Jump to content
Sign in to follow this  
Guest intruder

Fonoagnosia: documentato il primo caso al mondo

Recommended Posts

Guest intruder

Una donna in carriera, sessanta anni, con una vita piena, al secolo KH (iniziali del vero nome che non può essere reso noto per motivi di privacy), è il primo caso documentato di "fonoagnosia": la signora non è mai stata in grado nella sua vita di distinguere le voci delle persone. Non riconosce la voce della figlia, del marito, dei colleghi di lavoro: se non li ha davanti non è in grado di sapere con chi sta parlando.

 

Per questo motivo per tutta la sua vita, prima di sapere di avere un deficit cognitivo, ha escogitato piccoli escamotage per sopravvivere: primo, concordare sempre l'ora delle telefonate in modo da sapere con poco margine di dubbio chi fosse all'altro capo del telefono; secondo, dare ai colleghi di lavoro un nome diverso da quello registrato all'anagrafe creando di fatto un'identità nuova e valida solo per l'ambiente lavorativo.

 

Un bel giorno la signora KH ha visto in televisione un servizio sulla prosopagnosia, anche chiamata “cecità dei volti”, un deficit nel riconoscimento di facce che può essere anche associato all’incapacità di riconoscere luoghi e oggetti. Allora ha avuto l'intuizione "e se anche l'incapacità di riconoscere le voci fosse dovuta a un deficit neurologico?". La donna si è rivolta agli esperti dello University College of London i quali, dopo aver studiato il metabolismo cerebrale della donna sottoposta a stimoli sonori, hanno stabilito che esistono anche fenomeni di fonoagnosia congeniti e non solo dovuti (unici casi sino ad ora dimostrati) alla perdita di funzionalità cerebrale causata da fenomeni ischemici.

 

La signora è perfettamente in grado di cogliere le differenze di registro vocale e anche di distinguere le canzoni tra loro o di distinguere le melodie, ma non è in grado di distinguere una voce da un'altra. Non avrà mai un cantante preferito, non odierà mai delle voci più stridule di altre. Il caso clinico della signora sarà pubblicato sulla rivista Neuropsychologia.

 

http://it.health.yahoo.net/c_news.asp?id=23612&s=3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Accidenti Intruder, stai diventando meglio di Focus e Quark :rotfl: Sei il fratello sconosciuto di Alberto Angela :ph34r: ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Fausto91

Mamma mia, è impressionante la capacità con la quale una persona possa sopperire a un deficit di questo tipo. Nonostante questa malattia è riuscita ad organizzare la sua vita in maniera "quasi" normale, non so se al suo posto io sarei stato capace di reagire in questa maniera...queste persone secondo me sono da ammirare :adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il punto è che lo studio delle malattie neuropsichiatriche ci insegna che nella maggior parte dei casi se non c'è un feedback dall'esterno queste persone non si accorgono del loro problema.

Edited by Dominus

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Peppe

Un attimo...

La voce di ogni persona è diversa, ed il nostro orecchio raccoglie i suoni rielaborandoli.

La signora descritta "quassù" sente le voci come "elettroniche"?

Share this post


Link to post
Share on other sites
La signora descritta "quassù" sente le voci come "elettroniche"?

 

Non è che le sente diversamente da come le senti tu, semplicemente non riesce a comprenderne le differenze per una disfunzione a qualche livello del sistema nervoso centrale, probabilmente nella regione orbitofrontale

Share this post


Link to post
Share on other sites

No, probabilmente sente la voce ma non riesce ad associarla ad un volto o ad un'identità precisa, le mancano o non si sono sviluppate delle connessioni tra aree specifiche del cervello...penso

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è che non compie associazioni tra visione e ascolto, semplicemente il suo sistema nervoso centrale non riesce a interpretare correttamente gli stimoli sensoriali.

Tra l'altro recenti studi stanno dimostrando che i fenomeni di agnosia sono molto più comuni di quanto si pensi, si parla addirittura di un incidenza pari al 2-5% della popolazione, semplicemente non vengono diagnosticati in quanto le persone nella maggior parte dei casi non ne riconoscono i disturbi.

Infatti se fino a poco tempo fà queste patologie erano considerate acquisite, tramite fenomeni di carattere ischemico o a causa di malattie neurologiche, adesso si stanno osservando forme congenite che ne fanno pensare una diffusione molto più ampia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è che le persone non ne riconoscono i disturbi, sono le altre persone, quelli che gli stanno intorno che non se ne accorgono, perche nella vita di relazione non risultano evidenti. Chi ne è affetto non se può accorgere da solo in quanto essendo lui così da sempre gli sembra normale essere così, sono solo gli altri che possono farglielo notare e capire se si accorgono del comportamento inadeguato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×