Jump to content
Sign in to follow this  
aperturasintetica

Aereodinamicamente instabile

Recommended Posts

ciao ragazzi ..mi sono sempre chiesto che cavolo ce dietro a queste due parole ..Aereodinamicamente instabile.. in questi caccia di ultima generazione si usano sempre queste parole ma alla fine ci sono sempre dietro dei computers che controllano tutto. si scrive sulle riviste che il tal aereo e' aereodi...inst.... e non potrebbe mai volare cosi' come'!! ma grazie ai computers vola..!! vedi l F117 o il B2 oppure i var SU27. mi volete spiegare cosa ce dietro e che lavoro svolgono i computers...???? :blink:

Share this post


Link to post
Share on other sites

i computer di bordo settano in continuazione il trim (assetto) dell'aereo, ed è appunto chiamato auto-trim

inoltre il fly-by-wire, sugli aerei di ultima generazione, permette al pilota di governare l'aereo, con precisione, e senza la forza immane che richiederebbe altrimenti...

 

sono instabili nel senso che senza queste correzioni automatiche (farle manualmente in continuazione costerebbe un carico di lavoro imporponibile), l'aereo non manterrebbe il giusto assetto di volo, per esempio di volo livellato con una specifica prua...

 

penso che più o meno sia cosi :rolleyes:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Di instabilità se n'è parlato qui.

 

In ogni caso, è molto semplice, i due concetti sono in antitesi: un aereo molto stabile è poco manovrabile, e viceversa un aereo molto manovrabile è poco stabile.

 

Questo perchè un aereo non riconosce la differenza tra i disturbi esterni (raffiche) ed i comandi del pilota: quando c'è qualcosa che vuole alterare il suo assetto, l'aeroplano si comporta sempre in un certo modo:

 

-Se è stabile, smorza i disturbi e torna da solo, senza che il pilota tocchi i comandi, al suo stato iniziale, ma se lo vuoi manovrare fai una gran fatica;

 

-Se invece è instabile, amplifica i disturbi e si allontana sempre di più dalla sua condizione iniziale, ma se lo vuoi manovrare è uno sballo: appena tochi la cloche lui va dove vuoi.

 

Quindi un aereo instabile potrebbe essere mooolto manovrabile, ma è chiaro che senza un qualche genere di aiuto non sarebbe in grado di volare: infatti il pilota dovrebbe continuamente stare dietro all'aereo che al minimo disturbo (quindi sempre) va per i cavoli suoi.

 

Ed è qui, caro apertura sintetica, che entrano in gioco i computer. Infatti gli aerei moderni, generalmente indicati come fly-by-wire, possiedono un Flight Control System (FCS) che, entro certi limiti imposti dalla fisica, può modificare il comportamento di un aereo.

 

Tra i vari gadgets, c'è anche lo Stability Augmentation System (SAS) che seve appunto a far volare in modo stabile un aereo che di per se è instabile: come giustamente diceva AMVI_Mike, il sistema provvede automaticamente ad effettuare tutte le correzioni necessarie, senza che il pilota si debba preoccupare di questo.

 

Il primo aereo intrinsecamente instabile (sul piano di beccheggio) è stato l'F-16.

 

Anche il Typhoon lo è, e se lo guadi mentre vola, vedi che i canard si muovono in continuazione per effettuare le correzioni necessarie.

Share this post


Link to post
Share on other sites

La risposta di Captor è completa e puntuale,

posso solo aggiungere solo un esempio visibile

a tutti di sistema di controllo elettronico che stabilizza,

con delle azioni di minima entità, un sistema di per sé

instabile.

E'il Segway, quel trabiccolo con le due ruote sullo stesso asse,

che rimane in equilibrio artificiale. Provatelo e immaginate

cosa si può fare (e si fa) su un Typhoon.

Dicono che senza il costante controllo delle superfici

un aereo FBW, dall' F16 in poi, rischierebbe di finire in situazioni estreme

e perderebbe letteralmente le ali.

 

 

Bye

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wow il Segway...e' fantastico da guidare, anche se nei primi 20secondi ti trovi un bel po' spiazzato :P

 

Comunque la mancanza di controllo sulle superfici di un aereo instabile non ha come diretta conseguenza danni strutturali (come la perdita delle ali).

Solo non riusciresti a tenerlo in volo livellato, ad esempio...o comunque a fargli mantenere la traiettoria che vuoi. Fai un aereoplanino di carta con una superficie alare piuttosto grossa e con la punta poco pesante: ottieni che al lancio questo letteralmente si ribalta in aria...e' un semplicissimo esempio di instabilita' per i velivoli

ciao ciao

Ale

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie della correzione, Grissom,

l'avevo sicuramente letto da qualche parte,

ma se tu mi dici il contrario vuol dire che

qualcuno aveva scritto una cavolata.

 

Bye

Share this post


Link to post
Share on other sites

La stabilità statica del velivolo è genericamente la sua capacità di annullare i disturbi esterni e di mantenersi in condizioni di volo trimmato.

 

A tutto quello che è stato detto vorrei solo aggiungere una cosa.

Un velivolo instabile è anche soggetto ai moti propri instabili degli aeroplani come il fugoide o lo spirale; questo tipo di dinamiche instabili sopraggiungono in caso di velivolo intrinsecamente instabile e non artificialmente controllato e possono portare a condizioni di volo pericolose per la sicurezza del mezzo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...