Jump to content
Flaggy

SB-1 Defiant

Recommended Posts

Non mi pare ci sia una discussione ufficiale su questo nuovo elicottero di cui si è discusso a margine di quella sul concorrente Valor.

 

Comunque ci sono ritardi.

 

https://www.flightglobal.com/news/articles/defiants-first-flight-falls-behind-436400/

 

E qui ne viene spiegato il motivo ... https://www.defensenews.com/digital-show-dailies/dsei/2017/09/11/defiants-delay-due-to-blade-manufacturing-challenges/ ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

https://www.military.com/defensetech/2018/03/27/army-unveils-family-future-vertical-lift-helicopters.html

 

Posto qui, non perchè ci siano particolari novità sul Defiant o in generale sul programma FVL, ma perchè il Brig. Gen. Thomas Todd, Program Executive Officer Aviation, parlando di FVL, ha colto l'occasione per ricordare qualcosa di tanto scontato quanto di spesso e volentieri dimenticato o disatteso nei programmi, che vedono i loro costi andare fuori controllo e i tempi allungarsi a dismisura.

"Make sure you produce and field when it's good enough, not when it is as good as it possibly could be," Todd said. "We absolutely have to make sure that we get this capability to the soldier and that we do not spend double that amount of time achieving the last necessarily 10 percent of capability when, frankly, 90 percent was good enough."

 

Che forse si può sintetizzare con uno stringato "l'ottimo è nemico del buono".

Non dimentichiamoci però che nelle competizioni vincono, o dovrebbero vincere, i migliori (da cui un discreto contributo al fare il passo più lungo della gamba), ma su costi e tempi i competitor non aiutano il committente perchè sparano al ribasso e comunque non ci azzeccano quasi mai (a pensar male si fa peccato...).

Sta quindi anche (e sempre più) al committente avere le competenze adeguate per fare un'analisi dei costi e dei tempi corretta e indipendente, per arrivare alla scelta giusta e prima ancora per stilare delle specifiche coerenti con il timing e i costi che si è disposti ad accettare.

Più facile dirsi che a farsi...e infatti il ricorso del perdente è quasi garantito a prescindere...

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma quindi il Defiant sarebbe la versione navale dell'S-97 Raider?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Assolutamente NO. E' un elicottero completamente diverso (è più grande), nel contesto del programma FVL dello US Army per un sostituto del Blackhawk; quindi cosa c'entra la Navy, se non per eventuali futuri sviluppi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le dimensioni appaiono effettivamente maggiori, ma l'architettura genrale (rotori coassiali controrotanti in stle Kamov) sono analoghi, seppur forse non uguali identici e dagli stessi componenti.

Navy e US Army hanno piu volte utilizzato diverse versioni di uno stesso tipo di elicottero però (vedi Huey, Cobra, Blackhawk ad esempio) e potrebbe ricapitare forse

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dire che Raider e Defiant siano analoghi è lapalissiano (almeno quanto sarebbe ricordare che i Kamov non hanno il rotore spingente…), ma ciò non toglie che rispondano a specifiche diverse, all’interno di quel mare magnum che è il famoso (e fumoso) programma FVL, che cerca di mettere assieme sensori, avionica e motori di mezzi diversi.

 

Al momento però manco i dimostratori di Raider e Defiant sembrano avere qualcosa in comune.

Di sicuro non i motori perché il primo ha un singolo T700 e il secondo due vecchi, ma ben più grossi e potenti T55.

E se la cosa andasse avanti con i sostituti designati, il primo si ritroverebbe sotto il cofano un singolo T900 o un T901 da 3000 cavalli, mentre il secondo due FATE da 5-10000 HP (una differenza di potenza tangibile che la dice lunga sulle classi di appartenenza dei due elicotteri).

 

In sostanza sembrerebbe che il sostituto del Black Hawk non sarà equipaggiato dal sostituto del T700 che ora equipaggia l’UH-60. E anche il Valor che ha invece due T-64 presumibilmente li rimpiazzerà coi FATE in caso di vittoria.
Comprensibile visto che quello che si chiede a entrambi i concorrenti è di fare in autonomia e velocità ben più di quello che fanno gli elicotteri da rimpiazzare.

 

L’US-Navy dal canto suo è un partner (forse un po’ defilato) dello US-Army nel programma FVL, perché come detto un derivato potrebbe partecipare al programma MH-X per un rimpiazzo a lungo termine dell’MH-60S/R Seahawk (che del Black Hawk terrestre è a sua volta un derivato), ma al momento non esistono varianti specifiche per la Navy, che presumibilmente attende di sapere chi la spunterà tra i dimostratori del Valor e del Defiant.

 

https://news.usni.org/2014/06/17/sikorsky-boeing-team-submit-new-army-helicopter-designew-army-helicopter-design

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certamente, se si guarda meglio, non sono esattamente lo steso elicottero. Scherzandoci sopra sarebbe come paragonare un Bell 204 e un Bell 214 ST, oppure un Chinook e uno Sea Knight :D :D

immagino gia cheritardi subirà il programma a causa della levitazione dei costi e dei tempi, soprattuto per via delle reti informatiche suppongo, cme gia è succeso con precednti programmi. Speriamo bene

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oltre ai problemi realizzativi delle pale a quanto pare ora c’è anche qualche problemuccio alla trasmissione…

 

http://www.janes.com/article/79685/sikorsky-boeing-sb-1-defiant-team-overcomes-transmission-issue

 

La trasmissione di un mezzo così particolare deve suddividere la potenza tra i due rotori principali controrotanti, ma se questa non è una vera novità, lo è il fatto di dover anche essere in grado di dirigere l’80% della potenza indifferentemente ai rotori principali o all’elica di coda, quando in un elicottero tradizionale in coda al massimo ne arriva il 15%.

Come sempre ai vantaggi teorici fanno sempre seguito problemi specifici.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 21/4/2017 in 08:33 , Flaggy ha scritto:

Non mi pare ci sia una discussione ufficiale su questo nuovo elicottero di cui si è discusso a margine di quella sul concorrente Valor.

Comunque ci sono ritardi.

https://www.flightglobal.com/news/articles/defiants-first-flight-falls-behind-436400/

Ritardi che, dopo oltre un anno e mezzo, permangono ...

https://www.flightglobal.com/news/articles/first-flight-of-sikorsky-boeing-sb-1-defiant-delayed-454362/

Anche qui ...   https://www.defensenews.com/land/2018/12/12/first-flight-for-defiant-delayed-to-2019/

 

Edited by TT-1 Pinto
***

Share this post


Link to post
Share on other sites

C’è da dire che ha delle linee estremamente pulite e raccordate.

Mancano ancora in effetti le carenature delle teste dei rotori e del must.

E’ uguale alle ultime anticipazioni grafiche, ma rispetto alle prime e al Blackhawk che dovrebbe sostituire ha la cabina più avanti rispetto ai rotori e presumibilmente una quantità di carburante decisamente elevata in serbatoi centrali. Diciamo che la cabina probabilmente è più larga di quella del Valor, ma sicuramente non da l’impressione di riempire la fusoliera e di sfruttare il vantaggio di avere rotore e trasmissione ben in alto per liberare spazio sotto come su tanti altri elicotteri. Per contro l’elicottero ha tanto peso dietro e il doppio rotore stesso per questo è molto arretrato: praticamente a metà della fusoliera.

Il V-280, pur avendo il fardello dell’ala, ha una fusoliera in gran parte abitabile, qui invece non c’è l’ala ma la cabina occupa una porzione minoritaria della massiccia fusoliera.

In ogni caso se si vuole andare veloci si finisce per pesare qualcosa in più di un elicottero tradizionale.

E’ sicuramente un velivolo imponente e l’elica spingente a 8 pale tradisce un’elevata potenza dedicata alla spinta alla ricerca di velocità.

Le pale del rotore principale hanno un disegno molto avanzato che massimizza la portanza nelle sezioni centrali a grande corda e allo stesso tempo limita i problemi di comprimibilità alle estremità a freccia.

Da notare i due piani verticali in coda divisi ciascuno in due sezioni mobili sopra e sotto il piano orizzontale. Una configurazione meno tradizionale rispetto a quella del Rider che ha due derive con timone.

Più tradizionali gli scarichi motore che sul Rider sono piazzati in coda e qui sopra la fusoliera, anche se raffreddati e dotati di una piastra inferiore che consente ad aria fresca di insinuarsi tra fusoliera e scarichi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come si vede in questo video incastrata fra vani carrelli, serbatoi e trasmissione (di fatto piuttosto massiccia e non confinata al tetto) in realtà vi è una nicchia in cui far stare 3 militari.

Nel prototipo non ancora completo sembra più piccola ma non è da escludere un suo utilizzo per strumentazione di test.

defiant_fuselage.jpg

Intanto ne parla anche Flightglobal ma non aggiunge nulla a quanto finora noto.

https://www.flightglobal.com/news/articles/pictures-sb-1-defiant-breaks-cover-454669/

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Erano altri tempi e l’elicottero pagò lo scotto di proporre soluzioni immature che come sempre portano problemi che si deve aver voglia di superare (il V-22 ne sa qualcosa per quanto sia stato più fortunato).

Il concetto però era molto diverso da quello del Defiant. Dico diverso e non dico migliore o peggiore perché negli elicotteri più che la formula è come essa viene applicata a decretarne successo o insuccesso.

In generale in aeronautica peso e complessità sono sempre i nemici da battere, perché sono una sfida per le prestazioni, l’affidabilità e il costo.

Tutte le soluzioni volte a superare i limiti dell’elicottero hanno in comune l’aumento del peso e della complessità in un mezzo di per se delicato.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prime prove a terra.

Certo che fa un po' impressione l'enorme fusoliera e il relativamente piccolo vano di carico (adatto a una dozzina di soldati equipaggiati) che non sfrutta la collocazione soprelevata dei motori e della trasmissione che "invade" la sezione dall'alto mentre il carrello lo fa dal basso col carburante in mezzo. 

Altra evidenza sono i 4000 cavalli dei motori (al momento quelli del grosso Chinook e in futuro i FATE). Ben più del doppio di quelli del Blackhawk che dovrebbe sostituire e che ha un vano di carico solo poco più piccolo. Anche l'NH-90, con poco più di metà di quella potenza, può trasportare una ventina di soldati equipaggiati sfruttando tutta la fusoliera fino al più sottile trave di coda.

La velocità e l'autonomia (chilometrica, non oraria) hanno un prezzo, nonostante dei due concorrenti questo sia quello che di più assomiglia ad un elicottero "normale".

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un po' di informazioni sulle prestazioni.

Quote

The SB>1 design parameters call for a cruise speed of 250 knots and the capability of hovering out of ground effect at 6,000 ft and 35°C, “however we can disengage the rear propeller and still flying at a maximum speed of 160 knots,” Rotte underlines. At high speed the Defiant will act mostly as an aircraft, manoeuvrability being ensured by elevators and rudders, the 11 ft diameter propeller absorbing up to 90% of the power; this can be also used to quickly slow down the aircraft using it in reverse. The rear propulsion is controlled via a thumb lever, while the main rotor is controlled via conventional helicopter cyclic stick and collective lever.

https://www.edrmagazine.eu/sb1-defiant-ready-for-full-testing

Interessante la percentuale di potenza che arriva a scaricare sull'elica propulsiva.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un’intervista sul concetto a rotori rigidi contorotanti ed elica spingente di Sikorsky.

https://www.thedrive.com/the-war-zone/28019/we-talk-everything-s-97-raider-and-sb1-defiant-with-sikorskys-top-program-officials

Un punto qualificante è nel rotore rigido che, oltre ad essere più compatto verticalmente degli omologhi russi, contribuisce a semplificare la manutenzione nonostante la complessità delle formula.

Quote

Tim Malia: "I think the first point to clarify is that our X2-based FARA is not more complex than a BLACK HAWK. In fact, despite having two main rotors, there are one-half the total parts in the S-97 RAIDER rotor head than on a BLACK HAWK. This reduction in complexity and part count saves money from a sustainment perspective with less parts to maintain and spare. To that end, the rigid rotor system no longer has flapping and lead/lag modes which eliminates the dampers that are a routine maintenance element on a BLACK HAWK.

 

Sempre in merito al confronto con l’UH-60 un po’ ardito questo passaggio di un articolo più recente…

Quote

The goal is for the Defiant to eventually demonstrate a cruising speed of 250 knots, substantially faster than traditional helicopters in the same general weight class, such as the Army's existing UH-60 Black Hawks.

https://www.thedrive.com/the-war-zone/28756/sikorsky-and-boeing-ground-defiant-compound-helicopter-over-propulsion-system-issues

Ora, siccome il Defiant viaggia sulle 32000 libbre e l'UH-60 è sulle 23-24000, questa classe di peso dev'essere intesa in modo molto generale per comprenderli entrambi...In realtà, come spesso accade, un velivolo tende ad essere sostituito da quaclosa di più capace, ma di più pesante.

Edited by Flaggy

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...