Jump to content
Sign in to follow this  
MC72

Concorso 1934: un Bombardiere per la Regia

Recommended Posts

@vonparrish

 

molto interessante questo resoconto... da dove l'hai preso?

 

Un po' dappertutto

 

Aerei 10/1987

Aerofan 1/82

Dimensione Cielo Bombardieri di Ed. Bizzarri-Roma

Profile Publications Ltd,

Illustrated Encyclopedia of Aircraft

Storia dell’Aviazione Ed. Fabbri

Share this post


Link to post
Share on other sites

zaofqag0ak.jpg

 

qk9lptulg6.jpg

 

Caproni Ca.135

Il primo aéreo pronto per il concorso per un bombardiere medio, volò già nel 1 di Aprile del 1935, progetto dall'ing. Cesare Pallavicino; Il C.135 era dotato di due motori Isotta-Fraschini Asso XI RC de 835hp. Il modello ha attirato l'interesse del governo peruviano, che acquisitò sei bombardieri che utilizzò nella Guerra peruana-ecuadoriana del 1941-42, dove partecipò in diverse missioni di bombardamento, fù provato anche da parte delle autorità giapponesi, ma il principale operatore straniero (del modello) è stata l'Ungheria, che arrivò ad avere un centinaio di aerei dotati di motori Manfred Weiss WM-K-14 (licenza Gnome-Rhone-14K Mistral Major) A sua volta, la Regia Aeronautica, ha appena comperato 32 apparecchi Caproni, equipaggiando 7 di loro con Fiat A.80 RC41 per operare con il Corpo Legionario nella guerra civile spagnola, ma il loro trasferimento fu fino dal principio compromesso da molteplici problemi, finalmente nel fatídico volo verso le isole Baleari dei sette partiti da Alghero solo arrivarono due, altri due ritornarono alla base per noie meccaniche e gli altri tre precipitarono nel Mediterraneo insieme a 15 uomini; Questa tragedia anche se non imputabile al Ca.135, finisce per pesare fortemente nella sua carriera dentro la regia Aeronautica.

 

aw4i0ypa8l.jpg

La squadriglia sfortunata dei Ca.135S per il Corpo Legionario in Spagna

 

s12kghv8ay.jpg

 

Le caratteristiche generali del Ca.135, sono:

 

Motori: 2 Asso XI spinto di 900 Hp

Lunghezza: 14,50 m

Altezza: 3,50 m aprox.

Apertura alare: 18,96 m

Superficie alare: 61,50 m2

Peso a vuoto: 5606 Kg

Peso totale: 8841 kg

Carico ùtile: 2875 kg

Velocità max: 400 km/h (a 4000 m)

Salita a 4000 m: 12’06” min.

Salita a 5000 m: 16’51” min.

Tangenza pratica: 7250 m

Autonomia: 1200 Km

Armamento: 1600 kg Bombe ;Mitragliatrici 3x Breda-SAFAT da 12,7 mm

 

Saludos

MC72

 

kxidd6e4pt.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Fiat Br.20 Cicogna

Finalmente Vincitore del Concorso per un Bombardiere Medio Il Fiat B.R.20 "Cicogna" bimotore ad ala bassa prodotto dalla metà degli anni 30 fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale.

Quando entrò in servizio in Italia nel 1936 era l'unico bombardiere costruito interamente in metallo in Italia ed uno dei più moderni velivoli al mondo della sua categoria.Ebbe il suo battesimo del fuoco nel 1937, con le insegne dell' Aviazione Legionaria nella Guerra Civile Spagnola , durante la quale costituì la spina dorsale delle operazioni di bombardamento dei Nazionalisti insieme al tedesco Heinkel, He.111.

 

Br20_15f.jpg

Venne in seguito impiegato con successo dall'aviazione dell'esercito Giapponese , durante la Seconda Guerra Sino-giapponese. Quando l'Italia entrò in guerra, nel giugno 1940 , i B.R.20 erano i bombardieri medi tipo della Regia Aeronautica, ma il loro progetto iniziava già a mostrare il peso degli anni. Dal 1942, vennero impiegati soprattutto per perlustrazioni marittime e per l'addestramento degli equipaggi dei bombardieri. Ne vennero prodotti più di 500 entro la fine della guerra.

ñljkk

BR-20M_7.jpg

 

 

Oltre alla stiva bombe, altra soluzione che lo differenziava dalla produzione di velivoli medio/pesanti italiani degli anni trenta, in gran parte trimotori, era l'adozione della formula bimotore. Questa sistemazione, la più diffusa all'estero per i velivoli di questa classe, consentiva una più agevole sistemazione del puntatore e dei sistemi di puntamento.

e4sznxc5a7.jpg

ñlkç

8cpgyrjeoi.jpg

 

Le caratteristiche generali del Fiat Br.20, sono:

 

Motori: 2 radiali Fiat A.80 RC.41

Lunghezza: 16,10 m

Altezza: 4,30 m aprox.

Apertura alare: 21,56 m

Superficie alare: 74,0 m2

Peso a vuoto: 6400 Kg

Peso totale: 9900 kg

Carico ùtile: ........ kg

Velocità max: 432 km/h (a 5000 m)

Tangenza pratica: 9000 m

Autonomia: 3000 Km

Armamento: 1600 kg Bombe

1 Breda-SAFAT 12,7 mm (torretta dorsale M-I)

1 Breda-SAFAT 7,7 mm (postazione ventrale)

1 Breda-SAFAT 7,7 mm (postazione anteriore)

 

Saludos

MC72

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Riapro questa discussione stimolato dall'interessantissimo lavoro di MC72 sul BGA, di cui questa costituisce di fatto una premessa.

Il BR 20 era del concorso '34 il più avanzato come struttura e il più "sano" come disposizione degli impianti. Fu penalizzato dai motori inaffidabili e dalle torrette difettose.

Bastererebbe questo a farci capire come aleatori erano i progetti di grandi quadrimotori con motori da 1500 cav. quando non riuscimmo a produrre un 1000 affidabile.

Sarei interessato a riaprire la discussione sulle versioni del BR con torrette diverse e , per chi ne sà di più sui possibili sviluppi mancati. Infine il nostro supermacchi ha postato un bello schema della torretta anteriore del br20. Ma i piedi che si intravedono di chi sono? del pilota?

Share this post


Link to post
Share on other sites

I piedi che si vedono qui sono quelli dell' osservatore e bombardiere

ecco il dettaglio tècnico più completo del Fiat Br.20

Saludos

MC72

uj3lgxdc33.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiungo questo bell spaccato sul soggetto del bombardiere Fiat Br.20M

 

Saludos

MC72

 

rhvx4y55qs.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

@vonparrish

 

molto interessante questo resoconto... da dove l'hai preso?

 

Ciao scusa se ti risondo solo adesso!

Le informazioni le ho tratte dal libro "Cento Aeroplani e Un Grande Cuore" di Evangelisti. Il libro è bellissimo e merita davvero tanto!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sperando di non andare off-topic, ho letto, spulciando quà e là, a proposito del Caproni Ca.169, ovvero del Ca.135 versione bis con motori Alfa-Romeo 135 RC.32 da 1.400 cv al decollo; un aereo di sicuro sfortunato o di cui si parla poco. quello che vorrei soprattutto sapere è:

 

- qualcuno saprebbe dirmi quali siano state, nel loro complesso, le prestazioni del velivolo (velocità, autonomia, tangenza, armamento, ecc.)

 

- avreste delle immagini del velivolo (Ca.135bis/Alfa-169)?

 

- più in generale rigurado alla macchina (ca.135 "base"): è stata di per se una macchina scadente, frutto di un progetto di per sè scarso, oppure è stato un velivolo sfortunato per la scelta dei propulsori e che, con appurati cambi, come appunto il Ca.135bis/Alfa ha dimostrato, se fosse uscito prima avrebbe potuto dare una migliore dimostrazione di se? (troppo "se" :asd: )

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sperando di non andare off-topic, ho letto, spulciando quà e là, a proposito del Caproni Ca.169, ovvero del Ca.135 versione bis con motori Alfa-Romeo 135 RC.32 da 1.400 cv al decollo; un aereo di sicuro sfortunato o di cui si parla poco. quello che vorrei soprattutto sapere è:

 

- qualcuno saprebbe dirmi quali siano state, nel loro complesso, le prestazioni del velivolo (velocità, autonomia, tangenza, armamento, ecc.)

 

- avreste delle immagini del velivolo (Ca.135bis/Alfa-169)?

 

- più in generale rigurado alla macchina (ca.135 "base"): è stata di per se una macchina scadente, frutto di un progetto di per sè scarso, oppure è stato un velivolo sfortunato per la scelta dei propulsori e che, con appurati cambi, come appunto il Ca.135bis/Alfa ha dimostrato, se fosse uscito prima avrebbe potuto dare una migliore dimostrazione di se? (troppo "se" :asd: )

 

Tratto da Dimensione Cielo Vol 4 Bombardieri di Edizione Bizzarri - Roma /1972

"Molto brillante risulta l'unico esemplare (MM20922) ricondizionato con due motori Piaggio P.XII RC.35 da 1500 cv (fine 1942) poi sostituiti dagli Alfa Romeo 135 RC.42 da 1400 cv, al decollo (primavera 1943). Il velívolo chiamato Caproni Ca.169 presenta derive verticali di nuovo disegno, e maggiore superficie ricollocate quasi al esterno dei piani orizzontali di coda che ora sono con diedro positivo rispetto alla fusoliera. In questa configurazione l'aereo raggiunge il vértice del suo sviluppo e la velocità màssima è nell'ordine dei 485 Km/h."

 

Sembra indicare che la cellula si comportasse egregiamente se dotata con la sufficiente potenza motrice come descritto per il Ca.169.

Saludos

MC72

e6xaf14lhh.jpg

Edited by MC72

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concerning the Breda Ba.82.

Is there any information concerning the fuselage construction?

If you see the type (between the 65 and 88) than I think thats its possible that it was steel tube covered with metal?

Who give me more inforrmation/materials?
Thanks

Jan

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×