Jump to content

Cockpit pressurizzato e maschere per l'ossigeno


Filo
 Share

Recommended Posts

Ciao a tutti, vorrei sapere perchè sono necessarie maschere per l'ossigeno nei caccia, dato che il cockpit è pressurizzato (se non sbaglio).

Se non sbaglio la pressurizzazione viene realizzata tramite il compressore dell'aereo e l'ossigeno allo stato liquido è contenuto in bombole.

Che autonomia hanno le maschere per l'ossigeno? E' ossigeno puro? I piloti possono miscelare con aria?

Link to comment
Share on other sites

I velivoli da combattimento sono pressurizzati e il sistema di controllo ambiantale ricava l'aria compressa direttamente dal compressore del motore e (siccome comprimendola si riscalda) questa viene opportunamente raffreddata in degli scambiatori di calore (dei radiatori) prima di arrivare in cabina alla temperatura e pressione desiderata.

Nei velivoli da combattimento il sistema ambientale di bordo comincia a pressurizzare il velivolo oltre i 9000 piedi di quota(circa 2700 metri) e fino a circa 23000 piedi mantiene una pressione invariata (nei velivoli civili comunque fino alla quota massima di crociera). Andando ancora oltre i 23000 piedi di quota (un caccia arriva tranquillamente a 50000 piedi), l'aria esterna sarebbe troppo rarefatta e la differenza di pressione solleciterebbe eccessivamente la struttura, per cui il sistema si limita a garantire che la differenza di pressione tra dentro e fuori non sia superiore ai 5 PSI (0.34 atmosfere). Andando ancora oltre, la pressione in cabina diventerebbe quindi così bassa che non basta più la maschera e serve proprio una tuta pressurizzata (ne sanno qualcosa i piloti di U-2 e SR-71) per evitare che il sangue si metta a ribollire .

In sostanza in un aereo da combattimento, per quanto pressurizzato, la pressione interna nel corso di un volo può variare molto e soprattutto molto più rapidamente che in un velivolo civile, col risultato di creare anche problemi fisici al pilota (ipossia o iperventilazione) se non ci fosse la maschera ad aiutare la pressurizzazione dell’abitacolo.

Oltre a questo, durante le manovre ad alto numero di G, la respirazione diventa veramente difficile (i piloti si addestrano per questo), senza considerare cosa succederebbe in caso di depressurizzazione rapida dovuta a danni o peggio a un’espulsione: ecco quindi diverse buone ragioni di avere una maschera che fornisce ossigeno (che nei velivoli moderni non è limitato a quello contenuto allo stato liquido in una bombola (oltretutto pericolosa in caso di incendio), ma è prodotto continuativamente da un generatore d’ossigeno (OBOGS) che lo estrae dall’aria atmosferica e arriva a fornire in maschera una miscela di gas che per oltre il 90% è ossigeno.

https://www.cobhammissionsystems.com/oxygen-systems/military-aerospace-oxygen-systems/on-board-oxygen-generation-systems-obogs/f-16-obogs/docview/

Link to comment
Share on other sites

Senza cambiare la sostanza del discorso generale oggetto del quesito,  i velivoli a grande autonomia hanno sempre consentito qualche piccola comodità in più.

Anche il B-2 permette ai piloti di alzarsi ed andare al “bagno” senza maschera (come B-52 e B-1) e, viste le dimensioni, si consente anche il microonde e un letto per schiacciare un pisolino a turno...

L’F-111, avendo la capsula eiettabile, in teoria non richiedava che i due piloti indossassero le maschere nemmeno per l’espulsione.
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...