Jump to content

Niente EF-2000 per la Grecia


JackFlanker
 Share

Recommended Posts

Ho letto sul forum di Aviopress che la Grecia ha abbandonato le suo intenzioni di acquistare velivoli Eurofighter... bella mazzata per il consorzio europeo :blink::(

Riporto qui l'articolo:

 

Greece has decided to finally scrap their 4.8 billion euro ($6.2 billion) agreement with the European Aeronautic Defence and Space Company (EADS) to buy 60 Eurofighter jets (plus a further 30 options).

 

The present centre-right government which took office last March doesn't feel bound by the decision of the previous Socialist government. They will launch a new tender in 2005 for the purchase of additional fighter jets.

 

According to the air force's operational needs, about 60 jets are needed. The tender will be open to all bidders.

 

Lockheed Martin, Dassault Aviation (Rafale) and a venture between BAE Systems and Saab were rivals in the previous tender but this time Russian Sukhoi fighter jets would also be considered.

 

Greece's former socialist government, which lost elections in March, had decided in 2000 to buy the Typhoons but a year later delayed delivery until after 2005 due to what it said where budget constraints because of the Athens 2004 Olympic Games.

 

The deal was initially for 60 jets with an option for another 30 later.

 

Greece, one of the biggest defence spenders in Europe due to the traditional rivalry with Turkey, has in recent years realised that its ambitious arms program is not affordable under current circumstances. It curbed defence costs in a bid to improve ties with Ankara and invested the funds in the Games and social welfare programs.

 

Last year it slashed a purchase of the NH-90 twin engine, 10 ton multi-role helicopter from EADS' unit Eurocopter by 50 percent, acquiring only 20 choppers instead of 40.

 

The government is eager to reduce its defence costs, which two years ago were about 5 percent of GDP. Most other European Union members have defence costs at 1.5 percent of GDP or lower.

 

Greece completed the receipt of 60 F-16 Block 50s last year which leaves their air force well enough equipped to meet current needs, defence analysts say.

Link to comment
Share on other sites

Ho letto sul forum di Aviopress che la Grecia ha abbandonato le suo intenzioni di acquistare velivoli Eurofighter... bella mazzata per il consorzio europeo :blink::(

Riporto qui l'articolo:

 

Greece has decided to finally scrap their 4.8 billion euro ($6.2 billion) agreement with the European Aeronautic Defence and Space Company (EADS) to buy 60 Eurofighter jets (plus a further 30 options).

 

The present centre-right government which took office last March doesn't feel bound by the decision of the previous Socialist government. They will launch a new tender in 2005 for the purchase of additional fighter jets.

 

According to the air force's operational needs, about 60 jets are needed. The tender will be open to all bidders.

 

Lockheed Martin, Dassault Aviation (Rafale) and a venture between BAE Systems and Saab were rivals in the previous tender but this time Russian Sukhoi fighter jets would also be considered.

 

Greece's former socialist government, which lost elections in March, had decided in 2000 to buy the Typhoons but a year later delayed delivery until after 2005 due to what it said where budget constraints because of the Athens 2004 Olympic Games.

 

The deal was initially for 60 jets with an option for another 30 later.

 

Greece, one of the biggest defence spenders in Europe due to the traditional rivalry with Turkey, has in recent years realised that its ambitious arms program is not affordable under current circumstances. It curbed defence costs in a bid to improve ties with Ankara and invested the funds in the Games and social welfare programs.

 

Last year it slashed a purchase of the NH-90 twin engine, 10 ton multi-role helicopter from EADS' unit Eurocopter by 50 percent, acquiring only 20 choppers instead of 40.

 

The government is eager to reduce its defence costs, which two years ago were about 5 percent of GDP. Most other European Union members have defence costs at 1.5 percent of GDP or lower.

 

Greece completed the receipt of 60 F-16 Block 50s last year which leaves their air force well enough equipped to meet current needs, defence analysts say.

non è stata però una buona scelta secondo me... la grecia con gli EF2000 poteva avere un buon aereo per la sua difesa aerea, anzi ottimo aereo direi... :thumbdown:

Link to comment
Share on other sites

Anche perché non credo che gli altri aerei di rimpiazzo di cui parla l'articolo siano tanto più economici...

Bhò, cmq noi non possiamo neanche troppo dire se sia stata una boiata o meno questa scelta... avranno valutato bene la situazione prima di compiere questa decisione!!!

 

Cmq anche io sono dell'opinione che l'EFA andasse benissimo per loro!!! :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

penso di no. l'F22 è l'aereo più " forte" in circolazione, e certamente gli americanni non lo presteranno/venderanno facilmente, questo discorso vale anche per i paesi amici...... :ph34r:

Esatto!!!

L'F22 sarà in mano soltato ai loro creatori... gli americani sono troppo gelosi della tecnologia del mitico Raptor!!! per l'esportazione esiste l' F35

Link to comment
Share on other sites

io penso di si...anche se sono simili l'F-22 è il caccia della nuova generazione!

calma... l'F22 è un caccia da interdizione aereo di nuova concezione mentre l'F35 è un caccia-bombardiere medio con caratteristche avanzate simili all'F22, ma non per questo inferiori.. anzi

entrambi hanno capacità stealth, comandi fly-by-wire, strumentazione elettronica avanzati con multi-display a colori, ecc....

Il fatto è che poi l'F22 è molto più grosso e che quindi comprende molte più parti (e credo che sia uno dei motivi che lo renda più costoso) poi dal punto di vista dell'avionica è effettivamente più complesso dell'F35 poiché sono stati proprio concepiti in maniera diversa:

L'F22 doveva essere un caccia sbalorditivo almeno due volte più efficace e letale dell'F15 e soprattutto non da esportazione il che ha permesso una gestione dei costi di produzione più elevata...

L'F35 invece doveva essere a più ampio rispiro e di conseguenza costare meno...

Link to comment
Share on other sites

Per Maverick: i comandi fly-by-wire sono un sistema di controllo dell'aereo completamente elettronico. La vecchia "meccanica" viene dunque totalmente abbandonata...

 

Per Dread:che io sappia no... in origine l'Eurofighter doveva avere comandi Touch-screen ma in seguito si è optato per i più tradizionali bottoni sul perimetro del display ;)

Link to comment
Share on other sites

poi 60 efa mi sembrano troppi

esatto. con tutti questi efa gli europei che intenzioni hanno?

purtroppo il terrorismo non lo si sconfigge con gli aerei...

Allora questo discorso potrebbe essere esteso a tutte le aeronautiche del mondo...

Io credo che la decisione della grecia non sia stata dettata dal problema terrorismo, quanto da uno prettamente economico...

Link to comment
Share on other sites

L'F-35 e l' F-22 sono due macchine molto simili dal punto di vista tecnologico, ma chiaramente diverse come tipologia.

 

L' F-22 è un caccia pesante ad alte prestazioni e grande autonomia, con una limitata capacità di compiere missioni aria-terra.

 

L' F-35 è un caccia medio-leggero multiruolo, con una certa predisposizione all'attacco al suolo.

 

E' come se l'F-22 fosse l' F-15 e l'F-35 fosse l'F-18.

 

La Grecia ha un gravissimo problema economico, non a caso si è scoperto che i bilanci dello Stato sono stati manipolati per consentire l'ingresso in zona Euro.

 

Se osservate le nazioni che hanno acquistato per prime l'EFA, noterete che erano abbastanza messe male nella difesa aerea:

 

- L'Inghilterra aveva i Tornado ADV che non sono esattamente dei caccia puri.

- La Germania andava avanti con i Phantom.

- L'Italia aveva i preistorici F-104.

- La Spagna aveva un pugno di F-18A e vecchi Mirage F-1.

 

La Grecia invece ha molti tipi moderni, come gli F-16 nelle versioni Block 30 e 50, i Mirage 2000. Poi ha in carico gli F-4E aggiornati con il programma Icarus, gli A-7 Corsair e i Mirage F-1.

 

Abbiamo ben 5 modelli principali, un incubo per i costi di gestione e manutenzione.

 

Ora, con ben 40 F-16C-30 (aggiornati MLU) e quasi 100 F-16C-50, e 40 Mirage 2000, la Grecia già dispone di una consistente linea di caccia moderni.

In fine dei conti un Typhoon non è che sia chissà quanto lontano da un F-16C o un Mirage 2000 delle ultime serie.

 

Al contrario, la Grecia ha necessità di sostituire gli A-7 usati per l'attacco al suolo e gli F/RF-4E usati per la ricognizione e per l'attacco al suolo.

In questo senso, obiettivamente la scelta dell'Eurofighter non sembra molto logica.

L'Eurofighter è un caccia, le sue capacità di attacco sono ancora molto limitate.

In effetti il candidato ideale per la Grecia sarebbe l' F-35, ma poichè c'è la necessità di ridurre i tipi in servizio per risparmiare sulla manutenzione, continuare sulla strada del Mirage 2000 e/o dell' F-16 non è una cattiva idea.

Link to comment
Share on other sites

è logico ma grandi nazioni possono avere grandi nemici la gragia al max la turchia

e la turchia sarebbe un piccolo nemico?

è come se l'italia fosse in situazione di continua tensione con la francia......

cosa può schierare di serio oltre a degli f-4 qualche mig forse non so ........

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...