Jump to content

AISE, AISI


Raikj
 Share

Recommended Posts

Si, su autorizzazione dell'autorità politica un agente dei servizi può compiere reati penali ed inoltre, visto che non ha la qualifica di ufficiale giudiziario, non è obbligato a denunciare alla magistratura reati di cui ha avuto conoscenza.

Limiti:

- divieto di uccidere, ferire e comunque violare l'integrità fisica di una persona

- i reati non possono essere commessi dentro una sede di un partito politico e/o a danno di un giornalista

 

Inoltre i nostri agenti hanno l'autorizzazione ad impiantare imprese ed attività commerciali fittizie e ad utilizzare false identità ma anche qui non possono farsi passare per giornalisti

 

E' uscito qualche tempo fa un libro di memorie dell'Ammiraglio Fulvio Martini (nome in codice: Ulisse), a capo del SISMI nella seconda metà degli anni '80; se lo trovi leggilo. Particolare gustoso: un nostro agente clandestino è penetrato in una fabbrica militare sovietica nell'URSS (!!!) per dimostrare...... che non era la nostra industria a fornire ai sovietici macchinari di alta precisione per la produzione di parti elettroniche

Edited by Rick86
Link to comment
Share on other sites

Per i compiti "alla Fisher" vengono usate le FS ovviamente... Ma solo in teatri caldi, dubito fortemente che quel tipo di operazioni avvenga in patria...

 

lo sospettavo....

I commando delle FS...

Edited by Raikj
Link to comment
Share on other sites

Esisteva un raggruppamento speciale di operatori altamente addestrati ed armati col meglio disponibile nei nostri servizi

Erano chiamati gli "Ossi", ne parla Fulvio Martini nel suo libro; ufficialmente sono stati sciolti nei primi anni novanta, se siano stati sostituiti con qualcosa d'altro (come è probabile) è segreto di stato

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...
Le operazioni alla Splinter Cell non esistono, sono solo montature per film e videogiochi, in realtà il lavoro di un agente dei servizi è molto simile a quello investigativo.

 

Non dobbiamo fare di tutte le erbe un fascio: dipende dal tipo di operazione e dal periodo storico cui si fa riferimento...

 

Dobbiamo ricordare che le operazioni dei cd. "servizi segreti" (ovvero "Servizi" ed "Agenzie" di Intelligence) possono essere "passive" - di raccolta informazioni (HUMINT) - o "attive", quali sono le operazioni di propaganda e di destabilizzazione, e quelle di liberazione degli ostaggi all'estero.

La HUMINT (human intel) è la classica raccolta di informazioni sul campo per mezzo di "antenne"(*) (raccolta passiva), di infiltrati o di agenti operativi, che ottengono informazioni da collaboratori (spontanei), informatori (spesso a pagamento) o prigionieri (per interrogatorio).

Nella maggior parte dei casi, questo tipo di operazioni è svolto da soggetti sotto copertura che devono "mimetizzarsi" nella società (proprio come Nicola Calipari :adorazione: ). Quando invece si rende necessario trafugare delle informazioni, si ricorre alle cd. "covert operations", condotte da agenti operativi (ex forze speciali) inquadrati nell'organico delle agenzie. In tal caso si svolgerebbe un'operazione "alla Sam Fisher", in cui deve essere mantenuto un bassissimo profilo di missione, non bisogna avere contatti di alcun genere, e non si gode della copertura diplomatica del proprio Paese...

Questo tipo di operazioni di "raccolta" sul campo è integrata da OSINT (open source intel, dalle cd. "fonti aperte"), SIGINT (signals intel, comprende COMINT - comunications - ed ELINT - electronic -, dai segnali trasmessi), IMINT (imagery intel, da foto aeree e satellitari), MASINT (measurement and signature intel, sull'acquisizione dei bersagli) e TECHINT (technical intel, su armamenti ed equipaggiamenti).

 

Nel secondo tipo di operazioni, quelle "attive", troviamo sia gli agenti operativi che i commando paramilitari. Gli agenti operativi si attivano per la negoziazione degli ostaggi, qualora il pagamento di un riscatto non venga ufficialmente coperto dal Paese operante. I commando paramilitari venivano invece impiegati dalla CIA nelle zone "calde" del mondo per destabilizzare regimi oppositori agli USA ed alla NATO, ed erano anch'essi composti da ex forze speciali. Nel caso Italiano, come veniva ricordato prima, è stato attivo il commando paramilitare degli "OSSI" (Operatori Speciali dei Servizi di Informazione), che svolgeva prevalentemente compiti di scorta di personalità all'estero ed addestramento di forze "amiche".

 

(*) nel gergo, si definisce "antenna" un soggetto passivo posto all'interno della società che riferisce ("passa") alle agenzie le informazioni che riceve nell'ambiente di appartenenza.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...