Jump to content

Qualità dei kit Tamiya !


Davide1982
 Share

Recommended Posts

Sono al mio terzo modello, dopo Airfix e Eduard ho preso un kit della Tamiya.

Favoloso e rispetto a gli altri che ho fatto si monta da solo, una qualità e precisione degli stampi impressionante !

Voi che ne dite ???

Forse dovevo iniziare a fare modellismo appunto con un kit Tamiya, invece ho fatto un kit Eduard come secondo modello :scratch: limando e stuccando il povero Fw-190 che alla fine ho finito, ma quante parolacce e madonne :asd:

Poi ho notato che lo stampo in questione Tamiya è del 1993, quindi cara Eduard invece di complicare la vita con incastri impossibili e dettagli su dettagli quasi inutili, guarda come sono fatti gli stampi TAMIYA

Edited by Davide1982
Link to comment
Share on other sites

dipende da cosa si ricerca in un kit. i Tamiya hanno un ottima ingegnerizzazione e sono ottimi per iniziare ma, se si ricerca un alto dettaglio, alle volte non sono i migliori su piazza.

ad esempio, nei miei campi di interesse, navale e terrestre, i Tamiya non sono assolutamente performanti, in quanto abbisognano di una mole notevole di after-market per giungere al livello di dettaglio di altre case più "complicate".

 

però, appunto, sono scelte personali.

Link to comment
Share on other sites

Sicuramente nel super-dettaglio, parlando di aerei, non sono il top ... ma a livello tecnologico ho notato che sono perfetti.

Poi se uno vuole certi dettagli li acquista a parte :whistling: ....

Sono rimasto stupefatto nel fare un kit Tamiya in 10gg e 30gg in quello Eduard per esempio, ma come hai detto te sono due cose diverse.

Però in certi incastri complicati e inutili, inviterei tutti ad usare la filosofia Tamiya.

Forse i macchinari che hanno loro per fare gli stampi sono di livello super

Link to comment
Share on other sites

Sostanzialmente mi sento in accordo con Davide, con qualche aggiunta. Che i kits Tamiya siano spettacolosi da montare non vi sono dubbi, ma non dimentichiamo quanto costano! Le scatole datate sono reperibili a qualche decina di Euro, ma le ultime (il Corsair per esempio) costano molto di più. Inoltre alle scatole vecchie è opportuno aggiungere almeno le fotoincisioni dell'interno cockpit e le maschere per i trasparenti, il che fa ulteriormente lievitare l'onere economico. Personalmente, oltre a Tamiya, ho lavorato solo su Italeri, Hobby Boss e Eduard. Eduard mi ha attratto per la quantità di particolari interni, ma quando si è trattato di unire i sottoassiemi sono stati dolori. Hobby e Italeri li ho trovati del tutto soddisfacenti, e con un costo del 25-30% inferiore rispetto alle scatole giapponesi. Certo un po' di lavoro e di stucco in più, ma non si può avere tutto dalla vita. Comunque il giudizio definitivo sulle scatole italiane lo avrò al ritorno dalle ferie, quando lavorerò sul CR42; sarà il mio primo biplano, ma è un pezzo fondamentale per la mia collezione (anche se non augurabile per quei poveri diavoli che lo hanno dovuto pilotare sui cieli inglesi).

Link to comment
Share on other sites

Ho appena finito uno Spitfire in 20gg , mentre sto iniziando un kit Eduard, sempre in 1:48, del BF-110D.

Appena aperta la scatola e sono rimasto sconvolto dalla quantità di pezzi al suo interno :scratch: 300-400 ????

IL kit sembra fatto benissimo, ma solo dio sa quanto tempo ci vorrà...

 

Certo che non è un piccolo caccia monomotore, poi in più è EDUARD :osama:

Spero solo che si monti bene , non come il Fw-190 che ha visto lime, seghe, stucchi e parolacce :asd:

Non ho mai provato Italeri ma il prossimo sarà sicuramente un caccia italiano della casa Bolognese

Edited by Davide1982
Link to comment
Share on other sites

  • 2 weeks later...

I kit Tamiya sono ottimi ma forse non sono adatti ai modellisti con poca esperienza perchè certi dettagli rischiano di essere rovinati : ad esempio ,nelle produzioni più recenti ( vedi F-16 C in 1/72 ) le linee di pannellatura sono estremamente fini e rischiano di essere " coperte " con una verniciatura troppo spessa, da chi ancora non ha molta dimestichezza in questa operazione.

Consiglierei di conslidare l'esperienza con modelli più facili da rifinire. Se tenti la scala 1 / 72, prova lo F/A -18 di Accademy.

In 1 / 48, si può provare qualcosa di Hasegawa , come lo F-104 o il più reperibile Italeri Macchi C-200 .

Link to comment
Share on other sites

Parlando di scala 48 invece credo proprio che i KIT Tamiya siano perfetti per iniziare !

I nuovi stampi AIRFIX e TAMIYA hanno incastri perfetti e kit facilissimi da montare. Un modellista alle prime armi non sa nemmeno cosa siano le 'pennellature'....

Link to comment
Share on other sites

Non fate come me che come secondo kit ho preso un Fw-190 della Eduard in 1:48 . :wip41:

Per iniziare Airfix e Tamiya hanno incastri perfetti a mio parere.

Ho fatto uno Spitfire Mk.I della Tamiya dopo averne fatto uno della Eduard, si è montato da solo :asd:

Ora per fare il cockpit di un Bf-110D della ditta ceca Eduard ci ho messo una vita.... ma il kit è validissimo


pAnnellatture :P

Sportellature :asd:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...