Jump to content
Sign in to follow this  
Graziani

Forme di governo

Recommended Posts

Io personalmente preferisco un sistema semi-presidenziale come in Francia

 

Il sistema semipresidenziale

 

Un esempio di forma di governo semipresidenziale è rappresentato dalla Francia in cui elementi del sistema parlamentare, come il rapporto di fiducia tra Parlamento e Governo, si coniugano con un’esaltazione dei poteri del Presidente della Repubblica.

Le caratteristiche del sistema semipresidenziale possono essere sintetizzate come segue:

1)il Presidente della Repubblica è eletto con voto popolare e autonomo rispetto a quello del Parlamento;

2)il Presidente della Repubblica è dotato di poteri forti ma condivide il potere esecutivo con un Primo Ministro che sceglie e può revocare, formando un governo con due vertici;

3)il Presidente della Repubblica essendo eletto dal popolo è autonomo e non sfiduciabile dal Parlamento. Il Primo Ministro ed il Governo possono essere sfiduciati dal Parlamento e revocati dal Presidente.

4)il Presidente della Repubblica può sciogliere il Parlamento entro i limiti costituzionali.

 

Il sistema così delineato consente di evitare da una parte la rigidità del presidenzialismo, sdoppiando gli organi dell’esecutivo (Presidente e Primo Ministro) e dall’altra le involuzioni partitocratiche dei sistemi parlamentari non sorretti da maggioranze stabili ed omogenee, individuando un Presidente eletto dal popolo e dotato di poteri forti.

Tuttavia con il sistema parlamentare ha in comune il rapporto di fiducia Governo/Parlamento ma si differenzia per la presenza di un Presidente legittimato direttamente dai cittadini che ha poteri di indirizzo politico e non solo di garanzia e super partes.

Il sistema elettorale prevede un’elezione a doppio turno con la scelta tra due candidati con affermazione del bipolarismo. Dura in carica sette anni ed ha poteri formali e sostanziali su Governo e Parlamento.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premetto che secondo me agni Stato necessita di un'appropriata forma di governo.

 

Nel caso dell'Italia credo il più indicato sia quello corrente, accompagnato però da un'adeguato sbarramento ed un consistente premio di maggioranza per garantire la stabilità.

 

Riguardo all'elezione del PdR credo che sia più opportuno farlo eleggere dai nostri rappresentanti, in primis perchè credo lo facciano con più criterio di noi, e il fatto che fin'ora di Presidenti parziali ne abbiamo avuti pochi, in secondo luogo perchè sono convinto che in Italia qualcuno che sia un garante super partes sia più che necessario. Ovviamente c'è chi non condivide questo ruolo, ma ne abbiamo già abbondantemente discusso (vero pk? ;) ).

 

Io rimango per una maggiore considerazione per i consigli di partito, nel senso che sarei per un bipartitismo dove le frange estreme da una parte e dall'altra possano sbettere i pugni sul tavolo non in Parlamento, dove di solito questi atteggiamenti hanno la sola conseguenza di rallentare l'approvazione delle leggi, ma in sede di partito, dove le idee comporterebbero decisioni meno vincolanti per il Paese, ma comunque potrebbero essere tramutate in modifiche alla proposta di legge.

 

Uso il condizionale, in quest'ultima affermazione, perchè ritengo che in Italia le logiche di partito siano ancora troppo sentite... :helpsmile:

Edited by tuccio14

Share this post


Link to post
Share on other sites

legge elettorale, forme di governo, modalità di funzionamento delle istituzioni, leggi ecc. ..... personalmente sono scettico. Per la cultura italiana, farcita di distinguo e pronta a sollevare cavilli di ogni tipo, non cedo ci sia una soluzione definitiva.

Siamo capci di snaturare ogni sistema e di interpretare, a seconda delle convenienze, ogni normativa ... gli esempi non mancano!

A mio avviso, occorre recuperare alcuni valori (senso dello stato, del bene comune, spirito di sacrificio, senso della dignità delle istituzioni e dei singoli membri delle stesse, coerenza, ecc.) e poi ci si potrà attendere miglioramenti magari anche agevolati da sistemi di governo agili ed efficienti, concreti, fattivi, idonei a rispondere alle effettive esigenze del cittadino.

Qualche cosa del genere è già visibile in alcune regioni del nord che ancora risentono di una eredità austroungarica ma - mi domando - quand'è che una simile cultura si estenderà al rsto dell'Italia? (incidentalmente preciso di essere romano)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non sono d'accordo: suggerisci che questo recupero dei valori debba avvenire in quale maniera? In un regime anarchico? Non ho capito...

 

Quello che c'e` bisogno, invece e` che il popolo italiano faccia un bell'esame di coscienza e la smetta di criticare "a vanvera"!!! Si arricci le maniche e si metta a recuperare veramente tutto quello per cui le generazioni precedenti hanno lottato per ottenere! Tutti sono buoni a fare critiche, ma non appena si trovano di fronte l'occasione per fare "i furbi" a sua volta, la prendono al volo!!!!!

 

Basta ipocrisia! Non si fa altro che dire che rosso fa schifo e nero peggio ancora, pero` si va all'80% alle urne a votare gli stessi di sempre...

 

Finiamola!

Share this post


Link to post
Share on other sites

In Italia abbiamo bisogno di un arbitro imparziale dotato dei poteri necessari per controllare il gioco, ovvero il Presidente della Repubblica con i poteri attuali.

Da cambiare sono i poteri del premier nei confronti del parlamento (leggi sudditanza) ma non, come faceva in maniera molto pericolosa la vecchia e morta riforma del 2005, i poteri del premier nei confronti del PdR.

Detto questo non sono d'accordo con chi vorrebbe l'elezione diretta del PdR, in quanto bene o male significa politicizzare un ruolo che deve invece rimanere super partes a garante della costituzione e dell'integrità del paese

Edited by Rick86

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il semi-presidenzialismo credo che sarà il futuro dell'Italia che diventerà una Repubblica Federale semi-presidenziale, infatti su questo anche il PD di Veltroni è daccordo. Devo dire però che anche il premierato forte che il centrodestra propose nel 2005 non era affatto male:

 

http://www.governoberlusconi.it/istituzioni_cambiamenti.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites
Non sono d'accordo: suggerisci che questo recupero dei valori debba avvenire in quale maniera? In un regime anarchico? Non ho capito...

 

Quello che c'e` bisogno, invece e` che il popolo italiano faccia un bell'esame di coscienza e la smetta di criticare "a vanvera"!!! Si arricci le maniche e si metta a recuperare veramente tutto quello per cui le generazioni precedenti hanno lottato per ottenere! Tutti sono buoni a fare critiche, ma non appena si trovano di fronte l'occasione per fare "i furbi" a sua volta, la prendono al volo!!!!!

 

Basta ipocrisia! Non si fa altro che dire che rosso fa schifo e nero peggio ancora, pero` si va all'80% alle urne a votare gli stessi di sempre...

 

Finiamola!

 

Ma quale anarchia? ... forse non mi sono spiegato bene! ... nulla è più lontano dalla mia natura!

Per il resto sono con te.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma quale anarchia? ... forse non mi sono spiegato bene! ... nulla è più lontano dalla mia natura!

Per il resto sono con te

 

OK! :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...