Jump to content

portaerei nucleare


davidecosenza

Recommended Posts

Se vai fino a Tolone, qualche possibilità di vedere la De Gaulle ce l'hai, soprattutto adesso che deve andare in manutenzione.... Non è a due passi, ma se abiti in Liguria e a La Spezia le portaerei non ci stanno, non hai nulla di più vicino.

 

Io sn di spezia...ed un paio di sottomarini nucleari ce li ho visti!!!!

 

E durante il periodo della guerra nei balcani...vi era un gra via vai di navi...e una portaerei a largo...oltre la diga si eva venuta a fermare!!!

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Be quoto i discorsi iniziali sulla riluttanza dell'italia di acquisire il nucleare (assolutamente inutile), ma gli ssn o ssbn sono lunghi sui 90m e oltre, es. Typoon, Los Angeles, Ohio e così via, ma in un mare semi chiuso come il Mediterraneo non molto profondo e neanche largo a sufficenza sarebbe come costringere un di 35 anni ad andare nella vaschetta per il bagno dei bambini di 18 mesi.

Questi affari esprimono la loro massima efficienza in acque profonde, spaziose e prive di ostacoli dove esibire tutta la loro potenza balistica e non di cui dispongono.

Tanto è vero che i sottomarini nucleari si trovano in francia (nelle basi sulla manica) e nel regno unito.

Questi ultimi infatti utilizzano i loro trident soprattutto nel'atlantico e nella zona (di cui non ricordo il nome) tra l' islanda e la norvegia, dove è anche presente il SOSUS americano (che è una serie di idrofoni e boe sonar subacquee).

Per questo penso che la marina abbia deciso di dare continuità alla tradizione sommergibilistica con l'acquisizione del Todaro e dello Scirè. :whistling:

Edited by wingrove
Link to comment
Share on other sites

  • 2 months later...
  • 1 year later...

La USS George H.W. Bush completa le prove in mare

 

cvn77_bush.jpg

 

La portaerei nucleare USS George H. W. Bush (CVN 77), decima e ultima unità della classe Nimitz, ha completato le prove in mare compiute dal costruttore Northrop Grumman, collaudando sistemi, componenti e compartimenti per la prima volta, inclusa prova di propulsione ad alta velocità. Costruttore, US Navy e il comando di gestione della flotta NAVSEA hanno lavorato collaborativamente per garantire la consegna della nave alla marina USA in primavera e la piena operatività nei prossimi 50 anni, con primo schieramento in missione previsto per fine 2010.

Ora seguirà la fase di prove di accettazione condotte dagli ispettori della U.S. Navy Board of Inspection and Survey per valutare i sistemi della nave e le relative performance.

La nave prende il nome del 41esimo presidente americano, il più giovane pilota della Marina USA nella seconda guerra mondiale. Il suo TBM Avenger fu abbattuto nell’oceano pacifico dal fuoco contraereo giapponese nel 1944 e prima di precipitare riuscì lo stesso a colpire l’obiettivo con le sue bombe. Gli altri due membri dell’equipaggio morirono e lui fu infine tratto in salvo dal sottomarino USS Finback. Ricevette la Distinguished Flying Cross.

Lunga 332 metri, dislocamento di 97.000 tonnellate, 2600 km di cavi installati, equipaggio di 5.500 marinai, capace di trasportare e operare 80 fra aerei ed elicotteri e raggiungere velocità di 30 nodi grazie ai suoi due reattori nucleari, la George H. W. Bush è il prodotto del lavoro di 2.000 aziende in 46 stati americani. L’unità, la più avanzata portaerei in circolazione, è stata varata nel 2006 e armata il 10 gennaio 2009.

Alla classe Nimitz farà seguito la classe Ford, la cui capoclasse Gerald R. Ford (CVN 78) entrerà in servizio nel 2015 e sostituirà la USS Enterprise (CVN 65), in mare dal 1961.

 

17 Feb 2009 www.difesanews.it

Link to comment
Share on other sites

In Italia abbiamo votato contro l'uso del Nucleare quindi è un po difficile che avremmo navi o sottomarini con motori a fissione...

Avevamo votato anche i referendum per togliere il finanziamento pubblico ai partiti ma è tornato... Le leggi si cambiano e questa era da cambiare già anni fa.

 

L'Italia, poi, non ha esigenza di mantenere portaerei nucleari in quanto ha un modello di difesa che contempla come scenario il mediterraneo allargato e una unità che sta fuori un anno continuativamente non è contemplata nella dottrina navale italiana.

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...