Jump to content

Dove è finito il nostro voto?


Guest galland
 Share

Recommended Posts

Guest galland

Iran: Scontri Polizia-Manifestanti Vicino Al Parlamento, Feriti

 

Teheran, 24 giu. - (Adnkronos/Aki) - Sono in corso in piazza Baharestan a Teheran, nei pressi della sede del Parlamento iraniano, scontri tra i manifestanti riformisti e la polizia. Lo riferisce l'emittente satellitare al-Arabiya, secondo la quale ci sarebbero alcuni feriti. La tv precisa che si tratta di una notizia ancora non confermata ufficialmente, mentre il sito del quotidiano britannico 'Guardian', che cita anche esso fonti non confermate, parla di una ragazza colpita da un colpo d'arma da fuoco.

 

 

 

Non è stato aperto un topic sull'argomento e voglio riparare non solo offrendo l'ultima notizia sulle manifestazioni a Teheran ma anche e soprattutto invitando membri del forum e ospiti ad esprimere solidarietà a quanti oggi manifestano in nome della libertà e della democrazia, sovente a rischio della loro incolumità-

 

Fornisco una serie di link di social network e i siti che appoggiano i manifestanti:

 

 

 

http://twitter.com/mousavi1388

 

http://twitter.com/PersianKiwi

 

http://iran.twazzup.com/

 

facebook i love iran

 

Teheran24 blog fotografico sulle manifestazioni

 

il blog di A. Sullivan, notizie e testimonianze

Link to comment
Share on other sites

Raccolgo, prontamente, l'invito del nostro grande galland e manifesto tutta la mia piena ed incondizionata solidarietà, a chi si oppone eroicamente, mettendo a rischio la propria vita, ad un regime liberticida e criminale, che costituisce un pericolo esiziale tanto per il popolo iraniano, quanto per l'intera comunità internazionale!

Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Questo, intanto, riporta l'ansa. E che qualcuno NON mi venga a dire che è falso, perché mi arrabbio sul serio.

 

 

Una violenta repressione è in corso a Teheran. Lo scrive la Cnn nel suo sito internet. Sul sito della televisione americana si riporta che "forze di sicurezza colpiscono con bastoni e con armi da fuoco i dimostranti che hanno provato a radunarsi in una piazza di Teheran per continuare le proteste". La Cnn cita un testimone secondo il quale le forze di sicurezza picchiano la gente "come animali". Secondo la tv americana almeno altre due fonti parlando di "selvaggia violenza" da parte delle forze dell'ordine contro i dimostranti. Non viene specificato in quale zona della città avvengano gli scontri, che secondo alcuni blogger iraniani sono in Bahrestan Square davanti al parlamento. "Ci stavano aspettando - ha detto il testimone citato dalla Cnn - Avevano armi e le tenute antisommossa. E' stato come cadere in una trappola per topi. Ho visto molta gente con braccia, gambe e teste rotte. Sangue dappertutto e gas lacrimogeni come in guerra". Secondo la fonte "500 vandali" armati di bastoni sono saltati fuori da una moschea ed hanno attaccato la gente nella piazza.

 

http://ansa.it/opencms/export/site/visuali..._988724039.html

Link to comment
Share on other sites

i morti sono causati dai manifestanti.Anche in Italia se assalti il parlamento vieni caricato

 

Questo, intanto, riporta l'ansa. E che qualcuno NON mi venga a dire che è falso, perché mi arrabbio sul serio.

puo essere falso e in America se assalti la casa bianca gli agenti giustamente sparano con armi automatiche

 

Non è stato aperto un topic sull'argomento e voglio riparare non solo offrendo l'ultima notizia sulle manifestazioni a Teheran ma anche e soprattutto invitando membri del forum e ospiti ad esprimere solidarietà a quanti oggi manifestano in nome della libertà e della democrazia, sovente a rischio della loro incolumità-

il capo dell'opposizione era presidente nel 1989.Non manifestano per la democrazia

Edited by BVR
Link to comment
Share on other sites

Il topic è stato aperto al fine di onorare coloro che si stanno battendo per la libertà e per la democrazia del loro paese: i troll ed affini vari, sono invitati ad astenersi dall'intervenire (sull'Iran c'è un topic ufficiale: possono andare a diffondere le loro ca...te lì)!!!

Link to comment
Share on other sites

Il topic è stato aperto al fine di onorare coloro che si stanno battendo per la libertà e per la democrazia del loro paese: i troll ed affini vari, sono invitati ad astenersi dall'intervenire (sull'Iran c'è un topic ufficiale: possono andare a diffondere le loro ca...te lì)!!!

quali ca...te?Se in Italia chi perde le elezioni assalta il parlamento la polizia non li carica?

Link to comment
Share on other sites

quali ca...te?Se in Italia chi perde le elezioni assalta il parlamento la polizia non li carica?

 

 

In Italia ci sono brogli?

In Italia il governo ammette che ci potrebbero essere milioni di schede precompilate ma il voto è valido ugale perchè il margine è ampio?

 

Ma per favore!

Link to comment
Share on other sites

In Italia ci sono brogli?

In Italia il governo ammette che ci potrebbero essere milioni di schede precompilate ma il voto è valido ugale perchè il margine è ampio?

 

Ma per favore!

nel 2006 l'opposizione diceva che le elezioni non erano valide.Per fortuna non chiesero di assaltare il governo

Link to comment
Share on other sites

nel 2006 l'opposizione diceva che le elezioni non erano valide.Per fortuna non chiesero di assaltare il governo

 

 

Vogliamo mettere a pari le elezioni iraniane con quelle italiane?

Li consideri uguali?

 

In ogni caso presto il forum avrà un nuovo registro e i provocatori come te non verranno tollerati, quindi cambia registro subito o il forum farà presto a meno di te.

Link to comment
Share on other sites

Guest galland

Prendo, anzitutto, atto che dopo gli utenti provenienti dall'ambasciata della Federazione Russa iniziano ad arrivare quelli della Repubblica Islamica dell'Iran, ne prendo atto e chiudo l'argomento trattandosi, per evidenza, di sciocca questione.

 

Passando a questioni che sciocche non sono vorrei prima di presentare notizie link, foto e vignette formulare alcune preposizioni: la rivoluzione iraniana conta trent'anni. Alcune delle sue motivazioni profonde erano il rifiuto di un'occidentalizzazione forzata imposta dal regime dello Scià e la reazione ad un sistema corrotto e monopolista dell'unica grande ricchezza del paese: il petrolio.

 

Moltissimi fra coloro che scendono in strada per manifestare, a rischio della vita, che sfidano i gorilla del regime sono cresciuti e non hanno conosciuto che il regime teocratico dei mullah. Questi giovani chiedono che venga rispettata la loro scelta, in definitiva, si badi, interna al sistema. Una alternativa di una società che pur non rinnegando le sue radici sia aperta al mondo, tollerante, rispettosa delle diversità.

 

A questa richiesta civile, sacrosanta il clero sciita non sa che offrire la risposta della milizia di regime, delle cariche, degli spari sulla folla, in una parola della repressione fisica. Chi credeva da Teheran a Varsavia di governare con siffatti metodi è crollato miseramente. Per questo oggi la battaglia che si combatte per le strade delle città iraniane è anche la mia e di tutti coloro che hanno in valore le parole: tolleranza, libertà, giustizia.

 

 

 

Di nuovo i blogger, ieri, hanno governato il flusso di notizie provenienti da Teheran. Nella zona del Parlamento, in piazza Bahrestan, si è parlato di spari, feriti e numerosi arresti. Attraverso Twitter c'è chi ha riferito di «teppisti», «miliziani», cinquecento uomini armati di mazze, nascosti in una moschea vicino a piazza Firdousi, per cogliere di sorpresa la gente radunata nelle strade. Una donna ha raccontato alla CNN che la polizia ha aperto il fuoco sulla folla, qualcun altro ha usato il termine «massacro». «Picchiano la gente come animali», ripete qualcuno che si cela dietro il nickname Twittapation; «stanno cercando di ucciderci».

 

Si tratta di notizie che non hanno potuto avere conferma, perché il Paese è vietato ormai da giorni ai giornalisti stranieri e per quelli iraniani, vicini all'opposizione, le cose sono diventate più difficili. Venticinque di loro, che lavoravano per Kalemeh Sabz, il giornale di Mousavi messo al bando dopo il voto, sono stati arrestati nei giorni scorsi, ma si è saputo soltanto ieri. La nuova giornata, finita nel caos, era stata introdotta dalle affermazioni della Guida Suprema circa la volontà di non cedere alle pressioni. Parlando al Parlamento, Ali Khamenei aveva sottolineato che «il sistema islamico e il popolo non accetteranno l'uso della forza da parte di qualcuno», né pressioni e proteste per le elezioni presidenziali. «Insisto per l'attuazione della legge e ciò significa che non verrà accettato alcun passo effettuato al di là di essa», aveva proseguito, con un riferimento implicito, ma evidente, alle manifestazioni dell'opposizione. In questa prospettiva, è stata vietata la marcia per commemorare le vittime di questi giorni, indetta per oggi, anche se il messaggio lanciato da Zahra Rahnavard, moglie di Mousavi, è quello della prosecuzione delle proteste, «in difesa dei diritti degli iraniani».

 

Nel frattempo, fuori dalla piazza, l'ex primo ministro ha diffuso sul suo sito un comunicato di tre pagine in cui si elencano le accuse nei confronti dell'esecutivo guidato da Ahmadinejad: uso improprio di fondi pubblici, schede senza numero di serie e nomine manovrate tra gli organizzatori del voto, tra cui quella del capo del Comitato elettorale, Kamran Daneshjoo. Mousavi ha chiesto, inoltre, la creazione di una speciale commissione, «attendibile per tutte le parti in causa», che riesamini «la procedura elettorale». Mohsen Rezai, l'altro candidato uscito sconfitto, pare invece essersi tirato fuori dalla disputa. Con una lettera inviata, ieri, al Consiglio dei Guardiani, ha comunicato infatti di rinunciare ai risultati elettorali, «a causa della attuale situazione politica e sociale», attribuendo a sé e altri «la responsabilità di tenere sotto controllo quanto sta accadendo».

 

Le notizie che giungono da Teheran «sono notizie orribili che noi condanniamo perché screditano le autorità iraniane e rendono l'Iran davvero un problema per la comunità internazionale» ha detto in serata il ministro degli Esteri, Franco Frattini alla vigilia del G8 di Trieste al quale l'Iran non ha aderito.

 

Quotidiano "Il Tempo"

 

 

Link:

 

http://www.internazionale.it/home/

 

Settimanale che pubblica in italiano una selezione di articoli comparsi sulla stampa straniera. Ecco la copertina del numero 800, il prossimo sarà in edicola domani.

 

cover800.jpg

http://www.flickr.com/photos/iran360/

 

Una galleria fotografica giunta via mail dall'Iran con i gorilla di regime in azione.

 

http://multimedia.iltempo.ilsole24ore.com/?tipo=media&media=498

 

Il tragico filmato degli ultimi 37 secondi di vita della ragazza divenuta simbolo della protesta.

 

In ultimo una vignetta, si può anche sorridere delle più grandi tragedie…

iranb.jpg

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...