Jump to content

Sea Hurricane


losisi
 Share

Recommended Posts

salve a tutti, spero di aver azzeccato la sezione ( altrimenti prego qualche mod di spostare il 3d )

 

sto completando un modello rc di un Hurricane ( prescisamente Sea Hurricane ma, ai fini i quanto cerco credo poco cambi )che ho dotato di sistema luci di navigazione/atterraggio; ho cercato online e visionato diversi filmati ( c'è ancora almeno un esemplare in servizio, proprio quello che ho tentato di riprodurre ) ma non sono riuscito a trovare ciò che cerco.

 

qualcuno è al corrente di come erano attive le luci di navigazione dell'aereo in oggetto ? o sa dirmi dove cercare ?

 

per le luci di atterraggio mi sembra ovvio........ma il resto? luci verde/rosso alari sempre accese ? e luce bianca di coda ? luce rossa sotto la fuso ?

 

ringrazio in anticipo quanti vorranno e potranno aiutarmi

Link to comment
Share on other sites

Purtroppo non conosco lo schema dell'Hurricane, tanto meno del Sea Hurricane, ma non dovrebbe discostarsi di molto dallo schema generale di tutti gli aerei.

I fari di atterraggio/appontaggio mi sembra siano sul bordo d'attacco alare.

Per le luci di navigazione dovrebbe valere l'assetto regolamentare. rosso a sinistra, verde a destra, bianco in coda sul timone. 110° di campo visivo per rosso e verde, 140° per il bianco (360° in totale).

Le luci di navigazione devono essere sempre accese dal tramonto all'alba.

Per le luci anticollisione, non so se all'epoca dell'Hurricane esistessero le strobo, se non esistevano, c'erano le lampeggianti o i rotanti. Le luci anticollisione possono essere rosse o bianche e dovrebbero essere sempre accese anche di giorno. Sull'Hurricane però non so dove stavano, se sul dorso o sotto il ventre.

Link to comment
Share on other sites

Dimenticavo le tre luci di identificazione sotto la fusoliera, subito dietro il radiatore (sotto l'ala). Da dritta a sinistra: verde, gialla, rossa.

Come luce anticollisione, l'Hurricane dovrebbe avere solo una luce bianca fissa che si vede subito davanti al montante dell'antenna sul dorso della fusoliera e dietro il tettuccio.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

ti ringrazio del contribuito

 

le posizioni mi erano abbastanza chiare ( anche se mi hai messo qualche dubbio per quanto riguarda il ventre della fuso...) era la sequenza di accensione che non riuscivo a definire.....

 

allego una foto ( ingrandita ) del ventre : si nota chiaramente ( credo ) una luce rossa dietro il radiatore ( sembra "a filo" fusoliera o leggermente incassata ) e, ora che ci guardo meglio, anche qualcosa ai lati del radiatore stesso.........ma non mi sembrano verde-gialla....

 

19%20Hawker%20Sea%20Hurricane%20IB%20Z7015%20G-BKTH%20Shuttleworth%202009.jpg

Edited by losisi
Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Si, ma non so se i soviet si presero anche il Sea Hurricane. E' probabile di sì: a pezzi come stavano avrebbero preso anche il Fokker del Barone Rosso.

 

 

ti ringrazio del contribuito

 

le posizioni mi erano abbastanza chiare ( anche se mi hai messo qualche dubbio per quanto riguarda il ventre della fuso...) era la sequenza di accensione che non riuscivo a definire.....

 

allego una foto ( ingrandita ) del ventre : si nota chiaramente ( credo ) una luce rossa dietro il radiatore ( sembra "a filo" fusoliera o leggermente incassata ) e, ora che ci guardo meglio, anche qualcosa ai lati del radiatore stesso.........ma non mi sembrano verde-gialla....

 

 

 

La verde e la gialla le ho viste a fianco della rossa negli aerei RAF. Forse la Royal Navy faceva diversamente, d'altronde in Atlantico settentrionale non è che ci fossero molti aerei nemici imbarcati da identificare.

I due "cosi" ai due lati del radiatore dovrebbero essere i rulli per i binari della catapulta a razzo delle navi cargo: roba da disperati.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

Si, ma non so se i soviet si presero anche il Sea Hurricane. E' probabile di sì: a pezzi come stavano avrebbero preso anche il Fokker del Barone Rosso.

Non mi risulta che i Sovietici impiegarono il Sea Hurricane dei circa 800 prodotti in Gran Bretagna e in Canada

Link to comment
Share on other sites

Non mi risulta che i Sovietici impiegarono il Sea Hurricane dei circa 800 prodotti in Gran Bretagna e in Canada

 

come indicato dall'illustrazione si tratta dei Hurricane Mk2 terrestre per la russia; Da non confondere con i Sea -Hurricane adattaziome dei Hurricane Mk1 per essere lanciati da catapulte da navi mercantili per la difesa aerea, di convogli atlantici.

Questo modello era del tipo Lancia e Dimentica, ossia l'aereo si perdeva dopo la missione, e il pilota si lanciava in paracadute vicino a una nave del convoglio per il suo ricupero.........soluzioni disperate per tempi disperati.

Link to comment
Share on other sites

Si, ma c'erano anche i Sea Hurricane su portaerei. Quando arrivarono le portaerei di scorta, gli aerei da catapulta senza ritorno per fortuna sparirono e anche l'Hurricane ricevette il gancio d'arresto.

 

Si, dopo arrivarono sufficienti portaerei e anche il Sea Hurricane si "Civilizzò" con un gancio d'arresto.

Comunque al principio, bisognava aver del fegato per farsi lanciare in mezzo dell'Atlantico (Senza ruote), per una misione dove "Il Ritorno" significava sempre lanciarsi in paracadute il più possibile vicino a una nave, in acque fredde o congelate.

Saludos MC72

wilf-hardy-into-the-blue-merchant-navy-fighter.jpg

ep4njvcesi.jpg

Edited by MC72
Link to comment
Share on other sites

Non c'era molto di civile nella guerra ai convogli. Anche solo stare sulla prua di una piccola nave o sul ponte di una piccola portaerei in Atlantico settentrionale non faceva molta differenza: voleva dire essere sepolti da uno strato di sale, perchè si era continuamente inondati d'acqua. Se poi andava male, un'onda più malvagia portava via tutto e buonanotte.

Ritrovare un uomo in mare in mezzo a onde enormi è praticamente impossibile se non lo si vede fino dal momento in cui l'aereo cade in acqua.

Le prime "portaerei" di scorta non erano che cargo modificate con ponte di volo in legno. All'inizio spesso non c'era hangar sottostante: gli aerei rimanevano sul ponte esposti agli elementi marini. Una sola di questo tipo di traversate e l'aereo, se ancora esisteva, era buono per la fonderia.

 

L'HMS Biter BAVG-3/D97, piccola portaerei di scorta classe Archer, in navigazione di guerra con l'HMS-Avenger (che non si vede nella foto). Si vedono gli Hurricane incatenati sul ponte di volo.

 

hmsbiter.jpg

 

 

HMS-Nairana di scorta a un convoglio diretto a Murmansk. La nave affronta un'ondata di prua in mezzo all'Oceano Artico. Date le dimensioni dello scafo, a occhio secondo me si tratta di un'onda di più di dieci metri.

 

hmsnairanaarctic.jpg

 

Nonostante in queste condizioni tutti fossero più tranquilli, perchè nessuno sano di mente poteva volare e anche gli U-boot non potevano far nulla se non immergersi, le condizioni operative non erano poi molto diverse da queste. Decollare e soprattutto appontare su un ponte miscroscopico che balla controvento sul mare agitato doveva essere un'esperienza indimenticabile... Anche gli avieri sul ponte e gli ufficiali alle segnalazioni dovevano essere gente con mezzo metro di pelo sullo stomaco per calcolare il momento giusto tra un'onda e l'altra per lanciare o recuperare gli aerei.

Quindi, anche se non c'erano più le catapulte senza ritorno, anche sulle portaerei il lavoro era tutt'altro che civilizzato.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

mi chiedo perchè gli inglesi usassero i sea hurricane e non i wildcat che ricevevano con land and lease. Addirittura i buffalo sarebbero stati altrettanto utili in atlantico pre abbattere i condor, con il vantaggio di essere già predisposti per l'ambiente marino. Gli hurricane sarebbero stati molto più utili in estremo oriente dove avrebbero dato molto più filo da torcere ai nate e a gli oscar

Link to comment
Share on other sites

Non lo so. Addirittura wikipedia dice che il Martlet venne in gran parte sostituito dal Sea Hurricane. In effetti è apparentemente strano perchè il Grumman Wildcat era progettato apposta per portaerei.

Io me lo spiego con il fatto che, nonostante da quel che so io non avesse ala ripiegabile, l'Hurricane era un grande e robusto caccia intercettore terrestre e quindi era più potente del Martlet. Il Sea Hurricane veva armamento superiore e per esempio carrello largo, che sulle portaerei non guasta mai. Dato che i primi Spitfire navalizzati a Seafire lasciavano di molto a desiderare, il Sea Hurricane probabilmente fu per un pezzo il più potente intercettore navale della Royal Navy.

Un po' come se gli americani avessero potuto navalizzarsi il P47 Thunderbolt.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

anche il seafire sulle prtaerei di sqadra con i corsair su quelle di scorta è un bel mistero, viene in mente che gli inglesi abbiano voluto mettere loro prodotti dove erano più in vista e nelle situazioni di maggior prestigio. In fin dei conti per bombardere la tirpiz mandarono i barracuda e non i migliori helldiver e vendeange di cui pure disponevano

Link to comment
Share on other sites

Ma no, penso che ci mettevano quello che avevano sotto mano. Se avevano i Barracuda ci mandavano quelli, non credo si facessero problemi di immagine: avevano ben altri problemini cui pensare. Inoltre sui ponti di volo immagino che a quei tempi fosse molto più impressionante vedere una fila di Corsair che di Spitfire, quindi a rigor di logica sulle portaerei di squadra per la sola immagine complessiva sarebbero stati meglio gli F4u. E' solo che probabilmente i vari squadron con diversi aerei si avvicendavano sulle varie portaerei. Gli stessi squadron poi con aerei diversi in periodi diversi.

I Barracuda erano aerosiluranti che non riscossero grande successo tra gli equipaggi, ma i tedeschi questo non lo sapevano certo e per loro quando li vedevano arrivare era comunque un casino. In realtà noi solo oggi diciamo che i Barracuda non erano il massimo (ma poi sarà stato vero? O era la solita solfa economico-finanziaria?): quella volta invece non erano altro che un tipo di silurante abilitato alle operazioni su portaerei, per cui credo che facessero un effetto assimilabile a un Blackburn Buccaneer o a un Super Etendard, cioè ottimi aerei.

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

Non mi risulta che i Sovietici impiegarono il Sea Hurricane dei circa 800 prodotti in Gran Bretagna e in Canada

 

----> giustamente è l'hawker

 

The British sent 2952 Hawker Hurricanes to the USSR. Many of them were already in a battered condition. In Soviet service, the wing armament was often modified by the installation of Soviet 20mm cannon. A total of 2,952 Hurricanes were delivered to the Soviet Union.

Hurricane_spotter.jpg

151-4.jpg

 

http://www.savagesquadron.com/SUpage/SUFighters/Hurc_mkIIb.htm

 

http://www.elknet.pl/acestory/safonob/safonob.htm

 

http://lend-lease.airforce.ru/english/articles/sheppard/hurricane_Z5252/index.htm

 

 

ho comprato per fari il mio MIG-21, le decals della SKY models .. ART.n°SKY48-051

ne posso fare 2; HURRICANE MkIIb 1942

HURRICANE MkIIb pilot Maj.General A.A Kunetsov, (Murmansk Oct.41)

Edited by eugy78 Fishbed
Link to comment
Share on other sites

come indicato dall'illustrazione si tratta dei Hurricane Mk2 terrestre per la russia; Da non confondere con i Sea -Hurricane adattaziome dei Hurricane Mk1 per essere lanciati da catapulte da navi mercantili per la difesa aerea, di convogli atlantici.

Questo modello era del tipo Lancia e Dimentica, ossia l'aereo si perdeva dopo la missione, e il pilota si lanciava in paracadute vicino a una nave del convoglio per il suo ricupero.........soluzioni disperate per tempi disperati.

Rispondevo a Vultur che i Sea Hurricane i sovietici non li avevano, non parlavo degli Hurricane che so benissimo che i sovietici li utilizzavano che avete capito...

Link to comment
Share on other sites

Le catapulte per gli Hurricane erano a razzo. Questo scaldava talmente il ponte di volo che le parti esposte dovevano essere rivestite per non farle fondere (problemi simili a quelli di oggi con l'F-35 a quanto pare).

Diversi Sea Hurricane decollati da portaerei di scorta e rimasti senza carburante, atterravano in territorio sovietico come meglio potevano. E' possibile che molti di questi aerei i russi se li siano tenuti.

Durante il decollo, il Merlin era talmente potente che il pilota odveva ricordarsi di dare tutto timone per non cappottare, contemporaneamente doveva sopportare le 5g del lancio da catapulta.

Link to comment
Share on other sites

 

Diversi Sea Hurricane decollati da portaerei di scorta e rimasti senza carburante, atterravano in territorio sovietico come meglio potevano. E' possibile che molti di questi aerei i russi se li siano tenuti.

 

 

Questo non lo so, ma dove stavano operando questi Sea Hurricane per arrivare in territorio sovietico??

Documenti che attestano ciò...

Se fosse così sarebbero catturati e non acquistati o costruiti in loco...

Link to comment
Share on other sites

Erano aerei che decollavano dalle portaerei di scorta ai convogli che rifornivano i russi attraverso il Mar di Barents (convogli "PQ"). In genere le navi facevano scalo a Murmansk, scaricavano e tornavano in dietro. La Royal navy invece faceva la spola a copertura. I bombardieri e i siluranti tedeschi li aspettavano lungo la costa settentrionale norvegese da Narvik e da Tromso in su. Il resto lo facevano gli U-boot. Chi finiva in mare era morto.

Motivo per cui se si era nel dubbio di non avere carburante, meglio provare a raggiungere direttamente terra, in genere l'Unione Sovietica.

Non credo che in mezzo a quel macello si perdesse tempo a restituire gli aerei ancora interi. I piloti potevano reimbarcarsi sulla prima nave amica a Murmansk. O se preferivano magari potevano dare una mano ai russi contro i tedeschi a Leningrado, chi lo sa? In ogni caso sempre di Hurricane si sarebbe trattato no?

 

http://www.historylearningsite.co.uk/sea_hurricane.htm

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

 

I piloti potevano reimbarcarsi sulla prima nave amica a Murmansk. O se preferivano magari potevano dare una mano ai russi contro i tedeschi a Leningrado, chi lo sa? In ogni caso sempre di Hurricane si sarebbe trattato no?

 

http://www.historylearningsite.co.uk/sea_hurricane.htm

 

Ho paura che i piloti venivano internati; l'Unione Sovietica non era in guerra contro il Giappone.

 

Non conosco nel dettaglio la sorte dei piloti inglesi ma quelli statunitensi venivano internati in campo vicino al confine con l'Iran e, se non riuscivano a scappare, restarono lì fino alla fine dl conflitto, e oltre.

 

Solo per darti un idea: LIST OF INTERNED AMERICAN AIRMEN

Link to comment
Share on other sites

Si in genere gli americani venivano internati. Ma forse per loro era diverso. Per esempio non credo che i russi potessero lasciar andare i piloti di qualche B-29 che avevano deciso di "confiscare". Dato che non potevano farli secchi perchè quelli probabilmente avevano avvertito la loro base che stavano atterrando sani e salvi in URSS (o addirittura l'atterraggio in suolo sovietico faceva parte integrante della loro missione!), allora forse si limitarono a internarli fino alla fine della guerra (che mi pare sempre meglio che ammazzarli tutti tra le betulle siberiane...).

Russi e inglesi invece si aiutavano e si soccorrevano a vicenda da quando Churchill aveva deciso di rifornire Stalin. La spietatezza del clima dell'Oceano Artico stranamente aiutava. Si creava un clima da "mal comune mezzo gaudio". Persino i piloti tedeschi abbattuti, se si poteva, venivano soccorsi, strano no? Certo che poi è probabile che bisognasse nasconderli ai russi...

Non dico certo che i russi permettessero ai militari inglesi di girare liberi dalle loro parti, ma credo che il clima fosse diverso che con gli americani (come al solito). In fondo i russi avevano bisogno degli inglesi e ricevevano i loro aerei. Molti istruttori di volo inglesi su Hurricane operarono in Unione Sovietica. Quattro di loro, appartenenti al n° 151 Squadron, tra cui il comandante e un neozelandese finito anche lui a Murmansk, furono i soli soldati inglesi della guerra mondiale ad essere insigniti dell'"Ordine di Lenin"!

Notare l'ultima parte del racocconto: il ghiaccio era così spesso e si riformava così velocemente dopo che era stato frantumato dal passaggio della nave, che spesso bisognava fermare le macchine e montare la guardia, sennò clandestini sovietici (con i serbatoi pieni di vodka e cipolle fino agli occhi immagino, altrimenti non me lo spiego) inseguivano la nave camminando sulle acque (gelate) in mezzo al buio artico e montavano a bordo... Salute!!! Здоровья!!!

 

http://www.telegraph.co.uk/sponsored/russianow/features/8608031/Britain-aid-Soviet-Union-World-War-Two.html

Edited by Vultur
Link to comment
Share on other sites

Rispondevo a Vultur che i Sea Hurricane i sovietici non li avevano, non parlavo degli Hurricane che so benissimo che i sovietici li utilizzavano che avete capito...

 

Upss...scusa Matteo16, hai tutta la ragione

Saludos

MC72

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...