Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
Hollywood

Brevetto di pilota di linea (ATPL)

Messaggi consigliati

Un saluto a tutti, sono nuovo del forum...

 

Che io sappia PPL a 3000€ è un sogno, magari fosse così! :drool: in genere non si va mai sotto i 6000€, per chi ha già la teoria riconosciuta e svolta presso una TKO...

 

A Ravenna e a Lugo di Romagna fanno buoni prezzi, circa 7000€, ma solo PPL.

 

Per l'ATPL conviene andare in Australia, le scuole di volo sanno che ci sono poveri europei a caccia di brevetti a buon prezzo, così offrono contratti molto vantaggiosi, esempio:

- primo mese di vitto e alloggio offerto dalla compagnia, che inoltre aiuta l'allievo a trovare un lavoro (in Australia, come all'estero in genere, i camerieri italiani sono molto ricercati, a patto ke mastichino un buon inglese!);

- dopo il primo mese i 30000 per l'ATPL vengono anticipati dalla scuola, ke provvederà a detrarli dallo stipendio quando si lavorerà sui voli di linea della scuola stessa (spesso si aggregano in gruppi imprenditoriali dei quali fanno parte aziende che operano voli di linea e altre che fanno training);

- una volta che si ripaga il debito con la compagnia si può convertire il brevetto per la regione EUR (sotto JAA) in Inghilterra, e a buon prezzo, dato che l'Australia fa parte del Commonwelth;

- per TR e abilitazioni varie non c'è problema, i piloti, per volare in quelle zone, sono tutti stranamente abilitati addirittura CAT III!!!

 

In qualunque caso, per chi abbia avuta la fortuna di frequentare n ITAer, a Forlì ci sono FTO che offrono ATPL integrato anche a 37000€, che sono sempre tanti, ma almeno si rimane nella nostra bella Italia! B-)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un saluto a tutti, sono nuovo del forum...

 

Che io sappia PPL a 3000€ è un sogno, magari fosse così! :drool: in genere non si va mai sotto i 6000€, per chi ha già la teoria riconosciuta e svolta presso una TKO...

 

A Ravenna e a Lugo di Romagna fanno buoni prezzi, circa 7000€, ma solo PPL.

 

Per l'ATPL conviene andare in Australia, le scuole di volo sanno che ci sono poveri europei a caccia di brevetti a buon prezzo, così offrono contratti molto vantaggiosi, esempio:

- primo mese di vitto e alloggio offerto dalla compagnia, che inoltre aiuta l'allievo a trovare un lavoro (in Australia, come all'estero in genere, i camerieri italiani sono molto ricercati, a patto ke mastichino un buon inglese!);

- dopo il primo mese i 30000 per l'ATPL vengono anticipati dalla scuola, ke provvederà a detrarli dallo stipendio quando si lavorerà sui voli di linea della scuola stessa (spesso si aggregano in gruppi imprenditoriali dei quali fanno parte aziende che operano voli di linea e altre che fanno training);

- una volta che si ripaga il debito con la compagnia si può convertire il brevetto per la regione EUR (sotto JAA) in Inghilterra, e a buon prezzo, dato che l'Australia fa parte del Commonwelth;

- per TR e abilitazioni varie non c'è problema, i piloti, per volare in quelle zone, sono tutti stranamente abilitati addirittura CAT III!!!

 

In qualunque caso, per chi abbia avuta la fortuna di frequentare n ITAer, a Forlì ci sono FTO che offrono ATPL integrato anche a 37000€, che sono sempre tanti, ma almeno si rimane nella nostra bella Italia! B-)

[/quote

 

 

Ciao a tutti! Sono nuovo del forum, volevo chiederti se gentilmente potresti fornirmi i link delle scuole australiane che adottano questo tipo di contratti per ovvie ragioni economiche, come tutti sappiamo in italia servono un sacco di soldi per brevettarsi e sicuramente questa sarebbe una valida alternativa!

Grazie! A presto!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ciao a tutti! Sono nuovo del forum, volevo chiederti se gentilmente potresti fornirmi i link delle scuole australiane che adottano questo tipo di contratti per ovvie ragioni economiche, come tutti sappiamo in italia servono un sacco di soldi per brevettarsi e sicuramente questa sarebbe una valida alternativa!

Grazie! A presto!

Eccotene uno!

 

Appena ne ho altri li posto!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In questi giorni mi hanno confermato una borsa di studio per conseguire il brevetto VDS(volo diporto sprotivo), con un'aggiunta di 1600€ potrò conseguire tale brevetto...

Non è chissachè, però almeno volo un pò, e, dopo l'esame, anche da solo :D ...

Volevo sapere però se tale brevetto è riconosciuto solamente in Italia... I corsi penso di intraprenderli verso fine maggio...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il VDS non è disciplinato dal codice della navigazione poichè gli ULM non sono considerati AA/MM, e con la riforma del 2007 tale codice ha praticamente delegato l'ICAO a legiferare, formalizzando che l'Italia recepirà quanto deciso in sede internazionale.

 

Per vedere una legislazione adeguata per il VDS dovrai aspettare un po', è prevista a breve una integrazione per lo meno a livello europeo, dato il numero sempre maggiore di brevetti rilasciati.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questi giorni mi hanno confermato una borsa di studio per conseguire il brevetto VDS(volo diporto sprotivo), con un'aggiunta di 1600€ potrò conseguire tale brevetto...

Non è chissachè, però almeno volo un pò, e, dopo l'esame, anche da solo :D ...

Volevo sapere però se tale brevetto è riconosciuto solamente in Italia... I corsi penso di intraprenderli verso fine maggio...

 

Scusa, visto che devi aggiungere un bel 1600 euri, quanto costa il brevetto senza borsa di studio?

 

PS

Del resto non capisco a cosa serva un brevetto VDS.

Modificato da luigi052

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Del resto non capisco a cosa serva un brevetto VDS.

Ti assicuro che è una bella esperienza volare con gli ULM. Naturalmente è difficile sfruttarli per fini di lucro, a parte la sorveglianza antincendio, ma rimane pur sempre un'hobby di tutto rispetto! ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Ti assicuro che è una bella esperienza volare con gli ULM. Naturalmente è difficile sfruttarli per fini di lucro, a parte la sorveglianza antincendio, ma rimane pur sempre un'hobby di tutto rispetto! ;)

 

Beh, o sono di parte, nel senso che con brevetti Faa per volare con gli ULM in Italia mi sono dovuto fare il brevetto. Ovviamente i hanno tenuto buoni i certificati per per farmi saltare l'esame di teoria. Ho fatto 6 ore sull'ultraleggero e poi all'esame mi hanno chiesto di fare un circuito con passaggio a bassa quota sulla pista e uno con atterraggio, naturalmente senza esaminatore a bordo.

 

Dato che un pilota di ULM non deve interagire con ATC e deve rispettare solo dei limiti di quota variabili a secondo della festività mi chiedevo cosa serva tutta la manfrina degli esami, esattamente come andare in barca vela al di sotto dei 12 metri o guidare una moto da cross in campagna.

Qualcuno potrà obbiettare che il brevetto assicura una certa disciplina, ma è anche vero che gli ULM quando si schiantano lo fanno sulle linee dell'alta tensione denotando così l'imperizia del pilota che, nonostante il brevetto, non aveva capito nulla.

 

Era questa la mia perplessità.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si cerca appunto di ovviare a tutto questo con il brevetto.

 

Che in italia la legislatura a riguardo degli ULM lasci un po' a desiderare è noto, e non mi meraviglia che non ti abbiano riconosciuto il brevetto FAA (non riconoscono l'ATPL senza passaggio, figurati il VDS...).

 

Proprio per questo ti vorrei far notare una cosa: hai mai sentito parlare di JAR, o JAA in tema di ULM, a parte quando si tratta di limitazioni? Negli USA se la cavano un po' meglio, merito anche di comunità come Oshkosh (o come cavolo si scrive...).

 

Il problema della sicurezza del VDS in Italia è quasi paragonabile a quello dell'AG: spesso si sfiorano tragedie anche solo per la non curanza del pilota, che magari, ad esempio, carica più di quanto dovrebbe o non compila il foglio di carico e centraggio. E' una procedura troppo spesso snobbata dai piloti di AG in Italia, ma ti assicuro che bastano due zaini pieni di libri nel vano 1 per costringerti a trimmare al massimo un 172 (parlo dal basso delle mie 20 ore e rotti).

 

Ti ho fatto quest'esempio perchè, nonostante non sia obbligatorio, anche un volo con ultraleggero va sapientemente pianificato, ed il bello è proprio pianificare con cartine aeronautiche per il VFR sapendo che l'unica restrizione ATC è la quota!

 

Comunque sembra che anche in Italia qualcosa stia per muoversi, Dio benedica l'Europa e le sue commissioni!

Modificato da tuccio14

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×