Vai al contenuto
Accedi per seguirlo  
typhoon

Falco imbarcato

Messaggi consigliati

Leggo sul sito di Finmeccanica

 

http://www.finmec.com/UnmannedAirVehicles....nnedAirVehicles

 

Che è in sviluppo la versione imbarcata del Falco, mi sembra un ottima cosa, uno UAV sulla Cavour per fare ricognizione con un radarino SAR oppure con un illuminatore laser non mi sembra da buttare via, tra l'altro leggo che ha già capacità STOL e decollo da rampe. la Cavour ha anche spazzi dedicati a ricovero, manutenzione e gestione di UAV.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Galileo Avionica plans carrier UAV

 

Italy’s Galileo Avionica has unveiled proposals for an aircraft carrier- or large-deck warship-launched and recovered version of its Falco tactical unmanned air vehicle.

 

A maritime configuration proto-type will be rolled out within one year, with this to be ready for initial shore-based trials in around two years, says marketing manager Carlo Siardi.

 

The new UAV variant would carry a dual sensor payload comprising an EOST-45 infrared and electro-optical turret and Selex’s new Gabbiano X-band multimode lightweight maritime radar. The latter already supports rotating maritime surveillance and fixed synthetic-aperture radar (SAR) modes, with development of an inverse-SAR capability also planned.

 

Siardi says the Falco’s existing short take-off and landing footprint of around 60m (195ft) means carrier landings should be feasible with minimal aircraft changes. Galileo Avionica has already undertaken extensive wake turbulence studies of the Italian navy’s current and proposed next-generation aircraft carriers, including windtunnel studies.

 

The UAV would take off on its own power, with deck landings to require augmentation of the navigation suite and some form of precision approach aid – radar and laser options are being considered. Studies are also underway on whether the UAV could be fitted with the same precision landing system carried by the Italian navy’s Boeing AV-8B Harrier II fighters.

 

The Falco air vehicle’s existing undercarriage has been designed to support hard landings during emergency parachute recovery operations and should also require few changes, says Siardi.

 

Testing has already been carried out using hardware simulations to confirm gear loadings and performance during ship deck landings. Conceptual work is being carried out on a possible application of the UAV to extend a carrier’s anti-ship missile defence system by undertaking decoy roles.

 

Siardi reveals that Galileo Avionica had also won two firm export orders for the basic land surveillance version of the Falco by late May, but declines to provide further details.

 

Ongoing work to mature the basic Falco system includes fitting a new J-band datalink; integrating electronic intelligence payloads; and studying the potential carriage and deployment of mini-UAVs from hard points on the forward tailbooms.

 

Meanwhile, Galileo Avionica is seeking approvals from the UK Civil Aviation Authority to participate in the ParcAberporth 2006 UAV demonstration at West Wales airport in early July using the Falco air vehicle.

:unsure:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ciao a tutti e complimenti per questo bellissimo forum!!!

 

Volevo chiedervi se qualcuno di voi cnosce qualche link in cui si parli un pò più nel dettaglio dei sistemi di guida dei velivoli UAV.

Ho trovato alcuni siti di università, ma nulla di ecczionale.

 

Inoltre la Skunk Works della Lockheed-Martin sta sperimentando un nuovo UCAV che si chiamerà Cormorano. Sarà totalmente autonomo e potrà esser lanciato da sommergibili immersi, attraverso un normale tubo lanciasiluri.

Uscito dall'acqua spiega le ali mentre per rientrarvi esegue l'operazione inversa.

 

Ciao a tutti!

Andrea

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Anche a me sembra strano.

 

Cioè il fatto che si possa lanciare un appareccio delicato come un UAV come se fosse un siluro.

 

E che si possa pure recuperarlo , questo vuol dire evidentemente che è in grado di atterrare sull'acqua.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Cioè il fatto che si possa lanciare un appareccio delicato come un UAV come se fosse un siluro.

 

dvd-1393-1.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E che si possa pure recuperarlo , questo vuol dire evidentemente che è in grado di atterrare sull'acqua.

Che dici? atterrerà direttamente sul ponte? ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E che si possa pure recuperarlo , questo vuol dire evidentemente che è in grado di atterrare sull'acqua.

Che dici? atterrerà direttamente sul ponte? ;)

Tipo portaerei per uav ? Spettacolare! :lol:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E che si possa pure recuperarlo , questo vuol dire evidentemente che è in grado di atterrare sull'acqua.

Che dici? atterrerà direttamente sul ponte? ;)

Tipo portaerei per uav ? Spettacolare! :lol:

Ma quale portaerei per UAV!! :ph34r::ph34r: è progettato per la Cavour!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
E che si possa pure recuperarlo , questo vuol dire evidentemente che è in grado di atterrare sull'acqua.

Che dici? atterrerà direttamente sul ponte? ;)

Tipo portaerei per uav ? Spettacolare! :lol:

Ma quale portaerei per UAV!! :ph34r::ph34r: è progettato per la Cavour!!

Cavour ???????

 

Ma stavamo parlando di sommergibili ... :huh:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma quali sommergibili? l'hai letto il primo post? e questo articolo?

 

Galileo Avionica plans carrier UAV

 

Italy’s Galileo Avionica has unveiled proposals for an aircraft carrier- or large-deck warship-launched and recovered version of its Falco tactical unmanned air vehicle.

 

A maritime configuration proto-type will be rolled out within one year, with this to be ready for initial shore-based trials in around two years, says marketing manager Carlo Siardi.

 

The new UAV variant would carry a dual sensor payload comprising an EOST-45 infrared and electro-optical turret and Selex’s new Gabbiano X-band multimode lightweight maritime radar. The latter already supports rotating maritime surveillance and fixed synthetic-aperture radar (SAR) modes, with development of an inverse-SAR capability also planned.

 

Siardi says the Falco’s existing short take-off and landing footprint of around 60m (195ft) means carrier landings should be feasible with minimal aircraft changes. Galileo Avionica has already undertaken extensive wake turbulence studies of the Italian navy’s current and proposed next-generation aircraft carriers, including windtunnel studies.

 

The UAV would take off on its own power, with deck landings to require augmentation of the navigation suite and some form of precision approach aid – radar and laser options are being considered. Studies are also underway on whether the UAV could be fitted with the same precision landing system carried by the Italian navy’s Boeing AV-8B Harrier II fighters.

 

The Falco air vehicle’s existing undercarriage has been designed to support hard landings during emergency parachute recovery operations and should also require few changes, says Siardi.

 

Testing has already been carried out using hardware simulations to confirm gear loadings and performance during ship deck landings. Conceptual work is being carried out on a possible application of the UAV to extend a carrier’s anti-ship missile defence system by undertaking decoy roles.

 

Siardi reveals that Galileo Avionica had also won two firm export orders for the basic land surveillance version of the Falco by late May, but declines to provide further details.

 

Ongoing work to mature the basic Falco system includes fitting a new J-band datalink; integrating electronic intelligence payloads; and studying the potential carriage and deployment of mini-UAVs from hard points on the forward tailbooms.

 

Meanwhile, Galileo Avionica is seeking approvals from the UK Civil Aviation Authority to participate in the ParcAberporth 2006 UAV demonstration at West Wales airport in early July using the Falco air vehicle.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Leggi tu il terzo post ;)

 

Io stavo rispondend a EDI , la discussione si era spostata sul cormorano.

 

Emhh , per tradurre quel papiro in italiano mi ci vorrà qualche ora .... work in progress

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Emhh , per tradurre quel papiro in italiano mi ci vorrà qualche ora .... work in progress

Stanno sviluppando una versione del Falco che decollerà ed atterrerà sul ponte del Cavour. ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Emhh , per tradurre quel papiro in italiano mi ci vorrà qualche ora .... work in progress

Stanno sviluppando una versione del Falco che decollerà ed atterrerà sul ponte del Cavour. ;)

Ultrasintesi eh ?

 

Grazie cmq ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
bello avanzatissimo saremo uynici in europa?

quindi se e ucav sara armato?

Allora, non siamo gli unici in Europa ad avere UAV (anche se stiamo mettendo sù una discreta esperienza, che ci pone ai vertici).

 

Oltre a noi, in Europa, anche altri (Inglesi, Francesi, inoltre c'è il NnEUROn, l'EuroMALE....) stanno sviluppando diversi UAV, ma non mi risulta alcuna versione imbarcata.

 

Quindi se questa versione del Falco verrà sviluppata nei tempi previsti, saremo i primi in Europa ad avere disponibile un UAV imbarcato.

 

In ogni caso, se anche fosse operativo domani, non saremmo i primi a livello mondiale. L'US Navy operava con UAV dalle corazzate anche durante la prima guerra del golfo, facendoli decollare grazie ad un razzo e recuperandoli in una rete.

 

Direi che saremmo però i primi ad operare con UAV direttamente dal ponte di una portaerei! :)

 

EDIT: il Falco non è un UCAV, non sarà armato.

Modificato da Captor

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

penso ci sarà qualke korso lo stesso senno prendono 4-5 assi di viaf e di amvi o degli adi :rotfl::rotfl::rotfl: sai ke robba un intero addestramento davanti al pc allora mi tengo il mio joy col mio falcon a casa :rotfl:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
penso ci sarà qualke korso lo stesso senno prendono 4-5 assi di viaf e di amvi o degli adi  :rotfl:  :rotfl:  :rotfl:  sai ke robba un intero addestramento davanti al pc allora mi tengo il mio joy col mio falcon a casa :rotfl:

Te ci scherzi , ma qualche ragazzino "smanettone" con un predator a disposizione potrebbe fare faville !! :P

Modificato da VittorioVeneto

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

ANCHE SE SAREMO TRA I PRIMI AD AVERE UN VELIVOLO SENZA PILOTA IMBARCATO,IO CONTINUO AD ESSERE CONTRARIO A QUESTI "GIOCATTOLINI RADIOCOMANDATI "(MI PERDONINO GLI AMANTI DI QUESTI VELIVOLI);CONCORDO CON NAVIGATORE.TEMO CHE PRIMA O POI(E SPERO IL PIU TARDI POSSIBILE) SOSTITUIRANNO COMPLETAMENTE GLI AEREI PILOTATI ..ALLORA ADDIO CARRIERA COME PILOTA...:pianto::pianto::thumbdown:

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Bene,allora posso stare tranquillo :okok::okok:

Puoi stare più che tranquillo, si parla di scenari lontanissimi nel tempo. ;)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

Devi essere un utente per poter lasciare un commento

Crea un account

Registrati per un nuovo account nella nostra comunità. è facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.

Accedi ora
Accedi per seguirlo  

×