Jump to content

P 47 N Italeri 1/72


Barone
 Share

Recommended Posts

Siccome sto iniziando questo bestiolino metto subito qualche foto...

 

Il kit si presenta così...incisioni un po' troppo marcate vista la scala ma non sembra male..

DSC00318.jpg

DSC00324.jpg

DSC00325.jpg

DSC00326.jpg

 

inizio dagli interni...mi avvalgo delle consolle laterali della PAVLA ...(soldi spesi male)

DSC00331.jpg

DSC00332.jpg

DSC00333.jpg

DSC00337.jpg

Link to comment
Share on other sites

vedo con piacere che sei tornato alla grande. finiti i lavori in casa? io sto ancora decidendo se fare l'F-16 italiano o venezuelano special color dell'italeri. il "gina" giace ancora nella nella sua scatola in attesa dell'ispirazione giusta per reinciderlo :ph34r: . a presto con i tuoi magnifici modelli, airmodellers

Link to comment
Share on other sites

io , come f16 farei l'italiano (l'ho già fatto con la scatola Hasegawa e qualche modifica autocostruita) però quello venezuelano ha una livrea molto bellina che esula dal triste grigio che standardizza le mimetiche attuali...

 

I lavori in casa sono quasi finiti , ma pian piano riesco a portare avanti 2 p47 contemporaneamente , uno , quello in foto sopra la versione "N" la faccio con livrea americana , l'altro (P47 D accademy) + 2-3 piccole modifiche lo faccio dell' A.M.I.

 

Tutti e 2 in colorati con diverse tonalità metalliche..

Link to comment
Share on other sites

le consolle laterlai sono in resina , le ho battezzate "buone" (anche se non sono un gran chè) e le ho solo colorate , al sedile ho aggiunto una imbottitura con un pezzetto di plasticard da 0.5 mm smussato ai bordi e le cinture sono ricavate da un lamierino di rame da 0.2 mm , con pezzettini in plasticard da 0.25mm per simulare cerniere e agganci.. il pannello frontale dei comandi è ricavato da 2 pezzi di plasticard da 0.25 mm uno liscio come mamma l'ha fatto e l'altro forato con un punch-&-die nei punti giusti , colorato in nero opaco , nei fori son state piazzate le decal del kit e per simulare il vetro sui singoli strumenti ho usato una piccola goccia di colla epossilica bicomponente.

 

Nel Week ho assemblato fusoliera e ali (è stato terribile) ieri sera giù con la carta vetrata da 120 , stasera passo con carta da 240 - 400 - 600 e 1000

 

poi vediamo come vien fuori...

Link to comment
Share on other sites

Già! Già... L'avevo iniziata anche io questa scatola di montagio. Il "montaggio a secco" mi aveva fatto rinunciare a continuare il modello. Le due semifusoliere si chiudevano abbastanza bene e poi c'è la chicca del timone di coda che è

in un pezzo a parte. Ma tra ali e fusoliera era un disastro. Da un lato toccava e non si incastra e dall'altra c'era degli

spazi enormi da stuccare. Credo che sia impossibile riuscire a carteggiare il tutto senza spaccare le mitragiatrici. Pensavo di tagliarle via e poi rifarle con degli aghi da siringa. Le pannellature in alcune parti sono esageratamente profonde. Impossibile

per le mie capacità farne uscire qualche cosa di valido...

 

Una vera prova di abilità quella in cui si sta cimentando Barone!

 

 

Ciao Navigator

Link to comment
Share on other sites

infatti le prossime foto saranno a tema: "quntali di stucco" e olio di gomito.

 

...le mitragliatrici le ho tirate via subito...come si suol dire.."via il dente..."

Link to comment
Share on other sites

no , oddio , a volte... ti spiego meglio.

 

Il Plasticard non è altro che un foglio di plastica generalmente bianco disponibile in vari spessori da un minimo di 0.25 mm fino a credo 2-3 mm di spessore.

Lo tagli con il taglierino , più la plastica è sottile più è facile tagliarla.

Questo per realizzare dei particolari lineari orizzontali o verticali ma sempre "piatti"

 

per realizzare delle superfici curve (tipo un seggiolino per un aereo dell WWII) scaldi un pezzo di plasticard e lo termoformi sul "culo" di una matita tonda , realizzando una forma cilindtrica , tagli il superfluo e hai la base per un seggiolino..

Nel caso di termoformature lo spessore della plastica deve essere almeno di 0.5 mm o col caldo si buca..

Link to comment
Share on other sites

...oddio... così non sò..

 

io in genere scaldo la plastica , non la matrice.

1- metto la matrice ( il culo della matita nel nostro caso) in morsa in modo che stia ferma

2- taglio un pezzo di plastica della dimensione tale da non scottarmi le dita quando la scaldo su una candela

3- scaldo la plastica lontano dalla fiamma della candela finchè la plastica non diventa morbida morbida (fa la pancia)

4- rapidamente stampo la plastica sulla matrice

5- aspetto 2 minuti

6- spengo le fiamme libere

7- sollevo lo stampo dalla matrice e taglio la parte stampata che mi interessa

8 - finisco il pezzo con lime e carta vetrata.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

ieri sera ho reinciso le pannellature sul ventre e aggiunto dei dettagli stasera vernicio tutto di nero lucido e con un po di fortuna domani posto qualche foto...

Link to comment
Share on other sites

domani posto le foto del modello vermiciato con gli alcad II

 

come sottofondo ho usato il nero lucido acrilico della humbrol...che ha abbondantemente deluso le aspettative.

Link to comment
Share on other sites

Bravò! Bravò!

 

Ma hai una catena di montaggio? Hai un esercito di piccoli Umpa-Lumpa che ti aiuta? Li hai finiti in

pochissimo tempo!!!... :blink:

 

E ora le decals? Usi quelle da scatola o hai già qualche alternativa?

 

Complimentissimi, Navigator

Link to comment
Share on other sites

Sono eccezionali Barone!!!!

Oltre al fatto che assemblaggio e verniciatura sono perfetti, sembra che gli hai dato un'anima!!!

 

Scommetto che oltre ai dettagli perfetti, possiedi una Confezione di Eau de Oil & Grease per dargli quel profumo di operatività!!! :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

ho provato su un ala a fare il lavaggio ad olio senza la mano di lucido....

 

pensando che la finitura lucida degli alcad avrebbe fatto lo stasso effetto....

 

...sbagliando...

 

...sverniciata tutta l'ala con acetone e una buona dose di parolacce.....e anche peggio... domani le foto..

Link to comment
Share on other sites

Urca! Ke disdetta... Le mitragliatrici di quello Italeri riappiccichi le sue originali che avevi tolto subito o

le rifai nuove?

 

Ciao Navigator

Link to comment
Share on other sites

come sempre i tuoi modelli sono perfetti :adorazione::drool: questa settimana sono stato fuori x lavoro, però ho preso il Sabre in 1/48 che ha già le decal dei Lancieri Neri che l'aspettano. domanda: le canne delle mitragliatrici non ti conviene farle con aghi di siringa del diametro appropriato? B-) saluti Airmodellers

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...