Jump to content

"Intercettato da Vicino"


Blue Sky
 Share

Recommended Posts

Intercettato da Vicino

 

20q0rbn.jpg

 

Verrà raccontato quel che accadde quando un Su-27 "Flanker B" si avvicinò troppo a un Orion norvegese che stava intercettando:

Gli incontri tra i ricognitori della NATO e gli intercettori sovietici sono sempre stati abbastanza comuni sul Baltico e lungo il fianco settentrionale della NATO. Queste intercettazioni offrono spesso a entrambe le parti un’utile occasione di scattare foto dell’aereo avversario, e qualche volta le procedure per l’intercettazione aerea fissate dall’ICAO vanno a farsi benedire. I piloti sovietici spesso si avvicinano molto per salutare con gesti del braccio, apparentemente felici di poter essere riconosciuti in una foto in primo piano che sarà poi appesa a una parete della sala riunioni di un gruppo aereo della NATO! Questi ‘incontri ravvicinati’ hanno dato spesso alla NATO la possibilità di dare una prima occhiata a un nuovo modello di aereo sovietico. I Lockheed P-3 Orion del 333° Gruppo dell’Aeronautica militare norvegese incontrano spesso aerei sovietici durante le loro crociere sul Mare di Barents, e fu proprio uno di questi aerei a riportare indietro, nel gennaio 1987, una delle prime fotografie (Le prime così ravvicinate) del Sukhoi Su-27 "Flanker", l’ultimo modello di caccia intercettore sovietico. Il 13 settembre di quello stesso anno il gruppo poté dare una seconda occhiata, quanto mai scomoda per la vicinanza, al Flanker. Un Orion pilotato dal tenente Jan Salvesen stava effettuando una normale crociera di pattugliamento dalla sua base di Andoeya, e osservava le manovre navali sovietiche nel Mar di Barents, a nord di Murmansk. L'Orion aveva raggiunto un punto a circa 48 miglia a nord della costa sovietica quando comparve un Sukhoi Su-27 che si affiancò all’ala sinistra e cominciò a stringere continuamente la distanza. Quando vide che il pilota del ‘Flanker’ continuava ad avvicinarsi a meno di 50 m, Salvesen abbassò il carrello del suo lento Orion, nell’intento di avvertire il caccia di stare più alla larga.

 

20fd9x1.jpg2rdklrk.jpg6nqvip.jpg

 

In Sequenza: Il pilota sovietico del Flanker’ si avvicinò molto, come si può notare da questa foto scattata da uno dei componenti dell’equipaggio deli’Orion; il Flanker mantiene la posizione rispetto all'Orion, usando ad apertura massima l'aerofreno dorsale, del tipo di quello dell'F-15 Eagle; le ombre scure in

questa foto sono le pale delle eliche dell’Orion, e dimostrano quanto vicino arrivò il ‘Flanker’ in occasione del suo primo passaggio.

 

Non era una manovra prevista dalla procedura standard e il pilota sovietico può averla interpretata come un gesto ostile da parte del pilota norvegese. Sta di fatto che continuò ad avvicinarsi sempre di più, fino a giungere a pochi metri dall’ala dell’Orion. Alla fine il pilota sovietico si stancò e accelerò, portandosi in avanti, poi scartò bruscamente a destra davanti al muso dell’Orion. Salvesen fece a sua volta una leggera accostata a destra e proseguì nella sua crociera. Qualche attimo dopo il Sukhoi si ripresentò, collocandosi questa volta a fianco dell’ala destra. Il pilota sovietico tornò a stringere la distanza, fino a collocarsi sotto l’ala dell’Orion. Pochi momenti dopo il pilota del ‘Flanker’ tornò ad accelerare, e questa volta la sua deriva di sinistra andò a urtare contro l’elica del motore esterno di destra dell’Orion. “Quello fu il momento più terrificante dalla mia vita!” ammise in seguito Salvesen. Il Sukhoi fece una secca virata a sinistra davanti all’Orion e scomparve, rientrando alla sua base nella penisola di Kola. L’Orion cominciò a vibrare violentemente, squilibrato dall’elica danneggiata. Salvesen spense il motore, eliminando così la fonte di vibrazioni, e fece ritorno in Norvegia, atterrando a Banak. Il ministero degli Esteri norvegese ìnoltrò una protesta formale all’ambasciata sovietica, reclamando una spiegazione. Alla fine l’URSS fornì scuse qualificate, ammettendo che il suo caccia aveva effettuato una manovra irregolare, ma fece anche presente che l’aereo norvegese aveva effettuato a sua volta “una manovra rischiosa, fra cui l’abbassamento del carrello per ridurre velocità”. L’incidente servì a dimostrare la necessità che da entrambe le parti venissero rispettate in pieno le procedure di intercettazione concordate in campo internazionale. (Take Off)

Edited by Blue Sky
Link to comment
Share on other sites

r7vg28.jpg

 

1z4vajq.jpg

 

2m76j5d.jpg

 

Sopra: le procedure standard di intercettazione dell’ICAO. Né li Sukhoi né l’Orion seguirono queste procedure standard, il che portò a una collisione che avrebbe potuto avere conseguenze molto serie.

 

1rpush.jpg

Questa foto mostra i danni all'elica esterna di destra dell’Orion. Le estremità di due pale persero grossi frammenti, che furono scagliati con forza contro la fusoliora, perforandola e distruggendo articoli dell’equipaggiamento, causando una rapida decompressione. I danni all’elica provocarono vibrazioni

talmente forti che il pilota dovette spegnere il motore esterno dl destra e rientrare allo base di Banak su tre motori. Singolare il fatto che i danni al Sukhoi siano stati lievi, poco più dello perdita della sommità della deriva di sinistra.

 

2rellc3.jpg

Questo era l'aereo coinvolto nella collisione con l'Orion di Salvesen il 13 Settembre 1987.

Edited by Blue Sky
Link to comment
Share on other sites

Guest Folgore

:asd: :asd: :asd: Cosa si arriva a fare pur di essere in prima pagina.. :asd:

 

molto vicino.. Interessante questione Blue questa.. :rolleyes:

 

Che fine ha fatto il pilota sovietico? :unsure:

Link to comment
Share on other sites

Nel seguente link si possono visualizzare altre foto ed informazioni molto interessanti!

 

su05.jpg

 

Collision with Flanker

 

Che fine ha fatto il pilota sovietico? :unsure:

 

Tratta dal link appena segnalato evidenzio questa frase:

 

The Su-27 then flew a hard left turn and then disappeared one final time: it returned to the base safely, and has later got a "kill marking" in the form of a P-3-silhouette painted in black on the left side, behind the canopy (it kept this marking also after its bort number was changed from 36 to 38, in the mid-1990s)

Edited by Blue Sky
Link to comment
Share on other sites

Guest Folgore
Nel seguente link si possono visualizzare altre foto ed informazioni molto interessanti!

 

su05.jpg

 

Collision with Flanker

Tratta dal link appena segnalato evidenzio questa frase:

 

The Su-27 then flew a hard left turn and then disappeared one final time: it returned to the base safely, and has later got a "kill marking" in the form of a P-3-silhouette painted in black on the left side, behind the canopy (it kept this marking also after its bort number was changed from 36 to 38, in the mid-1990s)

 

l'ha considerato abbattuto... :ph34r: :ph34r: :ph34r: :ph34r:

Link to comment
Share on other sites

Sarà, però nessun Paese è contento che qualcuno osservi molto da vicino le proprie manovre navali, figuriamoci l'URSS dei "dinosauri" Gromyko e compaagni-è proprio il caso didirlo... Diciamo che ndare a sorvolare le navi è una sorta di "provocazione", e anche serrare le distanze sa molto di "intimidazione". C'è da stupirsi che questi episodi non siano degenerati in scontri veri e propri, con il clima di psicosi che c'era

Link to comment
Share on other sites

Sarà, però nessun Paese è contento che qualcuno osservi molto da vicino le proprie manovre navali, figuriamoci l'URSS dei "dinosauri" Gromyko e compaagni-è proprio il caso didirlo... Diciamo che ndare a sorvolare le navi è una sorta di "provocazione", e anche serrare le distanze sa molto di "intimidazione". C'è da stupirsi che questi episodi non siano degenerati in scontri veri e propri, con il clima di psicosi che c'era

 

Ehm.... Vedi Simone, avvenimenti del genere erano quasi all'ordine del giorno durante la guerra fredda, i russi d'altronde non erano da meno con i loro continui sconfinamenti, quindi diciamo che il Russo ha voluto esagerare, impaziente di provare il nuovo gioiellino fornitogli dalla madre Russia, comunque il suo comportamento ha avuto dei risvolti a dir poco dilettantistici, non ultima l'aver segnalato sulla sua fusoliera la sagoma dell'Orion che segnalava un abbattimento inesistente, anzi in uno scontro più duro, forse l'incontro sarebbe stato ad appannaggio di Salvesen!

Edited by Blue Sky
Link to comment
Share on other sites

Bhè volendo andare al paradossale la sua missione l'ha compiuta,ha costretto a far rientrare il p3 e a fargli interrompere la missione.Certo si spera che abbia dipinto quella sagomina per sdrammatizzare l'evento solo dopo aver saputo che il p3 sia atterrato sano e salvo a casa base.Altrimenti sa di spacconeria bella e buona..Poteva finire molto male per entrambi.

Link to comment
Share on other sites

belle foto ....a tratti impressionanti :blink: ...pero uno scramble e' sempre uno scramble...se fosse stato un efa a intercettare un su 27 o viceversa sarebbe stato piu' figo...probabilimente non molto ne per i guida caccia e ne per il pilota :rotfl:

Link to comment
Share on other sites

belle foto ....a tratti impressionanti :blink: ...pero uno scramble e' sempre uno scramble...se fosse stato un efa a intercettare un su 27 o viceversa sarebbe stato piu' figo...probabilimente non molto ne per i guida caccia e ne per il pilota :rotfl:

 

Scusami Fulmine, mi sapresti spiegare (Perchè mi sfugge del tutto) il senso del tuo intervento??? :blink:

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...