Jump to content
Sign in to follow this  
speedyGRUNF

19...

Recommended Posts

Si chiama semplicemente"19",Nineteen,di Paul Hardcastle,e sbaragliava le classifiche nei primi anni 80...Eravamo agli albori della House-Music...

I DJ radiofonici la definivano"Cattivissima",HeavyMetal & Co a parte...

Da quello che mi pare di capire dal cantato(O meglio"parlato"),dice che la maggior parte dei soldati Americani nella seconda Guerra Mondiale aveva 26 anni,mentre in VietNam era di 19...Mamma mia :o ,così giovani...

Non so chi di voi la conosca,ma se qualcuno ce l'ha,e per di più conoscesse l'Inglese(Magari un John scelto a caso :rolleyes: ...),potrebbe trascrivere la traduzione del testo?

THX :):):)

Share this post


Link to post
Share on other sites

TESTO ORIGINALE

 

19

 

In 1965 Vietnam seemed like just another foreign war,

but it wasn't.

It was different in many ways, as so were those that did the fighting.

In World War II the average age of the combat soldier was 26...

In Vietnam he was 19.

In inininininin Vietnam he was 19.

 

(TV announcer's voice)

The shooting and fighting of the past two weeks continued today

25 miles west of Saigon

I really wasn't sure what was going on (Vet's Voice)

 

Nininini Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

 

In Vietnam the combat soldier typically served a twelve month tour of duty but

was exposed to hostile fire almost everyday

Ninininininininininin 19 nininininninin 19

 

Hundreds of Thousands of men who saw heavy combat in Vietnam were arrested since discharge Their arrest rate is almost twice that of non-veterans of the same age.

There are no accurate figures of how many of these men have been incarcerated.

But, a Veterans Administration study concludes that the greater of Vets

exposure to combat could more likely affect his chances of being arrested or convicted.

 

This is one legacy of the Vietnam War

 

(Singing Girls)

All those who remember the war

They won't forget what they've seen..

Destruction of men in their prime

whose average was 19

Dedededededede-Destruction

Dedededededede-Destruction

War, War

Dededede-Destruction, wa-wa-War, wa-War, War

Dedededededede-Destruction

War, War

 

After World War II the Men came home together on troop ships, but the Vietnam

Vet often arrived home within 48 hours of jungle combat

Perhaps the most dramatic difference between World War II and Vietnam was

coming home.. .none of them received a hero's welcome

None of them received a heroes welcome, none of them, none of them

Nenene Nenene None of them, none of them, none of them (etc...)

None of them received a hero's welcome

None of them received a hero's welcome

 

According to a Veteran's Administration study

Half of the Vietnam combat veterans suffered from what Psychiatrists call

Post-Traumatic-Stress-Disorder

Many vets complain of alienation, rage, or guilt

Some succumb to suicidal thoughts

Eight to Ten years after coming home almost eight-hundred-thousand men are

still fighting the Vietnam War

 

(Singing Girls)

Dedededededede-Destruction

 

Nininininininininin Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

Nininininininininin Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

 

(Soldiers Voice)

When we came back it was different.. Everybody wants to know "How'd it

happened to those guys over there

There's gotta be something wrong somewhere

We did what we had to do

There's gotta be something wrong somewhere

People wanted us to be ashamed of what it made us

Dad had no idea what he went to fight and he is now

All we want to do is come home

All we want to do is come home

What did we do it for

All we want to do is come home

Was it worth it?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In 1965 Vietnam seemed like just another foreign war,

but it wasn't.

It was different in many ways, as so were those that did the fighting.

In World War II the average age of the combat soldier was 26...

In Vietnam he was 19.

In inininininin Vietnam he was 19.

 

NEL 1965 IL VIETNAM SEMBRAVA SOLO UN'ALTRA GUERRA ALL'ESTERO

BA COSI' NON FU

FU DIFFERENTE SOTTO TANTI ASPETTI, E COSI' LO FURONO I SUOI COMBATTENTI

NELLA II GM L'ETA' MEDIA DEI SOLDATI ERA DI 26...

IN VIETNAM ERA DI 19...

IN VIETNAM ERA DI 19...

 

(TV announcer's voice)

The shooting and fighting of the past two weeks continued today

25 miles west of Saigon

I really wasn't sure what was going on (Vet's Voice)

 

(VOCE DELLO SPEAKER TELEVISIVO)

GLI SCONTRI E I COMBATTIMENTI DELLE ULTIME 2 SETTIMANE SONO CONTINUATI OGGI

A 25 MIGLIA A OVEST DI SAIGON

DAVVERO NON CAPIVO COSA STESSE SUCCEDENDO (PARLA UN VETERANO)

 

Nininini Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

 

In Vietnam the combat soldier typically served a twelve month tour of duty but

was exposed to hostile fire almost everyday

Ninininininininininin 19 nininininninin 19

 

IN VIETNAM IL SOLDATO DI SOLITO FACEVA UN TURNO OPERATIVO DI 12 MESI MA ERA SOTTO IL FUOCO NEMICO PRATICAMENTE TUTTI I GIORNI

 

Hundreds of Thousands of men who saw heavy combat in Vietnam were arrested since discharge Their arrest rate is almost twice that of non-veterans of the same age.

There are no accurate figures of how many of these men have been incarcerated.

But, a Veterans Administration study concludes that the greater of Vets

exposure to combat could more likely affect his chances of being arrested or convicted.

 

This is one legacy of the Vietnam War

 

CENTINAIA DI MIGLIAIA DI UOMINI CHE VIDERO I PESANTI COMBATTIMENTI IN VIETNAM SONO STATI ARRESTATI DOPO AVER TERMINATO IL SERVIZIO MILITARE. QUESTA PERCENTUALE E' ALL'INCIRCA DOPPIA RISPETTO A QUELLA DEI COETANEI CHE NON AVEVANO COMBATTUTO

NON CI SONO STIME PRECISE DI QUANTI DI QUESTI UOMINI SONO FINITI IN GALERA. PERO' UNO STUDIO DELL'ENTE VETERANI CONCLUDE CHE QUANTO MAGGIORE E' L'ESPOSIZIONE AI COMBATTIMENTI TANTO MAGGIORI SONO LE POSSIBILITA' CHE I VETERANI POSSANO ESSERE ARRESTATI O CONDANNATI.

 

QUESTA E' UNA DELLE COSE EREDITATE DALLA GUERRA DEL VIETNAM

 

(Singing Girls)

All those who remember the war

They won't forget what they've seen..

Destruction of men in their prime

whose average was 19

Dedededededede-Destruction

Dedededededede-Destruction

War, War

Dededede-Destruction, wa-wa-War, wa-War, War

Dedededededede-Destruction

War, War

 

(RAGAZZE CHE CANTANO)

TUTTI COLORO CHE RICORDANO LA GUERRA

NON DIMENTICHERANNO CIO' CHE HANNO VISTO

DISTRUZIONE DI UOMINI ALLE LORO PRIME ARMI

CHE AVEVANO 19 ANNI

DISTRUZIONE...

GUERRA...

 

After World War II the Men came home together on troop ships, but the Vietnam

Vet often arrived home within 48 hours of jungle combat

Perhaps the most dramatic difference between World War II and Vietnam was

coming home.. .none of them received a hero's welcome

None of them received a heroes welcome, none of them, none of them

Nenene Nenene None of them, none of them, none of them (etc...)

None of them received a hero's welcome

None of them received a hero's welcome

 

DOPO LA II GM GLI UOMINI TORNAVANO A CASA INSIEME SULLE NAVI DA TRASPORTO, MA I VETERANI DEL VIETNAM SPESSO ARRIVAVANO A CASA NEL GIRO DI 48 ORE DAI COMBATTIMENTI NELLA GIUNGLA

FORSE LA DIFFERENZA PIU' DRAMMATICA TRA LA II GM E IL VIETNAM ERA IL RITORNO A CASA... NESSUNO DI LORO HA RICEVUTO UN'ACCOGLIENZA DA EROI

NESSUNO DI LORO HA RICEVUTO UN'ACCOGLIENZA DA EROI....

 

According to a Veteran's Administration study

Half of the Vietnam combat veterans suffered from what Psychiatrists call

Post-Traumatic-Stress-Disorder

Many vets complain of alienation, rage, or guilt

Some succumb to suicidal thoughts

Eight to Ten years after coming home almost eight-hundred-thousand men are

still fighting the Vietnam War

 

SECONDO UNO STUDIO DELL'ENTE VETERANI

META' DEI VETERANI DEL VIETNAM HA SOFFERTO DI CIO' CHE I PSICHIATRI CHIAMANO DISORDINE DA STRESS POST-TRAUMA

MOLTI VETERANI SONO CADUTI NELL'ALIENAZIONE, NELLA VIOLENZA, NEL CRIMINE

ALCUNI HANNO CEDUTO A PENSIERI SUICIDI

DA 8 A 10 ANNI DOPO IL RITORNO A CASA CIRCA 800.000 UOMINI STANNO ANCORA COMBATTENDO LA GUERRA DEL VIETNAM

 

(Singing Girls)

Dedededededede-Destruction

 

Nininininininininin Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

Nininininininininin Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19,19,19,19

 

(Soldiers Voice)

When we came back it was different.. Everybody wants to know "How'd it

happened to those guys over there

There's gotta be something wrong somewhere

We did what we had to do

There's gotta be something wrong somewhere

People wanted us to be ashamed of what it made us

Dad had no idea what he went to fight and he is now

All we want to do is come home

All we want to do is come home

What did we do it for

All we want to do is come home

Was it worth it?

 

(VOCE DEI SOLDATI)

QUANDO TORNAMMO ERA DIVERSO... TUTTI VOLEVANO SAPERE "COM'E' ANDATA A QUEI RAGAZZI LAGGIU'"

CI DEV'ESSERE STATO QUALCOSA DI SBAGLIATO DA QUELCHE PARTE

NOI ABBIAMO FATTO IL NOSTRO DOVERE

CI DEV'ESSERE STATO QUALCOSA DI SBAGLIATO DA QUELCHE PARTE

LA GENTE VOLEVA CHE CI VERGOGNASSIMO DI QUEL CHE AVEVAMO FATTO

MIO PADRE NON AVEVA IDEA DI COSA ANDAVA A COMBATTERE E CI SI METTE ORA

TUTTO CIO' CHE VOLEVAMO ERA TORNARE A CASA

TUTTO CIO' CHE VOLEVAMO ERA TORNARE A CASA

COSA ABBIAMO FATTO PER QUESTO

TUTTO CIO' CHE VOLEVAMO ERA TORNARE A CASA

ERA SBAGLIATO?

Share this post


Link to post
Share on other sites

TRADUZIONE

 

Nel 1965 il Vietnam sembrava un'altra guerra straniera,

ma non lo era.

Era differente in molti sensi e lo erano anche coloro che combattevano.

Nella seconda guerra mondiale l'età media del soldato di combattimento era 26...

Nel Vietnam era 19.

 

(voce del presentatore della TV)

La fucilazione ed il combattimento delle due settimane scorse sono continuate oggi a 25 miglia ad ovest di Saigon

Non si sa ancora per certo che cosa è accaduto

 

Nininini Nineteen, 19, Ni-nineteen 19

19, 19, 19, 19

 

Nel Vietnam il soldato da combattimento serviva tipicamente per dodici mesi ma

era esposto a fuoco ostile quasi ogni giorno

Dididididididididi 19 dididididididididi 19

 

(Voce annunciatore TV)

A Saigon un portavoce militare degli Stati Uniti ha detto oggi: "più di 700 truppe nemiche sono state uccise la scorsa settimana in quella zona di frontiera sensibile.

Verso tutto il Vietnam del sud, il nemico ha perso un totale di 2.689 soldati.

 

Centinaia di migliaia di uomini che hanno visto il duro combattimento nel Vietnam sono state arrestate since discharge(questo non lo capisco proprio... :( ) il loro tasso di arresto è quasi due volte quello dei non-veterani della stessa età.

Non si sa esattamente quanti di questi uomini sono stati incarcerati.

Ma uno studio della Amministrazione Veterani conclude che l'esposizione al combattimento del più grande dei veterani ha potuto più probabilmente interessare le sue probabilità di essere arrestato o condannato.

 

Ciò è un'eredità della guerra di Vietnam

 

(Coro delle ragazze)

Tutti coloro che si ricordano della guerra

Non si dimenticheranno mai di che cosa hanno visto.

Distruzione degli uomini nella loro perfezione

di chi in media aveva 19 anni

Didididididididi-Distruzione

Didididididididi-Distruzione

Guerra, Guerra

Dididididididi-Distruzione, gu-gu-Guerra, gu-Guerra, guerra

Dididididididi-Distruzione

Guerra, Guerra

 

Dopo la seconda guerra mondiale gli uomini arrivarono a casa insieme sulle navi della truppa, ma il veterano del Vietnam spesso arrivava a casa dopo 48 ore di combattimento nella giungla

Forse la differenza più drammatica fra la seconda guerra mondiale ed il Vietnam era venire a casa.Nessuno di loro ha ricevuto un benvenuto da eroe

Nessuno di loro ha ricevuto un benvenuto da eroe, nessuno di loro, nessuno di loro

Nenene Nenene nessuno di loro, nessun di loro, nessun di loro (ecc...)

Nessuno di loro ha ricevuto un benvenuto da eroe

Nessuno di loro ha ricevuto un benvenuto da eroe

 

Secondo uno studio dell'Ammistrazione Veterani

La metà dei veterani di combattimento del Vietnam ha sofferto per ciò che gli psichiatri denominano

Disordine da stress post-traumatico

Molti veterani si lamentano dell'alienazione, della collera o del senso di colpa

Alcuni soccombono a pensieri suicidi

Otto/dieci anni dopo essere tornati a casa quasi otto-cento-mila uomini combattono

ancora la guerra del Vietnam.

 

(Ragazze Di Canto)

Didididididididi-Distruzione

 

Dididididididi- Diciannove, 19, Di-diciannove 19

19.19.19.19

Dididididididi-Diciannove, 19, Di-diciannove 19

19.19.19.19

 

(Voce Dei Soldati)

Quando siamo ritornati era diverso. Tutti desiderano sapere cosa è

accaduto a quei tipi là

Da qualche parte deve esserci qualcosa di sbagliato

Abbiamo fatto cose abbiamo DOVUTO fare

La gente voleva che ci vergognassimo di che cosa esso ci ha reso

Papà non ha idea what he went to fight and he is now(ho una mezza idea di come tradurla ma meglio non rischiare)

Tutto ciò che desideravamo era tornare a casa

Tutto ciò che desiseravamo era tornare a casa

Per cosa lo abbiamo fatto

Tutto ciò che desideravamo era tornare a casa

Era sbagliato ?

 

******************

 

Come si dice a casa mia.... a g'ho pruvè(ci ho provato) :bleh:

Edited by Taigete

Share this post


Link to post
Share on other sites

Noooooooooooooooooooooo Gianni ha risposto prima di me!!!!!

:pianto::pianto::pianto::pianto:

Volevo un po' di gloria..... :pianto:

 

:rotfl: :rotfl:

 

Sicuramente la sua traduzione è meglio della mia :):okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie a tutti e due :):):)

Leggendo quelle parole mi è venuta la pelle d'oca...

Mi piacerebbe vedere un commento da parte di John al riguardo,visto che,anche se a qel tempo non aveva l'età per andare in VietNam,senz'altro avrà avuto modo di star vicino a qualcuno che là c'è stato...

Davvero è stata una cosa talmente crudele e disumana al punto in cui molti ex combattenti ne hanno risentito fortemente sul piano psichico?

John,la mia non è"curiosità hollywoodiana"(del resto le"americanate dei film"mi stanno piuttosto antipatiche),ma un desiderio di conoscere un po' di memoria storica,possibilmente attraverso le parole di chi le ha vissute,al pari di quando chiedevo agli anziani di parlarmi delle loro esperienze di quando erano in guerra,o nelle squadre partigiane...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rispondo molto volentieri.

 

Io sono del 1965, sono nato, in pratica, quando quella guerra iniziava.

Quando finì definitivamente, avevo 10 anni.

Non tantissimi, ma sufficienti.

 

Ricordo bene le immagini televisive della guerra, ricordo gli articoli dei giornali, ricordo le manifestazioni di piazza, ricordo quelle ultime scene in cui vedevo gli ultimi elicotteri dei Marines, nel 1975, che abbandonavano l'ambasciata americana di Saigon, e ricordo i marinai dell'USNavy che buttavano in mare dalle portaerei elicotteri nuovi di zecca per far posto a quelli che giungevano stracolmi di profughi.

 

E ricordo il silenzio che scendeva in casa quando scorrevano quelle immagini.

Nemmeno mio padre parlava, che pure è un uomo che ancora oggi ha la bandiera a stelle e strisce nel suo studio.

 

Ho anche conosciuto molti reduci del Vietnam. Amici, parenti, specialmente cugini.

 

Erano tutti contrari a quella guerra, ma le ragioni non sono così semplici.

 

Io non capivo.

Per me le cose erano molto semplici: c'era una nazione in difficoltà (il Vietnam del Sud) che tentava di difendersi dall'aggressione di un'altra nazione (il Vietnam del Nord) appoggiata da URSS e Cina.

Mi sembrava giusto e normale che gli USA (ma non solo loro: oggi nessuno cita più il contributo dell'Australia a fianco dell'America) difendessero un paese alleato e aggredito.

 

Poi, crescendo, ho compreso tante cose. Penso ancora che quella guerra fosse giusta. Ma capisco la posizione di molti tra quelli che non la accettavano.

 

Partiamo allora da un primo concetto fondamentale: la società americana non era pronta a quella guerra. Nel 1965 i "papà" americani, che avevano in media 40-50 anni, avevano già combattuto la II GM e la Guerra di Corea.

 

La II GM era un guerra nella quale gli USA non potevano non entrarci. Era in gioco il destino del mondo. Nessuno poteva discutere sulla necessità di mandare a morire giovani di 20-25 anni (lasciamo perdere i 26 anni di Hardcastle) in Europa o in Pacifico. Peraltro, gli USA erano stati attaccati e trascinati in guerra, nulla si poteva imputare al Governo.

 

Già la Corea doveva accendere qualche lampadina: in Corea gli americani avevano avuto una grossa batosta, erano riusciti a recuperare, ma non avevano ottenuto una piena vittoria: i confini tra Corea del Nord e Corea del Sud restarono fissati al 38° parallelo, fu una specie di partita "patta", anche se le perdite nemiche furono molto superiori.

Ciò avvenne per due ragioni: le truppe erano di leva e l'azione militare fu limitata dalle decisioni politiche.

Questi due elementi dovevano far riflettere, ma non fu così.

 

Quando iniziò la guerra del Vietnam, le truppe erano ancora di leva (e non avevano alcuna esperienza di combattimento) e l'influenza dei politici era ancor più forte di prima.

A questo fattore, se ne aggiunse un altro: i giornalisti erano ovunque, ed erano battitori liberi.

 

Infine, in tutto il mondo la propaganda comunista mise in piedi una macchina di protesta pazzesca, che attecchì molto facilmente dando vita a manifestazioni, movimenti pacifisti, proteste anti-americane.

 

"Giù del mani dal Vietnam" era lo slogan in Europa, quasi che il Vietnam lo avessero invaso gli americani.

In USA invece dilagava la parola "Peace".

 

Se il fenomeno europeo era comprensibile, vista la penetrazione comunista, in USA la cosa era più difficile da spiegare. La ragione vera è che i "pacifisti" americani erano tutti giovani che non volevano andare in guerra, appoggiati dai propri genitori che non volevano i figli in guerra.

E siccome l'arruolamento non era volontario ma di leva, l'unico modo per evitare di andare in guerra era quello di manifestare contro la guerra.

 

Quindi i soldati che partirono per il Vietnam erano giovani che non avevano nessuna voglia di andarci, nè di morirci.

 

Il Governo poi peggiorò le cose.

Anzichè sfruttare la superiorità militare americana, costringendo il nemico a combattere secondo le proprie regole, avvenne esattamente il contrario.

Anche le azioni militari erano fortemente limitate: non si dovevano colpire obiettivi civili, nè obiettivi militari dove erano impiegati soldati e specialisti sovietici.

Non si poteva sconfinare nel territorio del Vietnam del Nord, se non in forza di una specifica autorizzazione, ecc... ecc...

 

I soldati combattevano contro un nemico che non vedevano mai, e che peraltro si portava via persino i cadaveri dei caduti, di modo che si aveva la sensazione di non riuscire mai a uccidere nessuno.

 

I mass-media non riportavano conquiste territoriali, nè grandi vittorie sul campo.

Solo un arido resoconto dei morti.

Abbiamo perso 40 soldati, ne abbiamo uccisi 200.

Non sono cose che piacciono all'opinione pubblica.

E peraltro, i soldati americani non vedevano i corpi di quei 200 uccisi.

Erano tutte stime.

 

Dopo la guerra si sarebbe scoperto che le perdite nemiche furono elevatissime, oltre ogni immaginazione. Ma tutto questo all'epoca non si vedeva.

 

Nei ranghi militari mancava la disciplina.

Ufficiali di leva, sottufficiali di leva, soldati di leva.

Pochissimi i professionisti.

Si beveva, si usavano droghe, si combatteva male.

 

Non è vero che i soldati che rientravano, non venivano trattati da eroi.

Innanzitutto erano solo soldati di leva. Quando tornavano, si festeggiava perchè erano rientrati, tutto qui, nelle famiglie.

E' chiaro che non poteva essere la stessa cosa di un esercito che, vinta la guerra, rientra a casa fra mille onori e parate.

 

La guerra, poi, non fu nemmeno vinta.

Il Vietnam del Nord fu costretto, dopo pesanti bombardamenti ai centri industriali, ad accettare un accordo di pace.

un accordo che, come in Corea, lasciava i confini così com'erano.

Di fatto, però, gli americani si ritiravano, e quindi la vittoria strategica era andata al Vietnam del Nord.

E infatti nel 1975, due anni dopo il ritiro americano, il Vietnam del Nord inghiottì il Vietnam del Sud in un boccone.

 

I giornali, dal canto loro, avevano parlato solo dei lati negativi della guerra.

Parlavano delle vittime civili, erano pronti a sbattere in prima pagina qualsiasi abuso commesso dai soldati americani, pubblicavano foto strazianti delle vittime del napalm, ma mai che si soffermassero sulle atrocità commesse dai vietcong.

 

Ora, un Presidente deve prendere atto della volontà del proprio popolo.

In America, la stragrande maggioranza del popolo americano non voleva quella guerra. Non la capiva.

Il Governo non era riuscito a spiegarla in maniera convincente, e non disponendo di truppe professioniste, non poteva non assecondare il volere del popolo, a ragione o a torto.

E questa fu una cosa che nè il popolo, nè i mass-media, perdonarono al Governo.

 

Non è nemmeno vero che i soldati reduci dal Vietnam soffrirono di particolari turbe psichiche rispetto a quelli reduci dalla II GM.

Non si può fare un confronto serio.

Durante la II GM tutti affrontarono la guerra, senza eccezioni rilevanti.

Così fu anche, sostanzialmente, per la Corea.

Il Vietnam non fu così. Ci fu una gran gara a imboscarsi, a darsi malati, a evitare il servizio militare.

A farne le spese furono i poveracci che non conoscevano nessuno.

I neri dei ghetti, i delinquentucoli, gli sfigati.

Buona parte dei soldati in Vietnam erano o la feccia o la parte più povera della società, per cui erano persone che, in percentuale, erano comunque già predisposte a un futuro di droga, di delinquenza, di violenze ecc... guerra o non guerra.

 

Peraltro, il Presidente degli anni più bui di quella guerra, Richard Nixon, fu pure travolto dallo scandalo Watergate.

E in ogni caso il regime del Vietnam del Sud era un regime corrotto che non riscuoteva alcun credito in USA.

 

La società americana, in disaccordo con il Governo, umiliata da una sconfitta strategica, colpevolizzata dalle immagini delle conseguenze della guerra sui civili, decise semplicemente di dimenticare il Vietnam ed i suoi combattenti, i quali, peraltro, non avevano alcuna voglia di parlare di una guerra persa.

 

Le forze armate invece trassero finalmente le giuste conclusioni: si passò ai militari di professione, fu cambiato completamente il sistema di comando e di addestramento, e le forze armate USA ritornarono a quei livelli di efficienza che avevano perso, in pratica, con la fine della II GM, e li superarono anche.

 

Ci vollero anni, un attento riesame storico, un mea-culpa di molti giornalisti che avevano disinformato o tuonato contro la guerra (compresa Oriana Fallaci), affinchè il popolo americano superasse la sindrome da Vietnam, e restituisse la dignità di combattenti ai reduci di quel conflitto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In merito mi permetto di consigliare la lettura di "Eravamo giovani in Vietnam"

di Hal Moore (colonnello del 7° Cavalleggeri, nel 1965 in vietnam)

e Galloway (giornalista che seguiva i soldati durante le operazioni.)

 

Anche se inizialmente può sebrare un pò noioso.. spiega molte cose rigurdanti quell'intricata situazione..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie,John,per le cose interessantissime che hai scritto.

Non sapevo che in quella guerra la maggior parte dei soldati era di leva,e per di più quasi tutti ragazzi che"non avevano santi in Paradiso",come si dice da noi :unsure: ...

 

Tempo fa avevo sentito dire che i soldati di rientro dal VietNam furono accolti malamente dal popolo americano,addirittura da sputi! Mi sono sempre rifiutato di crederlo,salvo che non fosse stato fatto da qualche sparuto gruppo di"pacifisti" :unsure: ...

Un mio zio mi disse che una volta partecipò ad una manifestazione contro l'invasione americana del VietNam,di cui mi mostrò anche una foto,dalla quale capii che quell'assembramento di persone era guidato più dalla corrente della allora contestazione giovanile-studentesca,più che da un vero desiderio di pace :unsure: ...

 

Mi sembra di capire che la definizione di"sporca guerra"che spesso si sente nei film sia dovuta,più che altro,allo spirito con cui venne affrontata dai soldati,che non dalla sua effettiva o presunta inutilità :unsure: ...

 

Quando hai scritto che molti dei soldati coinvolti,vista la provenienza ed estrazione sociale,sarebbe stata probabilmente destinata ad un futuro di violenza,mi fai ricordare di certe crudeltà commesse contro persone civili(Stupri,uccisioni gratuite...).Non so se anche in questo caso ci abbiano messo lo zampino la propaganda concorrente e/o l'artifizio hollywoodiano,tuttavia mi corre alla mente che crimini simili,purtroppo,in guerra accadono più spesso di quanto sembri,e persino certi militari della nostra pacificissima Italia ne sanno qualcosa :unsure: ...

 

 

Purtroppo ora ho degli impegni che mi impediscono di continuare a scrivere,ma prima di sera tornerò in questo topic,che trovo molto interessante.Grazie ancora,John :) .

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quando c'è una guerra solitamente il governo decreta che la leva dei soldati sia prolungata per tutta la durata della guerra..

 

In Vietnam non fu così.. appena i soldati diventavano esperti (dopo un anno di guerra..) venivano mandati a casa, rimpiazzati da pivellini...

 

Per non parlare poi delle restrizioni che il governo americano impose... in questo modo lasciava l'iniziativa quasi totalmente al nemico..

Share this post


Link to post
Share on other sites
Galloway (giornalista che seguiva i soldati durante le operazioni.)

Galloway è quello che nel film fa il fotografo sul campo di battaglia e che alla fine si mette a scrivere l'articolo?

E' troppo bella la scena in cui gli fanno impugnare il fucile però lui inorridito dopo si riprende la macchina fotografica che era appesa ad un ramo

Edited by Taigete

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ora, un Presidente deve prendere atto della volontà del proprio popolo.

A differenza di un certo Presidente di un certo Consiglio di certi Ministri,che pare faccia tutto quello che si sente di fare quando si alza la mattina(Ma questo è un altro discorso...)

 

Il Governo poi peggiorò le cose.

Anzichè sfruttare la superiorità militare americana, costringendo il nemico a combattere secondo le proprie regole, avvenne esattamente il contrario.

Come mai fecero così?Cecità dei politici,o timore di pestare troppo i piedi all'allora URSS? :unsure:

 

 

 

Nei ranghi militari mancava la disciplina.

Ufficiali di leva, sottufficiali di leva, soldati di leva.

Pochissimi i professionisti.

Si beveva, si usavano droghe, si combatteva male.

Allora,in questo caso,Hollywood non avrebbe esagerato poi tanto,visto che,spesso,lo stereotipo del soldato USA in VietNam,è piuttosto"guascone"... :unsure:

 

 

 

Peraltro, il Presidente degli anni più bui di quella guerra, Richard Nixon, fu pure travolto dallo scandalo Watergate.

Quando ero piccolo,ricordo che se ne parlava molto in TV,e man mano che crescevo e cercavo di informarmi in cosa consistette questo scandalo,ottenevo risposte sempre molto fumose e schierate...Potresti spiegarmelo tu,con la tua capacità di essere sempre chiaro? :unsure:

Grazie ancora,John :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il Governo poi peggiorò le cose.

Anzichè sfruttare la superiorità militare americana, costringendo il nemico a combattere secondo le proprie regole, avvenne esattamente il contrario.

Come mai fecero così?Cecità dei politici,o timore di pestare troppo i piedi all'allora URSS? :unsure:

Più o meno: alle spalle del Nord Vietnam c'era la Cina che riforniva di materiale i fratelli comunisti, e la Cina si era alleata con l'URSS nel 1960, più che altro si andava cauti per non scatenare una guerra in tutta l'Asia, poi non dimentichiamo che c'era la Guerra Fredda, percui non bisognava creare un pretesto per creare una reazione del blocco comunista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nixon era repubblicano, e nel 1972 correva per la rielezione.

 

Così, complici i servizi segreti, pensò di mettere qualche microspia nelle stanze del suo avversario democratico, che si trovavano in un complesso residenziale denominato Watergate, a Washington.

 

La cosa saltò fuori in seguito a un'inchiesta di un paio di giornalisti del Washington Post, e Nixon fu messo sotto accusa dal Congresso e dovette dimettersi nel 1973.

 

Questo in parole proprio semplicissime.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Nixon era repubblicano, e nel 1972 correva per la rielezione.

 

Così, complici i servizi segreti, pensò di mettere qualche microspia nelle stanze del suo avversario democratico, che si trovavano in un complesso residenziale denominato Watergate, a Washington.

 

La cosa saltò fuori in seguito a un'inchiesta di un paio di giornalisti del Washington Post, e Nixon fu messo sotto accusa dal Congresso e dovette dimettersi nel 1973.

 

Questo in parole proprio semplicissime.

Adesso,finalmente,dopo tanti anni,ho capito!

Grazie John...

Tu dovresti proprio fare l'insegnante:Poche parole,chiare...

(O magari l'insegnante la fa già :huh: ...O magari insegna agli insegnanti :huh: ...O magari Nixon lo ha sgamato lui quando aveva sei anni :blink::blink::blink: ...)

Grazie,John :adorazione::adorazione::adorazione:

Edited by speedyGRUNF

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ehi Gianni finalmente ho capito cos'era lo scandalo Watergate. Grazie

 

Quoto in pieno con Speedy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...