Jump to content

Il premier, in Parlamento, chiarisca cosa è accaduto a Palazzo Grazioli, quante donne vi hanno avuto accesso ?


dindon
 Share

Recommended Posts

  • 2 weeks later...
  • Replies 70
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Provo di spiegartelo, Dindon, ma sono certo che non ci riuscirò. Abbandona un attimo Repubblica, e attieniti ai fatti:

 

un leader politico eletto legittimamente e liberamente dagli italiani che ha oggi la responsabilità di guidare il Paese. Come lo fa? È di questo che parliamo. Di questo che si intende e si deve parlare: il Cavaliere come muove il suo potere, come interpreta le sue responsabilità? Danneggia il Paese o lo migliora? Ne deteriora o ne irrobustisce la democrazia?

 

Lui ha fatto del suo 'modo di vivere', dal Milan in avanti, il suo modo di essere, e conseguentemente il suo modo di governare.

 

questa storia è nata perché Berlusconi ha voluto farla nascere.

 

E' Berlusconi che umilia la moglie fino a superare ogni limite di tollerabilità.

E' Berlusconi che frequenta e poi decide di festeggiare una minorenne costringendo Veronica Lario al divorzio.

È Berlusconi che decide di lavare i panni di famiglia a Porta a porta, France2, in interviste ai giornali producendosi in un'autodifesa che, vagliata, si è dimostrata presto contraddittoria, incoerente, largamente bugiarda.

E' Berlusconi che, per nascondere l'abituale licenziosità dei suoi comportamenti privati, ha organizzato una guerra mediatica e una scena di cartapesta con l'obiettivo di autorappresentarsi come un buon padre di famiglia, un figlio devoto nel ricordo dei genitori, un padre affettuoso, un nonno amorevole e commosso, un buon italiano che tira diritto e, come tutti i buoni italiani, crede in Dio e nella famiglia. Non un "santo", ma qualcosa che gli può stare vicino. Ricordiamo le barzellette, o la mano porta a Vespa, che gli si avvicina e B. gli dice 'non sente odore di santità', in diretta TV a Porta a Porta?

 

quindi la domanda e' un'altra: (la sua vita sessuale riguarda sua moglie, che si e' gia espressa in modoassai chiaro):

 

Il comportamento di un leader può essere sistematicamente immorale a petto di azioni di governo che pretendono di essere altamente morali e decidere della privacy di tutti: della vita, della morte, dell'aborto, del dolore, della cura, dell'embrione, dei comportamenti sessuali, fino a prevedere il carcere per chi sceglie una prostituta?

 

Ecco specie l'ultima frase fa riflettere, visto quanto e' emerso negli ultimi giorni. E ricordo che nessuno ha smentito la cosa: lo stesso Ghedini, giorni fa, non ha detto MAI FATTO, ma ha parlato di B. come 'utilizzatore finale' (!!) delle ragazze.

 

in buona sostanza: Nessuno ha obbligato Berlusconi a diventare un uomo di Stato. Lo ha fatto liberamente. Liberamente ha scelto di rendere conto all'opinione pubblica - come chiunque eserciti funzioni pubbliche - della coerenza tra valori proclamati e comportamenti tenuti. Si è rifiutato ostinatamente di farlo per mesi e tuttavia il lavoro giornalistico ha dimostrato, nel servile silenzio del servizio pubblico radiotelevisivo, che valori proclamati e condotte private non hanno, per Berlusconi , alcuna similitudine.

Per eclissare questa realtà, il Cavaliere ha sollecitato una seconda, esplicita questione politica: qual è il grado di menzogna che è legittimo adoperare in politica? Una volta smascherata quella menzogna, e proprio per proteggere la fiducia che si è legittimamente conquistata nell'elettorato, il premier non deve rendere disponibile la verità in un pubblico dibattito?

 

Questo e' quello che gli si richiede. Le ragazze, quanto, come in che posizione, pagate, mica pagate, sono affari suoi e, ripeto, della signora Lario che ha tratto le sue conseguenze.

 

Qui e' in gioco la credibilità del Primo Ministro dell'Italia, checchè se ne dica.Perchè, come ho gia detto altre volte, se mente su Noemi, le ragazze ecc ecc, figuriamoci sulle questioni importanti.

 

ps: pregasi evitare di citare personaggi del passato, da Andreotti in poi, dicendo che 'tanto, i politici sono tutti uguali' ecc ecc. Non me ne importa nulla, e per fortuna sono passato. Proviamo di guardare avanti per diventare un paese civile, se possibile.

Link to comment
Share on other sites

Chi non è un santo può essere un moralizzatore?

In generale, direi proprio di sì, altrimenti, la funzione del moralizzatore, vista la incontestabile assenza di santi in terra, non competerebbe neppure al Papa; mi sembra però di poter dire che mai il Silvio nazionale si è arrogato tale funzione, tutto al contrario! ... egli si è proposto come uomo di successo, dotato di astuzia e di qualità umane del tutto normali e diffuse tra gli italiani: ride, suona, scherza, canta, balla e gli piacciono le donne! .... insomma un vero italiano!

 

Il problema è che, alla fine, con una opposizione che, incapace di aggredirlo con argomenti seri, lo attacca con i gossip, vincerà sempre lui!

 

A madmike mando a dire che, di tutto quello che ha scritto, molto poco risponde a verità!

Link to comment
Share on other sites

In generale, direi proprio di sì,

Ed invece no, un "moralizzatore" non può essere il primo a trasgredire dove va a moralizzare. Chi patrocina il family day non può essere adultero, divorziato e puttaniere, dovrebbe scusarsi con tutti quelli che vi hanno partecipato.

Link to comment
Share on other sites

Ed invece no, un "moralizzatore" non può essere il primo a trasgredire dove va a moralizzare. Chi patrocina il family day non può essere adultero, divorziato e puttaniere, dovrebbe scusarsi con tutti quelli che vi hanno partecipato.

Interessante ed esplicito punto di vista! ... ma non ti sembra assolutamente miope?

C'ero anche io a quella manifestazione che chiami "family day" eppure, te lo garantisco, anche se non sono un puttaniere, non passo tutte le notti con mia moglie! che dici? .... dovevo restarmene a casa?

Edited by dindon
Link to comment
Share on other sites

No, ma non penso come ho già detto che un adultero, divorziato e puttaniere possa patrocinare una manifestazione sulla "famiglia", almeno che non sia come la intende lui, ma mi sembrava proprio il contrario. E' come se uno della Lipu andasse a Caccia :asd:

Link to comment
Share on other sites

No, ma non penso come ho già detto che un adultero, divorziato e puttaniere possa patrocinare una manifestazione sulla "famiglia", almeno che non sia come la intende lui, ma mi sembrava proprio il contrario.

 

Sembra che tu rifiuti di concepire la differenza che intercorre tra pubblico e privato: un primo ministro non è chiamato ad condurre una vita privata irreprensibile ma solo a svolgere al meglio le funzioni che gli competono e ti risparmio il lunghissimo elenco di personaggi storici ed uomini politici di prima grandezza che, in privato, erano anche peggio del mio carrozziere (puttaniere e ubriacone incallito).

Link to comment
Share on other sites

Sembra che tu rifiuti di concepire la differenza che intercorre tra pubblico e privato: un primo ministro non è chiamato ad condurre una vita privata irreprensibile ma solo a svolgere al meglio le funzioni che gli competono e ti risparmio il lunghissimo elenco di personaggi storici ed uomini politici di prima grandezza che, in privato, erano anche peggio del mio carrozziere (puttaniere e ubriacone incallito).

 

Dindon, stai commettendo un errore di fondo alquanto grossolano, quando qualcuno si espone in prima persona alla guida di un governo, ciò di cui necessita innanzitutto è credibilità, e non solo in campo nazionale, ma anche in un contesto internazionale, in quanto fa le veci di un intero popolo.

Se andava a puttane a casa sua già sarebbe stato uno scandalo, il fatto poi che ciò sia avvenuto a Palazzo Grazioli, mina profondamente la figura istituzionale del Presidente del Consiglio.

Non è perchè è Berlusconi, il problema è che tali incresciosi episodi li ha commessi il Presidente del Consiglio Italiano, in una residenza istituzionale della Repubblica Italiana.

Se ciò fosse avvenuto nella repubblica democratica per eccellenza, ossia gli USA, fidati che uno come B. non sarebbe durato neanche 5 minuti, siamo noi i pagliacci che acconsentiamo a certi fenomeni da baraccone di governare.

(Ti ricordo, infatti, che Bill Clinton dovette rinunciare alla carica presidenziale per via della lewinsky)

 

PS: Dindon, se dici che ciò che ha scritto Madmike è falso, prova a indicare anche quali passaggi sono secondo te fallaci o inveritieri.

Semplicemente affermare che è falso senza provarlo, e davvero una contestazione scarna e priva di qualsiasi fondamento.

Edited by Blackbird
Link to comment
Share on other sites

...

Se andava a puttane a casa sua già sarebbe stato uno scandalo, il fatto poi che ciò sia avvenuto a Palazzo Grazioli, mina profondamente la figura istituzionale del Presidente del Consiglio.

Non è perchè è Berlusconi, il problema è che tali incresciosi episodi li ha commessi il Presidente del Consiglio Italiano, in una residenza istituzionale della Repubblica Italiana.

Se ciò fosse avvenuto nella repubblica democratica per eccellenza, ossia gli USA, fidati che uno come B. non sarebbe durato neanche 5 minuti, siamo noi i pagliacci che acconsentiamo a certi fenomeni da baraccone di governare.

(Ti ricordo, infatti, che Bill Clinton dovette rinunciare alla carica presidenziale per via della lewinsky)

 

PS: Dindon, se dici che ciò che ha scritto Madmike è falso, prova a indicare anche quali passaggi sono secondo te fallaci o inveritieri.

Semplicemente affermare che è falso senza provarlo, e davvero una contestazione scarna e priva di qualsiasi fondamento.

A proposito di "falsità", ecco le tue:

 

1) Palazzo Grazioli NON è una residenza istituzionale della Repubblica Italiana, bensì privata di Berlusconi (dal link http://it.wikipedia.org/wiki/Palazzo_Grazioli , riporto:

 

" ... Il palazzo è noto per essere la dimora romana dell' on. Silvio Berlusconi, attuale presidente del Consiglio dei Ministri. Infatti questi ha preso in affitto, dalla proprietà Grazioli, il piano nobile del palazzo. ... ").

 

2) Bill Clinton non rinunciò ad un bel niente e rimase Presidente degli Stati Uniti d'America fino alla scadenza del mandato che gli era stato conferito dagli elettori.

 

 

Prima di "fare le pulci" agli altri, pensa a verificare se quello che tu scrivi è esatto!

Link to comment
Share on other sites

Dindon, stai commettendo un errore di fondo alquanto grossolano, quando qualcuno si espone in prima persona alla guida di un governo, ciò di cui necessita innanzitutto è credibilità, e non solo in campo nazionale, ma anche in un contesto internazionale, in quanto fa le veci di un intero popolo.

Se andava a puttane a casa sua già sarebbe stato uno scandalo, il fatto poi che ciò sia avvenuto a Palazzo Grazioli, mina profondamente la figura istituzionale del Presidente del Consiglio.

Non è perchè è Berlusconi, il problema è che tali incresciosi episodi li ha commessi il Presidente del Consiglio Italiano, in una residenza istituzionale della Repubblica Italiana.

Se ciò fosse avvenuto nella repubblica democratica per eccellenza, ossia gli USA, fidati che uno come B. non sarebbe durato neanche 5 minuti, siamo noi i pagliacci che acconsentiamo a certi fenomeni da baraccone di governare.

(Ti ricordo, infatti, che Bill Clinton dovette rinunciare alla carica presidenziale per via della lewinsky)

 

PS: Dindon, se dici che ciò che ha scritto Madmike è falso, prova a indicare anche quali passaggi sono secondo te fallaci o inveritieri.

Semplicemente affermare che è falso senza provarlo, e davvero una contestazione scarna e priva di qualsiasi fondamento.

Ringrazio Picpus che, più velocemente di me e con la sua consueta precisione, ha immediatamente colto l'erroneità di alcune asserzioni di Blackbird. A quest'ultimo (non me ne voglia se mi permetto di affermare che anche lui, come molti, è vittima delle campagne di disinformazione in essere: probabilmente è abbonato a "La Repubblica"!) ricordo che nella "repubblica democratica per eccellenza, ossia gli USA" anche i sig. Kennedy non hanno offerto, a chi osservava la loro vita privata, una immagine immacolata.

Edited by dindon
Link to comment
Share on other sites

A me viene da ridere....

Perchè rido?! Perchè in questa vicenda l'atteggiamento degli oppositori di Berlusconi è quello tipico del bigottismo cattolico: tutti indignati per le scelte "private" del Premier (che, ancora una volta preciso, ho trovato molto inopportune)....salvo però poi vedere le stesse persone mostrarsi saldamente anti-clericali quando si dibatte di altre vicende (tipo la prostituzione nelle strade) dove il problema ha invece una dimensione pubblica e non privata.

 

Ma com'è?! Per i festini privati "tette&culi" di Berlusconi provate disgusto e pretendete i chiarimenti in Parlamento perchè il Presidente del Consiglio deve essere uomo probo, irreprensibile e di intatti valori morali, ma poi per mille altre questioni pubbliche relegate le questioni morali al rango di lite condominiale...e chi se ne frega se viviamo in una società eticamente corrotta!!!

 

Mah...il punto è che nel polso vi è rimasto solo il jolly "escort".

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Allora lasciamo le cose come stanno, lasciamo che un Presidente del Consiglio si faccia deridere da mezza Europa (Mario Mauro è stato recentemente silurato in quanto è stato presentato da Berlusconi che ormai, a livello internazionale è considerato un appestato che vale come il due di picche quando si gioca a briscola..), lasciamo che un piduista con una novantina di avvisi di reato sul groppone regni incotrastato; peccato che all'estero i giornali stiano facendo fuoco e fiamme e lo stiano descrivendo come realmente è, un fenomeno da baraccone che si trastulla in compagnia di escort e veline che poi cerca di collocare in Parlamento.

B. è ormai divenuto indifendibile, vi accanite a scusarlo e a supportarlo, semplicemente perchè senza di lui il pdl sarebbe finito, e il centro-destra resterebbe senza alcuna guida e si scioglierebbe miseramente.

 

PS: è vero, sono abbanato a Repubblica, ma non penso di essere vittima di una campagna di disinformazione organizzata da repubblica e basta.

Penso che ormai ci sia una sorta di propaganda politica messa in essere da questo stesso governo, che plagia, tace e sottopone a censura qualsiasi sistema di informazione (ricordo che FreedomHouse, organizzazione indipendente americana, ha classificato l'Italia ultima in Europa sul piano della libertà di stampa).

Edited by Blackbird
Link to comment
Share on other sites

A me non dispiace affatto che il "nonnino" vada a zoccole, anzi mi da speranze per il futuro... ma ce la dasse a tutti questa possibilità! :rotfl:

Per il resto quoto il post di madmike.

Spero che questa ennesima polemica aiuti a far emergere la nuova leadership nel centrodestra visto che personalità meritevoli, dotate di capacità e di dati anagrafici più freschi ce ne sono.

Link to comment
Share on other sites

A me non dispiace affatto che il "nonnino" vada a zoccole, anzi mi da speranze per il futuro... ma ce la dasse a tutti questa possibilità! :rotfl:

Per il resto quoto il post di madmike.

Spero che questa ennesima polemica aiuti a far emergere la nuova leadership nel centrodestra visto che personalità meritevoli, dotate di capacità e di dati anagrafici più freschi ce ne sono.

 

A me la cosa lascia indifferente se non fosse che la opposizione, cui è istituzionalmente affidato il compito di tutelare anche i miei interessi, distoglie la sua attenzione dalle cose serie per concentrarsi su banalità e gossip.

Tutto il mio rispetto e la mia gratitudine ad una opposizione concreta, seria, attenta alle cose essenziali ed al bene della Patria: l'avremo mai in Italia? ... è già molto che aspetto!

Edited by dindon
Link to comment
Share on other sites

Allora lasciamo le cose come stanno, lasciamo che un Presidente del Consiglio si faccia deridere da mezza Europa (Mario Mauro è stato recentemente silurato in quanto è stato presentato da Berlusconi che ormai, a livello internazionale è considerato un appestato che vale come il due di picche quando si gioca a briscola..), l

Ah sì?! Sei proprio sicuro che questa sia l'idea che hanno all'estero dell'esecutivo italiano?!

E immagino che tu abbia fior fiore di fonti che provano questa affermazione (fammi indovinare: El Paìs? Le Monde? The Guardian?)....o te l'hanno rivelato direttamente Obama e la Merkel?!

 

Di fronte a queste parole possono solo immaginare che tu non abbia appreso le dichiarazioni dei leader mondiali post G8 a L'Aquila.

 

Così come non hai letto ciò che la stampa (quella autorevole e seria, non i giornali legati a doppio filo con La Repubblica) ha scritto....in primis il (da voi) tanto acclamato Financial Times, che tutto si può definire meno un giornale economico vicino alle politiche di destra.

 

Riguardo al perchè Mauro è stato preferito, le ragioni non sono certo da rinvenire nelle vicende private del Premier, ma piuttosto nella esigenza di non turbare fli equilibri in seno al PPE (tant'è che Mauro si è ritirato dalla candidatura su espressa richiesta del presidente del Gruppo PPE, Joseph Daul).

 

Chissà perchè molti italiani godono nel disegnare il proprio Paese come una nazione allo sfascio...

 

EDIT: invece di preoccuparti del PDL che andrebbe allo sfascio senza Berlusconi....pensa al tuo PD che allo sfascio c'è già!

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Signori,

 

se da bravi cittadini ci mettessimo a pensare a cosa ci rimane della politica italiana, tenendo conto poche semplici evidenti questioni:

 

1. Il PDL senza Berlusconi non è pensabile, non esisterebbe.

2. Il PD non esiste nemmeno ora.

 

Cosa potremmo discutere del futuro della politica italiana?

 

Assetti e legiferazioni perpiacere, lasciamo perdere i gossip.

 

Grazie.

Link to comment
Share on other sites

avevo premesso, nel mio topic: 'cerco di spiegare, ma sono certo che non ci riuscirò'.

vedendo le risposte, le mie certezze erano realtà. Stiamo parlando di tette e culi, quando quelle sono il caso, ma non l'oggetto del contendere. Sono il motivo della discussione, ma non l'oggetto.

D'altro canto, non c'e' peggior sordo di chi non vuole sentire.

 

....in primis il (da voi) tanto acclamato Financial Times, che tutto si può definire meno un giornale economico vicino alle politiche di destra.

 

e come no, noto giornale vicino al marxismo. Siamo alla negazione della realtà per puntellare le proprie certezze. Non vedo futuro.

 

ah, dimenticavo: visto che si e' messa in dubbio la veridicità di quanto postato da me, all'inizio del topic, invito anche io, come fatto (senza risposta) da altri forumisti, Dindon a evidenziare il falso. Poi magari ne discutiamo. Altrimenti, bugiardo e' lui.

Edited by madmike
Link to comment
Share on other sites

Sembra che tu rifiuti di concepire la differenza che intercorre tra pubblico e privato

Non capisco, io non dovrei entrare nel suo privato e lui può entrare in quello degli altri patrocinando il "family day" (per poi andare a puttane) con lo scopo di delegittimare tutti i modelli di "famiglia" che non entrino nei suoi canoni? avere affossato i DICO è una delle cose più invadenti nella vita privata delle persone che si possa fare.

Edited by typhoon
Link to comment
Share on other sites

D'altro canto, non c'e' peggior sordo di chi non vuole sentire.

 

....in primis il (da voi) tanto acclamato Financial Times, che tutto si può definire meno un giornale economico vicino alle politiche di destra.

 

e come no, noto giornale vicino al marxismo. Siamo alla negazione della realtà per puntellare le proprie certezze. Non vedo futuro.

Tu continua a non vedere futuro, io continuo a vedere falsità....sfido chiunque ad affermare che il Financial Times è un giornale di destra!

 

Certamente essendo un quotidiano che si occupa di alta finanza, economia e del mercato borsatile difficilmente potrà essurgere a giornale del partito comunista....ma tant'è, così leggo su Wikipedia (leggo per voi, io già lo sapevo):

 

The Financial Times is politically centrist, in contrast to its right-leaning competitor, The Wall Street Journal. It advocates free markets and is in favour of globalisation. During the 1980s it supported Margaret Thatcher and Ronald Reagan's monetarist policies. However, it has aligned itself with Labour in the UK. It also has been supportive of Gordon Brown, the British Prime Minister. FT editorials tend to be pro-European Union, though often critical. Noam Chomsky said it is "the only paper that tells the truth".[11]

In the 2008 United States presidential election, the Financial Times endorsed Barack Obama. [12]

 

Chomsky...notoriamente un pensatore di destra!

 

Possiamo confermare che non è un giornale di destra, dunque?!

 

Com'era la cosa....ah sì, non c'è peggior sordo di chi non vuol sentire.

 

PS: i Dico li hanno affossati i catto-comunisti, che all'epoca sedevano nel (variegato e varipinto) governo Prodi...non certo Berlusconi!

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Forza ragazzi, invece di accusare o difendere il Presidente del Consiglio, perchè chi ha coraggio se ne ha, non dice apertamente: io farei lo stesso.

 

Ma senza stare a specificare motivi e scuse, dica solo: "Lo farei anche io, perchè ne sono capace e non ci vedo niente di male, farei lo stesso".

 

Così capiamo se chi giudica o difende ha gli stessi punti di vista sulla questione delle escort, dato che quella della politica non interessa a nessuno, è palese, altrimenti la traccia delle donnine sarebbè morta un paio di topic più sopra, avanti non facciamo i supermoralisti di chi s'indegna delle donne del premier, e di chi non vede le ragioni d'indignarsi.

Link to comment
Share on other sites

Forza ragazzi, invece di accusare o difendere il Presidente del Consiglio, perchè chi ha coraggio se ne ha, non dice apertamente: io farei lo stesso.

 

Ma senza stare a specificare motivi e scuse, dica solo: "Lo farei anche io, perchè ne sono capace e non ci vedo niente di male, farei lo stesso".

 

Così capiamo se chi giudica o difende ha gli stessi punti di vista sulla questione delle escort, dato che quella della politica non interessa a nessuno, è palese, altrimenti la traccia delle donnine sarebbè morta un paio di topic più sopra, avanti non facciamo i supermoralisti di chi s'indegna delle donne del premier, e di chi non vede le ragioni d'indignarsi.

 

Giusto!

 

Io, pur difendendo il Governo, non ho alcuna problema (lo ho già scritto diverse volte in altre discussioni) a riconoscere che l'atteggiamento del Premier è improvvido oltre che inopportuno e moralmente riprorevole. Ma punto...mi fermo qui. Il mio giudizio sul privato non intacca la mia valutazione sull'azione di Governo.

 

Riguardo alle festi di Villa Certosa: avrei pagato io per partecipare ad almeno una di esse....(come penso il 99,9% della popolazione maschile eterosessuale). :woot::rotfl: D'altra parte chi non ha piacere a frequentare i locali, i luoghi e le feste dove stanno molte belle ragazze?!

Se approvo il fatto che siano pagate....no, non approvo....per mettere su una bella festa mica occorre chiamare le "professioniste". :D:P

Edited by paperinik
Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share


×
×
  • Create New...