Jump to content
SilverFlash

Swiss Air Force

Recommended Posts

Si conosce qualche dettaglio in più riguardo il futuro sistema per il programma BODLUV 2020?

Nelle poche informazioni che ho trovato si parla di un interessamento ad avere una capacità antibalistica con cooperazione internazionale....

 

Per quanto riguarda l'upgrade degli F-18, non era/è già in corso un programma denominato Upgrade 25 per il loro aggiornamento con l'adozione di un nuovo RWR, Data-Link 16, visore del casco JHMSC e integrazione del pod ATFLIR e dei missili AIM-9X?

A che punto sono?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, BODLUV 2020 dovrebbe essere n programma della Rheinmetall Air Defence (prima Oerlikon Contraves) che incorporerà un nuovo cannone "semi-unmanned" (cioè senza equipaggio direttamente che manovra il cannone, ma remotamente da bunker o postazioni all' aperto), l' Oerlikon Mk.2 gun, portata di tiro ed ingaggio di 4 km, radar ad apertura sintetica per il controllo, capacità di colpire più bersagli, ecc. ed un sistema SAM non ancora rivelato, insomma questo darà modo alla DCA svizzera di divetare oderna ed efficiente.

 

Per quanto riguarda l' Upgrade 25, il programma è stato completato da circa un anno, l' F/A-18C o D è stato migliorato in alcuni delle sue dotazioni originarie (come hai detto tu, un nuovo RWR, con alcune parti di RUAG, nuovi MFDs a colori leggermente migliorati) mentre l' aggiunta di un Link16 (ultimo standard NATO) e di Missili Raytheon (Prodotti da RUAG) AIM-120C7 (ultima versione dell' AMRAAM) in sostituzione dell' AIM-120B e AIM-9X2 (ultima versione del Sidewinder) lo ha portato all ultimo stand dlla tecnica.

 

http://www.cavok-aviation-photos.net/ntm04/FA18C_J5011.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie Hornet!

 

Riguardo al cannone automatico per la DCA allora probabile si tratterà del sistema Mantis, gia in servizio in Germania e evoluzione del precedente Skyshield sempre basato su un'arma da 35mm.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah, BODLUV 2020 dovrebbe essere n programma della Rheinmetall Air Defence (prima Oerlikon Contraves) che incorporerà un nuovo cannone "semi-unmanned" (cioè senza equipaggio direttamente che manovra il cannone, ma remotamente da bunker o postazioni all' aperto), l' Oerlikon Mk.2 gun, portata di tiro ed ingaggio di 4 km, radar ad apertura sintetica per il controllo, capacità di colpire più bersagli, ecc. ed un sistema SAM non ancora rivelato, insomma questo darà modo alla DCA svizzera di divetare oderna ed efficiente.

 

Per quanto riguarda l' Upgrade 25, il programma è stato completato da circa un anno, l' F/A-18C o D è stato migliorato in alcuni delle sue dotazioni originarie (come hai detto tu, un nuovo RWR, con alcune parti di RUAG, nuovi MFDs a colori leggermente migliorati) mentre l' aggiunta di un Link16 (ultimo standard NATO) e di Missili Raytheon (Prodotti da RUAG) AIM-120C7 (ultima versione dell' AMRAAM) in sostituzione dell' AIM-120B e AIM-9X2 (ultima versione del Sidewinder, anch'essi sempre prodotti da RUAG) lo ha portato all ultimo stand della tecnica.

FA18C_J5011.jpg

ho dimenticato di aggiungere che portano la nuova versione del cannone Gaitling/Vulcan GE M61 (l' A2) e che sono in grado di usare anche l' ATFLIR.

Vedremo se un eventual Upgrade 29 (con magari radar RACR; Raytheon Advanced Combat Radar, versione modificata AESA del noto APG-65, (anche chimato APG-65V(3) ) o APG-73) verrà iniziato.

 

Ripeto. è sempre quel che penso io.

:unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcosa che riguarda BODLUV 2020 sarà già inserito nel programma d'armamento del prossimo anno basato però, soprattutto, sull'acquisto dei droni di costruzione israeliana. Poi per gli Hornet.... leggevo oggi, ma mancano le conferme che potrebbero arrivare nell'ambito di Air14, del passaggio della Patrouille suisse dai dismessi Tiger agli F-18 a partire dal 2017. Sarebbe una primizia europea vedere una pattuglia acrobatica (4 apparecchi) su aerei da 25 tonnellate. Una realtà da USA, tanto che io, in un forum, l'avevo definita un'inimitabile americanata. Vedremo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

La rivista svizzera Skynews riporta varie considerazioni circa il pro e il contro del prolungamento del servizio dei Tiger.

Il Dipartimento della Difesa, come è stato detto più volte anche in questo forum, ha sempre affermato che non vi è nessuna logica militarfinanziaria nel prolungare la vita operativa degli attuali 54 F-5 E/F "Tiger II", un loro costoso adattamento sarebbe, si dice, sproporzionato al risultato. Non convincente, in un'ottica svizzera, è definita l'operazione delle FAB con l'adattamento dei Tiger della flotta brasiliana... Altra situazione però.

Vi sarebbe però una cosiddetta soluzione di compromesso. L' ha citata, nell'ambito della manifestazione Air14 di Payerne, il comandante della Patrouille suisse Ten col Daniel Hösli. A titolo personale auspica la continuazione del servizio degli F-5 anche se in numero ridotto rispetto agli attuali 54. Servizio non più come "aereo da combattimento" ma solo come apparecchio con capacità di supporto ("Unterstützungsaufgaben"): simulazione di aerei nemici, traino di bersagli della DCA per gli esercizi di tiro sul Dammastock. Inoltre si manterrebbe in vita la Patrouille suisse senza far capo a 4 "Hornet" più utili certamente per il loro uso primario. Si tratterebbe di tenere in flotta da 12 a 20 apparecchi per sei/sette anni dopo la data stabilita per il loro ritiro (2016). I Tiger sono certamente superati tecnicamente...(non erano granché già al momento del loro acquisto) ma in un ottimo stato e con relativamente poche ore di volo (in un confronto con l'estero). Non si tratta di "modernizzarli" ma di continuare ad assicurare le loro capacità di volo con la normale manutenzione. Variante realista?... Può anche darsi, il ritiro di materiale militare come in questo caso spetta al Parlamento federale secondo nuove norme di legge e i possibilisti appaiono in aumento.

Importante anche l'aspetto finanziario: un Tiger II costa 19'000 CHF all'ora, un Hornet 30'600 CHF (dati ufficiali in risposta a un deputato)

Share this post


Link to post
Share on other sites

www.blick.ch

 

Il "Sonntagsblick" pubblica oggi un articolo sui "sogni dei generali (svizzeri)". In pratica si riaccende la discussione sull'eventualità per l'Esercito /Forze aeree di disporre di aerei da trasporto. La Svizzera ha infatti una curiosa realtà: le sue Truppe d'aviazione, ora Forze aeree, non hanno mai avuto aerei da trasporto... Eppure per vari decenni avevano avuto fino a 600 aerei da combattimento.

I tempi sono cambiati e, già dalla fine degli anni 90 si era manifestata la necessità di disporre di aerei da trasporto. La scelta era caduta sui CASA-295 (2 esemplari) utili/necessari per i collegamenti con il contingente svizzero nel Kossovo (250 soldati). L'acquisto, contenuto in un Programma d'armamento (2004 mi pare) venne bocciato da un'alleanza impropria fra sinistra (PS) e destra (UDC). Ora i tempi sembrano cambiati: deputati rilanciano l'argomento, il Dipartimento della difesa si dà da fare anche se il ministro Maurer è ben più che tiepido sull'argomento. Non vi sono ancora proposte concrete ma le possibilità sono parecchie:

1. A400M

2. Boeing C-17

3. CASA C295

4. Alenia C-27J

5. Lockeed C-130K

6. BAe 146C MkIII

 

Nell'articolo si legge che il preferito sarebbe l'Hercules (di seconda mano) sul mercato per 16 milioni di Franchi, ci sarebbero poi anche i Jumbolini ritirati da SWISS e adattabili per scopi militari da BAe. La novità sarebbe l'intervento, oltre al Dipartimento della difesa, anche di quello degli affari esteri. Per ora è solo un articolo di giornale però...Vedremo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dimostrazione di tiro all' AXALP-EBENFLUH, sopra Brienz (Cantone di Berna) 2015

 

Dopo la rinuncia dello scorso anno a causa del 100° dell'aviazione militare (manif.principale a Payerne) riprende quest' anno la spettacolare dimostrazione di tiro dell'Axalp a 2'250 m/sm. Date previste: 7 e 8 ottobre 2015.

La manifestazione attira molto pubblico (2-3'000 persone con una punta tre anni fa di 7'000!) a causa della sua particolare situazione geografica in alta quota. L'esercitazione venne voluta dal gen,Guisan nel 1942 ed era una molteplici esercitazioni di tiro (alcune dozzine) delle Truppe d'aviazione ora Forze aeree svizzere. Ora è rimasta una dimostrazione o poco più, il valore bellico delle squadriglie svizzere lo si può misurare ormai solo in campagne estive e invernali nel nord dell'Europa (Norvegia, Regno Unito, Germania).

 

www.vbs.ch

Edited by mo-mo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Soccorso aereo per ..... mucche assetate ..... :drool:

 

2a6ta1s.jpg


A really weird and unexpected incursion into the French airspace took place at the end of July.
According to what “Neue Zürcher Zeitung” (“NZZ”), two Swiss Air Force Eurocopter AS332 Super Puma helicopters equipped with bambi buckets collected more than 50,000 liters of water from Lac des Rousses border lake, in France.
Although the Swiss Air Force requested permission to enter the French airspace to the French Air Force, the local authorities and police were caught by surprise by the cross-border incursion that almost led to a diplomatic upset.

 

Fonte ..... "Swiss Air Force helicopters crossed the border with France to collect water for thirsty cows" ..... http://theaviationist.com/2015/08/11/swiss-air-force-takes-water-from-france/
Altra versione ..... "Bovini abbeverati con l'elicottero, acqua presa senza permesso" ..... http://www.tio.ch/News/Svizzera/Attualita/1041392/Bovini-abbeverati-con-l-elicottero-acqua-presa-senza-permesso/
La Côte ..... "Vaud: le ravitaillement en eau des bovins paissant dans les alpages a débuté" ..... http://www.lacote.ch/fr/regions/vaud/vaud-le-ravitaillement-en-eau-des-bovins-paissant-dans-les-alpages-a-debute-2138-1489860

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi è stato pubblicato il "Programma d'armamento" 2016 delle Esercito svizzero, in pratica una decisione d'impegno per armamenti che verranno pagati durante vari anni con il normale budget militare. Su 1,3 miliardi di CHF , 127 milioni sono previsti per pezzi di ricambio per la flotta degli Hornet. L'acquisto avverrà gradualmente fino ai primi anni 20 e assieme agli altri utilizzatori dell' F-18 per ridurre i costi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Carriera dei Tiger verso la fine anche per quanto riguarda l' ultima Scuola reclute dei soldati formati sul "venerabile" caccia americano. La prima SR si era svolta nell' estate del 1981 a Payerne, attuale maggiore base militare delle Forze aeree svizzere. D'ora innanzi i soldati saranno formati solo sugli "Hornet". Essendo "di milizia" i soldati d'aviazione non eseguono compliti complessi per i quali vi sono specialisti (civili) a disposizione tutto l'anno. Migliaia di giovani svizzeri hanno così operato sugli aeroporti militari svizzeri per il buon funzionamento dei Tiger... Adesso manca il successore!

Share this post


Link to post
Share on other sites

www.vbs.ch

 

Quest'anno ricorre il 75° dell' Aeroporto militare di Meiringen-Unterbach ("Comando aeroporto 13") nel Canton Berna. Il Ministero della difesa organizza una manifestazione speciale. Segnalo l'avvenimento anche perché questa base aerea montana è stata citata e fotografata da appassionati italiani a più riprese in vari forum. La manifestazione si svolgerà giovedì 16, venerdì 17, sabato 18 giugno 2016. Prove il 16, show vero e proprio il 17 e il 18 giugno.

Edited by mo-mo

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulla rivista aeronautica "COCKPIT" il comandante dell' Aeroporto di Meiringen colonnello Reto Kunz dà qualche informazione sulla "festa popolare" per il 75° della sua base aerea.

All'' Air Show parteciperanno la Patrouille suisse, il PC-7 Team, lo Swiss Hornet Display Team, il PC-21 Display. A terra saranno in mostra attuali mezzi delle Forze aeree e qualche oldtimer delle Truppe d'aviazione. Dall'estero giungeranno due Efa della squadra 74 (Luftwaffe/Neuburg), due Rafale della squadriglia SPA162 (AdA/Saint-Dizier), due F-16 del 31° squadrone "Tijger" (Componente aerea Belgio/Kleine Brogel). Vi saranno pure dimostrazioni a terra. Entrata libera, la manifestazione è stata pianificata con il supporto di partner civili e si autofinanzia.

 

L'aeroporto di Meiringen è stato costruito nel 1941 nell'Haslital, valle bernese di notevole importanza turistica. E' circondato da montagne alte oltre 2'200 m e la sua pista, per l'atterraggio, richiede un angolo di discesa di 11°. Difficile anche la situazione meteo: tempo assai variabile e frequenti, forti correnti d'aria.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un paio di settimane fa il Comandante della Luftwaffe svizzera Aldo Schellenberg, durante un rapporto con i quadri civili e militari del Dipartimento della Difesa ha parlato, fra l'altro, del... futuro dei Tiger. Di questi aerei si parla da parecchio tempo, erano 110 acquistati in due tranches, ora ne sono rimasti 26 ufficialmente in servizio. Nessuno si illude che abbiano un valore bellico significativo: non... amano né la notte, né il cattivo tempo. Si ammette che possano avere, anzi hanno, qualche uso di supporto agli Hornet. Schellenberg ha dichiarato che saranno ritirati dal servizio non prima del 2018... Quindi si è già aggiunto parecchio tempo rispetto alle previsioni di qualche anno fa. Si ipotizza pure un prolungamento della loro vita fino al 2025 se il Parlamento lo vorrà. Non saranno effettuati miglioramenti sugli apparecchi ma solo una normale manutenzione da parte della società federale RUAG. In pratica si vuole mantenere in vita la Patrouille suisse che vola, appunto, con aviogetti americani. I 12 aerei con la livrea rossocrociata sono stati gli ultimi consegnati alle Forze aeree svizzere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

www.blick.ch

 

Scontro in volo fra due F-5 della Patrouille suisse in Olanda. Un apparecchio, danneggiato, ha effettuato un atterraggio d'emergenza, l'altro è precipitato. Il pilota si è gettato con il seggiolino eiettabile.

Share this post


Link to post
Share on other sites

www.vbs.ch

 

Autorità politiche e militari hanno deciso la partecipazione della Patrouille suisse ai prossimi festeggiamenti per il 75° dell'aeroporto di Meiringen (BE) il 17 e 18 giugno prossimi. La formazione sarà ridotta a 5 apparecchi. Mancherà il pilota ferito nell'incidente della scorsa settimana in Olanda.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E si ... volano proprio bassi ... :bleh:

 

... Aereo taglia cavo,paura ai Mondiali sci ...

 

... Une caméra s'écrase dans l'aire d'arrivée ...

 

Se ... se il pilota ci sa fare ...
Insomma, se ... se è in gamba ... ti porta l'aereo così basso ...
Eh, eh, eh, lei dovrebbe vederlo !
È uno spettacolo, un tigrotto come l' F-5, brooom !
Coi gas di scarico t'arrostisce le mucche vive, ah, ah, ah !

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Contrordine ...

 

... non si trattava di un F-5E (come lasciava intendere l'immagine della TdG) ... bensì di un Pilatus PC-7 di progettazione e produzione nazionale ...

 

... Mondiaux de ski à St-Moritz : un avion du Team PC-7 détruit une caméra, le géant repoussé ...

 

Tutto in famiglia ... dunque ...

 

:whistling:

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eh sì, capita anche altrove che siano di progettazione nazionale... Vabbè, non doveva capitare, è andata bene. Si vedrà cosa dirà la giustizia militare. Potrebbe anche darsi che le indicazioni date da organizzatori del Mondiale e dalla SRF (Schweizer Radio und Fernsehen) non siano state corrette. In ogni caso quello che dicono gli addetti (piloti d'aviazione) è l' obiettiva incompatibilità fra show aerei del genere e riprese TV spettacolari come quelle previste. Dovrebbe esserci una scelta: o uno o l'altro. Certamente l'ambiente montano svizzero è un "atout" molto spettacolare soprattutto da un punto di vista propagandistico. Le altre pattuglie acrobatiche si esibiscono, di solito, in ambienti "meno difficoltosi", anche la PAN, pattuglia di un Paese dove le montagne non mancano certamente, né a nord, né al centro del Paese, né al sud.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Dipartimento della difesa ha presentato stamattina il "Messaggio sull' Esercito 2017" che prevede crediti di impegno per oltre 2 miliardi di CHF. Di questi 450 milioni sono previsti per prolungare fino al 2030 la durata di uso degli aerei F-18 "Hornet" (6000 ore). Il Governo precisa inoltre che "per prolungare l'efficacia operativa verranno acquistati successivamente missili a guida radar".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il Dipartimento della difesa ha presentato stamattina il "Messaggio sull' Esercito 2017" che prevede crediti di impegno per oltre 2 miliardi di CHF.

Di questi 450 milioni sono previsti per prolungare fino al 2030 la durata di uso degli aerei F-18 "Hornet" (6000 ore).

Il Governo precisa inoltre che "per prolungare l'efficacia operativa verranno acquistati successivamente missili a guida radar".

 

Il documento ... Messaggio sull'esercito 2017 ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'esercito svizzero ha definito i criteri di scelta per i programmi per acquistare dei caccia (NKF) e dei sistemi di difesa terra-aria (BODLUV).

Riassumendo il messaggio del Dipartimento della difesa, la nostra forza aerea intende rimpiazzare l'attuale flotta consistente di 34 F/A-18 e 54 F-5 con un aviazione monotipo, nell'ordine dei 30-40 apparecchi, nonché l'attuale sistema di missili Rapier con una difesa terra-aria capace di coprire 15000 km2 di spazio aereo e di abbattere un nemico a circa 50 km di distanza.

 

I candidati sono

per NKF:

  • Eurofighter EF-2000 Typhoon (presumibilmente di tranche 3)
  • Dassault Rafale (presumibilmente versione F3)
  • Boeing F/A-18 Super Hornet
  • SAAB Gripen E/F
  • Lockheed Martin F-35A

per BODLUV:

  • MBDA SAMP/T
  • Rafael David's Sling
  • Raytheon MIM-109 Patriot

Per quanto mi riguarda, mi piange il cuore a sapere che sicuramente ne l'Hornet ne l'F-35 saranno seriamente presi in considerazione, e secondo me per i seguenti motivi, ossia che il Super Hornet è stato dichiarato troppo grande per entrare nei nostri shelter nelle montagne, mentre il Lightning a rigor di ogni logica sarebbe da scartare considerando che vi sono non so quante nazioni partner ai quali l'aereo dovrebbe essere consegnato prima di noi, dunque si conclude che sarebbe impossibile per la Lockheed Martin soddisfare i tempi di consegna richiesti dal DDPS...

 

Il Gripen non gode di buona stima nel nostro paese (anzi è talvolta oggetto di scherno popolare) dopo l'agguerrita campagna per il referendum che lo ha riguardato, per cui mi sbilancerei ad affermare che la scelta cadrà probabilmente o sul Typhoon o sul Rafale, i quali presentano molteplici vantaggi.

 

Typhoon:

  • integrazione tra il SAMP/T e l'aereo
  • tempi di consegna
  • eventuale concessione della produzione su licenza presso la RUAG????

Rafale:

  • integrazione tra il SAMP/T e l'aereo
  • tempi di consegna
  • concessione d'uso di aree d'esercitazione e poligoni di tiro francesi per i nostri aerei qualora quest'ultimo fosse scelto
  • eventuale concessione della produzione su licenza presso la RUAG, come già avvenuto per i Mirage
  • Nonostante non sia esplicitamente un requisito, penso che al nostro governo farebbe piacere trattare con un singolo paese per l'acquisto di entrambe i sistemi...

FONTE: https://www.newsd.admin.ch/newsd/message/attachments/51786.pdf

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×