Jump to content
Sign in to follow this  
SM79

Ma voi lo sapevate che una paracadutista era morta?

Recommended Posts

si sapeva...i telegiornali ne hanno ampiamente parlato

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ne ho sentito niente..poverina che sfortuna....come mai non e riuscita ad aprire il paracadute d'emergenza?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

Era una VFP4. Nulla a che vedere con la FOLGORE. L'incidete è avvenuto in un aereoclub privato con mezzi civili ed equipaggiamento civile. In un giorno non ci si può brevettare!!! Nell'esercito per sfoggiarsi del brevetto civile abbisogna di 3 lanci.

Presumo che lei e le sue colleghe volessero il brevetto in previsione di ottenere punti per il bando di concorso per passare effettive.

maxtaxi

Share this post


Link to post
Share on other sites
non ne ho sentito niente..poverina che sfortuna....come mai non e riuscita ad aprire il paracadute d'emergenza?

 

Sai, quando stai per schiantarti al suolo e sei conscio che la tua vita è al capolinea puoi non avere la freddezza mentale che ti fa ragionare sul da farsi e la prontezza di riflessi necessaria ad aprire l'emergenza. Magari era gia morta dalla paura o in profondo stato di agitazione e di shok. Non aveva nemmeno tanta esperienza.

 

Incidenti del genere capitano anche nelle FFAA, durante i lanci di addestramento. Succede. Non tutto quello che fa l'uomo è perfetto ed infallibile.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

Ca***te!!!

Nella brigata FOLGORE o comunque durante il corso al lancio, le manovre si provano e si riprovano perché?

Tutto deve avvenire in automatico!!!

Ci si lancia fra i 330mt e i 380mt!!! -Dipende dalla zona di lancio! Altopascio, Tassignano-

Sono i lanci più bassi del mondo e anche i paracadutisti americani si cagano addosso!!!

'Un americano di Vicenza (diavoli rossi) mi ha detto che noi ci lanciamo troppo in basso dopo aver guardato dal portellone posteriore di un CH47 il terreno che scorreva più sotto. Quando mi ha guardato era bianco.'

Lancio! Conteggio..

1001.. 1002.. 1003.. 1004.. 1005.. (Effettuare controllo calotta che si sia aperta correttamente!)

UNO! (Guardare centro e a sinistra in alto!)

DUE! (Guardare centro e a destra in alto!)

Non si è aperto? Hai già le mani in posizione sul paracadute di emergenza quindi stringi la mano destra a pugno afferrando la maniglia e aprire entrambe le braccia ad angelo guardando in alto!

1001.. 1002.. 1003.. 1004.. 1005..

Non si è aperta la calotta o ci sono problematiche?

Se non si è aperta hai esattamente il tempo per dire..

AVE MARIA..

E ti sei schiantato al suolo!

Al cinema della brigata fanno vedere i filmati dei lanci e tutte le possibili conseguenze che ti possano accadere e le soluzioni corrette.

Molti lasciano o non si sentono di continuare e verranno riassegnati. Come dargli torto? Se il buon dio avesse voluto che un essere umano volasse gli avrebbe assegnato le ali e poi è illogico lanciarsi da un aereo in perfetto stato di efficienza…

Fate il conto.. In totale un paracadutista militare italiano ha tempo 7 secondi per capire ed eventualmente risolvere il problema. Ci sono svariati problemi che non sto qui ad elencare ma che ad ogni singola problematica ha una risoluzione da effettuarsi in automatico.

Di notte è un altro caso.. Ti affidi al buon dio e ad una buona dose di Culo!

maxtaxi ex sottuff parà

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ca***te!!!

Nella brigata FOLGORE o comunque durante il corso al lancio, le manovre si provano e si riprovano perché?

Tutto deve avvenire in automatico!!!

 

IN TEORIA.

 

Ma nella pratica? Avviene veramente tutto in automatico? Ma poi tu quanti lanci hai fatto? E quella ragazza invece? Ed in quanti casi sei ricorso all'emergenza? E quanti parà italiani ricorrono all'emergenza ogni anno? E incidenti non ne succedono?

 

Poi nella Folgore ti insegnano una cosa, in una scuola civile te ne insegnano altre. E non ti stanno certo a fare la "fortificazione mentale" che ti fanno in quel di Livorno.

 

Non mi sembra poi che tu possa permetterti di usare la parola "Ca***te" riferita a post di altri utenti del forum, viste diverse tue perle di saggezza sparse qua e la tra le varie sezioni.

 

EDIT

'Un americano di Vicenza (diavoli rossi)

Veramente i Red Devils sono i paracadutisti di Sua Maestà Britannica. ;)

Edited by Marvin

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest maxtaxi

 

Poi nella Folgore ti insegnano una cosa, in una scuola civile te ne insegnano altre.

 

 

Pienamente ragione. Nell'esercito ti insegnano ad affrontare i problemi mentre nelle scuole civili si pensa più alla pecunia.

Le azioni di fuoco devono avvenire asimmetricamente in automatico. Quando si entra in un edificio con altri 7 compagni e deve avvenire la bonifica, non hai tempo di pensare ma di agire. C'è di mezzo la vita tua, dei tuoi compagni e di eventuali innocenti.

Questo non vuol dire per chi può essere estraneo al settore che non si pensa, solo che hai poco tempo per dire "FERMO O SPARO!"

I lanci efettuati nell'esercito vengono tutti videoregistrati. Ogni malfunzionamento del paracadute viene attentamente valiato. Ogni esercizio anche il più stupido, è attentamente studiato e provato.

Camminare per il poligono è una cosa, al massimo ti inciampi su una pietra ma lanciarti con il paracadute e sbagliare, ci rimetti la VITA!

Il lancio vincolato che efettuano tutti i militari, ha una tecnica e uno studio solo il modo per agganciare la fune di vincolo e il moschettone!

 

 

 

Veramente i Red Devils sono i paracadutisti di Sua Maestà Britannica.

 

:rotfl: Se uno si mettesse a pensare invece che schiacciare i tasti sulla tastiera e basta...

508th Parachute Infantry Regiment: Red Devils

Sono di base a Vicenza caserma EDERLE. Grazie per avermi fatto cercare una cosa che non ricordavo.

 

Ho detto c****te perchè come sempre si sbatte la notizia senza adeguate informazioni! Il sensazionalismo o l'anitimilitarismo impazza anche fra la gente con il grado da Generale...

Ma andate in ospizio e levatevi di torno :furioso:

maxtaxi

Share this post


Link to post
Share on other sites
Pienamente ragione. Nell'esercito ti insegnano ad affrontare i problemi mentre nelle scuole civili si pensa più alla pecunia.

Le azioni di fuoco devono avvenire asimmetricamente in automatico. Quando si entra in un edificio con altri 7 compagni e deve avvenire la bonifica, non hai tempo di pensare ma di agire. C'è di mezzo la vita tua, dei tuoi compagni e di eventuali innocenti.

Questo non vuol dire per chi può essere estraneo al settore che non si pensa, solo che hai poco tempo per dire "FERMO O SPARO!"

I lanci efettuati nell'esercito vengono tutti videoregistrati. Ogni malfunzionamento del paracadute viene attentamente valiato. Ogni esercizio anche il più stupido, è attentamente studiato e provato.

Camminare per il poligono è una cosa, al massimo ti inciampi su una pietra ma lanciarti con il paracadute e sbagliare, ci rimetti la VITA!

Il lancio vincolato che efettuano tutti i militari, ha una tecnica e uno studio solo il modo per agganciare la fune di vincolo e il moschettone!

 

Ma che ci azzecca questo con l'argomento del 3D? :blink:

 

:rotfl: Se uno si mettesse a pensare invece che schiacciare i tasti sulla tastiera e basta...

508th Parachute Infantry Regiment: Red Devils

Sono di base a Vicenza caserma EDERLE.

 

Non lo sapevo che un reggimento di parà americani aveva lo stesso nome dei Parà inglesi.

 

Ad ogni modo, contrariamente a quanto affermi, sono stati rispediti a Fort Bragg nel 2006. Anche tu quindi potevi quindi cercare meglio e pensarci un po' su, prima di battere i tasti. ;)

 

http://www.globalsecurity.org/military/age...my/3-504pir.htm

 

Grazie per avermi fatto cercare una cosa che non ricordavo.

 

Almeno hai combinato qualcosa di utile per gli altri nella vita, anzichè limitarsi consumare il loro preziosissimo ossigeno respirando! :asd: :asd: :asd:

 

Ho detto c****te perchè come sempre si sbatte la notizia senza adeguate informazioni! Il sensazionalismo o l'anitimilitarismo impazza anche fra la gente con il grado da Generale...

Ma andate in ospizio e levatevi di torno :furioso:

maxtaxi

 

Ma questo che c'entra ora col tutto il resto??? :blink::blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io mi sono brevettato il 15 dicembre del 2007 (neanche un mese fa)...il mio corso è durato 4 mesi con 3 lezioni a settimana di 3 ore ciascuna...per ogni lezione quasi 2 ore sono dedicate alla teoria, alle uscite dall'aereo (con relativi malfunzionamenti), alla capovolta (dopo neanche un mese di corso avevo già i lividi sul culo per via delle capovolte...e mi aspettavano altri tre mesi così!!).

 

Ora fate un rapido calcolo e vedete voi quante ore di """addestramento""" ho fatto prima di arrivare al lancio. Certo a terra è un'altra cosa...non c'è il rumore dell'aereo, non c'è l'altezza, non c'è l'adrenalina...ma i movimenti vengono ripetuti centinaia di volte. Gli istruttori vogliono portare al lancio gente PREPARATA. Le cose te le ficcano nella testa, le sogni di notte, le pensi durante l'interrogazione di italiano...insomma la PREPARAZIONE è fondamentale.

Ho sentito il mio istruttore che raccontava di alcuni istruttori che in 3 giorni ti facevano il corso (in una camera di albergo) per poi portarti al lancio al 4 giorno...questa non è preparazione...chissàche fine gli hanno fatto fare :mellow:

 

Cosa è capitato secondo me a questa povera ragazza?

Beh quando sei sull'aereo ai primi lanci (e io li ho appena sperimentati e ho visto tanti altri allievi che li stava sperimentando) molti non capiscono più niente...forse a causa proprio di una cattiva preparazione.

C'è gente che spegne il cervello e lo riaccende allo shock d'apertura...gente che quando il DL gli da il via loro cascano a peso morto fuori dall'aereo...gente che quando il DL da il via si aggrappano alle funi di vincolo di quelli che sono già usciti (come fanno?...non lo so ma uno quando mi sono lanciato io l'ha fatto).

Quella ragazza per me ha spento il cervello...e non si è manco accorta di morire.

 

Un paracadutista non viene preparato solo fisicamente e teoricamente...ma anche e soprattutto MENTALMENTE. Niente esitazioni... nel dubbio si tira sempre l'emergenza...meglio un brutto processo che un bel funerale!

Se si ha malfunzionamento totale in 20 secondi si trova il petrolio...togliendo i secondi del conteggio e del controllo calotta ti rimane davvero poco tempo.

 

Per chi non lo sapesse quando si tira l'emergenza con questo tipo di paracadute non si deve sganciare la calotta principale...in poche parole se uno tira l'emergenza anche con l'altro paracadute perfettamente funzionante scende con due paracadute senza che si incasinino tra di loro (nel 99,9% dei casi)... Mi spiace per la ragazza, ma se uno non se la sente non dovrebbe fare certe cose

Edited by ice-man

Share this post


Link to post
Share on other sites

Una curiosità meramente OT: Ice ti sei brevettato da militare o da civile?

Sono indiscreto a chiederti quanto hai sborsato per il corso?

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi sono brevettato da civile.. il corso mi pare sia sui 550 (devo chiedere bene a mia mamma)...poi va aggiunta l'assicurazione (130 euro minimo) e 30 euro di visita medica.

Ovviamente nei 550 sono compresi (oltre alle varie iscrizioni all'anpdi ecc) i tre lanci del brevetto.

Ogni lancio costa ahimè 50 euro...ma li vale tutti..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono brevettato ANPD'I sez. Gorizia classe 1988...

I brevetti presi all'aeroclub no sono certo i migliori... la preparazione migliore, oltre quella fornita dall'EI Folgore per intenderci, la danno appunto i corsi tenuti dalla Sezione Anpd'I. Ricordo inoltre che da statuto (vi prego ditemi se è cambiato qualcosa) solo i bervettati Anpd'I possono fregiarsi del brevetto civile senza stella (simile a quello militare) e portare il basco rosso... quelli di club assolutamente NO.

Quando mi sono brevettao io ho fatto i lanci con i parà di Pisa, i quali avevano lor portato i paracadute e le emergenze (ancora con il CMP 55 l'ombrellone bianco pensa quanto sono vecchio)... tutto bene, nessun incidente. Poi i lanci successivi li ho fati con il T-10 che dovevamo piegarci noi sotto duemila occhi di controllo...almeno per le prime volte.

Quando è il caso è il caso... pace all'anima della giovane.

Bluto

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×