Jump to content

f-18a hasegawa


paolo20991
 Share

Recommended Posts

oggi ho comprato un nuovo aereo, questo f18A!, in attesa di iniziarlo posso chiedervi qualche consiglio?

1 avete qualche idea di qualche di qualche livrea che renda questo aereo "cattivo".

dove si possono trovare set per armare questo aereo?? perche nella scatola ci sono solo serbatoi da attacare sotto.

per il resto sembra abbastanza carino, i carrelli sono in piombo, e in piu ha qualche fotoincisione in dotazione col kit.

 

 

 

immagine046bf2.jpg

immagine042la3.jpg

w1024.png

immagine044zp6.jpg

w1024.png

Edited by Blue Sky
Link to comment
Share on other sites

oggi ho comprato un nuovo aereo, questo f18A!, in attesa di iniziarlo posso chiedervi qualche consiglio?

1 avete qualche idea di qualche di qualche livrea che renda questo aereo "cattivo".

 

Mmmm..... Vediamo un po!!! :hmm:

 

fa18abs_4.jpg

 

F/A-18A Hornet by Bernhard Schrock

 

fa18abm_2.jpg

 

F/A-18A Hornet VFC-12 "Omars" by Brian Marbrey

 

fa18aplayboyda_00.jpg

 

F/A-18A Playboy Hornet by David W. Aungst

 

Un Bel Walkaround! ;)

 

F/A-18A Hornet Walk Around

Link to comment
Share on other sites

ma quelle foto dove c'è scritto navy non sono mimetiche russe?

 

Per delucidarti le idee ti posto un mio contributo di un vecchio topic:

 

"Aggressors"

 

Ad alta quota sopra l'oceano, al largo della costa della Virginia, si sta svolgendo un combattimento manovrato. Intrappolato tra due Kfir con ala a delta, un giovane equipaggio di un F-14 Tomcat non riesce a trarsi d’impaccio. In un combattimento reale questi inesperti piloti avrebbero pochi secondi di vita. Tuttavia, se venissero agganciati, avrebbero almeno un vantaggio: il loro Tomcat ha un’enorme potenza e sarebbe questa l’occasione per utilizzarla. Il pilota spinge le manette al massimo, fiducioso che il Tomcat riuscirà a distanziare gli avversari, tanto da potersi disimpegnare e porre in salvo. Dopo pochi secondi, tuttavia, il suo RIO (Radar Intercept Officer, operatore radar) chiama: “Ci sta agganciando proprio a ore sei (E proprio dietro di noi Sveglia” I tre aerei sfrecciano nel cielo in fila, come sefossero legati a una corda invisibile. Il Turkey (tacchino, il soprannome dato nell’US Navy all’F-14) all’inizio della fila sta per essere “abbattuto”. Con la comparsa sugli schermi del film Top Gun nel 1986, l’attenzione popolare si appuntò immediatamente sull’Aviazione della Marina, specialmente sulla base dove si svolge l’intenso addestramento da cui il film ha preso il titolo, la base aerea dell’US Navy di Miramar, sulla costa occidentale a nord- ovest di San Diego, in California. Molto è stato scritto sullo sviluppo del Top Gun, ufficialmente chiamato Navy Fighter Weapons School, e sul suo impatto sugli aspetti dell’aviazione tattica. Preoccupata dagli scadenti risultati ottenuti dagli squadron di caccia in Vietnam, l’US Navy chiese al capitano di vascello Frank W. Ault, un esperto pilota della Marina che aveva appena ceduto il comando della vetusta portaerei Coral Sea (CVA-43), di valutare la situazione e proporre un rimedio. Dopo un anno, Ault presentò il suo rapporto, che sottolineava vari aspetti del combattimento aereo in Vietnam, inclusi i problemi emersi con i due principali missili aria-aria, l’AIM-7 Sparrow e l’AIM-9 Sidewinder, e con l’addestramento a quel tempo in corso per gli equipaggi degli aerei che dovevano raggiungere la zona di guerra. In tutto, il rapporto di Ault presentava 242 raccomandazioni, la più importante delle quali fu senza dubbio quella di costituire un corso di addestramento “manuale” che risultasse il più aderente alle reali condizioni di combattimento. Ciò comportava scenari addestrativi altamente realistici e aerei “nemici” affidati ad abilissimi istruttori piloti.

La prima classe dell’US Navy Post-Graduate Course in Fighter Weapons, Tactics and Doctrine (Corso di perfezionamento della Marina per le armi, la tattica e la dottrina dei caccia), come venne in origine chiamato il Top Gun, si riunì nel marzo 1969. All’epoca dei furiosi scontri aerei in Vietnam nel 1972, molti dei

vittoriosi abbattitori di MIG della Marina avevano seguito il corso di Miramar. L’addestramento contribuì a portare lo scadente rapporto tra vittorie e perdite del 1968 a 12,5:1. I piloti istruttori assegnati al Top Gun ricevettero un addestramento speciale sulle tattiche di volo sovietiche, dal momento che la maggior parte dei Paesi potenzialmente “nemici” che gli equipaggi dell’US Navy avrebbero potuto affrontare, erano clienti dell’Unione Sovietica. Ovviamente, dotare la nuova scuola con yari modelli di MiG era fuori questione e fu necessario trovare dei sostituti per i caccia sovietici. L’US Navy alla fine adottò il McDonnell Douglas A- 4 Skyhawk e il Northrop F-5 e la sua versione da addestramento biposto, il T-38 Talon. Gli A-4E vennero alleggeriti e gli aerei impiegati dal Top Gun erano letteralmente dei motori volanti, con un rapporto spinta/peso di quasi 1:1. Gli A-4 potevano simulare i manovrabili MiG-17, che avevano inaspettatamente creato agli equipaggi dell’US Navy dei problemi. Il piccolo e veloce F-5E Tiger li simulava l’altrettanto minuscolo MiG-21. Nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta esemplari di questi aerei giunsero in mani occidentali. Gli Israeliani ottennero un MiG-21 delle prime versioni e in seguito lo consegnarono agli Stati Uniti.

 

Skyhawk2_sm.jpg

TA-4J

 

f5e-1elp.jpg

US Navy Aggressor Squadron VFC-13

 

 

Anche alcuni MiG-23 e MIG-25 vennero inviati negli USA dall’Egitto e da altri stati. Almeno un pilota è morto ‘ volando su un MiG-23 negli USA.

Come ripiego, venne siglato un accordo con l’lsrael Aircraft lndustries (lAl) (dal 2006 Israel Aerospace Industries Ltd), che offrì le versioni più vecchie dei suoi riusciti caccia Kfir con un contratto di affitto di tre anni, Il Kfir, uno sviluppo del Mirage III francese dotato di un apparato propulsivo Generai Electric J79, arrivò nel 1985 alla base della Marina di Oceana, a Virginia Beach, in Virginia nei pressi di Norfolk. I Kfir in servizio con gli USA vennero designati F-21 e assegnati al VF-43; i piloti dello squadron fecero la spola con Israele per l’addestramento Il Kfir si dimostrò un eccellente avversario, in quanto possedeva prestazioni simili al MiG23 “Flogger” .

 

 

483261844_78aaf64001.jpg

 

Per anni l'US Navy impiegò i caccia Kfir (Leoncino) affittati da Israele per il ruolo di “avversari” in realistiche esercitazioni di combattimenti aerei. Simili per dimensioni ai letali Mig dell’Unione Sovietica, i primi tre dei 12 Kfir in prestito, designati F-21A, arrivarono a Oceana, in Virginia, nell’aprile 1985 e immediatamente cominciarono a operare come “nemici” in scontri aerei tra jet. Gli ingegneri israeliani svilupparono il Kfir in base a un programma che prevedeva l’adattamento della cellula del Mirage III per installarvi un turboreattore Generai Electric J79 (da 8119kg di spinta con postbruciatore) e l’introduzione di varie migliorie. L’aereo risultò capace di raggiungere i 2445 km/h ad alta quota. Nel suo ruolo di finto nemico per l’US Navy, l’F-21A non era armato, mentre i Kfir in israele sono equipaggiati con missili Phython e con due cannoni DEFA da 30 mm con 280 colpi. Gli F-21A delI’US Navy vennero restituii a Israele nel 1991.

 

PhotoDraw14761.jpg

 

Con la comparsa di nuove generazioni di caccia sovietici, nonché di aerei occidentali più moderni che avrebbero potuto essere rinvenuti tra le fila dei potenziali avversari, specialmente in Medio Oriente, la Marina tentò di aggiornare i suoi equipaggiamenti per il Top Gun. Si decise che il General Dynamics F-16 Fighting Faicon, uno degli aerei americani più capaci dai tempi del formidabile F-4 Phantom, avrebbe svolto questo ruolo. Solo l’F-16 infatti poteva simulare l’agilità e l’accelerazione del MiG-29 “Fulcrum” , che possono effettuare virate a 9g e hanno ottimi sistemi di controllo del volo.

 

F-16 N

Basato suil’F-16C del lotto 30, l’F-16N della Navy è azionato da una turboventola Genera Electric F110-Ge-100 da 11 400kg di spinta. L’operazione di “scrematura”per semplificare l’equipaggiamento e ridurre il peso lo ha reso il miglior dogfighter (caccia per il combattimento manovrato) tra tutti gli F-16.Al posto del radar APG-68 che equipaggia gli altri F-16, il muso appuntito dell’F-16N alloggia un più semplice e più leggero APG-66, che aumenta ulteriormente l’agilità del velivolo. Una testa cercante di Sidewinder, montata su una carcassa inerte, senza motore e senza ogiva esplosiva, consente al pilota di agganciarsi alla preda, sentendo in cuffia lo stesso segnale sonoro che riceverebbe se avesse a bordo un missile vero. Per evitare all’agile F-16N di trasportare carichi subalari, alcuni strumenti per il combattimento aereo vengono alloggiati in una carenatura sul fianco della presa d’aria, lasciando il resto dell’F-16N “pulito”. La stella rossa caratteristica delle Forze aeree sovietiche è lo stemma di reparto dello squadron “avversario” VF-45 “Blackbirds” di Key West, in Florida. Tutti gli F-16N e gli altri caccia “aggressori” sono dipinti per somigliare a potenziali nemici del mondo reale.

 

 

1593688318_d8a8d6f2c8.jpg

Production totalled 26 airframes of which 22 are singel-seat F-16N's and 4 are double-seat TF-16N's. The aircraft were in service between 1988 and 1998. At that time hair cracks were discovered in several bulckheads. The Navy didn't have the resources to replace them, so the aircraft were placed into storage at AMARC, ultimately being replaced by embargoed ex-Pakistani F-16s in 2003.

 

(Fonti tratte da A.d.C.)

 

 

Ulteriori Info

F-16 N

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...