 6 Pilatus PC-9 (altri 6 ordinati).

 

Gli elicotteri sono principalmente destinati al lancio di paracadutisti e alla lotta antincendi.

 

Tre Bell 412 furono offerti per compiti SFOR(scusate, l'ho scritto ma non so :blushing: ) cos'è per agevolare l'entrata nella NATO.

 

La parola a Gianni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo pochissimo.

 

SFOR è la Stabilization FORce, ossia la forza di pace schierata nell'area bosniaca.

 

Ho un paio di link interessanti e vi rimando a quelli:

 

per la SFOR il sito ufficiale della NATO:

 

http://www.nato.int/sfor/organisation/sfororg.htm

 

 

per le forze aeree slovene c'è questo sito che mi pare fatto bene ed è aggiornatissimo:

 

http://dragan.freeservers.com/bivse/slovenija.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites
:o Uau...

legolas tu mi esci con questi commenti.............. :huh:

 

ma a cosa ti riferisci?

Praticamente al fatto che i russi pensavano di passarci sopra con i carroarmati, mentre noi pensavamo di tamponare l'avanzata prima di scaricargli addosso ogni peggio arma che avevamo negli arsenali (leggi migliaia di bombe H in più di quante loro si siano mai sognate di avere anche nei migliori incubi) ... e che fossero gli Sloveni ad avere il compito di farlo a noi italiani...deduco, essendo noi sullo stesso fronte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì Legolas, hai centrato bene il punto.

 

Gli sloveni sarebbero penetrati in Italia (però tieni conto che la posizione della Yugoslavia, negli ultimi anni della guerra fredda, non era poi così chiara, non essendo nell'orbita del Patto di Varsavia in senso stretto).

 

Se mi permettete, specialmente per i più giovani, vorrei spiegarvi come andarono le cose nella storia del confronto "freddo" tra NATO e PATTO DI VARSAVIA.

 

le forze convenzionali del Patto erano tremendamente più grosse rispetto a quelle occidentali. Parliamo di rapporti di forza che andavano da 3 a 1 fino a 10 a 1, specialmente in termini di mezzi corazzati.

 

La dottrina occidentale prevedeva di perdere gradatamente terreno, allungando le linee di rifornimento nemiche da attaccare con gli aerei d'attacco, e contenendo i carri sovietici con l'utilizzo degli elicotteri controcarro e degli A-10.

 

I sovietici, viceversa, contavano di attaccare su tutto il fronte in maniera massiccia, tenendo dietro le linee gli OMG. Gruppi Operativi di Manovra.

Si trattava di formazioni composte esclusivamente da carri armati (tipicamente i T-72), mezzi da combattimento corazzati (BMP), semoventi di artiglieria e semoventi contraerei.

 

Queste formazioni, molto potenti, dovevano aspettare il momento in cui un punto del fronte cedesse (e per farlo cedere era contemplato l'uso di armi chimiche).

Poi attraverso quel punto, gli OMG si sarebbero lanciati dietro le linee nemiche (ossia della NATO) devastando tutte le retrovie e causando il crollo del fronte.

Tutti i componenti degli OMG davano per scontato che sarebbero periti quasi tutti nell'eseguire questo compito, anche perchè non avevano sufficiente carburante per potersi ritirare in caso di necessità.

 

La NATO sapeva perfettamente che non sarebbe mai riuscita a fermare questo tipo di maglio corazzato, e pertanto prevedeva di utilizzare subito l'arma nucleare per distruggere gli OMG e fermare l'avanzata nemica.

 

Trattandosi di armi nucleari da impiegare sul proprio territorio, ed in particolare sul suolo tedesco, furono sviluppate armi specializzate, come la famosa "bomba al neutrone", una bomba nucleare dal potere distruttivo ridotto ma dalla carica radiottiva neutronica molto amplificata, in maniera da poter penetrare le corazze dei carri armati e uccidere l'equipaggio, senza distruggere eccessivamente il territorio e senza provocare pesanti effetti collaterali (contaminazione da fall out).

 

Questa dottrina NATO era nota come dottrina dell'escalation controllata.

 

A quel punto i sovietici avrebbero dovuto scegliere se fermare il conflitto, o utilizzare i missili strategici, ma in questo caso sarebbero stati distrutti anch'essi.

 

Allora i sovietici pensarono di inserire in servizio un'arma intermedia, che consentisse di introdurre un gradino in più prima di arrivare alla distruzione totale.

E quindi dispiegarono i famosi SS-20.

Si trattava di missili nucleari a gittata intermedia, concepiti per essere lanciati dalle nazioni del Patto di Varsavia contro le nazioni europee.

In questo modo i sovietici pensavano di costringere i paesi NATO a pensarci due volte, prima di impiegare le bombe nucleari tattiche (quella al neutrone in particolare).

 

Inoltre, pensavano che se si fossero trovati nella necessità di impiegare gli SS-20, avrebbero colpito il solo territorio europeo, partendo da nazioni europee (quelle del Patto).

 

Quindi a quel punto sarebbe toccato agli USA decidere se sacrificare la propria nazione, lanciando i missili strategici contro l'Unione Sovietica per punirla del lancio degli SS-20 contro l'Europa.

 

Bella mossa eh?

 

Credete che al Pentagono non si sarebbero fermati un attimo a pensare, prima di decidere se l'Europa valeva anche la propria distruzione totale?

 

Allora gli USA decisero di giocare la contromossa.

 

E nacquero così i famosi Cruise, ed in particolare i Tomahawk.

 

Infatti i Tomahawk venivano installati nelle nazioni europee, e davano all'Europa la possibilità di colpire il Patto di Varsavia e buona parte dell'Unione Sovietica, senza tirare in ballo il territorio americano.

 

In altre parole fu come se gli americani dicessero: tu URSS pensi che io USA non rischierei la mia pelle per l'Europa, e quindi sei tentata di attaccare l'Europa.

Io ti dico che ti attaccherò comunque, ma tu non mi credi.

Benissimo, allora diamo i Cruise all'Europa, così ti togli ogni dubbio: saranno gli stessi europei a bruciarti il culo se attacchi.

 

Ovviamente i pacifisti non capirono una mazza di tutto questo, e fomentati dall'Unione Sovietica fecero di tutto per impedire l'installazione dei Cruise in Europa.

La NATO però tenne duro, e installò i Cruise.

 

Peraltro l'URSS doveva starsi zitta: i Cruise non erano un'arma per un attacco a sorpresa (come lo erano gli SS-20). Un SS-20 ci metteva cinque minuti per colpire Monaco o Parigi o Londra o Roma, mentre un Cruise ci metteva ore per arrivare sul bersaglio.

Quindi i Cruise erano una tipica e specifica arma di ritorsione.

 

L'URSS dovette capitolare: ritirò gli SS-20 e la Nato ritirò i Cruise.

 

Poi arrivò papa Woytjla che incrinò la Cortina di Ferro in quanto era polacco, e in Polonia iniziarono i disordini (non a caso tentarono di ucciderlo) e la ciliegina ce la mise Ronald Reagan che sfidò i Sovietici con il piano "delle guerre stellari".

Reagan decise di recuperare la supremazia attraverso un incredibile potenziamento delle forze armate americane, e mediante la creazione di uno scudo spaziale che avrebbe dovuto intercettare e distruggere i missili sovietici.

I sovietici abboccarono e tentarono di fare altrettanto, la loro economia e la loro tecnologia non erano in grado di concorrere con il progetto USA... e l'URSS iniziò a sfasciarsi e il suo sistema economico, già precario per le grandi spese militari, crollò, mentre i Paesi del Patto di Varsavia si rendevano conto che l'URSS non sarebbe stata in grado di proteggerli in caso di guerra contro gli attacchi americani e NATO sferrati da forze aeronavali, aeree e terrestri sempre più potenti.

Gorbaciov fu costretto a trattare e il Patto di Varsavia si sciolse e l'URSS si sgretolò: semplicemente non erano più in grado di tenere il passo con le spese militari.

Fu così che la Guerra Fredda finì.

Anzi, come disse Reagan: "La Guerra Fredda non è finita. L'abbiamo vinta noi".

 

Anni dopo si è scoperto che tutta la storia dello "Scudo Spaziale" era una bufola gigantesca, un enorme bluff costruito intelligentemente dagli americani per spingere l'URSS al crollo economico.

 

Una mossa semplicemente geniale.

 

Questa fu la storia, ragazzi. Meglio di un libro di fantapolitica!

 

(A proposito, mica vero che NATO e USA avevano superiorità nucleare rispetto ai sovietici. L'arsenale nucleare strategico sovietico era molto più potente, mentre la NATO aveva un certo vantaggio nelle armi nucleari tattiche. Il conto totale delle testate era a vantaggio della NATO, ma il conto dei vettori - ossia dei sistemi di lancio e trasporto - era a vantaggio dell'URSS).

 

Mamma quanto ho scritto, spero di non avervi annoiato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

:o Uau...

 

:rolleyes: Nel senso...interessantissimo :okok:

 

1) Sapevo del numero maggiore di testate della NATO, e avevo erroneamente attribuito a questo anche la potenza nucleare quindi mi sbagliavo.

2) Non sapevo nulla degli OMG...pazzesco.

3) Ragazzi, era dura la guerra fredda

 

Mi ricordo quando i pacifisti festeggiarono come dei pazzi, quando tolsero i Cruise dal teatro europeo...pazzi. Cos'era, i primi anni 90 forse...Anche io mi sentivo tipo "gatto che gli tagliano le unghie".

A proposito di Reagan dico solo bravo.

 

Eppoi? Raccontaci un altra storia zio Gianni!! ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma come puoi solo pensare di essere noioso? :okok:

 

è stato fantastico ho la tesi d'esame pronta :P

 

adesso capisco perchè se si fosse combattuta la guerra fredda avrebbe portato alla distruzione totale

l'abbiamo scampata bella

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...