Jump to content

UK: Inizia la costruzione della portaerei Prince of Wales


matteo16
 Share

Recommended Posts

27 mag, 2011

 

La costruzione della HMS Prince of Wales, la seconda portaerei classe Queen Elizabeth (QE) della Royal Navy, è iniziata presso il cantiere di Govan di proprietà di BAE Systems sul fiume Clyde.

 

Dipendenti e ospiti si sono riuniti presso il cantiere inglese con il Segretario di Stato alla Difesa Liam Fox, il quale ha premuto il pulsante della torcia al plasma che ha tagliato la prima lastra d’acciaio della nave.

 

Secondo i piani di ridimensionamento delineati dall’ultima Strategic Defence and Security Review la HMS Price of Wales, terminata la costruzione, verrà messa subito in stato di “extended readiness”, ovvero sostanzialmente non operativa ma pronta ad entrare in azione a seconda delle necessità. La decisione se tenerla o venderla verrà presa nel 2015.

 

Le nuove unità, HMS Queen Elizabeth e HMS Prince of Wales, avranno un dislocamento di 65.000 tonnellate e potranno operare fino a 40 velivoli ad ala fissa e rotante (F-35C Lightning II, piattaforme Airborne Early Warning, Chinook e Apache). I costi complessivi di acquisizione sono saliti da 5.7 miliardi di euro a circa 8 miliardi di euro (£7bn).

 

BAE Systems è membro della Aircraft Carrier Alliance, consorzio industriale incaricato della produzione delle due QE, che comprende Babcock, Thales e il Ministero della Difesa britannico.

 

I lavori sulla HMS Queen Elizabeth sono a buon punto con la costruzione dei componenti principali in corso presso sei cantieri in tutto il Regno Unito, tra cui quelli BAE Systems di Glasgow e Portsmouth, così come nei cantieri degli altri membri della ACA, Appledore, Merseyside, Newcastle e Rosyth, dove avrà luogo l’assemblaggio finale. A Govan si lavora sulla sezione mediana e su quella superiore di poppa, mentre a Portsmouth su quella anteriore e inferiore di poppa. I lavori sulle due isole, che ospitano le strutture di comando e controllo del traffico, cominceranno verso fine anno.

 

La HMS Queen Elizabeth entrerà in servizio nel 2020, in coincidenza con l’arrivo dei primi F-35C JCA.

 

Link

Link to comment
Share on other sites

Spero per due motivi che non la vendano: primo mi duole il cuore vedere la gloriosa Royal Navy in questo stato, secondo non vorrei che un gioiello di tecnologia navale finisse nelle mani dell'acquirente sbagliato.

Link to comment
Share on other sites

ma voi credete veramente che una simile tecnologia venga venduta alò primo che passa col la valigia piena di soldi ? se verrà venduta(cosa di cui dubito) sarà a paesi alleati come la Francia ,magari in comproprietà

 

tanto per essere chiari, un miliardario cinese ha già fatto richiesta per comprare, come rottami , le CV inglesi , gli è stato risposto : ''a cà nissuno è fess" :rotfl:

 

 

ps gli inglesi si sono rivelati più furbi ,o meno avidi , degli australiani che han fatto finta di credere alla bufala del casinò galleggiante

Link to comment
Share on other sites

@ cama81

ps gli inglesi si sono rivelati più furbi ,o meno avidi , degli australiani che han fatto finta di credere alla bufala del casinò galleggiante

Veramente quelli che hanno creduto, o hanno fatto finta di credere, alla bufala del casinò galleggiante sono stati gli Ucraini .... non gli Australiani ....

 

 

Melbourne was paid off from RAN service in 1982. A proposal to convert her for use as a floating casino failed, and a 1984 sale was cancelled, before she was sold in 1985 and towed to China for breaking. The scrapping was delayed so Melbourne could be studied by the People's Liberation Army Navy (PLAN) as part of a secret project to develop a Chinese aircraft carrier and used to train PLAN aviators in carrier flight operations.

Fonte: Wikipedia.org

 

 

Carrier design and pilot training received a major boost in 1985 when a Chinese ship breaker purchased the fifteen-thousand-ton Majestic-class aircraft carrier HMAS Melbourne from Australia. At that time the Australian government did not oppose the sale, because China was seen as an important strategic counterweight to perceived Soviet expansionism in Asia. The purchase helped the PLAN’s R&D program in two ways. First, as the carrier was being dismantled for scrap, Chinese naval architects and engineers were able to see at first hand how it had been designed and built; using this information naval architects were able to prepare drawings for a light carrier. Second, the flight deck of the Melbourne was kept intact and used for pilot training in carrier takeoffs and landings (though a static flight deck would, of course, have been of limited utility, since it could not replicate the pitch and roll of an aircraft carrier at sea). China’s carrier R&D program remained top secret.

Fonte: Globalsecurity.org

 

 

China bought the unfinished Soviet aircraft carrier Varyag in 2001 from Ukraine, supposedly to turn it into a floating casino. Pictures taken while in port suggest this plan has been abandoned and show that work is being carried out to maintain its military function. There is no conclusive evidence as to what role it would play in the Chinese Navy.

Fonte: Wikipedia.org

 

Inoltre ....

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Soviet_aircraft_carrier_Varyag

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...