Jump to content

Vittorie degli Assi tedeschi


vvvp08
 Share

Recommended Posts

da quel po che so mi sembra di potere dire che nessun altro paese ha piloti di caccia che nella WWII abbiano collezionato numeri strepitosi di aerei avversari abbattuti come i vari Rahal, Marseille, ecc., ecc..

Come si spiega questo fatto ? Gli Assi tedeschi erano piu' bravi ? La conta era fatta in modo diverso ?

Turn on the light please :helpsmile:

Link to comment
Share on other sites

I tedeschi furono i primi a capire che le tattiche della prima guerra mondiale erano diventate dei limiti e a creare nuove formazioni come la "rotte" e questo era sicuramente un vantaggio perchè dava più spazio alla caccia evitando di rinchiuderla in formazioni troppo chiuse. La conta secondo me non centra, anzi, a parte che i piloti non ricevevano ricompense prima di un certo numero di abbattimenti, ma poi i tedeschi non facevano largo uso delle cine-mitragliatrici, come invece inglesi e americani, e dovevano avere testimoni per gli abbattimenti. Ciò che ha influito di più è che il fronte orientale offrì ai piloti tedeschi, anche meno esperti, molta "carne da cannone" e la Russia diventò la scorciatoia per scalare i gradi della luftwaffe.

Link to comment
Share on other sites

Ciò che ha influito di più è che il fronte orientale offrì ai piloti tedeschi, anche meno esperti, molta "carne da cannone" e la Russia diventò la scorciatoia per scalare i gradi della luftwaffe.

 

io credo che i piu' grandi assi non abbiano combattuto sul fronte Russo (a parte Rudel che pero' di mestiere faceva il cacciacarri) .

Marseille mi sembra che sia stato prevalentemente sul fronte Africano, Rahal su quello europeo occidentale ........

Deve esserci dell'altro

Link to comment
Share on other sites

La ragione fondamentale è che c'erano nei cieli molti più caccia alleati che tedeschi.Inoltre i tedeschi rimanevano veramente in servizio permanente mentre gli alleati potevano "ruotare" gli equipaggi.Quelli che soppravvivono a questa durissima selezione ovviamente hanno delle capacità più elevate rispetto alla media , sia in abilità, sia in senso tattico (non mettersi nei guai nel momento sbagliato) sia in fortuna.

La riprova la hai in Vietnam dove una piccola aereonautica nordvietnamita ha annoverato un numero di assi molto maggiore rispetto al corrispettivo USAF.

Link to comment
Share on other sites

Guest Folgore

No, la maggior parte degli assi tedeschi ha fatto il maggior numero di vittorie nel Fronte Orientale.. Hartmann, Barkhorn, 352 e 301 vittorie a testa... Marseille fu l'unico asso in Africa a ragiungere un numero così alto di vittorie

Link to comment
Share on other sites

La ragione fondamentale è che c'erano nei cieli molti più caccia alleati che tedeschi.Inoltre i tedeschi rimanevano veramente in servizio permanente mentre gli alleati potevano "ruotare" gli equipaggi.Quelli che soppravvivono a questa durissima selezione ovviamente hanno delle capacità più elevate rispetto alla media , sia in abilità, sia in senso tattico (non mettersi nei guai nel momento sbagliato) sia in fortuna.

La riprova la hai in Vietnam dove una piccola aereonautica nordvietnamita ha annoverato un numero di assi molto maggiore rispetto al corrispettivo USAF.

 

mi sembra una buona analisi

anche se Folgore porta dati incontrovertibili .....

 

by the way ...chi e' Takumi Fujiwara ?

Edited by vvvp08
Link to comment
Share on other sites

Guest Folgore

Erich Rudorffer nacque il primo novembre 1917, nella regione della Sassonia in Germania. Si arruolò nella Luftwaffe nel gennaio 1940 e fu assegnato a I/JG 2 'Richthofen' con il grado di Oberfeldwebel.Rudorffer ottenne la prima di una lunga serie di vittorie contro un Hawk 75 francese nel maggio 1940, a questa se ne aggiunsero altre 8 sempre ottenute nella campagna di Francia; Rudorffer fu un lento debuttante ma raggiunse una così tale esperienza che lo portò ad un livello tale da riuscire a sopravvivere ed avere successo nei combattimenti aerei. Contrariamente alla credenza popolare, gli assi tedeschi della luftwaffe non erano dei killer. Rudorffer ricordava sempre un avvenimento in cui scortò un caccia Hurricane malamente danneggiato al di là del canale della manica; questo gli procurò un gran rispetto da una e dall’altra parte del canale; due settimane più tardi la situazione si ripeté ed egli stesso, danneggiato, fu scortato da un pilota della RAF verso le sue linee; è probabile che la sua avventura di accompagnatore di aerei inglesi era circolata in seno alla RAF abbastanza velocemente. Nel maggio 1941 Rudorffer aveva già collezionato 19 vittorie che lo portarono ad ottenere un’onoreficienza; nel novembre 1942 fu trasferito in Tunisia dove fu Commodoro del II/JG2. Fu nel nord Africa che mostrò la sua propensione alle vittorie multiple; abbatté otto aerei inglesi in 32 minuti il 9 febbraio del 1943, e sette in 20 minuti sei giorni dopo. Dopo un totale di 26 vittorie in Tunisia tornò sul fronte della Manica nell’Aprile 1943 dove il destino del Geschwader Grunherz cominciava ad imbrigliarsi…………..Ma Rudorffer fu chiamato sul fronte dell’Est assumendo il comando del II/JG54 dopo che il Kommodoro Hauptmann Heinrich non rientrò da una missione nel luglio del 1943. Una volta nel fronte dell’est Rudorffer ricominciò con le sue grandi vittorie; il 24 agosto abbatté cinque aerei russi nella prima missione del giorno a cui ne seguirono altre tre nella seconda missione; l’undici ottobre sette vittorie in sette minuti, ma affinò ancora il totale quando nel corso di diciassette minuti tredici aerei russi caddero sotto i suoi cannoni. Soltanto Emil “Bully” Lang e Hans Joachim Marseille furono

 

rivali di Rudorffer nelle vittorie multiple. Rudorffer era chiamato dai piloti russi come il cacciatore di Libau.Ritornando da una missione nell’ottobre 1944 e apprestandosi all’atterraggio, vide una grossa formazione di IL-2 Sturmovik; rapidamente abortì la manovra d’atterraggio e volò per ingaggiarsi in combattimento; in meno di dieci minuti abbatté nove aerei russi pesantemente corazzati mentre gli altri si davano alla fuga disordinatamente. Per questo exploit fu decorato con le foglie di quercia in concomitanza anche della sua centotredicesima vittoria; più in là ricevette la decorazione delle spade dopo il suo duecentodecimo centro nel gennaio del 1945. Dopo che andò via dal Green Hearts , gli fu affidato il comando del II/JG7 equipaggiato con Me 262, e qui diventò uno dei primi assi sui jets del mondo con dodici velivoli abbattuti con questi rivoluzionari velivoli. In tutto Rudorffer ebbe 222 vittorie piazzandosi al settimo posto della lista di tutti I tempi; questo punteggio ebbe comunque un costo: egli volò oltre le 1000 missioni senza prendere congedi, fu abbattuto 16 volte e si lanciò con il paracadute 9 volte.Di nota sono i 58 Il-2 Sturmoviks inclusi nelle sue 137 vittorie sul fronte dell’est, tutte volate con Fw 190 e 10 bombardieri quadrimotori abbattuti durante la difesa del suolo germanico. Rudorffer sopravvisse alla guerra e continuò la sua carriera in aviazione come membro dell’aviazione della Germania ovest.

-------------------

questa è

la classifica degli assi nel fronte orientale.. mi sa che smentisce le tue tesi.. :D :D :P :P

-------------------

Erich Hartmann, guarda un pò cosa non ha abbattuto.. :rolleyes: :rolleyes:

-------------------

Barkhorn anche lui un grande pilota :rolleyes:

-------------------

questa è la classifica occidentale, come vedi il maggiore Marseille (mitico) ha 158 abbattimenti ed è il maggiore... nell' Est Hartmann ne ha 352..

 

Fai la somme degli abbattimenti degli assi del fronte orientale e dimmi cosa ne pensi... era o no la Russia la riserva di caccia per la Luftwaffe?

 

I NachtJagers, ovvero i cacciatori notturni...

 

spero di esserti stao utile.. ciao!

Edited by Folgore
Link to comment
Share on other sites

  • 3 years later...

bisogna contare che la maggior parte degli assi tedeschi come Galland,Marseille etc. hanno partecipato a piu di 500 combattimenti mentre i piloti alleati dopo(mi pare)25 missioni tornavano a casa

dopo 25 gli equipaggi bombardieri, dopo 50 la caccia (almeno gli americani, gli inglesi avevano un altro sistema)

Link to comment
Share on other sites

-------------------

questa è

la classifica degli assi nel fronte orientale.. mi sa che smentisce le tue tesi.. :D :D :P :P

-------------------

Erich Hartmann, guarda un pò cosa non ha abbattuto.. :rolleyes: :rolleyes:

-------------------

Barkhorn anche lui un grande pilota :rolleyes:

-------------------

questa è la classifica occidentale, come vedi il maggiore Marseille (mitico) ha 158 abbattimenti ed è il maggiore... nell' Est Hartmann ne ha 352..

 

Fai la somme degli abbattimenti degli assi del fronte orientale e dimmi cosa ne pensi... era o no la Russia la riserva di caccia per la Luftwaffe?

 

I NachtJagers, ovvero i cacciatori notturni...

 

spero di esserti stao utile.. ciao!

Forse bisognerebbe fare anche un'altra domanda. Come mai gli italiani ebbero risultati così patetici? Colpa solo degli aerei? assolutamente no.

Marseille (morto nel 42 in africa settentrionale) con un BF109F abbattè in un giorno diciassette aerei. Il 202 degli italiani non era molto inferiore al 109F e sicuramente superiore al 109E con il quale Marseille era arrivato e con il quale aveva cominciato a mietere vittorie (esempio 6 Hurricane in un solo giorno); allora cerchiamo di capire come, al di là degli elementi di inettitudine e incapacità che abbondavano nella caccia italiana (furono i piloti a volere la manegevolezza a scapito della potenza di fuoco, mai dimenticarlo), andavano realmente le cose.

I tedeschi arrivarono in africa con i loro bravi Freya e Wurzburg e una intera divisione Flak. In sostanza organizzazione a terra e guida caccia.

Se si pensa che i CR42 e i G50 all'inizio della guerra erano privi della radio si capisce che l'organizzazione di terra, per gli italiani, proprio non esisteva. Arrivava una telefonata dagli avamposti che avevano visto passare qualcosa, si andava in aria senza sapere cosa attaccare, dove attaccare, come attaccare.

E' tragica la soria di una squadriglia di picchiatelli (Ju87 italiani) che dovevano fare un appoggio tattico. Continuarono a girare sul deserto in cerca delle truppe che dovevano appoggiare o attaccare finchè non finirono la benzina. E questo è grave, ma passi. Il tragico fu che li trovarono solo dopo 36 ore!.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...