Jump to content
Sign in to follow this  
picpus

Italia e Grecia a difesa dello spazio aereo albanese

Recommended Posts

Dal sito ufficiale dell'Aeronautica Militare Italiana, eccovi il link all'articolo relativo:

 

http://www.aeronautica.difesa.it/Sitoam/de...amp;idNot=25693

 

 

Come ricordato nell'articolo linkato, già dal 2007, sempre su incarico della NATO, l'AMI è preposta anche alla difesa dello spazio aereo sloveno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Dal sito ufficiale dell'Aeronautica Militare Italiana, eccovi il link all'articolo relativo:

 

http://www.aeronautica.difesa.it/Sitoam/de...amp;idNot=25693

Come ricordato nell'articolo linkato, già dal 2007, sempre su incarico della NATO, l'AMI è preposta anche alla difesa dello spazio aereo sloveno.

 

premetto che non riesco a leggere l'articolo in quanto il sito è bloccato (dannate policy aziendali) ma....viene specificato chi paga? :rolleyes:

Edited by IamMarco

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest iscandar

dal sito dell'Aeronautica

 

L'AERONAUTICA MILITARE ASSICURA LO SPAZIO AEREO ALBANESE

Dal 16 luglio 2009, a seguito di un accordo tra l'Albania e la NATO, velivoli caccia italiani assicurano la sorveglianza e la difesa dello spazio aereo albanese

Cap. Erminio Englaro - SMA Ufficio Pubblica Informazione

del 17/07/2009

fn25693-1.jpg

La NATO, in occasione del recente ingresso dell’Albania nell’Alleanza Atlantica, ha chiesto all’Italia ed alla Grecia di contribuire all’”Air Policing” a favore del nuovo partner.

 

L’attività di “Air Policing” consiste nell’impiego di velivoli intercettori, in tempo di pace, allo scopo di sorvegliare e preservare l’integrità di uno specifico spazio aereo; necessita quindi di una complessa organizzazione di uomini, mezzi, procedure e collegamenti.

 

L’Aeronautica Militare, su delega dello Stato Maggiore Difesa, ha disposto che i Reparti della difesa aerea estendano dalla metà di luglio del 2009 la propria attività, garantendo la sicurezza dello spazio aereo albanese. Quest’ultima verrà assicurata, in particolare, dai velivoli Eurofighter del 36° Stormo di Gioia del Colle (Bari) alternati con i velivoli caccia F-16 della Forza Aerea greca.

 

L’attività di sorveglianza e difesa dello spazio aereo nazionale è compito del Combined Air Operations Center 5 (CAOC5) della NATO in coordinamento con il Comando Operativo delle Forze Aeree (COFA) di Poggio Renatico (Ferrara). Nel 2008 il COFA ha condotto 12 scramble, ovvero decolli su allarme di velivoli caccia intercettori. Si è trattato, nella maggior parte dei casi, di interventi su velivoli civili che hanno assunto in volo comportamenti tali da essere considerati “sospetti” (mancati contatti radio, deviazioni dai piani di volo autorizzati, mancanza delle previste autorizzazioni al sorvolo dello spazio aereo italiano). La difesa aerea è assicurata dai velivoli caccia Eurofighter del 4° Stormo di Grosseto e del 36° Stormo di Gioia del Colle (BA), in aggiunta ai velivoli caccia F-16 in linea presso il 5° Stormo di Cervia e il 37° Stormo di Trapani.

 

L’attività di sorveglianza prevede il costante avvistamento, tracciamento, identificazione, riporto e controllo di tutti i velivoli. Questo compito viene assicurato dalle sale operative dei Gruppi Radar dell’Aeronautica militare, attive 24 ore su 24. Nel caso della sorveglianza dello spazio aereo albanese, il controllo è assicurato dai Gruppi Radar di Otranto (LE) e Licola (NA).

 

L’Aeronautica Militare ha condotto negli ultimi anni un’attività di ammodernamento dei Radar che ha consentito la remotizzazione dei sensori radar, la condivisione net-centrica delle informazioni e l’accentramento delle attività di analisi e gestione dei dati. Questo processo ha ottimizzato la gestione delle risorse materiali, economiche e di personale.

 

L’Aeronautica Militare assicura già dal 2007, con i propri velivoli, l’"Air Policing" dello spazio aereo sloveno. Il CAOC5 è responsabile della difesa aerea oltre che su territorio nazionale anche su Ungheria, Slovenia e Albania.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma perchè dobbiamo farlo noi?

Non possiamo andare a divertirci in Islanda(Cioè divertirci fino a un certo punto,perchè poi là si lavora),comunque per i nostri equipaggi avrebbero viste le poche ore di volo possibilità di effetuarne di più,visto che con l'Albania si effetuano solo Scramble.

Alla fine,mi viene in mente solo una cosa per cui non andiamo in Islanda,i soldi.......

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh perchè l'albania geograficamente mi sembra più facile sia di competenza nostra inoltre non bisogna dimenticare che i legami con questo paese, che diventa ogni giorno di più una "piccola Italia", ci impongono di prenderci questa responsabilità.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Peraltro, l'Italia è esclusa dalla turnazione che coinvolge, invece, tutti le aeronautiche degli altri stati della Nato, per la delicata (non occorre, penso, che spieghi perché!) difesa dello spazio aereo dei 3 paesi baltici (Lituania, Lettonia ed Estonia) e che vede stanziati, permanentemente, 4/5 caccia dell'aeronautica di turno, nella base aerea lituana di Siauliai (città che conosco bene, essendo quella di nascita di mia moglie).

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

×