Jump to content

Spitfire


Bostik
 Share

Recommended Posts

Io ho costruito il Mark IX della Italeri...per iniziare è molto semplice da assemblare! ma un po scarno nei tettagli del cockpit ma buono nel complesso!

Mi hanno parlato molto bene del modello di Hasegawa e della tamiya come dice Kit. Ciao

Link to comment
Share on other sites

ciao,

intendi credo in 1/72,confermo che sia gli italeri che i tamiya sono validi,gli hasegawa hanno alcuni difetti,e un costo esagerato,che ne peggiora,e parecchio,il rapporto prezzo /qualita',l'MKV Revell e' una buona base di lavoro,a basso costo,questo per le versioni con R.R.MERLIN.

Per le versioni successive,Fujimi o academy,aspettando il PRXIX Airfix,esiste anche un MKXII XTRAKIT,un buon short run.

Per l'1/48 la scelta e' vastissima.

marco

Link to comment
Share on other sites

ciao,

allora per l'1/48,la situazione e' questa:

MK1:TAMIYA,1a versione,o comunque costa la meta',ed e' in negativo,e gli regge il confronto:AIRFIX

MKVa:prendi un qualsiasi MK1,la differenza principale e' il motore piu' potente.

MKVb:TAMIYA,l'hasegawa ha seri problemi.

MVc:S.HOBBY,anche se per molti dettagli e' superiore l'AIRFIX,che ha solo il difetto di avere le semifusoliere ancora in positivo,lo s.hobby e' anche sotto marchio eduard.

Ah l'airfix nuovo,offre alcune cosette che gli altri non hanno,le ali allungate degli esemplari modificati per intercettare gli aerei spia tedeschi ad alta quota,i 2 filtri antisabbia,Vokes e Abukir,i 2 tipi d'armamento,2 o 4 cannoni,e la versione Seafire,tranne le semifusoliere,e i piani di coda,in positivo,del vecchio e onesto stampo,il resto e' completamente nuovo,e ha i flaps abbassati.

MKVI:Hasegawa

MKVII:ICM

MKVIII/IX:gli hasegawa sono inutilizzabili,hanno gravi errori nelle fusoliere,persino il vecchio Otaki/arii e' molto piu' preciso,ed e' destituita da fondamento la leggenda che sia 1/50,ICM,o anche il nuovo airfix,di cui esiste anche una serie limitata dell'MKXVI,tettuccio a goccia.

MKXIV:Gli academy non sono proprio da buttare,non ci sono alternative per le versioni terrestri con il griffon,il muso e altre cose vanno corrette,esistono set della quickboost che aiutano parecchio,esiste un MKXIV Hobbycraft,ma e' meglio lasciarlo stare.

MK22/24:Airfix,buono,ma non l'ho mai montato.

Esistono conversioni aeroclub,che necessitano di un po' di pratica e documentazione,per fare SPIT MKXII-21.

SEAFIRE:

I MKIII ci sono airfix e s.hobby,gli MKXV,i primi con il griffon,c'e' della Hobbycraft,ma e' un lavoraccio,l'MK17,conversione aeroclub,su base consigliata airfix nuova,con alcune modifiche,o hasegawa,o hobbycraft,MK46/47 Airfix.

Una nota sugli ICM,sono complicatini da montare,perche' hanno il motore e i suoi accessori,ci vuole solo pazienza,e i risultati si vedono.

marco

Link to comment
Share on other sites

  • 6 years later...

Ho appena preso uno Spitfire Mk.I Tamiya in 1:48

Ero abituato con kit di Eduard , bellissimi e dettagliatissimi, ma quelli della Tamiya sono in massimo della facilità di montaggio e non devi usare nessun stucco . Poi sullo Spitfire puoi scegliere tante marche , ma Tamiya è una sicurezza.

Se sei abituato a kit 'delicati' quest'ultimi li monti in scioltezza

 

Anche i nuovi stampi della Airfix sono validi, Eduard se vuoi il massimo dal dettaglio, Tamiya se vuoi il TOP

Edited by Davide1982
Link to comment
Share on other sites

Infatti ho fatto un Seafire Fr47 in 1:48 della AIRFIX e devo dire che sono degli stampi veramente fatti bene e precisi !

Sullo Spitfire sono rimasto su Tamiya per 2 ragioni :

1) Non ho mai fatto nessun KIT della Tamiya e prima o poi dovevo iniziare

2) Tutti mi hanno consigliato lo Spitfire Mk.I (1:48) di Tamiya per la facilità di assemblaggio e guardando dentro la scatola si assembla da solo.

 

Quindi Mk. Vc di Airfix in 1:48 è fatto bene ?

Link to comment
Share on other sites

è ancora meglio del Seafire che ha qualche anno, una quindicina rispetto al MKVc, la Tamiya oramai ha dei validi concorrenti e con la differenza di prezzo il confronto non regge, poi se non trovi gli airfix nei negozi, dove sembra esserci la legge "no jap, no good kit!" puoi comprarli direttamente dall'importatore Hornby, tieni conto che i tamiya hanno anche loro una quindicina d'anni e non fidarti mai della "1a occhiata",io un Dauntless hasegawa che sembrava uno spettacolo stavo per buttarlo dalla finestra!, poi bisogna sempre sfatare la "leggenda metropolitana" che solo i kit tamigawa sono validi, hanno anche loro alcuni "scheletri negli armadi. Tornando al kit anglosassone è molto + dettagliato, foglio decals che da solo vale la spesa, le decals tamiya spesso mi hanno provocato l'emicrania!, interni completi, flap abbassati e costa quasi la metà, altro punto a suo favore sono le istruzioni molto dettagliate e con colori corretti humbrol che facilmente trovi le equivalenze di altre marche, quelle tamiya spesso sono "cervellotiche" .marco

Edited by mkobau
Link to comment
Share on other sites

La tua recensione mi solletica molto l'appetito per un nuovo "spit". In effetti il MkV Tamiya lo avevo già costruito con la livrea per il teatro mediterraneo, ma avevo ricevuto dei duri rimproveri circa la tonalità del colore "sky" delle le superfici inferiori (non ricordo da chi, ma forse proprio da te). Naturalmente avevo seguito i consigli del foglio di istruzioni, ma ne era risultato un azzurro molto carico, decisamente fuori tono. Ora, visto che conosci bene la scatola Airfix, esiste per caso la possibilità di realizzare con questo kit la versione con le ali ad estremità tronche?

Link to comment
Share on other sites

scusate ma ho fatto un errore, la scatola nuova è un MKVb non C, scusate, ho fatto una ricerca e le ali appaiono quelle classiche non quelle tronche anche se non è difficile fare la modifica se si hanno sottomano dei terminali alari tronchi di altri kits, per fare il MKVc che presenta alcune differenze sostanziali resta l'Italeri/S.Hobby che versione vuoi fare .Rimproveri sempre per amicizia lo faccio, è ovvio che ci si fida delle istruzioni ma la tamiya per ovvi motivi commerciali cita i suoi colori che sia pure validissimi hanno poco di aeronautico, bisogna dire che con l'uscita degli Spit in 1/32 hanno fatto finalmente dei colori corretti,visto che ti piace quel teatro di operazioni nella scatola c'e' uno dei MKVb di base a Malta con quella colorazione strana con anche del blu. marco

Edited by mkobau
Link to comment
Share on other sites

Ne ero sicuro che i nuovi Airfix sono stupendi e rapporto qualità / prezzo eccezionale !

Intanto domani inizio a verniciare la parte inferiore dell' Eduard Fw-190A-8 con uno spray Tamiya AS-5 (RLM-76) , sono nelle fasi finali finalmente :metal:

IL mio primo KIT Eduard , mi ha fatto diventare pazzo per quanta 'roba' ci sia stata da montare e la sua precisione .

Poi mimetica superiore , trasparente opaco , decals e ancora trasparente opaco .... poi ci siamo !

Edited by Davide1982
Link to comment
Share on other sites

la doppia mano di opaco non serve,mano di lucido per le decals,liquidi micro/superscale sempre in coppia set e sol,e mano di opaco definitiva,come ti ho scritto in MP gli eduard non sono molto adatti per farsi le"ossa",usa altre case per questo scopo.marco

Link to comment
Share on other sites

Me ne sono accorto che gli Eduard non sono facilissimi.

Certo che se uno impara bene con loro, gli altri sono una passeggiata !

Per quanto riguarda i trasparenti allora farò così:

Decals con ammorbidente Revell- Trasparente opaco Microscale Flat a pennello (2 mani)

Link to comment
Share on other sites

  • 1 month later...

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...