Jump to content
Sign in to follow this  
Aviatore89

Free running

Recommended Posts

Ciao a tutti...qualcuno sa dirmi come e cosa si deve fare per incominciare questo nuovo sport???

è uno sport semplice semplice :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:asd:

 

comprarsi un paio di scarpe da corsa rigorosamente nike dal costo non inferiore ai 140 euro :

 

nike_air_max_180.jpg

 

comprarsi anche un cronometro digitale timex :

 

timex_marathon_cronometro.jpg

 

scegliersi una bella strada (meglio se non autostrada) :

 

STRADA%20IN%20PINETA.jpg

 

indossare le scarpe avviare il cronometro e cominciare a correre:

 

_full.jpg

(notare come questo sfortunato non indossi nike airmax 180 e quindi non puo correre alla grande)

 

mettere due dei vostri amici a 42 km e 196 m di distanza da voi tenendo in mano uno striscione con disegnato 5 cerchi come quelli delle olimpiadi e voi passate:

 

Baldini_Athens_2004_01.jpg

 

 

ed ecco fatto la maratona fatta in casa tata!

 

 

 

:rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Edited by skettles

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma il freerunning non è quella roba che salti come un'antilope come un disperato...

 

Il video di Madonna -Jump-, presente?

 

(Onore a Madonna :adorazione: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

bravo mi ero dimenticato di dirvi che ha diversi nomi..il vero nome si chiama PARKOUR, nato in francia, difatti la lo chiamano cosi,e pure in italia http://it.youtube.com/watch?v=84qP-9rHF3g

invece in russia e america lo chiamano ''free running ''e in altri stati ''Yamakasi''...

ECCO LA STORIA :

Il parkour, abbreviato in PK, è uno sport metropolitano nato in Francia agli inizi degli anni ‘80. L'art du déplacement (arte dello spostamento) e le parcours (il percorso) furono i primi termini utilizzati per descrivere questa forma di allenamento. [1] Il termine parkour IPA: /pa?.'ku?/ fu definito da David Belle e dal suo amico Hubert Koundé nel 1998. Deriva da parcours du combattant (percorso del combattente), ovvero il percorso di guerra utilizzato nell'addestramento militare proposto da Georges Hébert. Rispetto alla parola parcours, Koundé sostituì la "c" con la "k" per suggerire aggressività, ed eliminò la "s" muta perché contrastava con l'idea di efficienza del parkour.[2] Il Parkour viene spesso confuso col Free Running.I praticanti del Parkour sono chiamati "Traceurs".

Il parkour muove i suoi passi dal metodo naturale di Georges Hébert. Hebert era un militare francese della fine '800 che ha formalizzato un metodo di allenamento per l'addestramento delle truppe. La sua idea è che il miglior modo per allenare un uomo è farlo esercitare nei movimenti naturali che lui sa fare in situazioni che la natura gli presenta e gli richiede. Il motto dell'Hebertismo è "Essere forti per essere utili". Da questa teoria il parkour nasce come vero a proprio percorso di preparazione atletico/fisico/mentale per rendere l'atleta in grado di muoversi con disinvoltura ed efficienza nell'ambiente urbano e naturale. E' evidente che secondo questa formulazione tutto quello che è spettacolo, coreografia e acrobatica non è parkour...

Lo scopo del parkour, quindi, è spostarsi nel modo più efficiente possibile. Per efficiente si intende: veloce, economico, sicuro. Per distinguere cosa è parkour da cosa non lo è basta pensare ad una situazione di fuga: tutto quello che può tornare utile per fuggire è Parkour!...

Il Parkour, abbracciando come ideologia il Metodo Naturale di Hebert, prevede un allenamento lento, progressivo e graduale per migliorare tutte le caratteristiche atletiche dell'individuo che deve avere come unico scopo il costante miglioramento delle proprie capacità. Molti novizi cercano di accelerare i tempi (uso di attrezzatura, materassi, palestra, ricerca disperata di istruttori) e di imparare più rapidamente possibile, ma questo è parzialmente contrario alla ideologia di base del Parkour. L'ambiente naturale o urbano che ti circonda è in grado di insegnarti tutto quello di cui hai bisogno per muoverti in esso e per rispettare il tuo corpo. Si deve saper "ascoltare" i segnali del nostro corpo in modo da riuscire ad allenarsi ricercando un lento, ma progressivo miglioramento. Il raggiungimento di questa coscienza di se, delle proprie "sensazioni" e dei propri limiti richiede tempo, visto che si basa sull'esperienza. Il formarsi di questo bagaglio di conoscenza richiede di vivere in prima persona numerose e diverse esperienze, spesso spiacevoli se affrontate con frustrazione (insicurezza, paura, senso di incapacità, lentezza nel progresso)....

Share this post


Link to post
Share on other sites

<_< <_< <_< <_< <_<

 

 

ahahahahahah!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

 

 

 

 

:asd: io pensavo corsa libera e basta <_< <_< <_< <_< <_<

 

 

va bo scrivero una foto-guida anche per questo.....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma che roba èèèè?!

Certo che per arrivare a buttarsi da un tetto all'altro degli edifici,devono aver acquisito una capacità incredibile,si saranno allenati fino allo sfinimento... basta sbagliare anche di un solo centimentro e ci si ritrova spiaccicati contro la parete :wacko:

Share this post


Link to post
Share on other sites
:asd: lunedi ci provo x arrivare a scuola :asd: :asd: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

hehehe alla fine è semplice basta andare da un istruttore e allenarti in palestra...oppure come faccio io..Ho preso il manuale con tutto dalla storia alle tecniche..

hehehe e mi sto allenando..ancora sono all'inizio..e mi alleno a scuola...sono riuscito solo ad far la capovolta nel muro con il materassino per terra e saltare nel muro per poi arrivare in cima al tabellone del basket...lo so sono cose piccole ma come inizio non è niente male... ma il problema serio è che la prof non vuole vedere ste cose...uffa...ma nonostante ciò che la faccio uscire pazza io continuo hehee :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ahahaha io ho una gran voglia di provare il salto da gatto a gatto da un muro all'altro :rotfl: :rotfl: :rotfl:

gg vado al valmontone outlet proverò li a scendere in piedi sopra lo scorrimano (ce ne sono di interessanti) :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

:rotfl: stamane abbiamo fatto na scampagnata con dei miei amici... in una campagna di un mio amico un pò abbandonata!!!

un mio compagno voleva saltare sopra un muretto alto 1 metro, alza i piedi e poffffffff,, per terra

poi salire sul tetto solo con le mani senza appoggiare i piedi nel muro le prime 20 volte impossibile poi dopo fattibile ma di risate

evitate di fare ste minghiate se non avete protezioni e preparazioni..un mio amico voleva saltare un muretto e meno male che gli ho afferrato le spalle, perchè rischiava di sbattere la testa.. :rotfl: :rotfl: :rotfl: di bestia :rotfl: :rotfl: :rotfl:

Share this post


Link to post
Share on other sites

ahahaha il massimo ke sono riuscito a fare è stato saltare su un muretto alto mezzo metro soltanto con lo slancio senza saltare....

 

 

mah....ci vuole troppa prestanza fisica e il rischio è troppo elevato per divertirsi

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io qualcosina so fare!!! Conosco degli amici che si buttano dai palazzi ,saltano da una finestra all'altra,scalano i grattacielei tranquillamente ecc. XD

 

Io il massimo prodigio a cui sono arrivato e' il backwall flipp o qualcosa del genere,corri verso un muro,lo "scali" e fai una capriola. Ogni volta rischio collo,ma e' un dettaglio :D

 

Deve essere stupendo da applicarlo alla vita quotidiana.

Ti svegli e sei in ritardo,ti vesti di corsa e invece di scendere le scale ti butti tranquillamente dalla finestra. Inizi a correre come un dannato,salti cancelli,macchine e persone,arrivi a scuola ma hanno chiuso i cancelli.Niente di piu' facile,salti sui muri,ti scali tranquillamente l'edificio e entri in classe dalla finestra.

Dopo le lezioni la proff ti impone di restare in aula perche' non hai fatto i compiti e si piazza davanti alla porta. Anche qui facilissimo,ti butti dalla finestra ed esci tranquillamente da scuola e tra un salto e l'altro torni a casa!!

 

 

qui il wallflip link

Share this post


Link to post
Share on other sites

pecvcato che non ci siano delle crew qui vicino :(

 

anche a top gear hanno fatto una gara tra un'auto e dei treacer nel centro di londra, hanno fatto certi salti da 4 metri in avvitamento carpiato in avanti..... :blink:

 

indovinate chi ha vinto???

 

 

ah ho trovato la fotro dei due pazzi: (quello al centro è uno dei conduttori :James May)

 

TG.cover.1.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...