Jump to content

[urgente] Guida Elettronica Tornado ECR


gin
 Share

Recommended Posts

Salve, dovrei discutere una tesi sugli anni 70 e quindi in informatica pensavo di portare come argomento l'apparato elettronico (super innovativo per l'epoca) del Panavia Tornado.

Cosa potrei dire di non eccessivamente tecnico (cioè non a livelli ingegneristici) ma che comunque possa costituire interesse nell'esaminatore?

 

Grazie anticipate

Link to comment
Share on other sites

il tornado ecr non esisteva negli anni '70, è arrivato dopo. la prima versione ad entrare in servizio è l'ids, quella da interdizione.

parlando dell'ids (prendo spunto dall'enciclopedia "l'aviazione" dei primi anni '80): tutti i comandi di volo agiscono su sollecitazione di segnali elettrici (fly-by-wire). le pressioni esercitate dal pilota sullla barra e sullla pedaliera vengono modulate da un csas (command stability augmentation system), in caso di emergenza l'aereo può essere pilotato senza csas, per mezzo dei tradizionali collegamenti meccanici diretti agli impennaggi.

il tornado ha non meno di 5 diversi modi di navigazione. il modo principale impiega un insieme di dati forniti da un sistema inerziale Ferranti e da un radar Decca Doppler, con una percentuale di errori di posizione inferiore alla metà di quella di un sistema inerziale puro. vi è anche una piattaforma a doppio giroscopio, che forniscedati sulla prua (angolo di rotta) e assetto di volo: può essere associata sia al doppler sia a un elaboratore dei dati aria/velocità. alternativamente la navigazione può essere condotta in modo puramente inerziale, combinando le informazioni sulla prua fornite dal sistema inerziale con i dati-aria.

i dati relativi alla navigazione sono forniti al pilota sotto forma di mappa scorrevole proiettata otticamente su uno schermo ferranti, mentre il navigatore dispone di uno schermo analogo combinato con il rilevamento radar del terreno (GMR). in aggiunta all'antenna gmr, il muso del tornado contiene l'antenna del radar di riconoscimento del terreno (TFR): ambedue questi radar sono prodotti dalla texas instruments. il tfr consente all'aereo di volare automaticamente tramite il csas fino a mach 1,2 a una quota tra 60 e 460 metri.

in aggiunta a ciò, il tornado dispone di hud, di radaraltimetro e di un dispositivo retrattile di esplorazione e ricerca di bersagli a mezzo laser (FLIR ?).

va bene?

Edited by meason
Link to comment
Share on other sites

perfetto, meanson, ti ringrazio. secondo te come posso arrivarci parlando degli 70? posso dire che per la neccessità di far fronte ai tumulti arabo-mediterranei e alle crescenti minaccie sovietiche era stato neccessario creare un caccia europeo consorziato?

veramente grazie ancora.

Edited by gin
Link to comment
Share on other sites

A dire il vero il Tornado è venuto fuori dalla necessità delle aeronautiche europee di avere un bombardiere per penetrare le difese del patto di Varsavia, magari di produzione propria, ed un caccia con cui rimpiazzare i modelli più antiquati in uso. Il progetto si chiamava MRCA ed avrebbe dovuto dar vita ad un vero multiruolo con cui sopperire ad entrambi i ruoli, poi però le tre aeronautiche adottarono per la caccia altri modelli così tutta la macchina venne impostata come bombardiere per penetrazione a bassa quota, e per la versione da caccia si è dovuto aspettare che la RAF necessitasse di aeromobili per delle lunghe Combact Air Patrol sul Baltico.

Link to comment
Share on other sites

ok. grazie mille per la specifica. tuttavia mi interessava sapere a livello informatico come sono programmati sistemi di guida, tipo il radar o il friend-or-foe identifier. e inoltre quali specifiche parti sono state realizzate dall'italia?

Link to comment
Share on other sites

Beh,

visto che, come hai scritto nel primo post, hai scelto tu di portare alla discusisone che devi sostenere questo argomento specifico, e lo hai scelto come tuo punto di forza rispetto ad altri argomenti, dovresti essere tu l'esperto in materia :)

Se hai bisogno di integrazioni al numeroso materiale di cui sicuramente sarai già in possesso, e intendi ricavare tali integrazioni da questo forum, prova a consultare la scheda velivolo http://www.aereimilitari.org/Aerei/TornadoIDS.htm e a consultare il topic ufficiale dedicato: http://www.aereimilitari.org/forum/topic/10249-panavia-mrca-tornado-discussione-ufficiale/

 

In bocca al lupo :)

Link to comment
Share on other sites

Mi rendo conto che in tutti gli ambiti, le cose non vanno sempre come dovrebbero.

Però mi va di evidenziare 2 problemi, uno dei quali hai iniziato correttamente a identificare

 

Cosa potrei dire di non eccessivamente tecnico (cioè non a livelli ingegneristici) ma che comunque possa costituire interesse nell'esaminatore?

 

1) Giustamente sei consapevole che un argomento specifico (nel tuo caso, per l'informatica, l'apparato elettronico del tornado) deve essere attinente all'argomento generale della tua tesi/discussione richiesta (in questo caso gli anni settanta, vedi punto 2) e deve solelvare l'interesse dell'esaminatore, ovvero deve rispondere a dei parametri ad esempio, di rigore scientifico. Se porti come argomento una cosa tanto particolare e specifica, è probabile che gli esaminatori si aspettino da conoscenze di livello superiore, rispetto ad esempio a uno un po' più generico o comunque più attinente al piano di studi svolto (mi sembra di capire che gli apparati elettronici dei Tornado, non fossero coperti dal tuo piano di studi.

Se ne hai il tempo e la possibilità valuterei - insieme al relatore della tesi - la possibilità di cambiare argomento su qualcosa magari meno vicino ai tuoi interessi, ma più vicino al piano di studi, o cmq su qualcosa su cui puoi reperire più facilmente materiali (mi viene da pensare per esempio ai sistemi mainframe degli anni '70).

 

2) L'attinenza del Tornado con gli anni '70 potrebbe essere anche essere discutibile. È vero che la dottrina militare sottostante, la concezione e la tecnolgia sono state sviluppate negli anni '70 e persino '60, ma ti potrebbe essere contestato che in base all'impiego operativo, il Tornado sia una macchina più legata agli anni '80 che ai '70. Assicurati di avere l'appoggio del tuo relatore (membro interno o quello che è) almeno su questo punto.

 

È difficile che qualcuno qui ti possa scrivere una tesi bella e pronta (almeno gratis :P) sui punti specifici di tuo interesse in tempi brevi. Comunque se insisti sul portare agli esaminatori questo argomento specifico, su questo forum e in rete, troverai molto materiale attinente. Se conosci l'inglese, non dovresti definitivamente avere problemi a mettere in piedi qualcosa di buono, con un po' di pazienza e concentrazione. Magari Internet fosse stato così accessibile e denso di risorse ai tempi in cui studiavo io :).

 

Ancora in bocca al lupo

Edited by Scagnetti
Link to comment
Share on other sites

se volessi allargare un po' di più (in storia) sul tornado potresti dire che il tfr serviva per sfuggire ai radar nemici volando rasenti al terreno e poi colpire obbiettivi strategici in germania nel caso i russi fossero entrati nella germania est. il libro da cui ho tratto quanto ho scritto è "l'aviazione" (volume 2) pubblicato dall'istituto geografico de agostini. puoi provare a richiederlo in biblioteca o cercare in internet. altra enciclopedia che tratta anche del tornado è aerei da guerra.

Edited by meason
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...