Jump to content

Recommended Posts

Però si dimenticano pure di dire che praticamente hanno preso l'avionica di un F-15, modificato il carrello di un F-18 e messo su una cellula stealth. Certo, io la faccio sembrare facile anche se non è così. Tuttavia era richiesta una certa maturità del progetto, cosa che il 23 non aveva, mentre il 22 era più avanti nello sviluppo. Si scelse quindi, per fattori di costo e maturità del progetto, il 22 che già è costato un botto. Figurarsi il 23.

Link to post
Share on other sites
  • Replies 106
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Top Posters In This Topic

Popular Posts

In passato in questa discussione avevo segnalato il sito yf-23.net che oggi sembra disattivo, ma che aveva avuto il pregio di fornire parecchie informazioni su questo velivolo e su come sarebbe potuto

E' stato creato un interessate sito su questo velivolo, dove ci sono molte informazioni e disegni tecnici anche inediti. Per esempio relativi al funzionamento della stiva (mai operativa sui due dimos

Mi sono imbattuto per caso in questo articolo, per la verità non recentissimo (ottobre 2018)  in cui si parla della stiva dell'YF-23, che aveva un grande potenziale e una grande flessibilità e che ogg

Penso però che la natura di dimostratore debba esaurirsi nell’essere rappresentativo di un concetto.
Anni dopo il carrello dell’X-35 non creò particolari ostacoli alla vittoria sull’X-32, nonostante se non ricordo male quello posteriore fosse preso da un A-6 e avesse una geometria di retrazione a tal punto incompatibile con quella finale da portare alla rinuncia della stiva.
Comunque il problema non era nemmeno lì visto che l’unica cosa dell’F-18 era la ruota, mentre la struttura era originale e aveva una geometria di retrazione diversa. Elementi dell'F-15 li aveva invece quello anteriore.
Qualche info in più dal bel sito che avevo segnalato anni fa:

The aircraft employed the standard tricycle undercarriage configuration. The main oleo legs were trailing-axle cantilevered units unique to the aircraft, not borrowed from the F-15 or F-18, as popular opinion would suggest, although F-18 main wheels were employed. The configuration of the undercarriage was very straight-forward and simple. The rear units retracted rearwards and straight up into the body without any swivel of the wheel (unlike the F-15 and F-18 which both swivel the wheels to lie flat underneath the fuselage), and the front unit rotated up and forwards into the front fuselage, again, without any wheel swivelling. The front oleo strut was a stripped-down F-15 unit with different forward struts and the addition of a trailing arm to combat shimmy tendencies. The shock absorber travel was reduced to cater to the height requirements of the YF-23 fuselage, which sits lower to the ground than an F-15. Both front and rear undercarriage units employed single doors respectively, in contrast again to the teen series fighters which have multiple doors per unit. The front gear door opened and retracted extremely rapidly, in a virtual snap movement. Landing gear retraction was 4.5 sec, extension was 7 sec, and emergency extension could be accomplished in around 25-35 sec. Nosewheel steering was 20° above 15 knots, up to 45° below 15


http://yf-23.net/technical.html

L’avionica, si sa, su un dimostratore è quasi inesistente e in generale si cerca di non spenderci sui sistemi (l’OBOGS ad esempio era il Litton dell’AV-8B), ammesso non stiamo parlando dei motori, che invece in questo caso erano importantissimi per valutare la novità della supercrociera e entrambi i concorrenti presentarono le due motorizzazioni in competizione.
Se vogliamo la zona degli scarichi aveva una realizzazione esotica e forse affrettata (il requisito per presazioni STOL era stato lasciato cadere in corsa) e qualche dubbio lo lasciava il condotto delle prese d’aria che ad un determinato angolo consentiva, nonostante la vistosa S, di vedere il compressore.
L’aspetto forse più affrettato era la stiva, che pur presente non era funzionante e non lanciò mai alcun missile.

In generale l’aereo aveva un aspetto molto avveniristico ed estremo, con quell’ala romboidale e quegli impennaggi a farfalla: nulla del genere era mai stato osato.
Penso che l’F-22 globalmente desse più garanzie con la sua configurazione più...rassicurante da “F-15 stealth”... Il bello è che il team F-23 contemplava proprio McDonnell Douglas che l’F-15 l’aveva fatto, ma si sa, alla Northrop dopo il B-2 avevano altre idee per la testa...

Quando si scrisse, sintetizzando brutalmente, che l’YF-23 era più stealth e l’YF-22 più prestante (supercrociera a parte)
penso che non si andò lontano dal vero. La valutazione fu comunque molto più dettagliata e col senno del poi non è manco facile dire cosa avrebbero scelto sapendo come se la sarebbe cavata l'F-22 e quali sarebbero state le effettive esigenze.
A parte il discorso delle prese d’aria (che non erano però comunque definitive) l’F-23 era così estremo che probabilmente avrebbe rappresentato un vero salto in avanti in termini di stealthness con quel bordo d’uscita e quei piani di coda che penso lo avrebbero reso molto discreto anche nei confronti dei radar a più bassa frequenza rispetto alla tipica banda X dei sistemi di puntamento cui si fa anche oggi più attenzione sui velivoli tattici come l'F-35.

Da un lato era quindi molto promettente, ma dall’altro non era stato concreto nel dimostrare quanto fosse capace di tradurre quella stealthness in un mezzo prestante come il meno esotico F-22.
Non nego un certo dispiacere quando un velivolo così estremo e innovativo non ce la fa, ma a me piaceva anche il bruttissimo X-32 e quindi non faccio testo.

Edited by Flaggy
Link to post
Share on other sites
  • 2 weeks later...

Però si dimenticano pure di dire che praticamente hanno preso l'avionica di un F-15, modificato il carrello di un F-18 e messo su una cellula stealth. Certo, io la faccio sembrare facile anche se non è così. Tuttavia era richiesta una certa maturità del progetto, cosa che il 23 non aveva, mentre il 22 era più avanti nello sviluppo. Si scelse quindi, per fattori di costo e maturità del progetto, il 22 che già è costato un botto. Figurarsi il 23.

 

Preciso il mio "E' chiaro che non mi aspettavo che dicessero il contrario", perché forse non si è capito perché l'ho detto.

E' chiaro che non mi aspettavo che dicessero il contrario banalmente perché loro sono i costruttori dell'YF-23 ed era irrealistico aspettarsi che dicessero che il progetto rivale era superiore al loro. Inoltre nel contesto del documentario era più "drammatico" presentare la questione in questo modo. Nessuno si aspetta una assoluta rispondenza ai fatti da un docufilm generalista.

 

Detto questo credo che, grosso modo, i due dimostratori complessivamente si equivalessero. Uno prevaleva in certi aspetti, l'altro in altri. Per questo la scelta ha coinvolto altre considerazioni che esulano dalle prestazioni nude e crude, che sono quelle che fai tu e altre ancora.

Penso che l’F-22 globalmente desse più garanzie con la sua configurazione più...rassicurante da “F-15 stealth”...

 

Questo è anche molto vero.

L'F-23, avveniristico e bellissimo, non ha mai avuto, al mio occhio, un aspetto "da caccia". Anche per le dimensioni complessivamente superiori al rivale ma soprattutto per l'aspetto nient'affatto compatto e così anticonvenzionale. Sembrava più un penetratore estremo, una sorta di F-117 di nuova generazione più che un F-15 futuribile. Almeno questa è l'impressione che mi ha sempre dato "a pelle".

 

Forse anche qualche generale dell'USAF ha fatto questo stesso genere di considerazione.

 

Poi prendetemi per matto ma... visto che citi l'X-32... penso che pure per esso una sorta di considerazione estetica abbia in qualche modo giocato nella sconfitta. Un orrore del genere forse sarebbe stato valutato come meno "vendibile" ai partners... Non che l'F-35 sia proprio così bello, ma al confronto è Charlize Theron. Ora potete fustigarmi!

Edited by Signs_of_Life
Link to post
Share on other sites
  • 2 years later...

Mi sono imbattuto per caso in questo articolo, per la verità non recentissimo (ottobre 2018)  in cui si parla della stiva dell'YF-23, che aveva un grande potenziale e una grande flessibilità e che oggi sarebbe molto apprezzata.

https://www.thedrive.com/the-war-zone/23993/the-yf-23s-weapons-bay-layout-was-one-of-its-best-features-and-one-of-its-worst

Link to post
Share on other sites
  • 9 months later...

In passato in questa discussione avevo segnalato il sito yf-23.net che oggi sembra disattivo, ma che aveva avuto il pregio di fornire parecchie informazioni su questo velivolo e su come sarebbe potuto essere se fosse stato prodotto.

Qui propongo un altro articolo in cui mi sono casualmente imbattuto.

Descrive il lavoro dell'artista aerospaziale Adam Burch, che con una serie di bellissimi rendering mostra al mondo l'F-23A, se fosse stato realizzato al posto dell’F-22A.

1542190191127-f-23-9_1920acopy.jpg

1542190042743-f-23-4_1920.jpg

Più allungato e snello e dalle linee ancor più pulite dell’YF-23, con prese d’aria diverterless stile F-35 e gondole motrici maggiormente ravvicinate tanto da fondersi in un tutt’uno senza soluzione di continuità con l’ala. Come noto le stive sarebbero state molto più capienti e profonde, tanto da consentire il trasporto anche di armamenti di grosso calibro, prefigurando una notevole flessibilità tattica.

Lo descriverei come un aereo con un’eleganza e raffinatezza di design mai viste su un velivolo da caccia.

Sicuramente è meno convenzionale dei velivoli Lockheed Martin, sia del diretto concorrente F-22, ma anche del successivo F-35, che di quest'ultimo ne ripropone l’impostazione generale.

Se posso sbilanciarmi a dirlo (e il discorso può essere esteso anche al motore F120 contro il più tradizionale F119) probabilmente era così avanzato nell’impostazione generale che se da un lato ha spaventato chi aveva una visione un po’ più conservativa del combattimento aereo (fatto ancora di forza bruta e capriole in aria) dall’altro prefigurava ciò che ora si è pronti a chiedere ai velivoli di sesta generazione.

Link to post
Share on other sites

Scritto da Paul Metz, che si ricorda come il capo collaudatore che portò in volo l'YF-23 la prima volta.

Quello che però non molti sanno è che successivamente fu ai comandi anche di un F-22A di preserie, diventando di fatto l’unico uomo ad averli pilotati entrambi…

https://www.thedrive.com/the-war-zone/27309/the-only-man-who-flew-both-the-f-22-and-the-yf-23-on-why-the-yf-23-lost

1554507154436-100113-f-1234s-001.jpg?qua

Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...