Jump to content
Sign in to follow this  
Reggiane

gli eroi dimenticati

Recommended Posts

ho letto la discussione sui morti di nassirya.

io ora voglio ricordare altri eroi.....

gli operai...i 7 della Thyssen, i 5 di Molfetta e altre migliaia di persone morte negli anni....

ci si dimentica di questi, eppure sono loro i veri eroi, povera gente che rischia tutti i giorni la vita per sfamare la famiglia.....

si potrebbe evitare qesto , moltissime fabbriche in Italia per evitare di "smagrire" il proprio capitale se ne fregano della sicurezza lasciando nell'insicurezza migliaia di vite umane....

Share this post


Link to post
Share on other sites
ho letto la discussione sui morti di nassirya.

io ora voglio ricordare altri eroi.....

gli operai...i 7 della Thyssen, i 5 di Molfetta e altre migliaia di persone morte negli anni....

ci si dimentica di questi, eppure sono loro i veri eroi, povera gente che rischia tutti i giorni la vita per sfamare la famiglia.....

si potrebbe evitare qesto , moltissime fabbriche in Italia per evitare di "smagrire" il proprio capitale se ne fregano della sicurezza lasciando nell'insicurezza migliaia di vite umane....

Reggiane, questa volta ti quoto in tutto, ma tieni presente una cosa; tante volte sono gli stessi operai che dendenzialmente prendono molto alla leggera le direttive sulla sicurezza sul lavoro, ed io me ne accorgo tutti i giorni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Reggiane, questa volta ti quoto in tutto, ma tieni presente una cosa; tante volte sono gli stessi operai che dendenzialmente prendono molto alla leggera le direttive sulla sicurezza sul lavoro, ed io me ne accorgo tutti i giorni.

si beh la gente irresponsabile c'è dappertutto....ma ho visto delle fabbriche ( le Reggiane di adesso per esempio) che sono uno scandalo per l'insicurezza, c'è da rischiare la vita tutti i santi giorni...comunque penso che questo problema sia sopratutto nelle piccole aziende....per esempio non penso che la Ferrari, Ducati ( che hanno i pavimenti tirati a lucido) siano molto pericolose...

Edited by Reggiane

Share this post


Link to post
Share on other sites

concorco con Jolly Rogers, spesso sono gli operai i primi ad essere irresponsabili e non curanti della basilari norme di sicurezza... vedasi il caso di Molfetta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
concorco con Jolly Rogers, spesso sono gli operai i primi ad essere irresponsabili e non curanti della basilari norme di sicurezza... vedasi il caso di Molfetta.

qua sbagli...

a Molfetta non c'è niente di sicuro.....

 

«si sta accertando se c'erano o no, fino a che punto c'erano e se erano idonee per esercitare quella attività ( la "Truck Center"). Alcuni reperti li abbiamo già sequestrati, vedremo se erano sufficienti o no».

e

«Direi che siamo ancora in anticamera, non siamo entrati nel cuore del problema, sia sulla dinamica sia sulle cause. Se non abbiamo gli esiti delle autopsie e delle perizie chimiche non possiamo assolutamente avere un quadro chiaro».

procuratore capo di Trani

 

 

e poi

Intanto, gli indagati, sono due dirigenti di Fs Logistica, Mario Castaldo e Alessandro Buonopane, quest'ultimo responsabile dello sviluppo del progetto di trasporto dello zolfo, il dirigente di Cemat Puglia, che gestisce il deposito di cisterne allo scalo di Bari, Vincenzo Polito, dirigente della società «La Cinque Biotrans», Pasquale Campanile, che si occupa della manutenzione e gestione delle cisterne, e Filippo Abbinante, l'autista che ha guidato la cisterna dal deposito dello scalo intermodale Ferruccio di Bari alla «Truck center» per il lavaggio, poi rivelatosi fatale

il tempo

se la colpa è degli operai non vedo perchè debbano essere indagate altre persone....

Edited by Reggiane

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè è un atto dovuto.

Tieni presente che è morto anche il titolare dell'azienda all'interno di quella autobotte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Perchè è un atto dovuto.

Tieni presente che è morto anche il titolare dell'azienda all'interno di quella autobotte.

sisi lo so...

 

cosa intendi per atto dovuto?..non ho capito...

Edited by Reggiane

Share this post


Link to post
Share on other sites
Che l'apertura di un inchiesta è un atto dovuto da parte della procura in casi come questi

ah ok! grazie ;)

Edited by Reggiane

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma scherziamo? se non ci sono estintori efficienti e il sistema antiincendio è solamente sulla carta che colpa hanno gli operai che lavorano (magari per campare una famiglia)? Nessuno gioca con la propria vita, spesso non sono male informati o addirittura informati per nulla dei rischi che corrono, altre volte conoscono benissimo il rischio ma sono costretti da ritmi di lavoro e stress che ti impongono i responsabili della produzione. Io sono abbastanza vecchio qua dentro da poter dire di averne viste di tutti i colori, è vero anche il dipendente che viene al lavoro magari mezzo sbronzo o dopo un paio di ore di sonno perchè la sera prima ha fatto "baldoria", ma molto più spesso il rischio viene da stress indotto con metodi psicologici proprio verso i più deboli psicologicamente (lavoratori precari, immigrati ecc...)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qualcuno di voi ha mai visto come sono trattate le ore obbligatorie di aggiornamento alla 626 all'interno delle fabbriche e delle aziende da parte degli operai? Per non parlare dei cantieri!

Stiamo calmi prima di dare tutte le colpe agli industriali, che preferiscono di gran lunga aggiornarsi alle leggi per la sicurezza del lavoro che subire mille beghe da parte delle varie ASL, ARPA ecc.

Share this post


Link to post
Share on other sites
ma scherziamo? se non ci sono estintori efficienti e il sistema antiincendio è solamente sulla carta che colpa hanno gli operai che lavorano (magari per campare una famiglia)? Nessuno gioca con la propria vita, spesso non sono male informati o addirittura informati per nulla dei rischi che corrono, altre volte conoscono benissimo il rischio ma sono costretti da ritmi di lavoro e stress che ti impongono i responsabili della produzione. Io sono abbastanza vecchio qua dentro da poter dire di averne viste di tutti i colori, è vero anche il dipendente che viene al lavoro magari mezzo sbronzo o dopo un paio di ore di sonno perchè la sera prima ha fatto "baldoria", ma molto più spesso il rischio viene da stress indotto con metodi psicologici proprio verso i più deboli psicologicamente (lavoratori precari, immigrati ecc...)

quoto tutto....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...