Jump to content

L'asso della Bottiglia - Gregory "pappy" Boyington


 Share

Recommended Posts

asso_d10.jpg

 

Ieri sera, alla reunion (leggi grigliata :rotfl: ) del vecchio (si fa per dire) gruppo akro-re,

ho avuto modo di curiosare nella libreria di un caro amico (zeno66 :adorazione: )

che ringrazio pubblicamente ed ho scoperto questo magnifico libro.

 

Presentazione

Due anni fa ripresi a volare, dopo un intervallo di tredici anni.

Molti amici mi incoraggiarono e molti altri trascurarono il loro lavoro per aiutarmi a ricominciare daccapo come pilota.

Il medico dell'aviazione che mi fece la visita necessaria fu estremamente cortese anche se non aveva la più vaga idea di chi fossi.

Un pilota che dirige un centro di corsi aeronautici mi diede lezioni per una settimana onde mettermi in grado di superare un esame scritto per il volo strumentale.

Un altro pilota, che dirige una scuola di pilotaggio, mi fece volare alcune ore quasi gratis.

Poi passai il controllo per il volo cieco.

Un noleggiatore locale di apparecchi mi pagò addirittura, mentre facevo delle ore di volo per addestrarmi.

Due mesi dopo il giorno in cui mi ero reso conto che avrei potuto ottenere il brevetto di pilota civile di secondo grado, ero già pronto.

Sul documento risultavano aerei plurimotori, commerciale l'abilitazione al volo strumentale.

La cosa più straordinaria è che la ruggine se ne andò in un batter d'occhio, come se non avessi mai smesso di volare.

Abituarmi a strumenti che non avevo mai usato in vita mia non mi fu affatto difficile. Ma questo lo si capisce perchè, per più di dieci anni, volare era stata una delle poche cose che erano riuscite a interessarmi per un periodo di tempo abbastanza lungo.

All'inizio, mi preoccupavo delle conversazioni con le torri di controllo e delle comunicazioni radio.

Ma anche questa si aggiustò quasi subito.

Quando chiamavo e dicevo che ero «uno nuovo» mi aiutavano in tutti i modi.

Alla mia età, pur con un ottimo passato di volo, fu piuttosto difficile ottenere un impiego presso una linea aerea ma, per fortuna, riuscii a trovare un posto di pilota. Una compagnia di trasporti mercantili di Burbank mi permise di usare un piccolo velivolo a cinque posti per trasporti privati.

La compagnia non mi dava stipendio, ma una provvigione sul lavoro che procuravo.

In cambio, portavo a spasso i dirigenti della compagnia e i loro ospiti, senza ricevere ricompensa.

Per me andava benissimo, perchè era meraviglioso tornare a volare.

Trasportavo uomini d'affari, attori del cinema e chiunque avesse voluto andare in un posto qualsiasi e fosse stato disposto a pagare sessanta dollari l'ora.

L'aviorimessa della linea aerea al Lockheed Air Terminal si trova a poco più di cinque minuti di distanza da casa nostra, quasi nel centro della San Fernando Valley.

Gli aerei in decollo da Lockheed passano sopra di noi giorno e notte.

Quando gli amici vengono a trovarci dalle altre parti della città, non riescono a capire come possiamo resistere con quel frastuono.

Probabilmente non si rendono conto che esso per me e musica.

I decolli non danno fastidio a nessuno in casa nostra, neanche al bassotto, Alvin, che ha orecchie molto sensibili.

Ma, oltre a non esserne infastidito, mi piace sentirmi vicino a tutti i piloti che passano sul mio capo.

Il mio impiego come pilota mi procurò un posto come tecnico per le vendite presso la Coast Pro-Seal una fabbrica di apparecchi sealants, che rifornisce l'industria aviatoria di tutto il paese.

Volo soltanto a fine settimana e per ragioni d'affari, ma sia che voli sia che faccia altre cose, continuo a incontrare persone con le quali ho volato in passato.

Molte cose sulle quali ora scherziamo, sono state molto, molto serie.

Non dimentichiamo che si trattava di vita o di morte e non dimentichiamo le fatiche e le angosce che abbiamo sopportato.

Una volta l'anno, e a volte anche più spesso, ci riuniamo qui nella valle per un pranzo. Siamo in venti e alcuni sono piloti, altri ex piloti.

Alcuni fra loro avevano una misteriosa abilità nel tenere in aria i velivoli.

Quasi tutti sulla quarantina.

Si è sempre parlato molto di questi uomini, da quando si è saputo della loro esistenza, ma pochi sanno come si sono incontrati per la prima volta.

Quasi tutti li conoscono soltanto con il loro nome leggendario:

Le Tigri Volanti

 

Gregory “Pappy” Boyington

Link to comment
Share on other sites

Guest galland
E' una delle mie letture in programma per le vacanze estive! Adesso è pubblicato dalla TEA.

 

Assobottigliag.jpg

La Tea ha ripubblicato diversi volumi a suo tempo editi da Longanesi. Non vorrei fare il guastafeste ma: attenzione! Il volume "Guerra in Europa" di Frido Von Sengher und Etterlin aveva dei tagli sostanziali rispetto all'edizione originale (peraltro editorialmente ottima) bisognerebbe verificare se tal genere d'operazioni siano avvenuti su questo o altri testi. voglio verificare la reperibilità dell'originale dai miei "pusher" di Roma e su internet, naturalmente!

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Letto! Veramente un bel libro, scritto da un grande pilota e, prima ancora da un grande uomo; notevole la capacità di autocritica di Pappy e la sua apertura mentale, con cui ha giudicato sempre se stesso - per primo - e gli altri in modo chiaro e senza pregiudizi.

Rispetto ai dubbi di Galland, devo dire che c'erano dei paragrafi ripetuti e la traduzione in alcuni punti era un po' macchinosa, non so se per colpa del traduttore o se perchè, trattandosi di un diario, i ricordi erano necessariamente sfilacciati, in alcuni casi.

 

 

La Tea ha ripubblicato diversi volumi a suo tempo editi da Longanesi. Non vorrei fare il guastafeste ma: attenzione! Il volume "Guerra in Europa" di Frido Von Sengher und Etterlin aveva dei tagli sostanziali rispetto all'edizione originale (peraltro editorialmente ottima) bisognerebbe verificare se tal genere d'operazioni siano avvenuti su questo o altri testi. voglio verificare la reperibilità dell'originale dai miei "pusher" di Roma e su internet, naturalmente!
Link to comment
Share on other sites

Guest intruder

Ho acquistato molti anni fa l'originale americano di quel libro in un negozietto di roba usata a Denver, e lo lessi. Conoscevo la versione italiana e devo dire che era tradotta da cani. L'espressione "the buck stops here", divenne "qui finisce il regno del dollaro" :blink:, non sapendo, il poveraccio che traduceva, che buck sta sì per moneta d'argento da un dollaro, ma è anche una cosa che si passa da uno all'altro, lo scaricabarile... mi hanno detto che in edizioni successive, non essendo evidentemente concepibile tradurla, è sparita del tutto. Una di quelle castronerie che ti restano in mente, soprattutto a un pignolo della malora come il sottoscritto (non che sia migliorata molto la qualità delle traduzioni, ho trovato "pardon my French" traslato come "scusate il mio francese", invece sono le parolacce che dovevamo scusare...

 

Per il resto ho sempre trovato interessanti le considerazioni di Pappy sulla popolazione civile giapponese. Sempre che siano state mantenute nella traduzione italiana attuale.

Edited by intruder
Link to comment
Share on other sites

...

Per il resto ho sempre trovato interessanti le considerazioni di Pappy sulla popolazione civile giapponese.

 

Personalmente mi ha fatto piacere leggere di quanti civili giapponesi (e anche qualche militare) abbiano trattato bene i prigionieri americani, anche a loro rischio (vedi episodio del vecchietto picchiato dalle guardie per aver parlato con Pappy) e nonostante i bombardamenti in atto; l'analisi di Pappy, basata sull'esperienza diretta e priva di ideologia, permette una visione più equilibrata delle cose, facendo vedere che non si può estendere all'intero popolo giapponese le efferatezze compiute da alcuni di loro (vedi unità 731).

Link to comment
Share on other sites

  • 4 months later...
Letto! Veramente un bel libro, scritto da un grande pilota e, prima ancora da un grande uomo; notevole la capacità di autocritica di Pappy e la sua apertura mentale, con cui ha giudicato sempre se stesso - per primo - e gli altri in modo chiaro e senza pregiudizi.

Rispetto ai dubbi di Galland, devo dire che c'erano dei paragrafi ripetuti e la traduzione in alcuni punti era un po' macchinosa, non so se per colpa del traduttore o se perchè, trattandosi di un diario, i ricordi erano necessariamente sfilacciati, in alcuni casi.

 

 

Se non lo hai già letto ti consiglio la lettura di "Samurai" la biografia dell'asso giapponese Saburo Sakai. Dovrebbe essere sempre con edizioni TEA. Veramente stupenda. Se non sbaglio ne fecero anche un film

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...