Jump to content

Recommended Posts

Ciao giovani e meno giovani, trovandomi nel Regno Unito ho deciso di recarmi al RIAT. Partiamo con i consigli: se vi capitasse di volerci andare e vi trovate a Londra, recatevi via metropolitana a Paddington, dove salendo le scale vi troverete nella stazione dei treni. Acquistate un biglietto per Swindon (46 sterline) e godetevi 1 oretta di treno. Usciti dalla stazione, seguite la strada dritta davanti a voi, e dopo un sinistra/destra vi ritroverete alla stazione degli autobus. È tutto organizzato, vi basterà pagare 3 sterline (andata/ritorno) e prendere il bus che vi condurrà alla base. Potete anche scegliere di includere il biglietto del bus nel biglietto dell'airshow. Dopo 30/40 minuti vi ritroverete ai controlli di sicurezza. Il tempo che ci impiegherete dipenderà da voi e da cosa vi portate dietro. Entrate e fatevi una bella scarpinata fino al punto in cui vorrete fermarvi. A livello di stand, trovate di tutto e di più: dal modellismo agli orologi, dall'abbigliamento al cibo. Comode anche le aree per i bambini dove intrattenersi con simulatori ecc.

 

E ora parliamo di cose che volano. Dall'apache al Raptor, dall'A400 al tornado, vedrete di tutto. In particolare ci metterete almeno 1h per percorrere tutta la pista e osservare gli aerei in mostra statica. Ho potuto vedere cose che non si vedono tutti i giorni. Oltre a F-15C, E, F-16, Tornado, Eurofighte, C-130 e vasta gamma di muli da trasporto volanti ecc ho visto gli F-4 ellenici che si trovavano ad Aviano, un Bone che mi ha fatto innamorare, un U-2 e un B-52.

 

Per quanto riguarda i display:

 

Apache: bel display in cui si simulava il supporto alle truppe a terra, con tanto di comunicazioni radio fra piloti e soldati diffuse tramite gli altoparlanti. Effetti scenesci come esplosioni a terra e flares hanno reso il tutto più spettacolare. Il pubblico ha gradito molto.

 

Aerei storici: dal P-51 allo Spitfire si è vista anche la componente storica. Ha preso il volo anche un 683 Lancaster, scortato dai caccia storici per l'esibizione memorial. Molto affascinante nei voli in formazione il display ha dato una buona prova. Successivamente si è visto un B-17 con vari sorvoli e anche in volo con il Mustang. Quest'ultimo si è anche esibito in un volo commemorativo con il Raptor. Spettacolo.

 

Tornado (Ita): plauso per i nostri, e non per mero spirito patriottico, ma per la livrea special che sicuramente avrete potuto apprezzare in qualche foto. Ha entusiasmato con i suoi passaggi ad alta velocità e ali chiuse, per non parlare del sound tipico che ha reso inutili i tappi che molti miscredenti portavano nelle orecchie. Bello Bello! Anche lo Spartan si è esibito, dando prova di agilità e, dopo l'atterraggio, "ha messo la retromarcia" tirando fuori da sopra l'abitacolo il tricolore. Un siparietto.

 

A400: fa impressione vedere un tale bestione divincolarsi in aria a certi angoli. Picchiate e riattacchi hanno stupito coloro i quali lo vedevano come un cassone volante.

 

Eurofighter: partenza bruciante. Si è alzato da terra con un rombo assordante lasciando tutti (o quasi) con le mani sulle orecchie. Manovre tipiche, tonneaux e verticali, con avvitamenti e cambi di direzione complessi. Ma sarà per il serbatoio sotto che ne aumentava il peso l'ho visto soffrire un pelino nei recuperi di energia. Nota particolare: insieme al Rafale è stato l'unico che ha quasi sempre avuto gli AB inseriti.

 

Rafale: livrea molto bella per i francesi, unito ad un display accattivante, l'ho visto soffrire meno rispetto al cugino ma si può dire che ha impostato tutto su passaggi veloci quindi si notava di meno. Anche per lui AB sempre inserito. L'ho seguito meno degli altri perché in quel momento ero intento a perseguitare delle costine di maiale. (Mi nutro anche io eh).

 

F-18 (Spagna). Entusiasmante! Partenza, volo basso e poi è schizzato verso l'alto alzando il muso, a quella velocità, in una frazione di secondo. Proprio come si vede nei video dei Blue Angels. Arrivato in cima ha levato potenza "scivolando" col posteriore e tornando in picchiata 2 volte. Nel vederlo si capisce come non sia molto lontano dalle manovre estreme di cui è capace un Flanker. Sono rimasto stupito.

 

Gripen: forse non troppo spinto nelle manovre che sono state un pochino ripetitive, ma di certo non ha mancato di stupire. In particolare si nota il suono davvero diverso e molto più rumoroso ma belli i passaggi a velocità transonica. Si può dire che tutto il display sia stato impostato per esaltare questo aspetto.

 

F-16 (varie nazioni): solito dragster brucia timpani, si arrampica, grida e fa a botte con la fisica al quale proprio sembra non voler obbedire. Niente di nuovo quindi, se siete stati a qualche air show lo avrete visto quindi sapete come va.

 

F-15C e E: protagonisti di alcuni passaggi commemorativi hanno suscitato lacrime e ammirazione nel sottoscritto. Bello il primo passaggio con 2 C e un E per poi tornare al secondo con i 2 C che si sono separati dalla formazione. Uno è schizzato verso l'alto, ha bucato le nuvole e se non si è fermato a quest'ora dovrebbe essere nei pressi di Marte. Magia quando hanno annunciato la "sorpresa" che sapevano tutti e si sono visti gli F-15 scortare un B-2 in 2 passaggi. Molto compatto il B-2 devo dire. Felicità alle stelle.

 

Su-27 (Ucraina). Visto di striscio purtroppo, perché dovevo scegliere fra l'andar via e l'andar a dormire sotto un ponte. Grosso! Grosso forte! "Eppur si muove" e bene. Le sue capacità le conosciamo tutti penso. E rumoroso tanto. Mi dispiace davvero non esserci stato.

 

Pattuglie acrobatiche: nota di plauso a 2 in particolare: ai Thunderbirds che sono spettacolari con figure complesse e incroci sincronizzati al millesimo. Roba che pensi: sbattono, stavolta sbattono. Sei già lì che pensi di dover andare a cambiare le mutande e loro niente, non sbattono. Ma il vero spettacolo lo hanno fatto le Red Arrows. Precisi, composti, mai una sbavatura, colori dei fumi e figure di un livello superiore a parer mio. Bello anche il tributo agli USA, in cui 2 col fumo blu stavano sopra, mentre gli altri, alternando il fumo rosso al bianco, hanno ricreato la bandiera USA. Il tutto a distanza ravvicinata.. e.. "di coltello".

 

Ora vi starete chiedendo: si ma il Raptor? No ragazzi, il Raptor non esiste. È un ologramma proiettato per far venire la strizza ai nemici degli USA. Non può esistere un aereo che fa quelle cose lì che rasentano la pornografia aerea. Imbarazzante, surclassa tutti senza se e senza ma. E senza nemmeno sprecarsi tanto con l'AB. Velocità e potenza pura, è rimasto fermo in aria per il passaggio a velocità minima con la stessa facilità con la quale noi prendiamo una birra in frigo ad Agosto.

 

Un giorno (forse) metterò foto e video.

Link to post
Share on other sites

Visti i RIAT, o RAT come a volte si chiamavano, degli anni 1988, 1989, 1991, 1992, 1993, 1994, 1998, e uno di qualche anno fa (il 2013).

 

E' sempre una cuccagna, ma anche lì le cose non sono più quelle di una volta (banale, OK, colpa di nessuno in particolare) - l'edizione 1991 avente come temi il Tiger Meet e la vittoria Alleata nella 1° Guerra del Golfo era una cosa che quando la racconto a gente che va a vedere quelli attuali, non credono a tutto ciò che dico.

'Colpa' anche dei gusti personali; EFA, Mirage, Rafale, Gripen, F-22 non fanno per me (per un certo numero di aspetti da appassionato di alcune cose e non di altre, l'aviazione militare per me si è conclusa intorno a metà anni '60), più nulla Phantom e F-111, neppure più l'F-14, più niente Buccaneer e Jaguar e anche Tornado ADV, e via dicendo.

 

Mi ricordo voli commemorativi contemporaneamente con due dozzine di RAF Phantoms nel 1993, oppure un totale di 24 Tornado tedeschi e inglesi parcheggiati sull'asfalto (+ 2 italiani), due B-1 (+ un altro che volava), due B-52, la passeggiata dentro il B-17, il giro completo attorno al B-52, il fotografare i piloti della Patrouille Suisse in attesa coi motori al minimo..

Ripeto, soprattutto gusti personali, Di certo c'è che gli Americani per diversi anni non volavano più, bensì partecipavano soltanto con mostra statica (per fortuna non le occasioni che ho avuto io) mentre i Francesi lasciavano parecchio a desiderare, e i nostri quando arrivavano con cinque macchine (più la PAN) era già tanto.

 

Comunque, ancora oggi una strabiliante prova di organizzazione in un Paese che definire 'air-minded' è pochissimo, nonchè un formidabile esempio di super-manifestazione aerea e l'occasione di vedere (credo ancora oggi) almeno 150 aerei tutti assieme? nel 1992 erano in tutto 263.

btw un pò indifferente con l' F-22 ma probabilmente è la macchina che non mi dice nulla, assieme all'F-35 una generazione di forme esteriori da fumetto prive di emozioni. Le manovre estreme non le discuto; mentre la salita dopo il decollo non è superiore, anzi era stata sotto a quanto fece l'F-15C di Tyndall nel 1992 - quella volta, credo di aver visto lo 'Streak Eagle' redivivo.

Link to post
Share on other sites

Si tratta appunto di gusto personale. Per me è la serie 10 quella che porto nel cuore ma non disdegno il resto e la naturale evoluzione aeronautica. Per dirne una: potevo salire sul mock up dell'F-35 ma sapendo che era un giocattolo e vedendo il muso dell'F-15 in lontananza sono corso da quest'ultimo. E li mi sono venute meno le gambe :asd: Si tratta comunque di tempi diversi ed è stata comunque un'esperienza stupenda, almeno per me che venivo dall'ultimo air show ad Ostia nel 2014. La differenza è stata notevole (a dir poco ma poco). Comunque al comparire delle R.A. mi sei venuto in mente. Ricordo che avevi scritto che sono spettacolari se non le migliori. Quindi ho pensato: vediamo se ha ragione. E mi sa di sì: hai ragione. ;)

Link to post
Share on other sites

Thanx... B-)

sì la R.A. sono da favola, strepitosi in assoluto.

 

Nel 1992 l'F-14 si esibì con in sottofondo dagli altoparlanti 'Take my breath away' del duo 'The Berlin' (dal film 'Top Gun'), da brivido. Subito dopo il Su-27 coi colori della Russia fece cose da doppio brivido, mettendo già un pò in ombra il Tomcat.

Il lunedì delle partenze i piloti sembravano leggermente drogati e esibivano manovre che non avrebbero potuto fare in display (credo, della serie 'tanto sono appena partito e non puoi più farmi niente..'), otto F-15C del 33th TFW in decollo alla disperata, un Tornado della Marineflieger che fà Mach .92 a quota 35 METRI SOPRA NOI 'SPOTTERS', due F-16 di Volkel AB che mi fanno ondeggiare i capelli dopo il decollo (penso fossero a 15 metri esattamente sulla mia testa, velocità almeno 400 Kts.).

 

Fantastico. Spero di tornarci uncora una volta.

Link to post
Share on other sites

Beh sono cose che forse durante l'evento ufficiale non vedi. Ci sono delle regole sia sulla velocità (mi pare sia limitata intorno a 0,92 o 0,97, lo hanno detto ieri ma non ricordo) che sui passaggi sulla folla (eh dopo Ramstein le limitazioni ci stanno). Gli unici a passare sugli spettatori sono stati i Thunder e le R.A. È un peccato per la velocità, perché con l'umidità British si vedeva la formazione dei coni di vapore in prossimità del muro del suono. Fantastico per te l'aver visto il Gattone, possibilità che mi sarà preclusa vita natural durante. Un pizzico d'invida ci sta tutta :(

Link to post
Share on other sites

Non so perchè,

il Tomcat mi era piaciuto ma senza andarci matto, sono sincero. Molto più entusiasmanti i Phantoms della RAF (più di 20 in volo, contemporaneamente) con passaggi tremendi.

 

Qui una foto stampata da diapositiva, 25 anni fa ma sembra ieri - RIAT alla base di Boscombe Down, 14 Giugno 1992 (regalo di compleanno).

Uno dei due Rockwell B-1 dalla Dyess AFB.

 

 

019.jpg

Edited by Smersh
Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
×
×
  • Create New...