Jump to content

I maya


Maverick1990
 Share

Recommended Posts

Antichi testi maya predicono la fine del mondo per il 2012, secondo le iscrizioni trovate sembrerebbe che loro erano una civiltà molto evoluta e che addirittura fossero in ontatto con forme di vita aliene

 

 

le iscrizioni trovate dicono inoltre che...la terra comincerà a tremare,piogge violentissime si abbatteranno suula terra, grandi onde si abbatteranno sulla terra ferma, ke strariperanno i fiumi ke invaderanno gli abitanti e la loro vegetazione

 

da una parte sarà sempre notte da un'altra parte della terra sempre giorno...

 

i poli magnetici cambieranno direzione...

 

Se penso che questa antica civiltà aveva un calensdario più preciso del nostro

 

il loro era per difetto 0.0002

 

il nostro è per difetto 0.0003

 

godiamoci questi ultimi 7 anni..... :pianto:

Link to comment
Share on other sites

su questo sito ho trovato il pezzo interessato : http://www.mexicoart.it/Ita/mayateo.htm

 

Lo quoto qui sotto il testo:

 

LA QUINTA ERA DEI MAYA

Secondo i Maya ci furono cinque Ere cosmiche, corrispondenti ad altrettante civiltà. Le precedenti quattro Ere (dell’Acqua, Aria, Fuoco e Terra) sarebbero tutte terminate con degli immani sconvolgimenti ambientali.

Alcuni studiosi affermano che la prima civiltà - quella distrutta dall’Acqua - era Atlantide. Nel Popol Vuh dei Maya Quiché, si legge: "un diluvio fu suscitato dal Cuore del Cielo... una pesante resina cadde dal cielo.. la faccia della terra si oscurò, e una nera pioggia cadde su di essa, notte e giorno".

Secondo il calendario Maya, l’attuale Età dell’Oro (la quinta, governata dal dio Quetzalcoatl) terminerà nel 2012. Cosa ci dobbiamo aspettare? Secondo i ricercatori Maurice Cotterell e Adrian Gilbert, i cataclismi che caratterizzarono la fine delle Ere Maya furono causati da una inversione del campo magnetico terrestre, dovuto ad uno spostamento dell’asse del pianeta. La Terra infatti subirebbe periodicamente una variazione dell’inclinazione assiale rispetto al piano dell’ellittica del sistema solare. Ciò provocherebbe scenari apocalittici, descritti dallo storico Immanuel Velikvosky nel suo libro "Earth in Upheaval":

 

"...Un terremoto farebbe tremare il globo intero. Aria e acqua si muoverebbero di continuo per inerzia, la Terra sarebbe spazzata da uragani e i mari investirebbero i continenti... La temperatura diverrebbe torrida e le rocce verrebbero liquefatte, i vulcani erutterebbero, la lava scorrerebbe dalle fratture nel terreno squarciato, ricoprendo vaste zone. Dalle pianure spunterebbero come funghi le montagne, che continuerebbero a salire sovrapponendosi alle pendici di altre montagne e causando faglie e spaccature immani. I laghi sarebbero inclinati e svuotati, i fiumi cambierebbero il loro corso, grandi estensioni di terreno verrebbero sommerse dal mare con tutti i loro abitanti. Le foreste sarebbero divorate dalle fiamme e gli uragani e i venti impetuosi le strapperebbero dal terreno... Il mare, abbandonato dalle acque, si tramuterebbe in un deserto. E se lo spostamento dell’asse fosse accompagnato da un cambiamento nella velocità di rotazione, le acque degli oceani equatoriali si ritirerebbero verso i poli e alte maree e uragani spazzerebbero la Terra da un polo all’altro... Lo spostamento dell’asse cambierebbe il clima in ogni luogo... Nel caso di un rapido spostamento dell’asse terrestre, molte specie di animali sulla Terra e nel mare sarebbero distrutte e la civiltà, se ancora esistesse, sarebbe ridotta in rovine".

 

Lo scenario ipotizzato da Velikovsky, oltre a ricalcare le leggende Maya, espone scientificamente le profezie del monaco Basilio. Cotterell, in base ai suoi studi sull’attività delle macchie solari e sul calendario Maya, ha concluso che la profezia relativa alla fine della quinta Era deriva da un calcolo della prossima inversione del campo magnetico terrestre, prevista per il 2012. Chissà, forse fu proprio uno spostamento dell’asse terrestre che circa 10.500 anni fa fece sprofondare Atlantide e Lemuria e provocò il Diluvio Universale.

 

 

 

 

Cosa ne pensate?

Link to comment
Share on other sites

Da un punto di vista strettamente scientifico, l'inversione del campo magnetico terrestre avviene ogni tot anni, e impiega un certo tot di anni.

 

Per quanto riguarda il primo "tot", gli scienziati parlano di cifre nell'ordine del 100.000 anni, ma secondo alcuni sarebbero 700.000 anni.

 

Per quanto riguarda il secondo "tot", le stime vanno da un minimo di 2000 anni a oltre 10.000.

 

Secondo alcuni la Terra da alcuni secoli ha in corso questa inversione, ma è escluso che essa si completi nel 2012. Ci vorranno ancora molti secoli, se non millenni.

 

Anche il sole inverte polarità, ma lo fa con una velocità molto maggiore: il suo ciclo è di appena 11 anni, e francamente non gli arreca nessuna danno, per cui non c'è ragione di pensare che sulla Terra debba succedere chissà cosa, a parte la necessità di adeguare le strumentazioni.

 

Poi ci sono un po' di cosiddetti studiosi dei misteri, che ritengono che invece i cili siano più brevi. Ma se fossero più brevi e fossero così disastrosi, l'uomo si sarebbe estinto già migliaia di anni fa.

 

-------

 

Molte civiltà del passato sono davvero misteriose.

I Maya, gli Aztechi, le civiltà indù, gli assiri, per non parlare di popoli come i vichinghi, i celti, gli egizi, hanno dimostrato di avere conoscenze e capacità tuttora inspiegabili. Ci sono molte teorie al riguardo, ma nessuna esauriente e provata.

 

Come mai i Maya avevano certe conoscenze astronomiche così precise?

Come mai alcuni popoli conoscevano l'esistenza di stelle e pianeti che sono stati scoperti solo negli ultimi decenni?

Come fecero gli egizi a costruire le piramidi?

Come fecero gli indios sudamericani a trasportare ed edificare con immensi blocchi di granito città costruite su montagne alte 3000-4000 metri?

Cosa significa esattamente Stonehenge?

Cosa significano e come poterono essere realizzati i disegni di Nazca?

 

Gli studiosi sostengono - giustamente - che gli antichi osservavano il cielo più di quanto immaginiamo, e pertanto avevano una cultura astronomica notevolissima.

E gli archeologhi pensano che grandi civiltà come quella egizia avevano messo a punto una capacità "meccanica" tale da poter costruire le Piramidi e tutto il resto.

 

Difficile smentirli.

Se avessimo trovato un televisore con telecomando, quello sì che sarebbe stato impossibile da spiegare.

Ma non abbiamo mai trovato nulla di impossibile da realizzare con le tecniche di allora.

Possiamo parlare di difficile, di improbabile, di inspiegabile ma non di impossibile.

Link to comment
Share on other sites

non ci resta che aspettare però non credo per niente a queste cose

 

ma più al meteorite che passerà, relativamente, molto vicino alla terra nel 2019 (non vorrei sbagliarmi) ed è della dimensione giusta per provocare un'estinzione di massa, come è successo con i dinosauri

 

le probabilità sono dell'ordine di 1 su 1.000.000 (non ricordo le cifre esatte), sembrano poche ma se paragonate alle probabilità di collisione di altri meteoriti o di comete ci si può anche fare un pensierino

Link to comment
Share on other sites

una volta avevo sentito in tv che un meteorite è in rotta di collisione con la terra e che il suo arrivo è previsto per il 2020 circa.. non mi ricordo bene...

mi era sembrato molto strano... boh

voi sicuramente saprete qualcosa di piu... :blink: ditemi..

penso sia lo stesso ;)

cavolo pure due?

allora ce li manda qualcuno

Link to comment
Share on other sites

c'è chi ha suggerito di dipingere i meteoriti di bianco (come non so) per fargli riflettere la luce solare e deviarli, ma è moooolto un ipotesi

 

penso che la soluzione migliore siano una decina di megatoni, giusto per stare tranquilli

Link to comment
Share on other sites

Secondo me un affare bello grosso che ti arriva addosso a 100 km/sec non lo fermi e non riesci a deviarlo un gran che nemmeno con un'esplosione nucleare.

Troppo veloce, in pochi decimi di secondo è giù fuori dal raggio d'azione dell'esplosione. Dovresti intercettarlo quando si trova ancora a molte decine di milioni di chilometri dalla Terra, ma il problema è che gli asteroidi sono difficilissimi da individuare, finchè non sono troppo vicini.

 

Da questo punto di vista il film Armageddon era realistico: una buona soluzione è quella di inserire la testata dentro l'asteroide, scavando un foro.

 

Una sonda ben progettata potrebbe riuscirci.

 

Se invece l'asteroide è piccolo, allora un paio di testate ben assestate dovrebbero riuscire a polverizzarlo.

 

In ogni caso, la cosa più sicura di tutte è preparare un bel pacco di uranio impoverito e spararglielo contro in rotta di collisione a 30-40 km/sec... allora sì che lo fai deviare... o lo frantumi in mille pezzi...

 

----

 

Dread, assurda la cosa del dipingere di bianco gli asteroidi... chi ha scritto una panzana del genere? :D

Link to comment
Share on other sites

Dread, assurda la cosa del dipingere di bianco gli asteroidi... chi ha scritto una panzana del genere? :D

c'era su un articolo di focus che parlava di queste cose

 

perchè proprio uranio impoverito e non quello normale o plutonio?

per problemi di radiazioni nel momento del lancio?

 

il plutonio è artificiale vero?

Link to comment
Share on other sites

Bhè, l'uranio è l' elemento più denso e pesanti che esista in natura.

Il Plutonio lo è un po' di più (massa atomica del Plutonio: 244, quella dell'Uranio: 238) però non esiste in natura, è prodotto artificialmente.

 

L'Uranio impoverito non emette praticamente radiazioni, quindi è abbastanza innocuo. Il Plutonio è uno degli elementi più tossici e radioattivi che esistano.

 

Se durante il lancio qualcosa va storto, preferisco che nell'atmosfera si liberino qualche tonnellata di uranio impoverito, piuttosto che di Plutonio.

 

Ma il vero motivo è che l'Uranio impoverito è disponibile - da subito - in quantità industriali (oltre 500.000 tonnellate sono stoccate in USA). Quindi non ci sarebbe alcun problema a mettere in orbita un bel cubo di uranio impoverito (un cubo di 10 metri di lato peserebbe 1900 tonnellate... bisognerebbe lanciare almeno un centinaio di razzi) e poi a dargli una spinta di quelle toste bruciando qualche centinaio di tonnellate di esplosivo, immetterlo in rotta di accelerazione sfruttando la gravità di marte o di giove o della stessa terra (come fanno le sonde spaziali) e scagliarlo a 50-100 km/sec contro l'asteroide in arrivo.

 

L'energia di un simile impatto dovrebbe garantire la distruzione anche di un enorme asteroide, o la sua sensibile deviazione dalla rotta di collisione contro la terra.

 

Il vantaggio è che una missione del genere potrebbe essere progettata e attuata nel giro di poco tempo: praticamente il tempo necessario per mettere in orbita l'uranio e il propellente e quello per calcolare la traiettoria.

 

Certo, sarebbe comunque un impegno immane, forse persino superiore rispetto a quello di lanciare una testata nucleare contro l'asteroide.

Però nessuno sa che efficacia potrebbe avere una testata nucleare contro un asteroide ed è impossibile calcolare con precisione la deviazione eventualmente provocata.

 

Al contrario il sistema dell'intercettore solido comporta dei dati oggettivi che si possono tranquillamente calcolare: massa, velocità e rotta del bersaglio; massa, velocità e rotta dell'intercettore. Con questi dati si possono calcolare con buona precisione le conseguenze dell'impatto.

Link to comment
Share on other sites

c'era su un articolo di focus che parlava di queste cose

ma focus di cose assurde ne scrive a iosa...impiega 5pagine per spiegare un concetto che si potrebbe benissimo dire in 2..!

molto meglio"le scienze"!

ehi così mi crolla un mito...

cosa vuol dire che focus dice le baggianate?

 

e io che sono abbonato...

Link to comment
Share on other sites

c'era su un articolo di focus che parlava di queste cose

ma focus di cose assurde ne scrive a iosa...impiega 5pagine per spiegare un concetto che si potrebbe benissimo dire in 2..!

molto meglio"le scienze"!

ehi così mi crolla un mito...

cosa vuol dire che focus dice le baggianate?

 

e io che sono abbonato...

Vuol dire che il target di Focus è basso....

Il livello di approfondimento degli articoli è minimale....non è una rivista specialistica ma è una di semplice divulgazione!!!

 

Ce ne sono di molto meglio ;)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...