Jump to content
Sign in to follow this  
zander

Sprechi di Stato

Recommended Posts

Vorrei segnalare alcuni recenti articoli dell'Espresso sugli abusi di alcuni politici a proposito dei velivoli di Stato.

 

Negli articoli si parla di:

 

- due elicotteri AW-139 con finiture extra-lusso appena acquistati al modico prezzo di 50 milioni di euro.

 

- Nel 2010 lo Stormo ha volato 8.500 ore. Spesso per motivi assurdi.

 

Viene riportato il caso di un ministro che ha preteso che:

" ... per due volte un membro dell'esecutivo ha preteso un jet che lo portasse da Milano Linate a Milano Malpensa.

Il Falcon è partito da Roma Ciampino, è atterrato a Linate per caricare l'autorità e ha compiuto la trasferta

di cinque minuti per poi rientrare nella capitale."

 

- Berlusconi vola con il suo elicottero privato, un Agusta Aw139 della flotta Fininvest, spazioso, comodo e con gadget hi-tech.

Il mezzo è del Biscione, ma dal 2008 le spese le ha pagate la presidenza del Consiglio, ossia i cittadini:

ogni spostamento è diventato volo di Stato a carico nostro.

 

 

In conclusione gli elevati costi di questi voli, spesso inutili, vengono poi decurtati dalle vere necessità operative.

 

Vista la finanziaria appena partorita e i tagli futuri, penso che la vergogna sia proprio morta.

 

Espresso 1

 

Espresso 2

 

Espresso 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

è purtroppo tutto vero...ma per alcuni voli diciamo "assurdi"...essi sono pianificare per permettere il volo a rotazione degli aerei, per non lasciarli troppo a terra e per far fare ore di volo ai piloti effettivi o ai piloti chiamati cosiddetti "oristi"; magari usando del personale che stà compiendo la qualificazione su quel velivolo..o per provare magari un velivolo che è appena rientrato da una manutenzione...o anche per far accumulare ore di volo ad uno specifico velivolo..per poi una volta completate le "ore necessarie" ..esso venga mandato alla consueta revisione magari IRAN ......

 

è vero anche questo sembrerebbe un discorso assurdo ma purtroppo funziona così...delle volte anche gli aerei da "caccia" vengono mandati in volo per completare diciamo "a buffo" <<anche se non è così>> l'iter delle ore necessarie per la revisione....così a rotazione della linea di volo militare da caccia e militare da trasporto/e personale;

 

questi voli vengono classificati come voli di prova; qualificazione dei piloti; missioni fotografiche (non a scopo tattico) ma magari per fare i poster :D ...........

 

OVVIAMENTE il mio discorso è da prendere con le pinze...

però l'unica cosa certa è che il contribuente paga sempre ....e per non parlare dei pezzi di ricambio che talvolta troppo costosi o di difficile ordinativo...e che per -risparmiare- si effettua il "cannibalismo" da cellule che sono in stato di stan-by operativo.......

 

è un cane che si morde la coda...ma daltronde la nostra è una piccola nazione

Edited by eugy78

Share this post


Link to post
Share on other sites

è purtroppo tutto vero...ma per alcuni voli diciamo "assurdi"...essi sono pianificare per permettere il volo a rotazione degli aerei, per non lasciarli troppo a terra e per far fare ore di volo ai piloti effettivi o ai piloti chiamati cosiddetti "oristi"; magari usando del personale che stà compiendo la qualificazione su quel velivolo..o per provare magari un velivolo che è appena rientrato da una manutenzione...o anche per far accumulare ore di volo ad uno specifico velivolo..per poi una volta completate le "ore necessarie" ..esso venga mandato alla consueta revisione magari IRAN ......

 

è vero anche questo sembrerebbe un discorso assurdo ma purtroppo funziona così...delle volte anche gli aerei da "caccia" vengono mandati in volo per completare diciamo "a buffo" <<anche se non è così>> l'iter delle ore necessarie per la revisione....così a rotazione della linea di volo militare da caccia e militare da trasporto/e personale;

 

questi voli vengono classificati come voli di prova; qualificazione dei piloti; missioni fotografiche (non a scopo tattico) ma magari per fare i poster :D ...........

 

OVVIAMENTE il mio discorso è da prendere con le pinze...

però l'unica cosa certa è che il contribuente paga sempre ....e per non parlare dei pezzi di ricambio che talvolta troppo costosi o di difficile ordinativo...e che per -risparmiare- si effettua il "cannibalismo" da cellule che sono in stato di stan-by operativo.......

 

è un cane che si morde la coda...ma daltronde la nostra è una piccola nazione

Per quanto riguarda la gestione logistica dell'AMI non credo che siamo nella sezione giusta, posso solo dirti che anche le più parsimoniose compagnie aeree spesso sono costrette a fare voli "assurdi", magari per non trovarsi l'aereo fermo a Monculo Battipanni Intl Airport per esaurimento ore utili di qualche componente. Negli ultimi anni per forza di cose gli sprechi si sono dovuti ridurre, anche nella tanto vituperata AMI della piccola nazione che siamo, ed ottimizzare è la parola d'ordine ovunque ormai.

 

Quello che fa specie degli aerei blu è la differenza di volato per macchina tra il 31° e tutti gli altri stormi. Non dimentichiamo che il 31° svolge anche un importantissimo ruolo nel trasporto sanitario, ma non credo che siano tutte da imputare a quest'ultimo quelle migliaia di ore, tra l'altro per buona parte a carico del bilancio della difesa, altro fatto scabroso.

 

La maggior parte dei voli di ministri e portaborse, però, se li fa la meno tracciabile CAI, e non la Compagnia Aerea Italiana, bensì la Compagnia Aeronautica Italiana, controllata direttamente dai politici più influenti d'Italia, quella con i Falcon basati a Ciampino anche loro che trasporta agenti segreti a destra e manca e che ogni venerdì accompagna Scaiola e seguito al suo aeroporto di Albenga per farsi il week end a casa, ovviamente a spese dei contribuenti. Ah, domenica sera naturalmente il Falcon 900 torna a prenderlo, e le ore di quel trimotore sono vendute sul mercato a quasi 10 cucuzze l'ora, immaginate quanto costi farlo volare.

 

Comunque scandalizzarsi è lecito, giusto e dovuto, ma non so se questo topic rispetti il regolamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque scandalizzarsi è lecito, giusto e dovuto, ma non so se questo topic rispetti il regolamento.

 

 

Ho pensato di iniziare questo nuovo topic in News poiché descrive articoli pubblicati poco meno di dieci giorni fa dall'Espresso.

 

Forse avrei fatto bene a mettere in maggior risalto la procedura di acquisto dei 2 AW-139 nel titolo del topic, dato che le inchieste dell'Espresso sono partite proprio da lì, ma per il resto le altre rivelazioni degli articoli sono inedite.

 

Se però si volesse spostare l topic, che si proceda...

Share this post


Link to post
Share on other sites
due elicotteri AW-139 con finiture extra-lusso appena acquistati al modico prezzo di 50 milioni di euro.

 

 

su questo sarei meno propenso a scandalizzarmi hanno sostituito due HH-3F degli anni 70 (hanno portato Nixon al quirinale !!!) vecchissimi usaratisssimi e con pezzi di ricambio costosissimi , con degli eli nuovi che però corrispondono ad una classe di peso ben inferiore

 

circa il volo linate- malpensa è uno scandalo vero e proprio e vorrei conoscere il nome del politico che ne ha usufruito per chiederli i soldi indietro

Share this post


Link to post
Share on other sites

.... hanno sostituito due HH-3F degli anni 70 (hanno portato Nixon al quirinale !!!) vecchissimi usaratisssimi e con pezzi di ricambio costosissimi , con degli eli nuovi che però corrispondono ad una classe di peso ben inferiore ....

In realtà si tratta di SH-3D/TS ....

 

1364695.jpg

 

.... strutturalmente diversi dagli HH-3F ....

 

1799196.jpg

 

Si dice che siano stati acquistati gli AW139 in quanto le dimensioni più contenute consentirebbero loro di operare in siti ove gli SH-3D/TS (o gli AW101 di cui si era parlato in passato) incontrano considerevoli difficoltà.

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh gli SH-3D sono addirittura più anziani degli HH-3F , si vero il problema di compatibilità sulle elisuperfici credo che conti pure il costo però , infondo per AM il trasporto di stato è un peso

Share this post


Link to post
Share on other sites

[beh gli SH-3D sono addirittura più anziani degli HH-3F ....

Non del tutto ....

.... in effetti Agusta, negli anni Settanta, stava consegnando più o meno contemporaneamente gli SH-3D alla Marina e gli HH-3F all'Aeronautica.

E lo SH-3D/TS "governativo" altro non era che una versione adattata all'uopo dell'elicottero navale ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Pensavo che fossero aggiuntivi alla flotta attualmente in uso. No dai se sono sostitutivi dei vecchi Sea King da trasporto speciale ben vengano, anzi mi fa piacere che abbiano scelto gli AW139 invece degli AW101. Di sicuro i Merlin nel cortile della villa di Arcore alzerebbero un polverone troppo fitto...

Share this post


Link to post
Share on other sites

.... Di sicuro i Merlin nel cortile della villa di Arcore alzerebbero un polverone troppo fitto ....

Anche nei cortili del Vaticano o in quelli del Quirinale .... ;)

 

.... battuttaccia a parte, date un'occhiata a questo blog .... contiene alcuni filmati veramente interessanti ....

 

http://elicotteretti.blogspot.com/

 

 

v5z535.jpg

Edited by TT-1 Pinto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Negli articoli che ho linkato all'inizio si cita un fatto di alcuni anni fa.

 

Il Gen. Camporini ha dichiarato:

 

«In una vecchia legislatura i presidenti delle Camere erano entrambi milanesi, ma ogni lunedì mattina l'Aeronautica doveva mandare due aerei per portarli a Roma: uno decollava da Linate alle 7, l'altro alle 7.30. I due non gradivano viaggiare insieme e noi non potevamo davvero imporgli di farlo. Certo, così di sicuro non si economizzavano le risorse».

 

Ebbene ho controllato. L'unica legislatura in cui i due presidenti erano milanesi fu nel periodo 1994-1996, quando Presidente della Camera era Irene Pivetti e Presidente del Senato era Carlo Scognamiglio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La sostituzione degli SH-3D/TS era assolutamente improrogabile vista la vetustà delle macchine,che incontravano grosse difficoltà di manutenzione e approvvigionamento delle parti di ricambio.

L'acquisto degli AW-139 porterà a grossi risparmi in termini di manutenzione,consumi(un AW139 consuma sicuramente meno di un SH-3D),addestramento(visto che l'AM sta prendendo gli AW139 SAR al posto degli AB212AM) e una maggiore flessibilità d'impiego in virtù delle minori dimensioni dell'elicottero(che vi assicuro non è un aspetto secondario quando si tratta di atterrare nel centro di Roma per trasportare il Papa).

Inoltre è indubbio che per l'AW-139 diventare il nuovo "elicottero del Papa" non può che rappresentare un ottima spinta a livello di marketing.

 

Quindi su tutto il resto si può discutere,a ragione,in relazione agli sprechi di certi voli di stato,ma credo che a livello tecnico ed economico non ci sia nulla da dire riguardo alla sostituzione degli SH-3D/TS con gli AW-139.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un dato di fatto che gli elicotteri SH-3 siano vecchi e debbano essere sostituiti. Il dubbio però sorge là dove si scopre che sono stati acquistati nascondendo l'acquisto al Parlamento e nascondendo il fine dell'acquisto dietro la sigla TS, prima descritta come Trasporto Sanitario, per poi scoprire che si trattava di "Trasporto di Stato".

 

Inoltre sarà vero ciò che afferma l'autore dell'articolo e cioè che:

"i nuovi elicotteri presidenziali italiani avranno il meglio del meglio, saranno molto più lussuosi dell'allestimento "Pininfarina" acquistato da emiri e miliardari"?

 

Inoltre se quei velivoli non andavano bene (Napolitano e il Papa continuano ad usarli..., e in America Barack Obama usa l'SH-3 per i suoi spostamenti) va ricordato che nei corpi dello Stato gli elicotteri abbondano.

"Carabinieri, polizia, finanza e persino la Protezione civile hanno macchine moderne e confortevoli per accompagnare ovunque le massime autorità in giro per l'Italia: l'Arma, per esempio, ha due Agusta speciali proprio per le missioni riservate dei vertici istituzionali."

Insomma in un periodo un cui i soldi non abbondano era proprio necessario?

 

Penso che non meritino commenti quello che ha affermato il Presidente del Consiglio sull'uso del suo elicottero (a spese nostre):

«Uso i miei elicotteri perché mi sento in condizioni di sicurezza solo con quelli».

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi sembra che "DraklorAUPC", nella sua qualità di "insider", abbia dato una risposta sufficientemente esauriente in relazione alla vetustà degli SH-3D/TS ed ai problemi che essa sta creando.

Se Obama è costretto ad utilizzare tuttora i VH-3D, il motivo lo conosciamo molto bene .... ed è stato causato, da una parte, dall'eccessiva lievitazione del costo del VH-71A e, dall'altra, da una sua decisione in odore di demagogia .... comunque, se lui è contento ....

Consideriamo però che anche le sue macchine sono vecchie e non potranno durare in eterno e, se tanto mi da tanto, quando verrà il giorno della scelta del successore del Sikorsky .... questa cadrà su un altro Sikorsky ....

Quanto a Berlusconi .... quella frase se la poteva risparmiare ....

 

Riguardo invece alle spese relative agli aerei destinati ai voli di stato .... ritengo giovi ricordare questo ....

 

http://archiviostorico.corriere.it/2000/marzo/08/Consegnato_nuovo_aereo_presidenziale_costa_co_0_00030810230.shtml

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' un dato di fatto che gli elicotteri SH-3 siano vecchi e debbano essere sostituiti. Il dubbio però sorge là dove si scopre che sono stati acquistati nascondendo l'acquisto al Parlamento e nascondendo il fine dell'acquisto dietro la sigla TS, prima descritta come Trasporto Sanitario, per poi scoprire che si trattava di "Trasporto di Stato".

 

Inoltre sarà vero ciò che afferma l'autore dell'articolo e cioè che:

"i nuovi elicotteri presidenziali italiani avranno il meglio del meglio, saranno molto più lussuosi dell'allestimento "Pininfarina" acquistato da emiri e miliardari"?

 

Inoltre se quei velivoli non andavano bene (Napolitano e il Papa continuano ad usarli..., e in America Barack Obama usa l'SH-3 per i suoi spostamenti) va ricordato che nei corpi dello Stato gli elicotteri abbondano.

"Carabinieri, polizia, finanza e persino la Protezione civile hanno macchine moderne e confortevoli per accompagnare ovunque le massime autorità in giro per l'Italia: l'Arma, per esempio, ha due Agusta speciali proprio per le missioni riservate dei vertici istituzionali."

Insomma in un periodo un cui i soldi non abbondano era proprio necessario?

 

Penso che non meritino commenti quello che ha affermato il Presidente del Consiglio sull'uso del suo elicottero (a spese nostre):

«Uso i miei elicotteri perché mi sento in condizioni di sicurezza solo con quelli».

 

 

Il fatto di usare certe sigle o designazioni per giustificare l'acquisto di un mezzo è una cosa che è sempre stata fatta (mi viene in mente quando il SAC per giustificarne l'acquisto cambiò la designazione del B-29D in B-50 spacciandolo per un aereo nuovo...).

Del resto a parte qualche elemento(come i Sottosegretari Cossiga e Crosetto o l'On.Paglia) i politici italiani non capiscono una benemerita mazza in fatto di difesa e cose militari(a cominciare dal Sig. Ministro della Difesa...).

Poi onestamente non sò nulla di questa storia del TS a cui ti riferisci tu...

 

Allora è vero che altre forze armate hanno anche loro elicotteri da trasporto VIP ma il compito istituzionale di trasporto Presidenziale e Papale è sempre stato riservato al 31° Stormo dell'AM.

Poi non è che viaggiano da soli ma ovviamente sono accompagnati da un certo numero di persone,che sul 139 possono entrare comodamente mentre ti assicuro che su un A109 da trasporto VIP come quello dei CC ci sono si e no 4 posti(la Marina ne aveva uno e aveva appunto 4 posti e pure stretti).

Quindi comunque ti ci vuole un elicottero con una certa capacità interna e al momento non vi sono elicotteri da trasporto VIP già in servizio presso forze armate italiane compatibili con questa esigenza.

 

Poi sulla necessità di sostituzione degli SH-3D-TS ne abbiamo già parlato e mi sembra che concordi anche tu.

 

Comunque il Pres. del Consiglio ogni tanto ci vola sui -3D...(ed è noto che lui sia un appassionato di aviazione e infatti ai piloti aveva promesso che avrebbero preso presto nuovi elicotteri...)

Edited by DraklorAUPC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il fatto di usare certe sigle o designazioni per giustificare l'acquisto di un mezzo è una cosa che è sempre stata fatta (mi viene in mente quando il SAC per giustificarne l'acquisto cambiò la designazione del B-29D in B-50 spacciandolo per un aereo nuovo...).

 

E' vero. Però si trattava di una superpotenza millitare-economica appena uscita vittoriosa dalla guerra. Nel nostro caso si tratta di un acquisto fatto da un paese vicino al tracollo economico...

 

 

 

Poi onestamente non sò nulla di questa storia del TS a cui ti riferisci tu...

 

La sostituzione degli elicotteri è stata affrontata per la prima volta nel 1999 e più volte discussa e rimandata negli anni successivi, per questione di carenza di fondi.

 

Il governo sembra che abbia accelerato la sostituzione degli elicotteri con i nuovo modelli nel 2010 procedendo al di fuori dei soliti canali istituzionali.

Per prima cosa sembra che abbia occultato le spese per l'acquisto negli allegati del Bilancio della Difesa.

 

 

La questione però è stata affrontata e risolta, in gran segreto. Il governo ha comprato due Aw139 ancora più moderni, più lussuosi e più ricchi di optional di quello del Biscione. Tutto in silenzio, forse per non suscitare le ire di Tremonti. Un anno fa, il ministro Elio Vito, rispondendo ad alcune interrogazioni parlamentari presentate dopo un articolo de "l'Espresso" sull'aumento del budget per i voli blu, disse sibillinamente: «Di quei fondi, 31,3 milioni sono destinati a investimenti». Che significa? Mistero. Il bilancio della Difesa 2011 ha poi magnificato il taglio alle spese per le trasvolate ministeriali: «Ben 33 milioni in meno, con una riduzione del 90 per cento». Miracolo: la casta ha deciso di rimanere con i piedi per terra? Assolutamente no. La postilla mimetizzata in un allegato spiega l'arcano: «C'è un decremento a seguito del completamento del programma di acquisizione di due elicotteri per il trasporto di Stato». Ecco la risposta: nessuna economia, ma un investimento in benessere del premier. Il prezzo finale dovrebbe essere vicino ai 50 milioni, perché gli elicotteri avranno anche dotazioni speciali di sicurezza. Il primo andrà al premier, il secondo servirà anche per Benedetto XVI: saranno il Papi One e il Papa One. Ma a guadagnarci sarà soprattutto Silvio, che potrà vendere l'elicottero Fininvest: quando nel 2008 è tornato a Palazzo Chigi ha ceduto il suo Airbus personale, visto che quello presidenziale era più bello e totalmente gratuito. Tanto a pagare ci pensano i cittadini.

 

La decisione di comprare nuovi elicotteri per il trasporto vip è stata presa soltanto dal governo Berlusconi nel 2010 e mai comunicata al Parlamento: è stata nascosta negli allegati del bilancio della Difesa sotto la voce "investimento". Non solo: alla consegna dei velivoli destinati ai vertici istituzionali è stata data priorità rispetto a quelli ordinati per il soccorso. Sì: entreranno in servizio prima i nuovi Agusta extralusso per i viaggi di Stato e poi la versione Sar che si occuperà delle emergenze vere. Quanto al prezzo dei nuovi velivoli, la nota di Palazzo Chigi sostiene che siano costati "solo" 37,8 milioni. Nel bilancio della Difesa questa somma è indicata «a completamento del programma di acquisizione": ossia viene definita come l'ultima trance di un prezzo ben più alto valutato in 49,8 milioni dallo stesso bilancio, ossia dal documento ufficiale della contabilità pubblica. Quello su cui ci si basa per decidere risparmi e sacrifici.

 

Metto in evidenza la frase del ministro Vito:

«Alla consegna dei velivoli destinati ai vertici istituzionali è stata data priorità rispetto a quelli ordinati per il soccorso. Sì: entreranno in servizio prima i nuovi Agusta extralusso per i viaggi di Stato e poi la versione Sar che si occuperà delle emergenze vere.»

 

Quindi TS = Trasporto di Stato

 

Metto in risalto anche:

«C'è un decremento a seguito del completamento del programma di acquisizione di due elicotteri per il trasporto di Stato»

 

 

All'uscita degli articoli sull'Espresso, la Presidenza del Consiglio ha risposto al giornale con il seguente comunicato (30 giugno 2011).

 

In merito all’articolo sull’ultimo numero dell’Espresso, la presidenza del Consiglio precisa che:

 

1) L’elicottero fotografato sulla copertina del settimanale l’Espresso è di proprietà del presidente Berlusconi che non utilizza mai gli elicotteri a disposizione della Presidenza del Consiglio. Ovviamente, tutte le spese relative all’elicottero personale sono a carico dello stesso presidente Berlusconi

 

2) Gli elicotteri in dotazione al 31° Stormo dell’Aeronautica militare sono entrati in servizio fra il 1972 ed il 1973: quasi 40 anni fa

 

3) La procedura di sostituzione dei due elicotteri in servizio venne avviata dal governo D’Alema nell’ottobre del 1999, quando i mezzi avevano già 30 anni di vita

 

4) Nel 2000, la Presidenza della Repubblica scrisse alla Presidenza del Consiglio chiedendo la sostituzione dei velivoli

 

5) Nel 2001, il Consiglio supremo di Difesa affrontò il problema della sostituzione, rinviato poi per ragioni economiche

 

6) Nel 2004 ci fu un “inconveniente di volo”. Nel 2005 sempre il Quirinale sollecitò più volte il rinnovo delle macchine

 

7) Nell’ottobre del 2008 un elicottero dell’Aeronautica militare simile a quelli in dotazione cadde in Francia. Nel 2009, il ministero della Difesa chiese nuovamente la sostituzione

 

8) La scelta infine è caduta sul modello AW139, adatto al trasporto sanitario di 4 barelle. Costo complessivo per i due elicotteri: 37,8 milioni di euro, equipaggiamenti compresi

 

9) Gli elicotteri del 31° stormo dell’Aeronautica sono utilizzati dal Capo dello Stato e dal Papa.

 

 

http://www.governo.it/Presidenza/Comunicati/dettaglio.asp?d=64164

 

Il comunicato della Presidenza del Consiglio afferma chiaramente che gli elicotteri sono stati acquistati per scopi di Trasporto Sanitario (TS)

 

 

Riporto anche il video della conferenza stampa di Giulio Tremonti per la presentazione della manovra da 47 miliardi, conferenza in cui Il Presidente del Consiglio ha preso la parola per controbattere quanto affermato dall'Espresso (minuti 19.00 - 19.55), e per ribadire che lui usa i suoi elicotteri perché si sente sicuro solo con quelli:

 

 

 

 

 

Inoltre non tornano nemmeno i costi dell'acquisto:

 

37,8 milioni per la Presidenza del Consiglio,

 

49,8 milioni per il bilancio della Difesa

 

 

 

La presidenza del Consiglio sostiene che sono stati scelti gli elicotteri Aw 139 «adatti al trasporto sanitario di quattro barelle». No, quegli elicotteri sono in allestimento TS che non vuol dire Trasporto Sanitario ma Trasporto di Stato: sono elicotteri vip, con interni sfarzosi come quelli ordinati da sceicchi e magnati russi. La versione da soccorso acquistata da Spagna e Australia è stata pagata circa 12 milioni di euro a esemplare: quelli presi dal governo italiano ne costeranno 19 – stando al comunicato - e quasi 25 – secondo le fonti de 'L'Espresso'. Una bella differenza, nel momento in cui si taglia tutto.

 

Ma i nuovi elicotteri presidenziali italiani avranno il meglio del meglio, saranno molto più lussuosi dell'allestimento "Pininfarina" acquistato da emiri e miliardari. E molto più prestigiosi di quello privato di Berlusconi, che sostiene di pagare in proprio le spese ma che sono qualificati come "Voli di stato" e quindi coperti dal segreto: avranno poltrone in pelle, aria condizionata, cabina insonorizzata, schermi tv al plasma, impianto stereo. E sistemi speciali per aumentare il comfort del volo, oltre ad apparati di sicurezza sia contro gli incidenti che contro gli attentati.

 

 

 

Poi ripeto, l'acquisto è stato fatto scavalcando i canali istituzionali, fornendo cifre e giustificazioni poco convincenti.

 

Infatti dopo la pubblicazione degli articoli, il Sen. Lannutti ha fatto un'interrogazione parlamentare proprio per l'assenza di chiarezza sulla vicenda.

 

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Sindisp&leg=16&id=606033

 

 

 

Se il dibattito sulla liceità dell'acquisto fosse stato fatto alla luce del sole, dibattendo sul modello da acquisire e sugli allestimenti, credo che non ci sarebbero state polemiche e forse Agusta Westland avrebbe avuto anche una buona pubblicità per i suoi prodotti. E invece...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tra l'altro Obama si è ben trattenuto dal dire ai suoi cittadini quanto gli costerà mantenere in linea quel reperto archeologico, probabilmente gli sarebbe convenuto portare a termine il programma VH-71 rinunciando all'integrazione di qualche gingillo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora: per quanto riguarda la designazione TS è ovvio che significa Trasporto di Stato ma non credo che tale sigla sia mai stata smentita.

Semplicemente è stata rimarcata la possibilità che gli AW139,come del resto avviene per tutti gli altri mezzi(Falcon 50 e 900 a A319 del 31° Stormo più i vari P180 dell'AM) da trasporto VIP dell'AMI,potranno essere utilizzati in missioni di trasporto sanitario.

Poi bisogna vedere se veramente ce ne sarà il bisogno,e di elicotteri medevac il Servizio Sanitario Nazionale è pieno.

 

Io voglio che capiate che la sostituzione degli SH-3D/TS è veramente improcrastinabile,come lo è del resto quella degli HH-3F dell'AMI,e questo ve lo posso assicurare.

 

Voglio che immaginiate cosa succederebbe se disgraziatamente,facendo 1000 corna ovviamente,il Presidente della Repubblica o il Papa avesse un incidente con uno di questi elicotteri vecchissimi.

Ve lo immaginate si o no?

 

Basta vedere cos'è successo in Polonia dove dopo il tragico del TU-154 presidenziale questi aerei sono stati ritirati precipitosamente e sostituiti con degli Embraer ottenuti dalla LOT per velocizzare le cose.

E ovviamente sono saltate diverse teste ai vertici dell'Aeronautica Polacca e vi sono state 1000 polemiche sul fatto che il Presidente volasse su aerei vecchi e obsoleti(anche se nell'incidente l'aereo non c'entrava nulla).

 

Col trasporto del Presidente della Repubblica e del Papa non si scherza in fatto di sicurezza. Punto.

 

Poi sulla questione di certi voli utilizzati da Ministri,parlamentari eccecc sicuramente si può stare a discutere ore...

 

Il fatto che i conti non tornino credo(ma non sono sicuro eh) si riferisca al fatto che un prezzo(37,8) è per l'acquisto degli elicotteri mentre l'altro prezzo(49,8) è per l'acquisto degli elicotteri più probabilmente un pacchetto integrato che prevede assistenza tecnica,addestramento,manualistica e parti di ricambio(come sono tutti i nuovi contratti che vengono stipulati del resto).

 

Personalmente comunque ritengo l'articolo dell'Espresso assolutamente fuorviante.

 

L'unico problema di questa storia è che questo acquisto ha combaciato con il precipitare degli eventi economico,e forse per questo la Presidenza del Consiglio non è stata cristallina nello spiegare questo acquisto,ma a questo punto dovremmo bloccare tutti i programmi di rinnovo in corso!

 

Poi oh,ognuno ha il diritto di rimanere convinto delle sue idee.

 

Fatto sta che diversi autorevoli siti specializzati sono concordi al riguardo:

 

http://www.dedalonews.it/it/index.php/07/2011/trasporto-aereo-di-stato-critiche-per-sostituzione-elicotteri-sea-king-con-aw139/

Edited by DraklorAUPC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la memoria non m'inganna, la sigla "TS" dovrebbe significare "Trasporto Speciale" .... così almeno riportavano le fonti di stampa dell'epoca ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la memoria non m'inganna, la sigla "TS" dovrebbe significare "Trasporto Speciale" .... così almeno riportavano le fonti di stampa dell'epoca ....

Infatti è così. Comunque l'articolo di Dedalonews è esauriente.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Se la memoria non m'inganna, la sigla "TS" dovrebbe significare "Trasporto Speciale" .... così almeno riportavano le fonti di stampa dell'epoca ....

 

Si si è corretto. Non l'avevo controllato.

Edited by DraklorAUPC

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora: per quanto riguarda la designazione TS è ovvio che significa Trasporto di Stato ma non credo che tale sigla sia mai stata smentita.

Semplicemente è stata rimarcata la possibilità che gli AW139,come del resto avviene per tutti gli altri mezzi(Falcon 50 e 900 a A319 del 31° Stormo più i vari P180 dell'AM) da trasporto VIP dell'AMI,potranno essere utilizzati in missioni di trasporto sanitario.

Poi bisogna vedere se veramente ce ne sarà il bisogno,e di elicotteri medevac il Servizio Sanitario Nazionale è pieno.

Evidenzio quello che hai scritto: "potranno essere utilizzati in missioni di trasporto sanitario".

Magari mi sbaglio, ma con la scusa di acquistare dei velivoli per il Trasporto Sanitario, prendono nuovi velivoli per il Trasporto di Stato?

Il comunicato della Presidenza del Consiglio dice "La scelta infine è caduta sul modello AW139, adatto al trasporto sanitario di 4 barelle".

Quindi, mi sembra di capire, che visto che negli anni passati La Presidenza del Consiglio, retta da altri politici, e il Quirinale hanno chiesto la sostituzione degli elicotteri, l'attuale Presidente del Consiglio ordina degli elicotteri per il "trasporto barelle"? Nell'ultima riga del comunicato della Presidenza del Consiglio non si parla di "Trasporto di Stato e di trasporto barelle", ma solo "trasporto sanitario di 4 barelle".

Questi elicotteri quanto tempo passeranno a trasportare barelle? Quanto tempo passeranno a trasportare Uomini di Stato? Quanto tempo passeranno a trasportare politici amici e parenti?

 

 

Io voglio che capiate che la sostituzione degli SH-3D/TS è veramente improcrastinabile,come lo è del resto quella degli HH-3F dell'AMI,e questo ve lo posso assicurare.

Voglio che immaginiate cosa succederebbe se disgraziatamente,facendo 1000 corna ovviamente,il Presidente della Repubblica o il Papa avesse un incidente con uno di questi elicotteri vecchissimi.

Ve lo immaginate si o no?

Basta vedere cos'è successo in Polonia dove dopo il tragico del TU-154 presidenziale questi aerei sono stati ritirati precipitosamente e sostituiti con degli Embraer ottenuti dalla LOT per velocizzare le cose.

E ovviamente sono saltate diverse teste ai vertici dell'Aeronautica Polacca e vi sono state 1000 polemiche sul fatto che il Presidente volasse su aerei vecchi e obsoleti(anche se nell'incidente l'aereo non c'entrava nulla).

Col trasporto del Presidente della Repubblica e del Papa non si scherza in fatto di sicurezza. Punto.

Gli elicotteri SH-3D/TS sono vecchi. E' un dato di fatto. Lasciamo stare la facilità di atterraggio in Vaticano, la facilità di manutenzione, l'avionica moderna, ecc.. La vita delle cellule degli SH-3D si sta esaurendo, le strutture metalliche si stanno affaticando, gli impianti di bordo diventano sempre meno affidabili, i ricambi sono meno reperibili, ecc.. E' chiarissimo.

 

E capisco benissimo che gli operatori di tali mezzi (qualunque essi siano) vogliano lavorare con mezzi moderni, efficienti e sicuri.

 

Ma mi sarebbe piaciuto che a fronte del nuovo acquisto si fosse detto: OK dismettiamo gli SH-3D e introduciamo in servizio gli AW-139, ma contemporaneamente imponiamo regole restrittive sull'uso dei mezzi aerei di Stato al fine di evitare abusi.

 

Sinceramente mi viene la bile quando leggo che il politicante di turno per andare alla sagra della fagiolata a qualche decina di km da casa si rechi in elicottero e si incazzi se qualche giornalista glielo fa notare. Non faccio nomi, è successo alcuni giorni fa e voleva essere solo un esempio (tra i tanti che si potrebbero fare).

 

Questi nuovi elicotteri quante volte svolgeranno la funzione per cui sono stati acquistati? Quante volte invece andranno in volo per il sollazzo del potente di turno?

 

 

Col trasporto del Presidente della Repubblica e del Papa non si scherza in fatto di sicurezza. Punto.

In generale non si scherza con la sicurezza di nessuno, a partire da chi vola fino a chi viene sorvolato da questi mezzi.

 

Ma é mia opinione personale che il Vaticano dovrebbe costituire una componente di volo autonoma. Hanno le Guardie Svizzere. Bene, si facciano anche un gruppo di volo: con i mezzi economici del Vaticano, non credo che sia un problema. Con quello che già costano non vedo perché lo Stato Italiano debba pagare anche i voli. E' una mia opinione, condivisibile o meno.

 

 

Poi sulla questione di certi voli utilizzati da Ministri,parlamentari eccecc sicuramente si può stare a discutere ore...

Gli Uomini di Stato che si spostano per ragioni di Stato devono/possono utilizzare i mezzi di Stato. I politici utilizzino mezzi propri e nel caso dei voli, gli aeroplani di linea. Là dove necessario che siano rimborsati i costi del viaggio. Amici, parenti, amanti si muovano con mezzi propri.

 

E mi piacerebbe che su certi Voli di Stato ( tipo "Palazzo Grazioli - Villa Certosa") si togliesse il segreto di stato, permettendo l'accesso ai mezzi solo a chi realmente ne avesse diritto. Per usi personali, di amici, parenti, amanti si usino mezzi personali propri.

 

E non si dica che tanto l'aeroplano sarebbe in volo lo stesso, come qualcuno (non in questo forum) ha detto. Ogni kg in più di carico pagante si traduce in kg in più di carburante, e quindi in tasse. E' il principio che conta.

 

In un post precedente hai affermato che gli Agusta A-109 per trasporto VIP hanno solo 4 posti e per di più stretti. Io ti dico: meglio così, magari passa la voglia di abusarne.

 

 

Il fatto che i conti non tornino credo(ma non sono sicuro eh) si riferisca al fatto che un prezzo(37,8) è per l'acquisto degli elicotteri mentre l'altro prezzo(49,8) è per l'acquisto degli elicotteri più probabilmente un pacchetto integrato che prevede assistenza tecnica,addestramento,manualistica e parti di ricambio(come sono tutti i nuovi contratti che vengono stipulati del resto).

Secondo me è mancata la trasparenza. Non si può dire in Parlamento che l'acquisto vale 37.8 milioni e poi mettere negli allegati del Bilancio della Difesa che l'acquisto invece vale 49.8 milioni, senza spiegarne i motivi. Perchè allora gli esemplari spagnoli e australiani costano solo 12 milioni ad esemplare? Non sono differenze di poco conto.

 

 

Personalmente comunque ritengo l'articolo dell'Espresso assolutamente fuorviante.

Secondo me gli articoli dell'Espresso hanno mostrato una situazione generale desolante e che perdura, sia ben chiaro, da numerosi anni. I Gen. Tricarico e Camporini negli articoli hanno confermato lo stato delle cose.

 

 

L'unico problema di questa storia è che questo acquisto ha combaciato con il precipitare degli eventi economico,e forse per questo la Presidenza del Consiglio non è stata cristallina nello spiegare questo acquisto,ma a questo punto dovremmo bloccare tutti i programmi di rinnovo in corso!

Proviamo a riassumere lo stato economico italiano attuale:

Siamo appena stati appena commissariati dalla BCE e il governo si rifiuta di dire quello che Trichet ha raccomandato di fare;

il governo realizza un manovra economica da 45 miliardi in due anni in meno di una settimana;

a partire dal 2007/2008 ad oggi abbiamo vanificato i risparmi dei 15 anni precedenti;

abbiamo 1900 miliardi di euro di debiti (nuovo record);

abbiamo un'industria complessivamente decotta.

Quanto andremo ancora avanti?

 

Proprio per questa stato di cose, doveva esserci la massima trasparenza su questo acquisto.

Il Governo Italiano vista la vetustità degli elicotteri SH-3D acquista gli AW-139 con discussione solare in Parlamento. Però mette una serie di vincoli sull'uso dei mezzi aerei di stato. Questo avrei voluto vedere e invece non ho visto.

 

Leggo inoltre che sei pilota della MMI. Bene.

E' stata appena varata la nuova manovra economica. Ebbene:

Che cosa ne pensi del fatto che per i dipendenti statali il TFR sarà differito di due anni?

Che cosa ne pensi del fatto che che verrà disincentivata la pensione anticipata?

Che cosa ne pensi del fatto che le tredicesime delle amministrazioni pubbliche che non dovessero rispettare gli obiettivi di riduzione della spesa potrebbero perdere il pagamento della tredicesima mensilità? La MMI riuscirà a rispettare gli impegni e tu ad avere la tredicesima?

 

E tieni conto che fino a qualche giorno fa si ventilava un taglio degli stipendi dei lavoratori statali.

 

Guarda, non lavoro nel pubblico e quindi i tagli della nuova manovra economica mi toccano di meno, però provo veramente fastidio quando vedo questi politici mancare completamente di rispetto verso chi lavora e poi sperpera soldi nelle maniere più becere.

 

Stante l'attuale situazione, io non so quanti soldi rimarranno per i nuovi programmi dopo questi giorni. Anche perché secondo me, la manovra finanziaria doveva essere molto più pesante per potere tranquillizzare i mercati. Boh, vedremo.

 

 

Poi oh,ognuno ha il diritto di rimanere convinto delle sue idee.

Questo ovviamente! E' un forum pubblico. Si discute serenamente e basta. :)

 

 

Fatto sta che diversi autorevoli siti specializzati sono concordi al riguardo:

http://www.dedalonew...king-con-aw139/

Mah... Dedalo News mi da l'idea di un portale che pubblichi solo le veline preparate dalle aziende.

Per me l'autorevolezza di un giornalista e di una testata derivano dal mettere faccia nei propri lavori e nel rispondere delle proprie azioni. L'On. Avv. Ghedini ha denunciato De Feo e l'Espresso per gli articoli che ho linkato e lui ha ribadito la correttezza della sua inchiesta. Vedremo come finirà.

 

Gregory Alegi è un bravo giornalista che si occupa di affari aeronautici. E' sempre presente là dove le aziende presentano i loro eventi, come moderatore o come relatore. Ma quale giornalista parlerebbe male delle aziende che gli danno da lavorare?

 

 

In conclusione, credo che i punti di vista siano abbastanza simili.

E' necessario far volare materiale moderno ed efficiente per la sicurezza di chi vola ma anche di chi sta a terra. Occorrerebbe però non abusare dell'uso di questi costosi mezzi, in particolare i questo periodi di forti difficoltà economiche.

Edited by zander

Share this post


Link to post
Share on other sites
@ zander

 

Gli Uomini di Stato che si spostano per ragioni di Stato devono/possono utilizzare i mezzi di Stato ....

Hai ragione!

 

Infatti .... anche questo era un volo di Stato ....

 

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/09_Settembre/13/mastella_espresso_monza.shtml

 

http://www.americaoggi.info/node/1030

 

http://www.pupia.tv/modules.php?name=News&file=print&sid=1149

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...