Jump to content
Sign in to follow this  
Taigete

Bombardieri IIgm

Recommended Posts

I miei amici sanno della mia passione per gli aerei e quindi mi hanno chiesto di scrivere un documento(per una mostra) riguardante gli aerei che hanno bombardato la città di Fidenza(in provincia di Parma...è la città dove vado a scuola) nella seconda guerra mondiale.

Mi fa molto piacere che abbiano assegnato a me questo compito...ma non è che sappia moltissimo e penso che questa occasione mi serva proprio per imparare un po' :)

Qualcuno può darmi una mano?!

 

E poi mi hanno chiesto di fare delle schede anche su aerei tedeschi...beh col Messerschmitt non ho problemi :D altre idee per questo ultimo punto?

 

Grazie :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Taigete mia bell...

GLi stuka non possono mancare...

Poi se vuoi aggiungi le MITICHE fortezze volanti...B17

Ti assicuro che se questa mostra e' rivolta ai piu' grandicelli(nonni, bisnonni)

sapranno apprezzare il lavoro su questo mostro dei cieli... :P

se vuoi ti cerco alcune schede tecniche sui stuke e su B17

appen le trovo le posto ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Junkers JU-87 o detto stuka.

Il piu' famoso dei bombardieri dell ASSE.

Usato come sturzkamfflugzeug(bombardiere da picchiata) era il terrore a terra nell

campagna contro i russi e sul fronte francese nel 44/45.

Particolarissimo era il suono degli aerofreni aperti in picchiata prima

dello sgancio bombe, un suono che resta tutt'oggi nelle menti di molti.

Molto brutto di aspetto e letale, era pero' molto fragile alla contraerea.

Infatti prima di far alzare questi bestioni, la luftwaffe doveva fare un lavoro di sgombro

dei cieli.

Aveva un equipaggio di due uomini, un pilota e un artigliere.

era spinto da un motore 880kW Junkers Jumo 211Da che spingeva l'aereo oltre i 385Km/h

e aveva autonomia per soli 600 KM...infatti gli aeroporti erano sempre vicini al fronte...

e quindi furono facili da conquistare durante l'avanzata alleata dalla francia a berlino.

Equipaggaito con tre cannoncini frontali da 7.9mm e con una bomba da 500Kg o con 4 da 50Kg.

Nel 42 venne creata la versione ANTITANK,armata con 2 cannoni da 30 mm e bomba singola o 4.

La portata e velocità erano bassissime, solo 314Km/h e 320 km...

Velocita' e range erano bassi perche i piloti erano protetti da lastre di acciaio

protettivo.

 

Conta che alcune cose le ho prese da internet...e poi x eventuali errori grammaticali, conta che so le 2 di notte :);)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, sui bombardamenti di Fidenza posso darti notizie precise, nonchè velivoli e reparti coinvolti (che erano alleati).

 

In effetti per quanto riguarda i velivoli tedeschi, le schede che non puoi omettere sono quelle dell' Me-109, dell' FW-190, del Dornier 21, dell'He-111, dell'Me-110, dei Ju-87 e Ju-88 nonchè del Ju-52.

 

Spero tu non abbia fretta perchè non potrò risponderti in maniera esauriente prima di un paio di giorni...

Share this post


Link to post
Share on other sites

no no non c'è assolutamente fretta!!!!

Fai pure con calma John ;)

 

Giovanni mi ha già scritto qualcosina su b-17 e b-24,comunque più roba ho,meglio è :D

 

Grazie siete troppo mitici :okok: :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eccomi qua, sono riuscito a sbrigarmi prima del previsto.

Dimmi se ti serve altro.

 

**** Bombardamento aereo di Fidenza ****

 

Tra il 1944 ed il 1945 il Nord Italia fu sottoposto a numerosi attacchi aerei da parte delle forze aeree alleate, ed in particolare dall'USAAF.

Per via della particolare situazione italiana conseguente all'armistizio del 1943, i

bombardamenti furono localizzati ad obiettivi di elevato valore tattico e strategico (nodi ferroviari, aree di smistamento di truppe ed equipaggiamenti, ecc...), e generalmente preceduti da preavvertimenti alla popolazione civile.

Ciò nonostante, le vittime civili furono tante, così come le distruzioni ed i danneggiamenti di edifici civili e di costruzioni storiche ed artistiche.

La città di Fidenza pagò il suo prezzo, subendo ben 24 attacchi aerei e bombardamenti, nel corso dei quali perirono 162 persone, la maggior parte delle quali (113) fu vittima del bombardamento del 13 maggio del 1944.

Quel giorno, tra le 10 e le 11 di mattina, due formazioni di bombardieri della 15th Air Force si levarono in volo da aeroporti pugliesi, e si diressero rispettivamente contro Parma e Fidenza.

La formazione diretta a Fidenza era composta da 73 bombardieri B-24 Liberator appartenenti al 376th Bomb Group e al 98th Bomb Group, scortati da caccia P-51 Mustang. La città fu raggiunta alle ore 14.50 e le prime bombe iniziarono a cadere alle ore 14.51.

Furono sganciate in tutto 570 bombe da 500 libbre.

 

B-24 Liberator

liberator2.jpg

Il B-24 Liberator era un quadrimotore da bombardamento strategico, pesante 25 tonnellate e prodotto in molte versioni per un totale di oltre 18.000 esemplari. Era lungo oltre 20 metri, con apertura alare di oltre 33 metri, aveva un equipaggio che poteva arrivare anche a 10 uomini e trasportava fino a 5 tonnellate di bombe con una velocità di crociera di 350 km/h e un'autonomia di 3400 km, ad una quota di oltre 8000 metri. Era armato con fino a 10 mitragliatrici da 12,7 mm.

 

-------

 

I velivoli tedeschi più famosi.

 

I caccia:

 

ME-109

me109.jpg

Il Messerschmitt Bf 109 è stato probabilmente il caccia tedesco più famoso della II GM, protagonista di molti scontri aerei ed in particolare della Battaglia d'Inghilterra, eterno avversario dell'inglese Spitfire.

Monoposto, è stato costruito in molte varianti. Probabilmente è il caccia più prodotto nella storia: ne furono costruiti oltre 33.000 esemplari.

Propulso da un motore radiale da oltre 1400 HP, pesava circa 3 tonnellate, superava i 600 km/h di velocità e arrivava a oltre 12.000 metri di quota, era estremamente maneggevole ed aveva un armamento composto da due mitragliatrici da 13 mm e un cannonincino da 20 mm.

 

ME-110

bf110-3.jpg

Il Messerschmitt Bf 110 era un caccia pesante bimotore, a grande autonomia, pesantemente armato (2 cannoni da 20 mm, 5 mitragliatrici da 7,92 mm) ed ampiamente utilizzato dalla Luftwaffe come caccia di scorta, per il pattugliamento a largo raggio, comme caccia notturno, nonchè per la ricognizione e per l'attacco al suolo (fino a 2 tonnellate di razzi e bombe).

Pesante oltre 6 tonnellate, raggiungeva i 590 km/h e i 10.500 metri di quota.

Meno maggevole rispetto ai caccia leggeri ME-109 e FW-190, non reggeva il confronto con i caccia anglo-americani ma era un temibile avversario per i bombardieri notturni della RAF.

Ne furono prodotti oltre 6000 esemplari.

 

FW-190

fw190g3.jpg

Con oltre 20.000 esemplari costruiti, il Focke-Wulf Fw 190 è stato il caccia più diffuso della Luftwaffe, dopo l'ME-109.

L'Fw-190 era più sofisticato e potente dell' ME-109, ed era in grado di contrastare meglio i caccia più potenti degli alleati, in particolare i P-51 Mustang ed i P-47 Thunderbolt.

Pesava quasi 5 tonnellate, era propulso da un motore da 2000 hp, raggiungeva i 680 km/h ed era armato con 2 mitragliere da 13 mm e ben 4 cannoni da 20 mm.

Riusciva a superare gli 11.000 metri di quota.

 

I bombardieri:

 

JU-87

Ju87-1.jpg

Il Junkers Ju-87 Stuka è stato il bombardiere più noto della Luftwaffe, tanto da diventare simbolo del potere aereo germanico. In effetti era un aereo superato, lento e goffo, ma molto preciso grazie alla tecnica del bombardamento in picchiata.

Più che da un punto di vista strettamente tecnico, le ragioni della fama dello Stuka vanno ricercate nella modalità di impiego operativo: i tedeschi lo usarono come un vero e proprio aereo da appoggio tattico, che sosteneva l'avanzata delle truppe e delle formazioni corazzate, colpendo con precisione le artiglierie, le truppe, i mezzi corazzati e le fortificazioni del nemico.

Monomotore, biposto, era lungo poco più di 10 metri e aveva una sagoma molto caratteristica, con le semiali a inclinazione negativa e il carrello fisso.

Le ultime varianti pesavano oltre 5 tonnellate, era lungo 11 metri con un'apertura alare di quasi 14 metri, era armato con due mitragliatrici anteriori fisse da 7,92 mm e una posteriore brandeggiabile. La velocità superava di poco i 300 km/h, ma in picchiata poteva arrivare a 600 km/h. L'armamento tipico era una singola bomba ventrale da 250 kg, ma sotto le ali poteva trasportare altre 4 bombe da 50 kg. Ne fu sviluppata anche una versione armata con cannoni controcarro da 37 mm.

Molti storici criticano l'eccessiva vulnerabilità dello Stuka nei confronti dei caccia

nemici, ma è un confronto privo di senso: lo Stuka era un aereo d'attacco, non un caccia, e non poteva operare senza una scorta adeguata.

Ne furono costruiti oltre 6000 esemplari.

 

JU-88

P_JU88.jpg

Il Junkers Ju 88 era un velivolo d'attacco multiruolo, costruito in oltre 15000 esemplari in un grandissimo numero di versioni. Era un bimotore, con equipaggio di 4 uomini, pesante oltre 7 tonnellate e lungo oltre 14 metri, armato con 5-6 mitragliere da 7,92 mm e fino a 2 tonnellate di bombe e siluri. Poteva raggiungere i 500 km/h e i 9000 metri di quota.

Fu utilizzato come bombardiere, ricognitore, caccia notturno e aerosilurante.

 

DO-17

pclw009.jpg

Il Dornier DO-17, soprannominato "Pencil" (matita) per via della sua forma allungata, era un bombardiere leggero bimotore quadriposto, in grado di trasportare circa 1000 kg di bombe ed armato con 7-8 mitragliere da 7.92 mm. Pesante oltre 8 tonnellate, era lungo quasi 16 metri e raggiungeva una velocità di circa 400 km/h ad una quota di circa 8000 metri. Molto utilizzato nelle fasi iniziali della II GM, specialmente nei bombardamenti sull'Inghilterra, durante i quali acquisì molta notorietà. In realtà si rivelò del tutto inadeguato per via delle sue prestazioni abbastanza limitate, e la Luftwaffe decise di impiegarlo solo come

caccia notturno. La produzione non superò i 1200 esemplari.

 

HE-111

Foe_He111Fjords.jpg

Lo Heinkel-111 è stato il bombardiere medio più utilizzato dalla Luftwaffe, con oltre 7000 esemplari prodotti. Bimotore, quadriposto, era armato con 3 mitragliatrici da 7,92 mm e traportava 2 tonnellate di bombe o siluri.

La sua velocità era di poco oltre i 400 km/h e raggiungeva una quota di poco superiore ai 7000 metri. Pesava 11 tonnellate ed era lungo oltre 16 metri.

Anche questo modello fu utilizzato estesamente durante la Battaglia d'Inghilterra.

 

Questi quattro modelli di bombardieri sono stati i più conosciuti della Luftwaffe, perchè concretamente impiegati nei primi anni della II GM. Infatti anche se negli anni seguenti furono realizzati altri modelli, più moderni e potenti, essi ebbero scarse possibilità di impiego e furono prodotti in numeri abbastanza limitati.

La Germania infatti, non era più in condizione di attaccare, ma doveva concentrare le sue energie nella produzione di caccia destinati a difenderla dalle formazioni di bombardieri angloamericani che solcavano, tutti i giorni, i cieli tedeschi bombardando a tappeto ogni tipo di obiettivo, militare e civile.

 

Infine, è utile ricordare anche il Junkers Ju 52, che è stato l'aereo da trasporto tedesco più famoso. Realizzato in oltre 5000 esemplari, trimotore, pesava a vuoto poco più di 6 tonnellate, lungo poco meno di 19 metri, con apertura alare di oltre 29 metri, aveva 3 uomini di equipaggio e poteva trasportare 18 soldati o circa 1500 kg di materiale.

La sua velocità massima era di circa 280 km/h e non superava i 5500 metri di quota.

 

Ju-52%2002.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gianni, ma dove trovi tutte le info che cercano gli utenti?! :huh:

 

Comunque belle le schede tecniche. A me piacciono molto i caccia della II GM, hanno un non so che di affascinante :drool:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhè, se si tratta di info storiche come queste, non ho nemmeno bisogno di scomodare gli archivi, basta fare qualche ricerca in Internet, a patto di sapersi districare con l'inglese.

 

Per quanto riguarda il bombardamento di Fidenza, l'USAF ha pubblicato resoconti dettagliati di tutte le operazioni effettuate durante la II GM, solo che sono molto tecnici e occorre sapersi muovere bene con l'inglese e con le funzioni di ricerca, se no ti trovi 10.000 fogli di dati incomprensibili.

 

Comunque Internet è una risorsa di dati eccellente.

 

Se vi piacciono gli aerei della II GM, consiglio a tutti questo sito:

 

http://www.xs4all.nl/~fbonne/warbirds/ww2ixdesi.html

 

chi ha fatto quel lavoro andrebbe insignito del premio nobel...

Share this post


Link to post
Share on other sites

vai che link stupendo!!!

 

Senti e qualcosina sul P-51 Mustang?così faccio più figura scrivendo anche chi scortò i B-24

:D

 

c'è qualche informazione reperibile sui 376th Bomb Group e il 98th Bomb Group?

 

PEr il resto che dire... è perfetto :okok: ma non avevo dubbi ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il P-51 Mustang lo trovi nello stesso link che ho messo.

 

Ma ti riassumo le sue caratteristiche:

 

Il P-51 Mustang è stato uno dei caccia più famosi tra quelli usati dagli americani, e molti ritengono sia stato il miglior caccia della II GM. In effetti questo giudizio è probabilmente azzeccato, visto che i fatti gli danno ragione: dei tanti caccia ad elica entrati in servizio nella II GM, il P-51 Mustang è l'unico che ha avuto una lunga storia anche dopo la fine del conflitto, tanto che alcune versioni erano ancora offerte sul mercato fino a pochi anni orsono e molti dei migliori addestratori a turboelica oggi in servizio sono stati influenzati dal suo progetto.

 

Il Mustang fu prodotto in oltre 15.000 esemplari ed impiegato prevalentemente nel teatro europeo per scortare le formazioni di bombardieri.

Infatti tra le sue caratteristiche salienti c'era un'autonomia massima che in alcune versioni arrivava a sfiorare i 4000 km. Velocissimo (oltre 700 km/h) e molto maneggevole, pesava circa 5 tonnellate ed era lungo circa 10 metri. Era armato con 6 mitragliatrici da 12,7 mm e poteva trasportare anche 2 bombe da 454 kg o 10 razzi aria-terra da 127 mm, il che ne fece anche un micidiale aereo d'attacco.

 

Le foto le trovi sul link che ho postato, inutile appesantire questo post.

 

Il 376th Bomb Group "Liberandos" è stato uno dei reparti più attivi della II GM: ha partecipato alla campagna del Nord Africa, allo Sbarco in Normandia, alle leggendarie missioni di bombardamento sulle raffinerie di Ploesti.

E' stato insignito di ben 18 riconoscimenti.

Nel corso della guerra perse 169 velivoli, con la morte di 1479 uomini degli equipaggi. Distrusse 220 caccia nemici. L'unità sopravvisse alla guerra, diventò 376th Strategic Wing con bombardieri B-47 e fu sciolta solo nel 1965.

 

Il 98th "The Pyramidiers" ebbe anch'esso una storia estremamente intensa, fu impiegato in Nord Africa e in Europa, e partecipò al famoso strike contro le raffinerie di Ploesti, dove perse ben 26 velivoli sui 47 che componevano la formazione.

Volò 417 missioni di guerra, ottenendo 17 riconoscimenti.

Anche il 98th sopravvisse alla guerra, fu riequipaggiato con i B-47 e fu sciolto nel 1965.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bene.....mi sa che questa mostra sarà proprio bella :)

E magari tutti coloro che guarderanno la sezione bombardamenti rimarranno stupefatti e diranno...

MA CHI E' CHE E ' STATO COSI' BRAVO A DESCRIVERE I VELIVOLI??

E io sarò lì,di fianco e dirò : ehehhehehehe,.... è stato Gianni!!!!!!

 

:D:)

 

Thank you very much,anche al Gatto Tom naturalmente :okok:

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma in che occasione è fatta questa mostra?

Mah,la mostra è dedicata alla storia di Fidenza e c'è anche una parte riservata ai bombardamenti...

Mi sembra che la mostra sia in occasione della Festa dell'Unità e quest'anno han deciso di fare questa cosa per arricchire un po'...

 

Mi chiedo a quante persone interesserà...di sicuro da parte degli anziani ci sarà partecipazione,ma da parte dei giovani.... :thumbdown::thumbdown:

Share this post


Link to post
Share on other sites
di sicuro da parte degli anziani ci sarà partecipazione,ma da parte dei giovani.... :thumbdown::thumbdown:

se fossi nella tua città di sicuro sarei interessato alla parte sui bombardieri :)

 

certo, se ci sarà anche una parte sulle forze armate, o meglio ancora sulle forze speciali lascierei nell'isolamento più totale i bombardieri!!! :lol:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bhè... non voglio fare il maligno, ma visto il colore della Festa dell'Unità, e viste le imminenti elezioni... probabilmente non è un caso che si voglia far conoscere ai giovani proprio... la realtà dei bombardamenti americani !

 

Ma io sono maligno...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bhè... non voglio fare il maligno, ma visto il colore della Festa dell'Unità, e viste le imminenti elezioni... probabilmente non è un caso che si voglia far conoscere ai giovani proprio... la realtà dei bombardamenti americani !

 

Ma io sono maligno...

sei proprio maligno si :P

 

beh ma è vero..ormai ogni cosa ha sempre uno sfondo politico...

Share this post


Link to post
Share on other sites
e tu taigete parteciperai a questa "campagna acquisti voti" per la sinistra?! :o:o

i miei amici mi hanno semplicemente chiesto di realizzare un documento sui bombardamenti...e io l'ho fatto volentieri perchè sono appassionata di aerei!

Se dovessi stare lì a guardare tutto ciò che è comunista non potrei nemmeno andare a fare la spesa alla Coop! In questo caso io guardo la comodità e non a chi appartiene...io la Coop ce l'ho a due minuti da casa,perchè dovrei farmi 30 minuti di motorino per andare allo Sma? solo perchè essa è del gruppo Rinascente?? naaaaaaa

tanto i pomodori Cirio li vendono entrambi!!!!

 

:P

 

Ho ridicolizzato un po'...la politica va bene..ma quando è troppo è troppo

 

E comunque non vorrei sfociare troppo nel politico appunto....che dopo va a finire male :D

Edited by Taigete

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì hai ragione Taig... infatti non si può diventare paranoici su queste cose.

 

Per questo è importante che in queste occasioni, si possa fornire un'informazione equilibrata e veritiera, e sono contento ce tu abbia possibilità di farlo.

 

Spiegare che quei reparti da bombardamento subirono perdite pesantissime, significa anche evidenziare che in fin dei conti su quei bombardieri c'erano ragazzotti di vent'anni che non tornavano a casa per sempre.

 

Che si trattasse di colpire una raffineria nel cuore del territorio nemico, o uno scalo ferroviario nel centro di una città, purtroppo la guerra - per come era concepita allora - lo richiedeva.

 

Anzi, le città italiane, tutto sommato, furono decisamente risparmiate dalla distruzione totale dei bombardamenti a tappeto che colpirono la Germania e il Giappone: in quei casi la popolazione civile non fu vittima collaterale, ma vero e proprio bersaglio dei bombardamenti.

 

La II Guerra Mondiale è stata un'epopea di grandi atti eroici, ma anche il momento in cui la Guerra ha esplicato la sua massima crudeltà, e dove nessuno poteva permettersi di provare pietà per il nemico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La seconda guerra mondiale ha sancito il lento tramonto delle Capital-Ships ( Tutta quella serie di classe di navi da va dalla corazzata all'incrociatore ) protagoniste nella WWI e nella WWII si sono dimostrate adatte come navi supporto allo sbarco.

E soprattutto non dimenticatevi il ruolo della portaerei nella WWII.

Share this post


Link to post
Share on other sites
La seconda guerra mondiale ha sancito il lento tramonto delle Capital-Ships ( Tutta quella serie di classe di navi da va dalla corazzata all'incrociatore ) protagoniste nella WWI e nella WWII si sono dimostrate adatte come navi supporto allo sbarco.

E soprattutto non dimenticatevi il ruolo della portaerei nella WWII.

Non ce lo dimentichiamo, giuro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×