Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
colombo37

Polykarpov I16 - Finito

Messaggi consigliati

Ho finito il modello in oggetto, e, come promesso, vi faccio vedere le foto. Al solito non è nulla di speciale, purtroppo non posseggo la mano di certi maestri, comunque mi sembra una occasione per alimentare questa sezione del forum che sta un pochino languendo.

Per la finitura ho cercato di dare un aspetto vissuto e impolverato, il risultato lo lascio giudicare agli amici; per inciso il soggetto non è certo dei più belli, anzi, l'aereo è piuttosto bruttino per sua natura, ma tra gli aerei sovietici del periodo è il più rappresentativo.

I colori potrebbero non essere perfettamente rispondenti all'originale, la documentazione è presa dal fascicolo della Eduard che di aerei sovietici dovrebbe intendersene. Ecco le foto

p1010897f.jpg

p1010898l.jpg

p1010900h.JPG

p1010899d.jpg

Critiche e suggerimenti molto graditi, come al solito. Saluti a tutti, e, mi raccomando, fatevi vivi con le vostre realizzazioni!

A presto

C. Colombo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti, molto bello.

Mi sapresti dare dei suggerimenti, sui materiali principali che occorrono per iniziare a praticare il modellismo statico? A d'esempio per la livrea ti sei avvalso di un aerografo o sono lavori che puoi effettuare anche a pennello? Grazie.

Modificato da tomcatMaic98

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che coraggio i piloti russi... non conosco le caratteristiche di volo, probabilmente molto maneggevole ma contro un fw-190 o un bf-109

non so come poteva finere.

 

Bello il modello, una cosa che potresti fare è lo sporcare un po le decals. E' un errore che faccio anche io, invecchio l'aereo e poi lascio le

decals belle brillanti. Non so bene quale tecnica potresti usare... forse una passata ad aerografo con un grigio diluitissimo o passare del gessetto

ridotto in polvere con un pennello.

 

Io costruisco aerei moderni quindi questa cosa per me è impossibile da farsi ma tu se rifai un soggetto simile puoi tentare. La prossima volta

invece di usare le decals prova a costruirti gli stelcil. Quindi stelle e numeri li aerografi. Addirittura credo che esistano già fatti dalla Eduard.

Secondo me modellisticamente parlando da molta soddisfazione...

 

Ciao Navigator...

Modificato da navigator

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che coraggio i piloti russi... non conosco le caratteristiche di volo, probabilmente molto maneggevole ma contro un fw-190 o un bf-109

non so come poteva finere.

 

 

ciao, contro il 190 non ha mai combattuto, già dalla fine del 41 non era più in prima linea... ;) ad ogni modo se la vedeva brutta pure contro i nostri MC200 e a maggior ragione coi BF-109E!

 

comunque modellisticamente parlando, mi pare proprio un ottimo lavoro!

 

ciao!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti, molto bello.

Mi sapresti dare dei suggerimenti, sui materiali principali che occorrono per iniziare a praticare il modellismo statico? A d'esempio per la livrea ti sei avvalso di un aerografo o sono lavori che puoi effettuare anche a pennello? Grazie.

Io ho iniziato il modellismo circa un anno fa, partendo praticamente da zero. Per la costruzione non occorre poi molto, qualche limetta, una buona forbicina, una o due pinzette e carta abrasiva di diverse gradazioni, oltre a colla per plastica e cianoacrilica gel. Il perfezionamento viene col tempo e con un poco di esperienza. Per la finitura è un altro discorso, a mio parere l'unica scala per cui è possibile (per i comuni mortali, gli artisti sono un'altra categoria) utilizzare il pennello è la 1/72. Già per la 1/48, quella che uso io, la finitura a pennello è assai problematica. Io sono dotato di aeropenna e compressore non di prima qualità, ma tutto sommato funzionanti (a meno di non richiedere linee troppo sottili). Il tutto mi è costato 120 Euro, che non è una cifra trascurabile, ma indispensabile per ottenere una finitura decente

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Che coraggio i piloti russi... non conosco le caratteristiche di volo, probabilmente molto maneggevole ma contro un fw-190 o un bf-109

non so come poteva finere.

 

Bello il modello, una cosa che potresti fare è lo sporcare un po le decals. E' un errore che faccio anche io, invecchio l'aereo e poi lascio le

decals belle brillanti. Non so bene quale tecnica potresti usare... forse una passata ad aerografo con un grigio diluitissimo o passare del gessetto

ridotto in polvere con un pennello.

L'aereo che ho riprodotto era pilotato dal tenente Vasiliev, del reggimento Guardie della flotta del Baltico, nella primavera del 1942. Il pilota era creditato all'epoca di 24 vittorie, poi nel Giugno '43 fu abbattuto da un Fw190. Dalla letteratura si apprende che l'I16 era in effetti molto difficile da pilotare (si tenga conto che il progetto risale al 1931 e che l'aereo era già largamente utilizzato all'epoca della guerra di Spagna) tanto che si diceva che un pilota in grado di controllare bene l'I16 sarebbe stato in grado di domare qualsiasi altro aereo.

Naturalmente era inferiore sia al 109E che al Mc200, molto più moderni, ma pare che fino al 1942 i Russi non possedessero molto di meglio; comunque era in grado di cavarsela se in buone mani.

Grazie del consiglio per le decals, ne terrò conto per la prossima realizzazione, probabilmente un ki43 Oscar giapponese.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io ho iniziato il modellismo circa un anno fa, partendo praticamente da zero. Per la costruzione non occorre poi molto, qualche limetta, una buona forbicina, una o due pinzette e carta abrasiva di diverse gradazioni, oltre a colla per plastica e cianoacrilica gel. Il perfezionamento viene col tempo e con un poco di esperienza. Per la finitura è un altro discorso, a mio parere l'unica scala per cui è possibile (per i comuni mortali, gli artisti sono un'altra categoria) utilizzare il pennello è la 1/72. Già per la 1/48, quella che uso io, la finitura a pennello è assai problematica. Io sono dotato di aeropenna e compressore non di prima qualità, ma tutto sommato funzionanti (a meno di non richiedere linee troppo sottili). Il tutto mi è costato 120 Euro, che non è una cifra trascurabile, ma indispensabile per ottenere una finitura decente

Grazie mille per la risposta.

Scusa le tante domande che ti faccio, ma mi sapresti consigliare, sempre per un principiante da che kit è meglio partire per farsi un po' l'esperienza? A d'esempio combo37 quali tipi di kit ai iniziato a lavorarci le prime volte? È soprattutto da che tipo di scala mi consigli di iniziare?

Modificato da tomcatMaic98

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Grazie mille per la risposta.

Scusa le tante domande che ti faccio, ma mi sapresti consigliare, sempre per un principiante da che kit è meglio partire per farsi un po' l'esperienza? A d'esempio combo37 quali tipi di kit ai iniziato a lavorarci le prime volte? È soprattutto da che tipo di scala mi consigli di iniziare?

Belle domande, ma risposte inevitabilmente di carattere personale. La scelta della scala dipende essenzialmente dagli spazi a disposizione per esporli e, soprattutto, da che tipo di modelli si intende realizzare. Ad esempio, se ti piacciono gli aerei moderni oppure pensi a plurimotori ad elica, la scala più adatta è, a mio parere, la 1/72 in quanto per questi tipi in 1/48 uscirebbero oggetti con dimensioni attorno ai 50 cm (inoltre il costo delle scatole 1/72 è in genere non elevato).

Io ho scelto di riprodurre aerei da caccia della seconda guerra mondiale, che in scala 1/48 hanno aperture alari di circa 25 cm e con sufficienti dettagli (però al quinto modello realizzato sono già in carenza di spazio). La scala 1/32 darebbe molte soddisfazioni per la finezza dei particolari, però i modelli sono grandi e in genere la difficoltà di finitura è elevata.

Quello che mi sembra importante è di decidere un tema e attenersi a quello.

In totale, io ti consiglierei di partire con un modello di linea pulita, se moderno un jet anni 60-70, se ad elica un caccia monoplano tipo Spitfire, e in scala 1/72, tanto per vedere come te la cavi con una finitura a pennello. Se ne sarai soddisfatto potrai pensare di continuare con maggiori elementi di giudizio. Auguri di buon lavoro, e poi facci vedere i risultati, vedrai che diversi amici saranno prodighi di consigli.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Belle domande, ma risposte inevitabilmente di carattere personale. La scelta della scala dipende essenzialmente dagli spazi a disposizione per esporli e, soprattutto, da che tipo di modelli si intende realizzare. Ad esempio, se ti piacciono gli aerei moderni oppure pensi a plurimotori ad elica, la scala più adatta è, a mio parere, la 1/72 in quanto per questi tipi in 1/48 uscirebbero oggetti con dimensioni attorno ai 50 cm (inoltre il costo delle scatole 1/72 è in genere non elevato).

Io ho scelto di riprodurre aerei da caccia della seconda guerra mondiale, che in scala 1/48 hanno aperture alari di circa 25 cm e con sufficienti dettagli (però al quinto modello realizzato sono già in carenza di spazio). La scala 1/32 darebbe molte soddisfazioni per la finezza dei particolari, però i modelli sono grandi e in genere la difficoltà di finitura è elevata.

Quello che mi sembra importante è di decidere un tema e attenersi a quello.

In totale, io ti consiglierei di partire con un modello di linea pulita, se moderno un jet anni 60-70, se ad elica un caccia monoplano tipo Spitfire, e in scala 1/72, tanto per vedere come te la cavi con una finitura a pennello. Se ne sarai soddisfatto potrai pensare di continuare con maggiori elementi di giudizio. Auguri di buon lavoro, e poi facci vedere i risultati, vedrai che diversi amici saranno prodighi di consigli.

 

Grazie mille per i consigli!! :adorazione:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto bello, complimenti!

Mi fa venire voglia di fare anch'io un aereo russo, ma non so cosa c'è in '32; vedrò a settembre, intanto devo portare a termine i progetti in corso.

Alberto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Molto bello, complimenti!

Mi fa venire voglia di fare anch'io un aereo russo, ma non so cosa c'è in '32; vedrò a settembre, intanto devo portare a termine i progetti in corso.

Alberto

Grazie Alberto, i tuoi complimenti mi incoraggiano a proseguire. Per il momento, mentre programmo l'esemplare giapponese, mi prendo pure io le vacanze (in montagna), e del modellismo ne riparliamo a settembre. Buona estate!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×