Jump to content
Sign in to follow this  
typhoon

F35 Lighting II & missioni SEAD

Recommended Posts

Gianni, mesi fa mi sembrava avessi accennato a come il JSF potrà svolgere missioni SEAD senza missili "antiradar". Dicevi che il radar del JSF può in modo passivo tracciare le coordinate GPS di una stazione radar SAM nemica, caricarla in una JDAM e lanciarla da notevole distanza. Lo avevi scritto tu? se si puoi approfondire? il quesito era nato di fronte al fanno che il JSF non può trasportare un missile HARM nelle stive interne.

 

PS. anche le SDB potrebbero tornare utili allo scopo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sulle SDB ti rispondo io:

 

Si, se dotate del kit di planata MBDA Diamondback, che ne estende di una sessantina di km il raggio d'azione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è quello il punto, il punto è se il radar del JSF può fare quello che ho scritto, e programmare una JDAM in volo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessun dubbio che possa programmare una JDAM in volo.

 

Questa capacità è stata implementata per prima sui B-2 ed F-22, e successivamente sugli F-16 e sugli altri aerei.

 

 

Vorrei però chiarire che una JDAM ( o analogo ordigno GPS) può essere programmata in questi modi:

 

1) Programmazione a terra prima dell'inizio della missione (è la procedura standard per tutti i velivoli che non possono programmare in volo).

 

2) Programmazione in volo, sulla base di dati ricevuti però da una fonte esterna all'aereo (pattuglia a terra, altri velivoli da ricognizione, stazione a terra, ecc...)

Questa capacità è implementata ormai su tutti i velivoli o quanto meno nelle loro versioni più recenti.

 

3) Programmazione in volo, sulla base dei dati acquisiti dai propri sensori (radar, flir, ESM, RWR). Questa capacità è appannaggio di B-2, F-22 ed F-35. E' possibile usarla anche sulle versioni più recenti di F-16, F-15E e F-18E/F ma la precisione è inferiore.

 

Fatta questa premessa, è evidente che una volta che si dispone di sensori in grado di individuare con precisione la posizione del bersaglio, si può programmare una bomba contro di esso.

 

Il B-2 ha un radar estremamente preciso nel mappare i bersagli a terra.

F-22 ed F-35 oltre a mappare i bersagli usando il radar in modalità attiva, sono in grado anche di rilevare con precisione la posizione delle sorgenti elettroniche utilizzando il radar in modalità passiva (oltre ad altri sensori).

 

Chiaro, quindi, che una volta individuata la posizione di un'emittente, basta programmare la bomba con quei dati.

 

Ovviamente queste modalità operative richiederanno tempo per essere implementate.

I piloti dovranno essere addestrati a usare queste nuove potenzialità e le tecniche andranno affinate.

 

Come dissi un tempo, la tecnologia delle armi GPS sta sconvolgendo tutto il modo di pensare l'attacco aereo, e siamo solo all'inizio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gianni ma secondo te in questi termini si può parlare ancora di SEAD?Mi spiego..per SEAD solitamente si intende la degradazione del sistema difensivo antiaereo;gli aerei SEAD lanciano gli HARM per colpire i radar(ma non altri elementi della batteria)o cmq per costringere gli operatori a tenerli spenti,creando corridoi per gli altri aerei d'attacco.L'F35 di fatto esegue il DEAD operando in modo del tutto indipendente.Cosa ne pensi?Si tratterà di una svolta dottrinale?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×