Jump to content

lotus89

Membri
  • Content Count

    18
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1 Normale

About lotus89

  • Rank
    Recluta
  1. Scusate,ma i generali russi erano veramente così mediocri?non per l'altro, ma che io sappia le strategie che usarono dal 43 in avanti non mi pare che si limitassero alle cariche suicide:a kursk vatutin e rokossovsky imbastirono un eccellente difesa attiva, in bielorussia, con l'operazione bragation ,dimostrarono di poter metter a segno degli accerchiamenti con effetti micidiali ecc... D'accordo, comunque le perdite rimasero molto elevate, ma credo che la situazione fosse molto migliorata rispetto ai primi due anni di guerra. In ogni caso non mi sembra che zukov,konev,rokossovsky non capissero di strategia e tattica, casomai non si facevano problemi a sacrificare vite, e ciò è di sicuro barbaro e da condannare,tuttavia dal punto di vista militare mi pare fossero più che abili. questo ovviamente secondo le mie informazioni, se poi mi sbaglio ,nessun problema a riconoscerlo
  2. sinceramente spero che il B-3 non faccia la "fine" del B-2: aereo meraviglioso, ma a causa del costo , comprato in solo una ventina di esamplari.Secondo me ,se la strada fosse ancora una volta questa, gli americani farebbero meglio ad investire le loro risorse ampliando numericamente la flotta di spirit,visto che , comunque pur essendo un aereo non recentessimo, è di gran lunga il bombardiere strategico più avanzato al mondo, e con davanti una lunga vita operativa. Oltretutto,se non sbaglio,più se ne acquistassero di, più il prezzo tenderebbe a scendere.....infine va considerato, che in caso di conflitto con una flotta di venti bombardieri di questo tipo, l'abbattimento di anche "soli" 4-5 aerei, oltre ad una tragedia umana(in caso di morte dei piloti),e un grave danno economico, sarebbe un colpo terribile all'intera linea di spirit, e di sicuro non rimpiazzabile in breve tempo.
  3. Ciao, secondo me c'è un problema di fondo: in Italia, c'è bben poca conoscenza a proposito di queste questioni, molta gente se un telegiornale nomina Rafale o F-16, non ha la minima idea di che cosa si stia parlando, dunque,non notano eventuali errori, imprecisioni o facilonerie,; con questo non intendo insultare nessuno, ognuno ha diritto ad avere le proprie passioni e i propri interessi, faccio solo una constatazione(anche perchè pure io ho grosse lacune nel campo,quindi non mi permetto di sparare sentenze). Tornando in tema comunque, gli americani oltre agli f-15 strike, stanno usando anche gli f-15C?
  4. Ciao a tutti, una cosa non mi è chiara, riguardo all'utilizzo del rafale in Libia: si occupa solo di missioni aria-terra,scortato dai mirage 2000, oppure svolge anche il ruolo di caccia?,( tenendo conto che a quanto ho capito l'abbatimento del Galeb non è stato un vero e proprio combattimento aria -aria ) avrei anche un altra domanda un pò OT rispetto agli ultimi post: fino a qualche anno fà i francesi con il nuovo aereo intendevano sostituire anche i mirage 2000,ma ora mi pare che vogliano acquistare un numero di Rafale inferiore a quanto previsto in origine, quindi hanno ancora la vecchia idea, oppure la loro intenzione è di limitarsi a rimpiazzare i mirage f-1 e tenersi i 2000 in coppia con il nuvo velivolo(similmente a quanto avviene negli usa per f-15 e f-22)?
  5. Stai facendo una bellissima ricostruzione del contesto della battaglia e della stessa, con questo e gli altri post complimenti! Tra i protagonisti sono d'accordo su Manstein e Vatutin, ma secondo me andrebbero aggiunti anche: Zukov, che decise il piano nel suo complesso(possente difesa statica abbinata a abili contrattacchi strategici, allo scopo di indebolire i tedeschi in maniera che non si potessero più riprendere , mentre l'armata rossa avrebbe potuto facilmente ripianare le perdite, e passare all'attacco contro un nemico menomato), Rotmistorov, che fu decisivo a Prokhorovka, con l'ordine di combattere a distanza ravvicinata i carri tedeschi, annullando l'effetto della maggiore portata dei tiger, e sfruttando la migliore manovrabilità dei T-34, Rockossovskij, che con la sua difesa imbrigliò i tedeschi a nord; infine Model che comadava le armate tedesche in quel settore
  6. sembra interessante grazie, solo una domanda: è possibile trovarlo in italiano?, non per altro ma ho un inglese abbastanza arrugginito grazie in anticipo Molto belle comunque le miniature,quanto ci metti a farne una? ciao Alessandro
  7. salve a tutti , qualcuno potrebbe fare un analisi dei reparti d'artigliera dei maggiori eserciti europei nel periodo che va dal 1789 al 1820? Secondo le mie informazioni , non so se siano giuste: L'esercito francese disponeva di un ottima artigliera a lunga gittata e più precisa dei pezzi avversari, molto ben comandata, a causa del fatto che dopo la rivoluzione, a differenza di quanto accadde negli altri settori dell'esercito,gli ufficiali ben addestrati del esercito reale rimasero al loro posto. Poi quando napoleone , comandante d'artiglieria in origine , prese il potere , apportò ulteriori miglioramenti:creò una serie di reparti omogenei , strutturati a seconda del calibro dei pezzi,e questo dava un vantaggio rispetto alla disorganizziazione avversaria, perlomeno prima di eylau(quando gli eserciti alleati incomiciarono ad evolversi).Oltretutto sapeva sempre quando e dove utilizzarla; aveva creato unità che accopiavano mobilità e potenza di fuoco, e lui sapeva dirigerne magistralmente gli spostamenti. Orchestrava perfettamente il fuoco di grandi concentrazioni , come accadde a Wagram.Senza contare che poteva fare affidemento su Oudinot e Drout due dei migliori ufficiali del reparto dell'epoca. L'esercito inglese poteva anch'esso contare su una buona artigliera, Wellington era molto abile nel posizionarla in punti in cui difficilmente poteva essere notata subito dal nemico, e da cui poteva colpirlo con forza(basti pensare a waterloo o a diverse battaglie in spagna): dal punto di vista difensivo non aveva rivali, invece dal punto di vista offensivo a mio parere era inferiore a quella francese. L'artiglieria russa, era composta da ottimi pezzi ma ,inizialmente pagò comandanti mediocri, solo a partire dallla fine della campagna di Russia, disatro di Napoleone, vennero usati ufficiali capaci nel settore. In particolare Souzhanet si distinse durante la battaglia di Lipsia con una prestazione eccellente. L'artiglieria Austriaca era di buona qualità . L'artiglieria Prussiana prima di Lipsia era mediocre.
  8. Salve a tutti ho un problema di fonti contrastanti:secondo paul carell la vittoria russa nella battaglia di Kursk fu dovuta in parte all'ordine di hitler di ritirare le truppe a causa dello sbarco in Sicilia ,e in parte al contrattacco russo a Orel, seguito da quello a Bjelgorod che paralizzarono i tedeschi, costringendoli ala ritirata , secondo invece altre fonti (richard overy, martin gilbert, e mi pare liddle hart) i tedesci erano stati fatti a pezzi a nord e a sud erano stati fermati a Prokhorovka, e i contrattacchi a orel ecc.. furono una conseguenza della battaglia non un elemento decisivo della stessa,( mi spiego meglio:che orel sia stata una parte importante della battaglia di Kursk, e abbia messo in difficoltà Model è un fatto condiviso da tutti,ma non che fu cosi decisiva come descritto da carell),e hitler ordinando di spostare le divisioni non fece che prendere atto di una battaglia persa(una delle rarissime volte). Ora credo che un fatto inequivocabile sia la netta sconfitta dei tedeschi sul lato nord di Kursk, quello che non mi è chiaro è se a Prokhorovka i tedeschi ebbero gravissime perdite ma erano comunque nelle condizioni di andare avanti, poi fermati dalla controffensiva rusa a nord (in effetti quasi mai si può continuare una battaglia con metà fronte paralizzato) , oppure con l'immane scontro di carri armati erano stati bloccati e avevano subito danni tali da non poter più combattere. ps so che questo post riguarda un argomento diverso da quelli trattati nei precedenti ma siccome l'ultimo risale a più di un anno fà ho pensato che non fosse ot parlare di un altro aspetto della battaglia mi scuso se non è così
  9. lotus89

    big week

    come avvenne questa operazione statunitense sui cieli della germania, nel febbraio del 1944, la quale inferse un colpo durissimo alla luftwaffe?
  10. che opinioni avete sul più grande scontro aereonavale della storia? ad esempio come mai kurita, non affondò il colpo a samar? perchè i giapponesi a surigao si sono gettati dentro uno sbarramento a T? se halsey non fosse andato a nord, verso le porataerei civetta giapponesi, è possibile che nemmeno una nave nipponica sarebbe scampata alla distruzione?insomma tutte le considerazioni su questa battaglia
  11. forse sto facendo un ot pauroso:sono d'accordo sul fatto che nel caso in cui la cina tenti di invadere taiwan, gli stati uniti interverrebbero , ma la mia domanda è: e le altre potenze? in un confronto cino americano non credo che russia ,e europa starebbero a guardare quindi in sostanza, un conflitto per formosa,potrebbe essere la causa scatenante per una guerra su più vasta scala?alla fine la grande guerra scoppiò a partire da tensioni tra austria e serbia, poi arrivarono russia, francia,germania ecc....... Cosa farebbero russia e europa ?si schiererebbero militarmente a fianco di uno dei contendenti, o si limiterebbero a fornire sostegni?
  12. condoglianze alla famiglia di Tomizawa, grandissima tragedia la sua morte, al di là di ogni considerazione sportiva; secondo, me comunque, sia per rispetto che per sicurezza, la gara doveva essere interrotta dopo quell'incidente
  13. ma, non c'è il rischio che il pak fa faccia la fine del tu-160? macchina eccellente ma prodotta solo in 36 unità?siamo sicuri che il pak fa non sarà prodotto in un numero misero di unità, magari meno di 100?se già gli usa su 700 e passa f-22 ne produrranno , meno di 200, la russia con un economia in netta ripresa, ma ancora fragile, riuscirà a produrre un 5^generazione in numero rilevante? va bene l'assioma meglio la qualità che la quntità , ma vale fino a un certo punto secondo me
×
×
  • Create New...