Jump to content

Leaderboard

Popular Content

Showing most liked content since 01/09/2021 in all areas

  1. Le FREMM americane, o meglio FFG(X), sono se vogliamo unità secondarie (non dico di seconda linea) volte a una rapida soluzione per un problema di numeri creato anche dal mezzo fiasco delle LCS, che tra i loro non invidiabili risultati annoverano anche l’aver fatto dimenticare agli americani come si costruisce una fregata… Non credo quindi che quanto abbiano in mente gli americani per il dopo Burke e il dopo Ticonderoga contempli l’acquisto di qualcosa pensato all’estero, che possa creare spazi per i DDX italiani, ma se vogliamo solo per l’idea comunque alla base dei DDX italiani, che n
    1 like
  2. I Todaro sono essenzialmente degli U-212 su licenza. Il progetto è in sostanza tedesco ma gli italiani hanno contribuito molto alla sua definizione. Hanno diverso hardware italiano a bordo, a cominciare dai siluri. Dopo i primi 4, sui successivi 4 aumenterà la percentuale made in Italy e anche le prestazioni rispetto alllo standard attuale. https://svppbellum.blogspot.com/2020/08/u-212-nfs-tanta-tecnologia-italiana.html Al momento gli unici utilizzatori sono Italia e Germania (che esporta e fa produrre su licenza gli U-214), ma dubito che l'Italia potrebbe esportare alcunch
    1 like
  3. Il CH-53E (il K è ancora più grosso…) con trave di coda ripiegato è lungo poco più di 18 metri e alto 5,2 metri. Teoricamente entra negli hangar del Cavour e anche del Trieste che sono alti almeno 6 metri. Sul Garibaldi (che non ha ascensori esterni ma "incassati" nel ponte) per farceli arrivare bisognerebbe probabilmente…segarli perché mi pare che gli ascensori siano lunghi intorno ai 17 metri… Idem per il V-22: pur impacchettato è alto 5.2 metri, ma è lungo ben 22. Niente Garibaldi, quindi. Gli Hangar italiani sono compatibili con il più piccolo AW101, ma se andiamo
    1 like
  4. ciao scrivere in maiuscolo equivale a urlare , per favore riformula la domanda quanto alla domanda specifica il cv-22 non era nemmeno in servizio quando i san marco sono entrati in squadra, quindi dubito sia compatibile idem circa nave garibaldi. non è solo un problema limiti dimensionali del veivolo (il cv-22 occupa richiuso lo stesso spazio di un ch-46) quanto di spazi dedicati alla manutenzione -compresa la distanza tra i rotori e il soffitto per permettere le riparazioni- spazi adeguati alla loro movimentazione ,di presenza di trattamenti sul ponte di volo per resistere
    1 like
  5. Ogni pilota tende ad amare e ad evidenziare i pregi del velivolo su cui ha volato (con un’obiettività tutta da soppesare), ma non credo che la cosa possa essere vera in assoluto, considerate le tante versioni presenti e quanti altri aerei siano venuti dopo l'F-16 in quasi mezzo secolo: aerei mageri complessi come avionica, ma con eccezionale intuitività e facilità di pilotaggio grazie ad interfacce uomo macchina impensabili quarant’anni fa. Non direi comunque che un Soufa israeliano o un Desert Falcon degli EAU possano essere definiti ultra maneggevoli con quel carico alare. Stabile poi
    1 like
  6. Ricordo fosse vero, anche perché quel periodo coincise con la fine della Guerra Fredda quando si ebbero tante dismissioni dei velivoli più datati e strutturalmente provati, condite da tante cancellazioni e riduzioni di programmi di rinnovo. Le dismissioni comunque continuarono e ormai la flotta americana dovrebbe essere tutta su block 40-42 e 50-52, sottoposti ad upgrade per limitare le obsolescenze e aumentare la standardizzazione. Anche parecchi anni fa, gli aerei precedenti sono arrivati alla frutta (o comunque alla scadenza calendariale di una manutenzione importante che non si
    1 like
  7. Visitando un sito dedicato alla macchina , ho notato un numero elevato di F16 ( " F-16 A " presumo ) dismessi , più di cento, a ridosso della guerra del golfo e immediatamente dopo. https://www.f-16.net/fleet-reports_article6.html Ricordo di aver letto, ma non ricordo dove, che la dismissione era dovuta a cricche strutturali dovute al numero elevato di missioni aria - suolo ( quindi con carichi pesanti ) svolte durante il conflitto. Mi confermate la cosa ? Fatto sta che le vere versioni multiruolo ( F16C block 40-42 e block 50-52 ) ebbero degli irrobustimenti alla strut
    1 like
  8. Il numero di 8 Harrier/F-35B o 12 elicotteri che si vede sul sito della MM non ha senso se pensiamo che sul GG ce ne hanno fatti stare 11 e la Cavour è grossa il doppio. Una buona "rule of thumb" è che sulle portaerei si possono imbarcare circa 1 velivolo per ogni 1000 tonnellate di stazza, ovviamente è un conto molto a spanne, ma direi che 24 fra ala fissa e rotante (diciamo 16 F-35B, 3 AW-101HEW e 5 AW-101ASW) ci dovrebbero stare senza grossi problemi.
    1 like
  9. Non so se è il caso di parlare di Desert Storm nella sezione elicotteri, comunque... Lo Special Air Service britannico venne massicciamente impiegato nel nord-ovest dell'Iraq (confine con la Siria) per distruggere le postazioni (fisse e mobili) di lancio degli SCUD. Infatti Saddam aveva iniziato a sparare tali ordigni su Israele e, se i lanci non fossero cessati, Israele avrebbe (e giustamente) attaccato l'Iraq per autodifesa, aderendo alla guerra. Ma siccome questo avrebbe portato all'immediato abbandono della coalizione da parte delle truppe arabe (Kuwait escluso, ovviamente) e a qualche
    1 like
This leaderboard is set to Rome/GMT+01:00
×
×
  • Create New...