Jump to content
Sign in to follow this  
F-35JSF

Prova positiva per la nuova testata bunker-buster HARDBUT

Recommended Posts

MBDA ha dimostrato l’efficacia del Next Generation Multiple Warhead System (NGMWS), designato HARDBUT (Hard and Deeply Buried Target), presso il poligono Essais de Missiles della DGA (l’agenzia per le acquisizioni militari francese) di Biscarosse.

La prova è stata effettuata montando la testata a bordo di un missile (di forma similare allo Scalp Naval) agganciato ad una slitta che lo ha guidato lungo il binario fino a che la carica precursore non è detonata di fronte ad un muro di cemento armato; la bomba inerte è quindi passata attraverso l’obiettivo dimostrando una capacità di penetrazione superiore a quella delle attuali testate in produzione di MBDA. Il test ha dimostrato anche la robustezza del sistema compatto Ruggedized Electronic In-line Fuze (REIF), che conterrà i sottosistemi di calcolo.Il test e l’obiettivo sono stati progettati per essere rappresentativi di reali casi operativi. In particolare l’NGMWS è studiato per distruggere una vasta gamma di obiettivi rinforzati, come centri di comando e controllo, infrastrutture sotterranee, o rifugi sottoterra quali caverne che riflettono le attuali esigenze operative, con speciale riferimento al teatro afghano.Questa prova segue il primo test del sistema condotto con successo il 18 Maggio 2010, utilizzato per convalidare i concetti alla base della progettazione della nuova carica NGMWS. Un terzo e ultimo test è previsto per concludere i lavori associati al programma di ricerca Hardbut.Il programma di dimostrazione tecnologica anglo-francese consiste in un programma di ricerca finanziato e gestito dal Ministero della Difesa inglese e dalla DGA, che vede MBDA UK quale prime contractor. Partecipano al programma anche il Defence Science and Technology Laboratory (DSTL), il CEA (Commissariat à l’Energie Atomique et aux énergies alternatives), e team di studio appartenenti a Thales Missile Electronics (TME), QinetiQ, BAE Systems Global Combat Systems Munitions (GCSM) e Fluid Gravity Engineering (FGE).

fonte difesa news.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho ben capito cos'ha di innovativo questo missile... In pratica se si scontra contro qualcosa non esplode ma lo perfora (esplodendo magari dopo)?

Se fosse così sarebbe un bel passo in avanti per neutralizzare i bunker...

Share this post


Link to post
Share on other sites

damy assolutamente no,era solo un test,e poi non si parla di innovazione ma si dice che fra l' arsenale dell' azienda questo e l' arma perforante migliore e che i sistemi nonostante la perforazione sono rimasti integri.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
Sign in to follow this  

×
×
  • Create New...