Jump to content
Sign in to follow this  
Guest MIK_RE

IL COBRA

Recommended Posts

Guest MIK_RE

Il Cobra di Pugachev è una particolare manovra aerea praticabile solo con alcuni aerei da caccia moderni. È la dimostrazione di un grande controllo del beccheggio del velivolo, della capacità dello stesso di rimanere stabile con un elevato angolo di attacco e delle grandi doti aerodinamiche dei motori con flussi d'aria ridotti e angolo d'attacco fuori dal comune. La manovra provoca un repentino calo della velocità (in pratica una vera e propria frenata dell'aereo) in grado di consentire all'escutore di evitare un attacco o di portarsi in condizione di compierlo.

 

Il nome deriva dal pilota dell'OKB Sukhoi Viktor Pugachev che per primo l'ha eseguita.

La manovra presuppone lo spegnimento del SAU (il limitatore dell'angolo d'attacco (AoA)) a circa 400 km/h e quindi il posizionamento dell'aeroplano con un AoA pari a 90 (aereo verticale) o addirittura 120 gradi (aereo inclinato all'indietro di 30°) per poi ritornare a un angolo alfa pari a 0° ad una velocità di circa 250 km/h. Se eseguita correttamente la manovra non prevede alcuna perdita di quota.

 

Gli unici aerei in grado di compiere il Cobra di Pugachev sono il Sukhoi Su-27 (in volo rettilineo) e il MiG-29 (a partire da un AoA di 30°).

 

 

Video MIG-29 ATF

http://video.google.it/videoplay?docid=-1349697433246487433

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest Flying_Wings

grande manovra, veramente interessante. ma com'avrà fatto a eseguire "immediatamente" l'inclinazione di 135° con una velocità in entrata elevata? l'aereo non dovrebbe in un certo senso "impennarsi" verso l'alto? possibile che non abbia usato solo la cloche?

la manovra è stata eseguita perfettamente in linea, senza xdita di quota a quanto sembra.

Share this post


Link to post
Share on other sites
L'ho visto fare il cobra ad un Flanker, al mitico air show di Parma '98 (chiusura dei festeggiamenti per il 75° anniversario AMI; l'apertura era a Pratica di mare: lì c'era "solo" un MiG-29...).

 

Ad occhio e croce, per quello che i ricordo:

 

1) andare piano e livellato;

2) preparare un sacchettino;  ;)

3) disattivare il limitatore dell'angolo di attacco;  :okok:

4) tirare sù a baghina;

5) controllare con i pedali l'imbardata (è la cosa più importante..);

6) ritirare giù il muso;

7) vomitare nel sacchettino precedentemente preparato...  :rotfl:

 

EDIT: scusa AMVI_Mike non avevo visto il tuo post.  :adorazione:

 

Se n'è già parlato abbondantemente in giro per il sito... Tra cui anche in questa discussione.

 

@MIK_RE: prova a dare un'occhiata con la funzione cerca prima di aprire una nuova discussione! ;) Se cerchi "cobra" ti esce una pagina di risultati: prendi la discussione che ti sembra più attinente e posti lì! :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest MIK_RE

@MIK_RE: prova a dare un'occhiata con la funzione cerca prima di aprire una nuova discussione!  ;)  Se cerchi "cobra" ti esce una pagina di risultati: prendi la discussione che ti sembra più attinente e posti lì!  :)

Obbedisco !!!!!

(Il mio istruttore di volo era un Ex. Istruttore Militare)

A volte mi lascio trasportare dalla passione per il volo !!!!!!:unsure:

Suggerimento: Non sarebbe bello se ci fosse un Item specifico per le manove di Volo; più che doverle cerare tra gli Off Topic ?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest MIK_RE
grande manovra, veramente interessante. ma com'avrà fatto a eseguire "immediatamente" l'inclinazione di 135° con una velocità in entrata elevata? l'aereo non dovrebbe in un certo senso "impennarsi" verso l'alto? possibile che non abbia usato solo la cloche?

la manovra è stata eseguita perfettamente in linea, senza xdita di quota a quanto sembra.

Dato che ormai siamo qui !!!

Il programma Acro mostrato dal Mig 29 nel video è veramente Notevole…….

Prescindendo dal fatto che una tale agilità possa servire o meno in caso di combattimento aereo, direi che uno spettacolo del genere lascia senza parole un appassionato di volo.

Partendo dal fatto che non sono uno specialista Aerodinamico, ma come appassionato di volo acrobatico mi piace cercare di capire “ il perché “.

Il perché l’aereo non guadagna quota durante la brusca richiamata, lo si intuisce più facilmente se analizziamo un’errore tipico (purtroppo causa di molti incidenti) in cui spesso incappano i piloti che cercano di chiudere un looping troppo velocemente; L’eccessivo angolo di incidenza impedisce alle semiali di sviluppare la portanza necessaria a sostenere l’aeroplano nella corretta traettoria.

Risultato, l’aereo tende a spanciare, cioè assume un assetto cabrato ma difatto perde più quota di quanta ne perderebbe se seguisse la corretta traettoria.

Edited by MIK_RE

Share this post


Link to post
Share on other sites

Flying the MiG-29

Story by Capt. William F. Span USN (Ret.)

 

As a captain in the U.S. Navy, Bill Span made more than 1,000 carrier landings, earned two Silver Stars, five Distinguished Flying Crosses and a Bronze Star. He also received two U.S. Navy commendations, the Vietnam Air Cross of Gallantry and several other awards and decorations. He flew 289 missions in Vietnam as part of VA-164, the Ghost Riders. They flew A-4 Skyhawks, single-seat attack jets off of the carrier Oriskany.

 

On the day of the flight the weather was absolutely perfect, a sunny day with high cirrus clouds and temperature in the seventies. We then went to the Gromov Flight Research Institute.I then met with Alexander Gamaev, called “Sasha”.

He is their Chief Test pilot and was assigned to fly with me. He conducted the pre-flight briefings. It is the procedure for all foreign pilots to fly the MiG 29 from the back seat. I related my Navy experience to him and he made an exception. I was allowed to fly the MiG 29 from the front seat.

 

There are certain controls only operated from the front seat and it could be dangerous if a pilot did not understand the operation of those controls.

Sasha tests Russian experimental aircraft and had very recently received Russia's highest award, Hero of Russia, and received a commemorative watch from President Yeltsin. Sasha is 36 years old and is the son of a famous Russian test pilot. Sasha has flown a total of 3,600 flight hours and has flown over 42 types of Russian aircraft. He conducts flight operations all over the world and demonstrates the famous Russian “Cobra” and “Tailside” maneuvers.

 

After the briefings we drove out to the parked MiG 29. It was beautiful, glistening in the Russian sunshine, but also threatening, as if it might suddenly surge forward into a predatory prowl of the sky. I climbed into the front cockpit where Sasha explained the flight and engine instruments.

 

Oddly, the cockpit instrumentation was not too different than an American cockpit. The altimeter was in meters instead of feet, the air speed in kilometers per hour and the main flight instrument (VGI) was reversed.

 

In the front cockpit I had control of the ejection seat. Sasha said, “Bill, if I give the word EJECT, EJECT, EJECT that is not a subject for discussion, I go first then you.” I agreed completely and without reservation. After about 20 minutes of cockpit orientation he climbed into the back seat and we started the engines; first the left, and then the right. We completed the necessary instrument and flight control checks, received the clearance from the control tower and then taxied for take off.

 

After our afterburners were selected and engine checks were made, we started our take-off roll. The thrust was so great it reminded me of a catapult shot from an aircraft carrier. We were airborne in six seconds and 1500 feet. Sasha immediately pulled a 6G loop and then bottomed out over the runway at 150 feet, heading down the Moscow River at 600km/h. I took the controls and made several turns. I did a few Aileron rolls left and right to get the feel of the airplane.

I was surprised the MiG 29 was very responsive and easy to fly and control.

 

While speeding along at an altitude of only 150 feet along the Moscow River Sasha pointed out a Russian Church, a small Russian village and a chemical factory. Since we were speeding along like a runaway space capsule, I just nodded my head and gave a polite “DA, PRE KRASNA” (Meaning: “Yes, very beautiful.” Russian phrases came easily to me since I am of Czech descent and my grandparents spoke Czech, a language somewhat similar to Russian, to me when I was young.)

 

Sasha took control, selected the afterburners, pointed the MiG straight up and climbed to 53,000 feet, pulling an immeasurable amount of G’s. In addition to the extreme pressure from my flight suit, I had to force-grunt to keep from blacking out. I clocked the time to climb at 48 seconds. When we leveled off, he accelerated the MiG and went supersonic to 1.4 MACH.

 

He asked me prior to the flight if I wanted to go faster or higher, and I decided that this was high and fast enough so we could save fuel and spend more time on exotic maneuvers. He then said, “Bill, I will do the following maneuvers, then you will do them!” It sounded like a Russian order but he had no idea how anxious I was to do them.

 

I replied in my perfect Russian, “Da, pre krasna.”

 

We rolled over and did a “Split S” to a lower altitude into a “7.5 G loop”, followed by an “Immelman”, a “Climbing Turn”, and then the famous “Cobra” maneuver where the MIG flies at the same altitude but in a vertical position. He then recovered and flew the plane straight up, pulled back, both engines reached “0” air speed where upon we slid back on our tail in a vertical position. We then applied power from both engines, first the left, then the right. That was the “Tailslide”.

 

Sasha had done these maneuvers so quickly and brilliantly, that I did not catch all the G’s and air speeds for each one. When did them I had to rely on G-force and feel. Sasha then said, “Bill, the airplane is yours, you will do them.” I then started with the loop and remembered from my flying days to keep the wings level and the G’s constant.

 

Since the VGI operates opposite to ours, it made the loop a little difficult at first. At the top of the loop I rolled my head back as we passed through the horizon and, lo and behold, my wings were level and I completed a good loop. Sasha said, “Good, good, Bill.” The “Immelman” came as easy, although Sasha said, “A little more G, Bill.” I thought I had enough as my G suit was exerting tremendous pressure on my legs and stomach. The “G” suit was keeping me from blacking out. These two maneuvers are fairly standard but in a MiG 29 they are done with great speed, power and high “G’s”.

 

The next two maneuvers were simply awesome. The “Tailslide” was done by pulling “G” to a vertical position, pulling the throttles back to idle while the air speed dropped to “0”, with the MIG pointing straight up. Upon reaching “0” air speed the MIG slid back to earth tail first. I kicked hard rudder and fell through to a nose-down recovery as we brought the engines back in, first left then right.

 

It felt so awesome that I repeated it again. The “Cobra” came next. I picked up speed and horsed back on the stick bringing the MiG again to a nose-up vertical position, selected proper power while our momentum propelled us forward in a vertical position. The sensations I felt during this maneuver were incredible for an aviator not used to such an exotic maneuver. I then released back pressure and, while pulling negative G, recovered to level flight. Again, I was so excited that I did another one, this time with more precision. Sasha performs this maneuver at very low altitudes at air shows. I would need a whole lot more practice before I would do the “Cobra” as low as he does.

 

After doing each of the maneuvers twice, Sasha told me to take up a heading towards ZUKOVSKY air base and make an ILSA instrument approach to a low pass. That was the easiest part of the flight since the MiG 29 is so stable and the controls very responsive. After a discussion in Russian with the control tower Sasha said, “Bill, give me control and I will put on an air show for you.”

 

He made a hard pull up to the right then a quick hard turn back to the runway followed by a series of quick Aileron rolls, a quick reversal and a roll over to inverted flight; flying down the runaway at 100 feet. It was quite a thrill to look at the runway while flying upside down for that long a time. He then throttled back, pitched up to a downward turn and said, “Now, Bill, you take control and make the landing.”

 

We were in close to the runway so I turned a tight approach at 300 KM down to a near perfect landing. I could not believe how easy it was to land a MiG 29. We touched down at 230 KM and had a short roll out but did not deploy the drag chute.

 

After turn-off I taxied back to the flight line. It turns out that the most difficult part of the flight was on the ground. The MiG 29 has a settable nose-wheel; you must push a button to engage it and then steer with the rudder pedals.

 

As I climbed out of the cockpit I shouted in Russian, “YA RAHT! YA RAHT!” (I’m happy! I’m happy!) I had just finished beating the sky into submission with the brute force of a Russian MiG 29. What a perfect ending to a perfect day!

 

Sasha shook my hand and said, “Bill, you are a true professional, all of your maneuvers were perfect. You did the ‘Cobra’ and the ‘Tailslide’ and very few pilots have done that.” I thanked Sasha and told him he was the best pilot that I had ever known.

 

We then went to lunch at the Gromov Flight Research Institute. I truly felt a bond developing between Sasha and me during the long conversations that followed. We talked about U.S. and Russian aircraft, tactics and experiences. He was quite interested in my Vietnam combat experience and asked several questions about the Russian SAMs and aircraft during that war. He related his test pilot experiences and the planes he flew, including the U.S. Navy F-18.

 

I presented Sasha with a U.S. Navy flight suit, an Air Force flight jacket, a bottle of Military vodka, a personal computer organizer, and a Top Gun ‘97 baseball cap, which he wore for the rest of the day. I was presented with a model of the MiG 29, a signed certificate of the flight profile, and a beautiful Russian watch with a picture of the MiG 29 on the face and an inscription on the outer watch ring in Russian that reads, “Defender of the Native-land”.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anch'io l'ho visto a parma nel 98 manovra spettacolare eseguita da uno dei più bravi piloti della russia cioé da jurcinov (credo che si scriva così) lui si che è il migliore!!!! :adorazione::adorazione:

Share this post


Link to post
Share on other sites
..a parma nel 98 manovra spettacolare eseguita da uno dei più bravi piloti della russia cioé da jurcinov

Anche io era a Parma quel giorno

Non vorrei sbagliarmi ma il pilota in questione era Anatoly Kvochur ed il suo splendido SU 27 con i colori della bandiera russa.

Lo vidi per la prima volta (96?) ad Ambrì in svizzera.

Il sabato , durante le prove, fece un basso passaggio ma veramente basso, tanto che essendo in quarta fila, vidi sfilare solamente i timoni verticali... :adorazione:

Poi su in candela e.... botto terrificante

non ricordo quanti sistemi di antifurto scattarono nel sottostante (alla sua verticale) parcheggio auto..

Ovviamente la domenica della manifestazione, gli fu impedito di ripetere l'esperimento :pianto:

Edited by Dave97

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si era proprio lui non mi ricordavo come si scriveva ma la cosa più bella e che lo speaker diceva una acrobazia che Kvochur doveva fare secondo il programma e lui faceva delle altre acrobazie e alla fine lo speaker ci ha rinunciato a fare le figure di m..... . Mi ricordo anche quando doveva decollare dalla pista che diceva lo speaker diceva che per decollare con il Su 27 doveva utilizzare tutta la pista invece con manetta al 100% riusci a decollare a metà pista mitico!!!!!!!!!! e quando doveva salutare il publico faceva un passaggio radente (non autorizzato) ma però alle prove. quello si che é un pilota!!!!!

:adorazione::adorazione::adorazione::okok: :okok: :okok:

 

anatoli1se6.th.jpg

Edited by Madmax

Share this post


Link to post
Share on other sites
Anch'io l'ho visto a parma nel 98 manovra spettacolare eseguita da uno dei più bravi piloti della russia cioé da jurcinov (credo che si scriva così) lui si che è il migliore!!!! :adorazione::adorazione:

 

Fantastico, finalmente ho trovato qualcuno che c'era!! :woot:

Ma chi è sto Anatoly Kvochur, un collaudatore Sukhoi? Vi ricordate che tonneau ha cacciato in decollo a pieno carico mentre si avviava verso verso casa?! E i due cobra durante l'esibizione? Davvero un'esibizione stupenda, manovre e contro-manovre in un fazzoletto, e con grande precisione... :adorazione:

 

(Tra l'altro Parma '98 è stato storico, meglio di una Giornata Azzurra: Flanker, prima esibizione dello YAK-130, G-222, 707 con simulazione rifornimento, 104, Tornado vari, 4 F-16 da Aviano,ecc.........,oltre ovviamente alle Frecce!

Se vi ricordate altre cose su Parma e su chi c'era, mandatemi un MP!!! (ci tengo perchè è stato il mio primo airshow, escludendo le esibizioni delle Frecce sul mare qua a Rimini!) :adorazione: )

 

Tornando al Flaker, ce n'è solo uno con quella bellissima livrea?

 

su272bigol9ns5.th.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ma chi è sto Anatoly Kvochur,

AHHHHHHHHH :sm:

prova a fare una veloce ricerca con google :P:P

--------

Vi ricordate che tonneau ha cacciato in decollo a pieno carico

Come no!!

anche perchè lo speaker aveva appena terminato di dire che avrebbe fatto un decollo tranquillo a causa della grande quantità di carburante.

 

tra le cose simpatiche che ricordo di Parma.

il sukhoi 27 era parcheggiato vicino ad un tornado AMI, e dal mio punto di osservazione era dietro al Tornado.

Eppure sembrava il doppio, come dimensioni.

Quindi maggior incredulità a vedergli sfoggiare un'intero programma acro da Sport con manovre come otto cubano, reverse cuban eigth, loop, rolling, tail slide, cobra ed altre rimanendo in un fazzoletto.

La cosa che mi ha fatto piacere, è che quando è iniziato lo show delle frecce, il grande anatoly si è armato di video camera ed ha ripreso tutto lo show.

Tra i tanti partecipanti, ricordo con piacere Patric Paris con il cap 232 sponsorizzato Breitling ,che da fresco campione del mondo, ha sfoggiato un free style da UFO.

Edited by Dave97

Share this post


Link to post
Share on other sites
AHHHHHHHHH :sm:

prova a fare una veloce ricerca con google :P:P

 

:lol: :lol:

 

Scusa l'ignoranza! Pensa che 5 minuti fa ho chiesto a mio padre (è assolutamente incompetente di aerei, ma era venuto insieme a me a Parma (avevo 13 anni...)): "Bà, ma te ti ricordi quell'air-show a Parma?", e lui mi ha risposto:"Che numeri quel Russo...." :okok:

 

Ma sei sicuro che era lui a riprendere le Frecce? Non era già decollato, con relativo tonneau a pieno carico, per ritornarsene a casa? :unsure:

Share this post


Link to post
Share on other sites
:lol: :lol:

 

Ma sei sicuro che era lui a riprendere le Frecce? Non era già decollato, con relativo tonneau a pieno carico, per ritornarsene a casa? :unsure:

E' decollato subito dopo lo show delle frecce.

(ma chiederò lumi ad un mio amico che era l'aiuto speaker)

Lo speaker disse che non avrebbe fatto nessun passaggio di saluto perchè ai limiti con il tempo di rientro.

Invece il bravo e dispettoso Anatoly è decollato, ha piazzato un roll da paura, ha preso una barca di velocità ed ha eseguito un passaggio velocissimo da ovest verso est , tirata su, e in 40 secondi è arrivato nella stratosfera :adorazione:

 

E per rientrare On Topic

Sull'utilità di manovre come il cobra,mi sembra anche di ricordare che, una delle poche volte che due eagles ebbero la felice idea di rompere gli zebedei ad un Su 27 pilotato da uno Tosto di nome Victor Pugachev, se ne siano tornati a casa con le pive nel sacco :rotfl:

Vecchissima storia Pubblicata su volare diversi anni fa

Edited by Dave97

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dave, ti risulta che altri caccia, oltre al Flanker ed al Fulcrum (che però parte da 30°), siano in grado di effettuare il Cobra di Pugachev? :unsure:

A me risulta solo il Raptor, anche se ovviamente non l'ho ancora visto con i miei occhi...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dave, ti risulta che altri caccia, oltre al Flanker ed al Fulcrum (che però parte da 30°), siano in grado di effettuare il Cobra di Pugachev? :unsure:

A me risulta solo il Raptor, anche se ovviamente non l'ho ancora visto con i miei occhi...

Anche a me risulta ma non ne ho conferme.

I pochi video, lo riprendono in campo lunghissimo.

 

Qui si vede chiaramente l'effetto cobra su un ipotetico inseguitore :P

Piccolo OT

Un low Pass tipo quello di anatoly ad Ambrì. :adorazione:

1025605.jpg

Edited by Dave97

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma la cosa più bella e che per salutare il publico ha fatto un passaggio radente a testa in giù (da matti) e la cosa più strana di quel pilota e che non voleva che nessuno gli toccasse il suo aereo si faceva rifornimento da solo e anche le riparazioni

Edited by Madmax

Share this post


Link to post
Share on other sites

Boh, in questo filmato si vede qualche tentativo di cobra,

La mia sensazione è che sia meno manovrabile di Mig29 OVT e SU 31

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...