Jump to content
Sign in to follow this  
Gian Vito

Giochi di guerra

Recommended Posts

L’arte della guerra ha spesso fatto uso di giochi. Lo stesso gioco degli scacchi è, in realtà, una battaglia in miniatura. Ed è proprio da questo gioco che in Germania nasce l’idea del war game. I soldatini di piombo contribuiscono al realismo e domineranno il mercato fino all’avvento della plastica.

 

https://it.wikipedia.org/wiki/Wargame

 

Di tempo ne è passato parecchio. Oggi molti lettori si sfidano a giochi di guerra elettronici. Le simulazioni sono sempre più sofisticate. Prima dell’avvento del computer, però, i giochi di guerra avevano ugualmente molto seguito. Si impiegavano plastici, modellini in scala, tavole di tiro, soldatini in abbondanza e tutto l’occorrente per rendere il gioco avvincente pur nel rispetto di regole piuttosto complicate. Le battaglie potevano durare giorni e impegnavano spesso decine di persone.

 

 

asrAgqw.jpg

 

Tra i vari giochi di guerra, due in particolare vengono ricordati dai nostalgici.

 

La battaglia di Waterloo

 

Guido Crepax. Il nome ricorderà a moltissimi un famoso disegnatore, divenuto celebre per una serie di fumetti erotici. Pochi sanno che Crepas (il suo vero cognome) aveva una passione per i soldatini di carta, che realizzava personalmente in pezzi unici, molto curati dal punto di vista tecnico. Nel 1965-66, per la rivista Linus, la stessa su cui erano apparsi i fumetti di Valentina, propose la Battaglia di Waterloo.

 

 

awqnWgv.jpg

 

I soldatini per il gioco, francesi, inglesi e prussiani, erano riprodotti su otto fogli da ritagliare, piegare e incollare. Il tavoliere per il gioco, in quattro cartoni colorati, era venduto in edicola a parte. I pezzi venivano disposti in segreto, separando i giocatori con un divisorio. Le regole di base erano semplici: ogni soldatino aveva due numeri alla base. Uno indicava di quanti passi si poteva muovere, l’altro il valore del pezzo. Non mancavano le artiglierie. Il tiro dei cannoni e dei fucili era regolato col lancio dei dadi. Altre numerose regole erano contenute nel manuale di gioco. La presenza di ostacoli, come fiumi, boschi e fortificazioni comportava limitazioni di movimento e vantaggi o svantaggi a seconda dei casi.

Alcuni giocatori hanno rilevato che il tavoliere quadrettato non favorisce i movimenti diagonali, meglio impiegare degli esagoni. E alcune regole entrano in contraddizione. Ma questo nulla toglie alla bellezza del gioco.

 

2TScpxz.jpg

7EimPHR.jpg

 

BQQvEYm.jpg

 

Successivamente Crepax fece pubblicare altri due giochi, La Battaglia di Pavia (1967-69) e Aleksandr Nevskij, la battaglia del lago ghiacciato (1972). Nell'aprile del 1999 il gioco venne pubblicato anche dalla rivista Sandokan.

Oggi il gioco è reperibile solo all’asta, a prezzi da capogiro. Ma se cercate bene…

http://www.mondadoricomics.it/blog/guido-crepax-quando-larte-del-racconto-diventa-esperimento

 

http://www.charlesgarage.com/waterloo-secondo-crepax.html

 

Posto di combattimento

 

Alla fine del 1979, appare sulla rivista Storia Modellismo un inserto speciale. Un war game navale realizzato da Alberto Santoni, docente di storia contemporanea ed esperto di storia navale oltre che scrittore di successo. Le due parti mancanti vengono pubblicate nei numeri successivi. Il gioco, oltre alle regole, ha molte tavole numeriche, tutte le schede tecniche delle navi da guerra di tutti i belligeranti nel secondo conflitto mondiale e una serie di regole aggiuntive opzionali, in tutto 23 pagine. Mancano i dadi e due mazzi di carte da gioco, facilmente reperibili.

 

 

71ELnWz.jpgkx64MAG.jpg

 

E’ consigliato l’uso di modellini in scala 1/1200 e un bel pavimento grande. Altrimenti, anche un semplice foglio quadrettato è sufficiente. Ogni mossa dura un minuto e comprende lo spostamento delle navi e la fase di inquadramento del bersaglio, effettuata la quale si può iniziare il tiro rapido. Le carte da gioco nere equivalgono a colpi a vuoto. Le carte rosse hanno valore solo a determinate distanze di tiro. Alla fine di ogni mossa si valutano i danni riportati dalle unità e il consumo delle munizioni. Si può simulare anche l’attacco aereo e la guerra sottomarina.

 

rKY8vXJ.jpg

ejQXzNG.jpg

 

Jvr3k9M.jpg

 

Il gioco è stato ripubblicato successivamente con alcune modifiche dalla Qualitygames. Oggi è anch’esso quasi irreperibile, a meno di riuscire a recuperare le copie delle riviste originali…

Come sempre, una ricerca assidua aiuta.

 

http://www.instoria.it/home/alberto_santoni.htm

Edited by Gian Vito

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ho da qualche parte due chicche della Avalon Hill
Waterloo

Victory in the Pacific

Share this post


Link to post
Share on other sites

oddio che hai tirato fuori... il war-game di Santoni che venne inglobato, soprattutto per alcune metodologie in quanto i dati, in se per se, non erano questa precisione, nel war-game che io e mio nonno stavamo elaborando per le navi della GHQ in 1/2400. in ogni caso, un sistema di un macchinoso incredibile e che soffriva enormemente della mancanza di un arbitro, almeno nella nostra versione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Macchinoso è il termine adatto. Rendeva il gioco poco avvincente e molti dati erano sicuramente discutibili, come il "potere difensivo". Anche l'impiego dei due mazzi di carte da gioco, esauribili in pochi minuti in caso di scontri numerosi, non rispettava la probabilità di colpire. Il vantaggio nell'uso del radar di puntamento non era ben valutato. Solo per citare alcuni punti dolenti. Era comunque una buona base di partenza. Successivamente è stato migliorato nelle regole da alcuni appassionati ma non conosco le modifiche.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...