Jump to content

Grifo

Membri
  • Posts

    71
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Grifo

  1. Anche se un pò in ritardo, ecco qui Prototipo Caproni Ca.165 Ciao
  2. Potresti cercare questo libro, ad esempio. Oppure mandarmi un PM con la tua e-mail... Ciao
  3. Salve, le seguenti tabelle sono prese da un libretto della serie Aircraft Profile: Ciao
  4. Scusate, dirò una castroneria, ma la medaglia non è una qualche croce di guerra tedesca? E' possibile averne una visione ingrandita? Ciao
  5. Link: C119 Non male "l'espressione"
  6. Mi pare abbia già risposto alla tua domanda, no?
  7. Perdonato Comunque no, nemmeno l'88 usava i parallelogrammi. Ciao
  8. CR.42 e G.50 di certo no, visto che le bombe erano appese alle ali... Ciao
  9. Scusa la domanda, ma hai pensato a pubblicizzare la cosa anche su siti esteri o Ebay? Mi sembra un pezzo interessante per collezionisti danarosi... Ciao
  10. Non sembrerebbe così: Link all'articolo Ciao
  11. Allora, vi propongo quel che ho trovato riguardo al MiG-7: tra l'altro, come indicato nella tabella qui sotto, pare che vi fossero delle ambiguità, nel senso che la stessa sigla MiG-7 venne utilizzata per indicare sia quei prototipi che avrebbero dovuto diventare il nuovo caccia, sia una variante rimotorizzata del MiG-3. Sostanzialmente il MiG-7 sarebbe dovuto diventare il caccia d'alta quota pensato per contrastare i ricognitori tedeschi Ju-86, difatti i prototipi erano dotati di abitacolo pressurizzato. Le pagine che riporto qua sotto descrivono sono tratte da un libro della Putnam, le posto così come sono, in inglese: Alcune immagini ed i profili, di più non ho Prototipo I-222: Prototipo I-224: Profili: Ciao
  12. Sì, proprio quello, ma non essendo un caccia non ne volevo far menzione qui
  13. Dunque, mi sembrava di aver visto anche un canard britannico, ed eccolo qui Si trattava del Miles M.35 Libellula, un originale prototipo canard che nelle intenzioni del progettista avrebbe dovuto divenire un caccia imbarcato, ma in seguito a problemi di stabilià in volo venne poi modificato in bimotore ed adattato per lo studio di un ben più grande bombardiere ad alta velocità, alta quota. Ulteriori informazioni le trovate qui: Gruppo Modellistico Sestese Ciao
  14. Anch'io non avevo mai sentito parlare del canard tedesco, ma non mi stupisco, visto che, a differenza degli altri, non ha mai volato... Concordo con i precedenti interventi, è stata una buona idea riassumere qui i diversi progetti che s'ispirarono a tale concetto, solo mi stupisco che fossero così pochi: possibile che inglesi, francesi, russi non si siano cimentati in questo campo?
  15. Scusate se persevero nell'OT... Allora, per quanto riguarda il P.108 le centraline di tiro erano poste nei due piccoli duomi trasparenti che si trovano a metà fusoliera, e visti dall'interno apparivano così (sono quelle in alto nella foto): Ecco ancora il particolare delle due centraline sempre visto dall'interno, si vedono anche i collimatori: Presumibilmente i mitraglieri stavano (in piedi? non credo, probabilmente seduti) ciascuno sotto la sua centralina, tenendo la testa infilata nel cupolino, e mediante quella specie di manubrio manovravano il congegno. Ed ecco il complesso di una centralina con il cupolino trasparente: Ciao P.S.: secondo voi, non basta guardare la prima foto in alto per rendersi conto che la produzione di massa di una macchina così complessa e moderna era al di là delle scarse possibilità della nostra industria aeronautica dell'epoca?
  16. Cavoli, hai ragione! E' vero che esiste una certa somiglianza fra le due macchine, ma ad un occhio meno distratto (del mio ) si nota la differenza... Ed ecco spiegato il mistero dei motori Jumo
  17. Macchina interessante: a quanto pare ne esisteva un solo esemplare, requisito dai tedeschi e quindi probabilmente andato distrutto alla fine della guerra. Piuttosto, avete visto questa foto, che compare su uno dei siti segnalati da Intruder? Cosa volevano ottenere interrando il carrello di atterraggio? Tra l'altro in questa foto l'aereo appare rimotorizzato con degli Jumo tedeschi con gli scarichi modificati, forse per operazioni notturne...
  18. Guarda, di foto del genere in internet non ve ne sono molte, le poche conosciute le puoi trovare su monografie dedicate a questi aerei, come, ad esempio, la bella serie dei libri "Ali d'Italia". Infatti Ciao
  19. Questa foto proviene dal manuale di regolazione e montaggio dello Z1007, è ripresa dal posto del puntatore, rivolta verso la cabina di pilotaggio; non vedo grosse differenze con quella postata all'inizio da madem. Anche il tettuccio di solito è esattamente lo stesso, anche se in una foto di un esemplare del 506 ne ho visto una versione leggermente diversa...per me il dubbio rimane Ciao
  20. E' probabile, ma anche così non si può averne la certezza.
  21. Ehm, quale foto? Allora, posto che, mio parere lo ripeto, dalla prima foto postata è quasi impossibile stabilire di quale modello si tratta (il 1007 era "figlio" del 506 e i posti di pilotaggio erano praticamente identici, entrambi avendo la postazione anteriore per l'osservatore/puntatore e le barre di comando a pavimento), direi che l'unico indizio che porti a pensare che si tratti del cockpit dell'Airone è il fatto che sulla fiancata destra non si intravedono i comandi del carello di atterraggio. Sempre che ciò non dipenda dalla posizione del fotografo...
×
×
  • Create New...